Come Aumentare le Capacità Intellettive

In cerca di un modo per stimolare il tuo intelletto, evitare l'invecchiamento cerebrale e magari vivere più a lungo? Potresti essere sorpreso di sapere che non solo queste strategie esistono, ma molte sono facilmente percorribili facendo delle semplici modifiche qua e là alla tua ruotine. Applicare le strategie che seguono potrebbe dare uno stimolo vigoroso alle tue capacità intellettuali, aiutarti a tenerti in buona salute mentale e infine a renderti perfino più intelligente.

Passaggi

  1. 1
    Esercitati. L'esercizio incoraggia il cervello a lavorare al meglio delle capacità facendo moltiplicare le cellule nervose, rinforzando le loro interconnessioni e proteggendole dai danni. *Durante l'esercizio le cellule nervose rilasciano proteine note come fattori neurotrofici. Uno in particolare, detto fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF), scatena diversi componenti chimici che promuovono la salute naturale e dà direttamente beneficio alle funzioni cognitive, incluso l'apprendimento.
  2. 2
    Consuma grassi animali omega 3.
    • L'acido docosaesaenoico, o DHA, un grasso omega 3, è un componente strutturale essenziale sia del cervello che della retina. Circa il 60% del cervello è composto di grassi, il 25% dei quali è DHA. Il DHA è anche un ingrediente essenziale del latte materno, per questo motivo si crede che i bambini allattati dalla madre hanno dei punteggi IQ più alti rispetto ai bambini allattati con latte artificiale.
    • I grassi omega 3 quali il DHA sono considerati essenziali perché il corpo non li può produrre e deve prenderli dalla dieta quotidiana. I cibi ricchi in DHA includono il pesce, il fegato e il cervello, tutti alimenti in genere non più consumati in grande quantità.
    • Il DHA si trova ad alti livelli nel neuroni -- le cellule del sistema nervoso centrale, dove fornisce supporto strutturale. Quando la tua assunzione di omega 3 è inadeguata, le cellule nervose diventano rigide e più inclini all'infiammazione, perché i grassi omega 3 vengono sostituiti con il colesterolo e gli omega 6. Una volta che le cellule nervose diventano rigide e infiammate, la neurotrasmissione corretta da cellula a cellula e all'interno delle cellule è compromessa.
    • L'influenza dei grassi omega 3 sulla salute fisica e mentale è stata soggetto di intensa ricerca negli ultimi 40 anni, c'è la prova che i grassi omega 3 possono aiutare a ridurre i sintomi di una serie di malattie psichiatriche e degenerative del cervello. Per esempio, bassi livelli di DHA sono stati collegati alla perdita di memoria e all'Alzheimer.
    • Inoltre la ricerca mostra che le condizioni degenerative non solo possono essere evitate ma anche potenzialmente cambiate. Per esempio, in uno studio, 485 volontari anziani che soffrivano di deficit mnemonici hanno riscontrato miglioramenti significativi dopo aver preso 900 mg di DHA al giorno per 24 settimane.
    • Un altro studio ha riscontrato miglioramenti significativi nella fluenza verbale dopo l'assunzione di 800 mg di DHA al giorno per 4 mesi rispetto al placebo IV. Inoltre la memoria e la velocità di apprendimento sono stati migliorati quando il DHA è stato combinato con 12 mg di luteina al giorno.
    • Le ricerche suggeriscono che la composizione acida insatura del tessuto cerebrale dipende dall'età, implicando forse che più si invecchia, più si incrementa il fabbisogno di grassi omega 3 per evitare il declino mentale e la degenerazione del cervello.
    • Per compensare la nostra dieta povera di grassi omega 3, si raccomanda un integratore di omega 3 a tutti, specialmente se si in gravidanza.
    • L'olio di krill è raccomandato maggiormente rispetto a tutti gli altri grassi omega 3, perché mentre gli effetti dell'olio di krill e di pesce sono “essenzialmente simili,” l'olio di krill è altrettanto efficace dell'olio di pesce nonostante il fatto che contenga meno EPA e DHA. Questo perché l'olio di krill è assorbito fino a 10-15 volte meglio dell'olio di pesce, grazie alla sua composizione molecolare, ed è meno incline all'ossidazione (rancidità), perché è naturalmente unito a un potente ossidante solubile, l'astaxantina.
  3. 3
    Dormi a sufficienza. Il sonno non solo è essenziale per rigenerare il corpo, ma è imperativo per ottenere nuovi discernimenti e per essere in grado di vedere nuove soluzioni creative ai vecchi problemi. Il sonno toglie i paraocchi e aiuta a “reimpostare” il cervello per guardare i problemi da una prospettiva diversa, cosa cruciale per la creatività.
    • Alcune ricerche fatte ad Harvard indicano che le persone hanno il 33% di probabilità in più di dedurre connessioni tra idee lontanamente correlate dopo il sonno, ma pochi realizzano che le proprie prestazioni sono effettivamente migliorate. Il sonno migliora anche la memoria e aiuta a “praticare” e migliorare le prestazioni. Infatti una singola notte di sonno dalle 4 alle 6 ore può influire sull'abilità di pensare chiaramente il giorno successivo.
    • Si crede che il processo di crescita, detto plasticità, sia alla base delle capacità cerebrali di controllare il comportamento, inclusi l'apprendimento e la memoria. La plasticità avviene quando i neuroni vengono stimolati dagli eventi o dall'informazione proveniente dall'ambiente. Tuttavia il sonno e la sua mancanza modificano l'espressione di diversi geni e i loro prodotti che possono essere importanti per la plasticità sinaptica. Inoltre alcune forme di potenziamento a lungo termine, un processo neurologico associato con la costituzione dell'apprendimento e della memoria, può essere provocato nel sonno, suggerendo connessioni sinaptiche che vengono rinforzate mentre si dorme.
    • Come potresti sospettare, questo è vero anche per i bambini, la ricerca mostra che i sonnellini possono stimolare le capacità intellettuali del bambino. Nello specifico, i bambini che hanno dormito durante l'apprendimento e le sessioni di esercizi sono stati più abili nel riconoscere schemi nell'informazione nuova, il che segnala un cambiamento importante nella memoria, che gioca un ruolo essenziale nello sviluppo cognitivo. Anche tra gli adulti si è scoperto che un sonnellino a metà giornata stimola e ripristina straordinariamente le capacità intellettuali. Puoi trovare 33 suggerimenti che ti aiutano a ritrovare il sonno necessario.
  4. 4
    Usa l'olio di cocco.
    • Uno dei carburanti più importanti per il cervello è il glucosio, che viene convertito in energia. In realtà il cervello crea l'insulina per convertire il glucosio nel flusso sanguigno in cibo necessario per sopravvivere.
    • Se la produzione di insulina da parte del cervello diminuisce, il cervello inizia letteralmente a morire di fame, perché viene deprivato dell'energia convertita dal glucosio necessaria per le sue normali funzioni. Questo è quello che accade nei pazienti di Alzheimer -- porzioni di cervello iniziano ad atrofizzarsi o a morire di fame, inducendo un malfunzionamento e un'eventuale perdita di memoria, di parola, di movimento e di personalità.
    • In effetti, il cervello può iniziare ad atrofizzarsi a causa della fame se diventa resistente all'insulina e perde la sua abilità di convertire il glucosio in energia. Per fortuna, il cervello è in grado di funzionare in base a diversi tipi di energia ed è qui che l'olio di cocco entra in gioco.
    • C'è un'altra sostanza che nutre il cervello ed evita l'atrofia. Può anche ristabilire e rinnovare i neuroni e la funzione dei nervi nel cervello dopo dei danni.
    • Le sostanze in questione sono i corpi chetonici o chetoacidi. I chetoni sono il prodotto del corpo derivato dalla conversione del grasso (opposta al glucosio) in energia, una risorsa principale di corpi chetonici sono i trigliceridi a catena media (MCT) che si trovano nell'olio di cocco! L'olio di cocco contiene circa il 66% di MCT.
      • Le ricerche dicono che i livelli terapeutici di MCT dovrebbero essere di 20 gr al giorno. Secondo la ricerca di Mary Newport, oltre due cucchiai (circa 35 ml) di olio di cocco fornisce l'equivalente di 20 gr di MCT, indicata come misura preventiva contro le malattie neurodegenerative o come trattamento per chi ne è già affetto.
    • Ognuno tollera l'olio di cocco in modo diverso, dovresti cominciare lentamente e aumentare poi i dosaggi gradualmente. Il mio consiglio è di cominciare con un cucchiaino, preso a stomaco pieno la mattina. Gradualmente si aggiunge più olio dopo alcuni giorni finché non si riesce a prenderne un cucchiaio. L'olio di cocco va preso al meglio a stomaco pieno, per evitare di disturbare lo stomaco.
  5. 5
    Prendi la vitamina D.
    1. I ricettori di vitamina D aumentano la crescita nervosa del cervello, i ricercatori hanno anche localizzato dei sentieri metabolici per la vitamina D nell'ippocampo e nel cervelletto, zone coinvolte nella pianificazione, nel processare l'informazione e nella formazione di nuovi ricordi.
    • L'Istituto Nazionale di Sanità Mentale Americano ha dichiarato che è fondamentale che la donna assuma sufficiente vitamina D quando è incinta, per far sviluppare bene il cervello del bambino. Il bambino deve assumere abbastanza vitamina D dopo la nascita per un “normale” funzionamento del cervello. La ricerca ha mostrato che anche negli adulti dei livelli bassi di vitamina D sono associati a una scarsa funzionalità del cervello, aumentarne i livelli può quindi aiutare a mantenere mentalmente in forma gli adulti.
    • Una giusta esposizione al sole potrebbe fornire queste quantità, perché il sole è insostituibile quando si tratta dell'abilità del corpo di produrre quantità adeguate di vitamina D.
    1. Una giusta esposizione al sole è tutto quello che ci vuole per mantenere i livelli corretti per le funzionalità del cervello. Se questa opzione non è percorribile, la migliore alternativa è una lampada solare, seguita da un integratore di vitamina D3. Sembra che la maggior parte degli adulti abbia bisogno di circa 8.000 UI di vitamina D al giorno per portare o propri livelli sopra i 40 ng/ml, che è il minimo. Idealmente, i livelli dovrebbero essere tra i 50-70 ng/ml, fino ai 100 ng/ml, per trattare il cancro e le malattie del cuore. Tuttavia, è importante realizzare che non esistono dosaggi miracolosi quando si tratta di vitamina D. È importante il proprio livello, quindi bisogna verificarlo per assicurarsi di essere nei parametri ottimali indicati.
  6. 6
    Migliora la flora intestinale.
    • L'intestino è il tuo “secondo cervello,” i batteri intestinali trasmettono informazioni al cervello attraverso il nervo vago, il decimo nervo cranico che corre dal tronco encefalico al sistema nervoso enterico (il sistema nervoso del tratto gastrointestinale).
      • C'è una stretta connessione tra anormale flora intestinale e anormale sviluppo del cervello, proprio come hai dei neuroni nel cervello, hai dei neuroni nell'intestino -- inclusi neuroni che producono neurotrasmettitori come la serotonina, che si trova anch'essa nel cervello ed è legata all'umore.
    • Semplicemente, la salute dell'intestino può influenzare le funzioni cerebrali, la psiche e il comportamento, perché sono tutte interconnesse e interdipendenti in diversi modi.
    • I batteri intestinali sono una parte attiva e integrata del corpo, come tali sono strettamente dipendenti dalla dieta e dallo stile di vita.
      • Se consumi molti cibi industriali e bevande dolcificate, per esempio, i batteri intestinali saranno fortemente compromessi, perché i cibi industriali in genere distruggono la microflora sana e gli zuccheri nutrono i batteri cattivi e il lievito.
      • Limitare gli zuccheri e i cibi industriali, mangiando cibi tradizionalmente fermentati (ricchi di buoni batteri), prendere integratori probiotici e allattare il tuo bambino sono alcuni dei modi migliori per migliorare la flora intestinale e di conseguenza per sostenere la salute del cervello.
  7. 7
    Prendi la vitamina B12.
    • La mancanza di questa viene detta “il canarino nella miniera di carbone” per la tua futura salute del cervello, le recenti ricerche mostrano l'importanza di questa vitamina nel tenere la mente attiva con l'età.
      • Secondo le ultime ricerche, le persone con alti livelli di indicatori di mancanza di vitamina B12 avevano più probabilità di ottenere punteggi più bassi nei test cognitivi e di avere un volume cerebrale totale inferiore, il che suggerisce che la mancanza di questa vitamina può contribuire alla riduzione del cervello.
    • L'oscurità mentale e i problemi di memoria sono i primi due segnali importanti che indicano mancanza di vitamina B12, questo è indicativo della sua importanza per la salute mentale.
    • Inoltre, uno studio finlandese ha mostrato che le persone che consumano cibi ricchi di B12 possono ridurre il rischio di Alzheimer nella vecchiaia.
      • Per ogni aumento di unità nell'indicatore di vitamina B12, il rischio di sviluppare l'Alzheimer era ridotto del 2%. Le ricerche mostrano anche che integrare le vitamine B, inclusa la B12, aiuta a rallentare l'atrofia del cervello nelle persone anziane con insufficienza cognitiva moderata (l'atrofia del cervello è una caratteristica ben definita dell'Alzheimer)
    • La mancanza di vitamina B12 è molto diffusa e molti hanno problemi ad assorbire questo nutriente nel modo giusto dal cibo. Gli esami del sangue che indicano la vitamina B12 non sono degli indicatori sempre affidabili, quindi cercare i sintomi di questa deficienza e aumentarne l'assunzione è una pratica alternativa agli esami del sangue.
    • La B12 è disponibile in forma naturale solo in cibi di origine animale. Questi includono pesce, manzo, pollo, maiale, latte e uova. Se non consumi a sufficienza questi prodotti animali (consuma il pesce quando sai che proviene da acque pulite) per avere una buona fonte di B12 o se la capacità del corpo di assorbire la vitamina dal cibo è compromessa, gli integratori di vitamina B12 sono atossici e poco costosi, specialmente se confrontati con gli esami del sangue.
      • Prendi in considerazione uno spray da spruzzare sotto la lingua, questa tecnologia ti aiuta ad assorbire la vitamina nei piccoli capillari sotto la lingua.
  8. 8
    Ascolta la musica.
    • È stato a lungo teorizzato che ascoltare la musica può favorire le capacità mentali; hai probabilmente sentito dell'”effetto Mozart”, secondo il quale ascoltare la musica classica rende più intelligenti. Indubbiamente la ricerca ha mostrato che ascoltare la musica mentre si fanno esercizi ha favorito i livelli cognitivi e le abilità verbali nelle persone diagnosticate di malattie alle coronarie (queste malattie sono state collegate a un declino delle abilità cognitive). In questo studio, i segni di miglioramento nella fluenza verbale sono raddoppiati dopo aver ascoltato la musica rispetto a quelli che non l'hanno ascoltata.
    • Ascoltare la musica è anche associato a un migliore funzionamento cognitivo e focalizzazione mentale tra gli adulti sani, quindi sfrutta questo semplice piacere quando puoi.
  9. 9
    Sfida la tua mente.
    • Uno dei metodi più semplici per favorire la funzione cerebrale è continuare a imparare. La grandezza e la struttura dei neuroni e le connessioni tra loro cambiano mentre si apprende.
  10. 10
    Fai aerobica al cervello.
    • Come con l'apprendimento, sfidare il cervello con esercizi di allenamento può tenere in forma il cervello mentre avanzi con l'età. Può essere qualcosa di semplice come pensare a tutte le persone famose il cui nome inizia con la lettera A, fare i cruciverba o giocare a giochi da tavola che ti permettono di pensare.
    • La ricerca ha anche mostrato che navigare sul web attiva regioni del cervello collegate all'area decisionale e al ragionamento complesso. Diversamente dal guardare passivamente la TV, usare internet è un compito impegnativo che può aiutare a migliorare le capacità mentali.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Sviluppo Personale

In altre lingue:

English: Increase Your Brain Power, Português: Aumentar o Poder do Seu Cérebro, Русский: повысить уровень вашего интеллекта, Español: aumentar tu capacidad mental, Français: augmenter vos capacités cérébrales, Bahasa Indonesia: Meningkatkan Kekuatan Otak, Deutsch: Die Gesundheit und Leistung des Gehirns verbessern, 中文: 增强脑力, Nederlands: Je brein beter laten werken, العربية: زيادة قدراتك العقلية والذهنية

Questa pagina è stata letta 13 429 volte.

Hai trovato utile questo articolo?