Come Eliminare un Orzaiolo

2 Metodi:Trattare l'OrzaioloPrevenire le Recidive dell'Orzaiolo

Un orzaiolo è un rigonfiamento doloroso e rosso, simile a un brufolo, che si forma sul bordo della palpebra. A volte il follicolo delle ciglia o la ghiandola sebacea della palpebra si infetta. Sebbene questa infiammazione sia fastidiosa, spesso dolorosa e gonfia, in genere sparisce da sola in una settimana circa.[1] Nonostante queste sue caratteristiche, solitamente l'orzaiolo non è pericoloso. Puoi prendere delle misure per alleviare il dolore e ridurre il gonfiore, oltre a evitare che se ne formino altri in futuro. Continua a leggere per saperne di più.

1
Trattare l'Orzaiolo

  1. 1
    Pulisci l'orzaiolo. Di solito l'infiammazione si forma casualmente, ma a volte è stimolata da corpi estranei che entrano in contatto con gli occhi (come la polvere o il make-up). L'orzaiolo in sé è una piccola infezione batterica.[2] Se una di queste piccole masse si forma sul tuo occhio, la prima cosa che devi fare è pulire l'area.[3]
    • Lava accuratamente le mani quindi, con un batuffolo di cotone o semplicemente con le mani pulite, detergi delicatamente l'orzaiolo con acqua calda. Puoi anche usare uno scrub speciale per palpebre o diluire uno shampoo per bambini che non faccia lacrimare.[4]
    • Assicurati che sia le mani sia il batuffolo di cotone siano puliti, altrimenti potresti trasferire ancora più polvere o germi sulla zona delicata.
    • Molto spesso gli orzaioli sono causati da un'infezione batterica da stafilococchi (che entrano nel follicolo pilifero o nella ghiandola nell'angolo dell'occhio), spesso innescata dal semplice contatto con le mani sporche. Tuttavia, possono esserci altri batteri responsabili della formazione dell'orzaiolo.[5]
  2. 2
    Applica un impacco caldo. Si tratta del rimedio più indicato per trattare il gonfiore doloroso causato dall'orzaiolo. Per preparare l'impacco, usa un asciugamano o un altro tessuto pulito bagnato in acqua calda. Appoggialo sull'occhio e lascialo in posizione per 5-10 minuti.[6]
    • Quando si raffredda, immergilo nuovamente nell'acqua calda e ripeti la procedura per altri 5-10 minuti.
    • Ripeti il trattamento 3-4 volte al giorno. Sii costante e persisti finché l'orzaiolo non sparirà.[7]
    • In alternativa puoi anche usare delle bustine di tè calde (non bollenti), che sono altrettanto efficaci dell'impacco. Alcune persone consigliano di usare le bustine di camomilla, che hanno proprietà lenitive.
    • Il calore dell'impacco può indurre l'orzaiolo a restringersi o espellere il pus. Se ciò si verifica, risciacqua delicatamente la zona. Non premere o schiacciare il rigonfiamento: limitati ad applicare una pressione leggera ma decisa.
    • Una volta che il pus è stato drenato, i sintomi dovrebbero ridursi piuttosto rapidamente.
  3. 3
    Non schiacciare o spremere l'orzaiolo da solo. Potresti essere tentato di forzare la fuoriuscita di pus o altri fluidi, ma devi resistere. Se cerchi di schiacciarlo come se fosse un brufolo non faresti altro che aggravare notevolmente la situazione, diffondendo o facendo penetrare più in profondità l'infezione e causando anche delle cicatrici.[8]
  4. 4
    Spalma una crema antibatterica. Acquista una pomata per trattare l'orzaiolo che trovi in libera vendita nelle farmacie. Se non sai con certezza quale prodotto scegliere, valuta con il farmacista le varie possibilità. Applicane una piccola quantità sull'orzaiolo, facendo attenzione a non farla entrare nell'occhio.
    • Queste pomate aiutano a guarire più velocemente.
    • L'anestetico locale contenuto in molte di queste creme fornisce un sollievo temporaneo dal disagio creato dall'infiammazione. Tuttavia, se entra nell'occhio può provocare notevoli danni, pertanto usa estrema cautela quando applichi il farmaco.
    • Se dovesse entrare un po' di pomata nell'occhio, risciacqualo delicatamente con acqua calda e poi contatta il medico.
    • Non usare una quantità maggiore di quella indicata sulla confezione.
  5. 5
    Prova un rimedio casalingo naturale. Alcune sostanze naturali possono aiutare a guarire l'orzaiolo, riducendo dolore e gonfiore. Assicurati di non usare questi prodotti all'interno dell'occhio, e se provi una sensazione pungente o di disagio interrompine immediatamente l'uso. Sebbene non vi siano prove cliniche circa la loro efficacia, puoi comunque provare questi rimedi per tentare di sbarazzarti del fastidioso rigonfiamento.
    • Fai un risciacquo con una soluzione di semi di coriandolo. Tienili in ammollo nell'acqua per un'ora, filtrali e usa il liquido per lavare l'occhio interessato. Si ritiene che questi semi siano in grado di ridurre il gonfiore dell'orzaiolo.
    • Usa l'aloe vera. La linfa di questa pianta può ridurre il gonfiore e l'arrossamento. Taglia una foglia per il senso della lunghezza, estrai il gel presente al suo interno e applicalo sulla zona sofferente. Se non hai a disposizione la pianta, puoi usare un tampone imbevuto di gel (che trovi facilmente in commercio nei principali supermercati o farmacie). Alcune persone usano una miscela di gel di aloe e camomilla.
    • Applica un impacco di foglie di guava. Si tratta di un rimedio casalingo diffuso per ridurre il dolore e il gonfiore causati dall'orzaiolo. Metti in ammollo le foglie nell'acqua calda e applica la soluzione sull'occhio per 10 minuti.
    • Usa le patate. Tritale fino a formare un impasto e spalmalo su un panno pulito e morbido, quindi applicalo sull'infiammazione per ridurre il gonfiore.
  6. 6
    Prendi degli antidolorifici da banco. Se l'orzaiolo è molto doloroso, i FANS (antinfiammatori non steroidei) possono offrire sollievo durante i primi giorni dell'infiammazione. Scegli un farmaco contenente acido salicilico o ibuprofene per ridurre rapidamente il fastidio.[9]
    • Assumi solo la dose raccomandata indicata nel bugiardino.
    • Non somministrare l'aspirina ai bambini e ragazzi che hanno meno di 16 anni.[10]
  7. 7
    Vai dal medico. Cerca delle cure mediche, se l'orzaiolo non scompare dopo una settimana. Se è molto doloroso, arrossato, il gonfiore si estende o se la vista inizia a essere compromessa, rivolgiti immediatamente all'oculista per delle cure.[11] Se l'orzaiolo peggiora, potrebbe essere la conseguenza di qualche altra patologia e potresti essere sottoposto ai seguenti trattamenti:
    • Il medico potrebbe prescriverti degli antibiotici, soprattutto se hai una congiuntivite batterica. Solitamente questo disturbo si risolve rapidamente dopo una cura antibiotica.[12]
    • L'oculista può inserire un ago o un bisturi dalla punta molto fine per incidere l'orzaiolo; di conseguenza il rigonfiamento si rompe e dal piccolo foro esce il pus, facilitando così la guarigione.[13]
    • Se soffri di qualche disturbo dermatologico, come la rosacea o la seborrea, potresti contrarre più facilmente la blefarite, l'infiammazione della rima palpebrale. In questo caso, il medico ti consiglierà di iniziare un regime di igiene specifico per la zona colpita dell'occhio.[14][15]
    • Se non conosci un oculista, chiedi al medico di base di indicartene uno, fai una ricerca sulle pagine gialle oppure online sotto la voce "oftamologo", indicando la tua città.
    • Sentiti libero di contattare un medico in qualunque momento dell'infezione. Non devi aspettare una settimana prima di rivolgerti a un professionista.

2
Prevenire le Recidive dell'Orzaiolo

  1. 1
    Lava le palpebre. Se soffri spesso di orzaioli, significa che i tuoi occhi sono particolarmente suscettibili alle infezioni batteriche. Usa un panno pulito e uno shampoo delicato, come quello per bambini, oppure uno scrub specifico per palpebre e puliscile delicatamente. Al termine risciacqua accuratamente con acqua calda.[16]
    • Se sei particolarmente soggetto a soffrire di questo disturbo, dovresti lavare le palpebre ogni giorno.[17]
  2. 2
    Lava le mani prima di toccarti il viso. Uno dei modi principali di contrarre l'orzaiolo è proprio quello di trasferire i batteri dalle mani agli occhi;[18] evita di strofinarli o toccarli.
    • Lava regolarmente gli asciugamani e non condividerli mai con qualcuno che ha un orzaiolo.
  3. 3
    Pratica una buona igiene delle lenti a contatto. Se indossi le LAC, devi toccare spesso gli occhi, quindi devi assicurarti che le mani siano pulite ogni volta che inserisci e togli le lenti. Anche le LAC stesse possono diffondere batteri, quindi devi fare in modo di lavarle ogni giorno con una soluzione detergente.[19]
    • Non mettere le lenti a contatto quando hai un orzaiolo. Se dovessi indossarle nonostante l'infiammazione, aumenteresti il rischio di trasmettere l'infezione alla cornea sottostante.
    • Non indossarle per periodi più lunghi di quelli per cui sono state progettate. Se porti le lenti giornaliere (per esempio quelle monouso), devi utilizzarle solo per un giorno e poi gettarle. Se porti quelle mensili (che puoi usare ogni giorno ma vanno sostituite ogni mese), assicurati di cambiarle e indossarne di nuove dopo 4 settimane.[20]
    • Non tenere le LAC durante la notte. Anche se sono costruite con un materiale specifico per il porto continuato, in realtà causano dei problemi, se sei particolarmente suscettibile agli orzaioli.[21]
    • Segui sempre le indicazioni che ti fornisce l'oculista circa l'uso appropriato delle lenti a contatto. Non devi metterle in determinate situazioni nelle quali non viene consigliato il loro uso, come quando nuoti (a meno che tu non stia indossando gli occhialini molto aderenti per il nuoto).
  4. 4
    Metti il make-up in maniera corretta. L'eyeliner e l'ombretto applicati sotto la rima palpebrale possono causare l'orzaiolo, soprattutto se tendi a mettere spesso il trucco e riapplicarlo durante la giornata. Cerca di limitarti alla zona sopra le ciglia e usane una quantità ridotta.
    • Quando dormi, togli il make-up dagli occhi. Usa un detergente struccante per occhi e risciacqua il viso con acqua calda per eliminare ogni residuo prima di andare a dormire.
    • Cambia spesso i trucchi e gli applicatori. Spazzolini, bastoncini e matite che utilizzi per applicare il make-up si sporcano con il tempo e possono diffondere i batteri ogni volta che li usi.[22]
    • Come avviene per le lenti a contatto, anche le matite, le spazzole e gli altri applicatori simili per il trucco entrano spesso in contatto con gli occhi. Se contengono dei batteri nocivi, è molto probabile che possano diffonderli e causare l'orzaiolo.[23]
    • Non condividere il make-up per occhi con altre persone.

Consigli

  • Se di solito indossi le lenti a contatto correttive, dovresti portare gli occhiali quando hai l'infiammazione.[24]
  • Per ottenere un sollievo temporaneo, appoggia delle fette di cetriolo fresco sugli occhi e lasciale in posizione per 10-15 minuti.
  • Se non vuoi acquistare delle nuove spazzole e applicatori per il trucco, usa un sapone antibatterico e olio d'oliva per pulire quelli che hai.

Avvertenze

  • Consulta il medico prima di tentare di curare da solo l'orzaiolo.
  • Non cercare di schiacciarlo o inciderlo senza l'intervento di un medico; potresti aggravare l'infezione diffondendo i batteri e provocando anche delle cicatrici.[25]
  • Non applicare il make-up agli occhi quando hai questa infiammazione, aggraveresti il problema.[26]

Fonti e Citazioni

  1. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4261920/
  2. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4261920/
  3. http://firstaid.webmd.com/sty-treatment
Mostra altro ... (23)

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Cura degli Occhi

In altre lingue:

English: Get Rid Of a Stye, Português: Se Livrar de um Terçol, Español: deshacerte de un orzuelo, Nederlands: Van een gerstekorrel afkomen, Русский: избавиться от ячменя, 中文: 消除麦粒肿, Deutsch: Ein Gerstenkorn loswerden, Français: soigner un orgelet, Čeština: Jak se zbavit ječného zrna, Bahasa Indonesia: Mengatasi Bintit di Mata, العربية: التخلص من شعيرة العين, हिन्दी: गुहेरी से छुटकारा पायें, 한국어: 다래끼 없애는 법, Tiếng Việt: Trị Mụn lẹo ở Mí mắt

Questa pagina è stata letta 65 571 volte.

Hai trovato utile questo articolo?