Come Riconoscere i Sintomi della Giardiasi

2 Parti:Riconoscere i SintomiConoscere la Giardiasi

La giardiasi è una delle malattie intestinali più comuni che colpisce gli esseri viventi; è causata da un parassita microscopico (Giardia lamblia) che vive nell'intestino di persone e animali. Questo protozoo si trova nel cibo, sulle superfici, sul terreno o anche nell'acqua che è stata contaminata dalle feci di animali o persone infette e depone delle uova che possono sopravvivere nell'ambiente per molto tempo. Le persone si ammalano dopo aver ingerito il parassita e contraggono generalmente l'infezione bevendo acqua contaminata, frequentando gli asili ed entrando in contatto con i familiari ammalati. Nei Paesi sviluppati la giardiasi colpisce circa il 2% degli adulti e il 6-8% dei bambini. Diversamente, in quelli in via di sviluppo, dove le condizioni igieniche sono precarie, si ammala circa il 33% delle persone.[1] Fortunatamente, l'infezione guarisce di solito in poche settimane, sebbene gli effetti avversi possano durare più a lungo anche dopo aver ucciso il parassita.

Parte 1
Riconoscere i Sintomi

  1. 1
    Valuta se ti sei esposto al parassita Giardia. Un metodo per capire se hai la giardiasi è quello di esaminare il comportamento passato in combinazione con i sintomi attuali e sottoporti a un esame medico. Il rischio di sviluppare l'infezione aumenta se tu o qualche familiare vi siete esposti a uno dei seguenti mezzi di contagio:
    • Avete viaggiato in Paesi stranieri o avete avuto contatto con viaggiatori internazionali, soprattutto contatti fisici.
    • Avete bevuto acqua o usato ghiaccio contaminati provenienti da fonti dubbie, come fiumi, torrenti, pozzi superficiali, acqua piovana, che potrebbero essere state inquinate da animali o persone infette; oppure potreste aver bevuto acqua non trattata (non bollita) o non filtrata.
    • Avete mangiato cibo contaminato, forse perché qualcuno lo ha maneggiato senza essersi lavato le mani dopo aver cambiato qualche pannolino o aver defecato;
    • Siete entrati in contatto con persone infette, come i badanti o i familiari di persone malate;
    • Vi siete esposti alle feci contaminate attraverso un rapporto sessuale;
    • Non avete lavato le mani dopo aver toccato animali o persone infetti;
    • Siete entrati in contatto con bambini che usano il pannolino e/o che frequentano gli asili;
    • Avete fatto un'escursione e bevuto acqua da fonti non trattate.
  2. 2
    Cerca i sintomi fisici. Potrebbero essere anche non specifici; in altre parole, possono essere simili a quelli di altri disturbi o infezioni intestinali e si manifestano solitamente dopo una o due settimane dal contagio. Questo è chiamato periodo di incubazione, ossia il tempo che il parassita impiega per provocare i sintomi. Quelli tipici sono i disturbi gastrointestinali, tra cui:[2][3]
    • Diarrea acuta o cronica con feci maleodoranti. Durante l'infezione da Giardia, le feci hanno un aspetto untuoso ed è molto raro trovare tracce di sangue. Potresti notare che la diarrea si alterna tra scariche di feci acquose a untuose, maleodoranti, che galleggiano nell'acqua del water;
    • Crampi o dolori addominali;
    • Gonfiore addominale;
    • Flatulenza o maggiore produzione di gas rispetto al solito (l'addome può essere gonfio a causa del gas presente nell'intestino). Gonfiore, dolore e flatulenza spesso si manifestano insieme;
    • Nausea e vomito;
    • Inappetenza;
    • Eruttazione di gas dallo stomaco dall'odore molto cattivo.
  3. 3
    Presta attenzione ai sintomi secondari associati a quelli principali. La diarrea e altri disturbi gastrointestinali possono provocare a loro volta altri sintomi dell'infezione:[4]
    • Perdita di peso;
    • Disidratazione;
    • Spossatezza;
    • Febbre lieve o comunque inferiore a 38 °C;
    • Le persone con più di 60 anni presentano spesso sintomi come anemia, perdita di peso e calo dell'appetito;
    • Sia i soggetti molto anziani sia quelli molto giovani sono particolarmente a rischio di complicazioni derivanti da questi sintomi secondari.
  4. 4
    Sii consapevole che i sintomi possono cambiare o anche non manifestarsi affatto. Potresti presentare i disturbi e poi sentirti meglio oppure potresti alternare fasi sintomatiche ad altre in cui stai meglio per diverse settimane e mesi.[5][6]
    • Alcune persone colpite dall'infezione non sviluppano mai i sintomi, ma sono comunque portatrici del parassita e potrebbero trasmetterlo ad altri attraverso le feci.
    • Le persone asintomatiche, che non manifestano sintomi, spesso guariscono spontaneamente.
  5. 5
    Vai dal medico. Per evitare di diffondere la giardiasi, devi ottenere una diagnosi medica il prima possibile. Sebbene l'infezione possa essere autolimitante e solitamente guarisca senza conseguenze, puoi ridurre la gravità dei sintomi attraverso una diagnosi precoce e le cure appropriate.
    • In genere, la diagnosi viene fatta attraverso l'analisi di un campione fecale, devi quindi prepararti a fornirlo; una volta ottenuta una diagnosi certa dell'infezione, devi valutare con il medico le diverse opzioni di trattamento.
  6. 6
    Sottoponiti alle cure. Esistono diversi farmaci su prescrizione indicati per debellare l'infezione, tra cui il metronidazolo e il tinidazolo. L'efficacia dei diversi regimi farmacologici varia in base a fattori differenti, come la storia clinica, lo stato nutrizionale e la salute del sistema immunitario del paziente.[7][8]
    • I neonati e le donne incinte hanno maggiori probabilità di soffrire di disidratazione dovuta alla diarrea. Per prevenire tale disturbo, i soggetti maggiormente a rischio dovrebbero bere molti liquidi durante il decorso della malattia; i bambini devono assumere degli integratori con elettroliti appropriati per la loro età, come Pedialyte.
    • Se lavori a contatto con i bambini o maneggi gli alimenti, devi restare a casa finché i sintomi non sono scomparsi per due giorni; la stessa cosa vale per i bambini che vanno all'asilo. Diversamente, puoi tornare al lavoro non appena ti senti bene.

Parte 2
Conoscere la Giardiasi

  1. 1
    Comprendi come si sviluppa. La Giardia è un parassita minuscolo che si trova nel cibo, nel terreno o nell'acqua contaminati da feci provenienti da persone o animali infetti. Il protozoo è protetto da un guscio esterno che gli permette di sopravvivere lontano dall'organismo ospite per un lungo periodo e che lo rende tollerante ai disinfettanti a base di cloro. Le persone si infettano quando ingeriscono questi gusci e alcune possono ammalarsi ingerendone in quantità minime, fino a 10. L'organismo ospite infetto può espellere da uno a 10 miliardi di gusci attraverso le feci per diversi mesi, soprattutto se l'infezione non viene curata.[9][10]
  2. 2
    Impara come si trasmette la giardiasi. Il parassita si diffonde attraverso il contatto con oggetti, cibo o acqua infetti. Può anche essere trasmesso dagli animali agli esseri umani e tra le persone attraverso il contatto oro-anale durante i rapporti sessuali.[11]
    • Molto spesso l'infezione si diffonde attraverso l'acqua; in altre parole, il parassita viaggia e viene trasportato dall'acqua. Potrebbe trattarsi di fonti differenti, come la piscina, la vasca idromassaggio dei centri benessere, i pozzi, i torrenti, i laghi e persino l'acqua dell'acquedotto; anche l'acqua infetta usata per lavare i cibi, preparare i ghiaccioli o cucinare può destare dei timori.
    • Le persone che corrono maggiori rischi di ammalarsi di giardiasi sono gli individui che viaggiano nei Paesi dove l'infezione è piuttosto diffusa (soprattutto in quelli in via di sviluppo), chi lavora negli asili, coloro che sono a stretto contatto con pazienti infetti, i viaggiatori "zaino in spalla" o i campeggiatori che bevono l'acqua dei laghi o dei fiumi e le persone che sono in contatto con animali malati.
  3. 3
    Conosci gli effetti dell'infezione nel lungo periodo. Nei Paesi industrializzati la malattia non è quasi mai mortale; tuttavia, può causare dei sintomi persistenti e gravi complicazioni, tra cui disidratazione, insufficiente sviluppo fisico, intolleranza al lattosio, oltre ad altri.[12]
    • La disidratazione può essere la conseguenza di una diarrea grave. Quando il corpo non ha liquidi a sufficienza per svolgere le normali funzioni, potresti presentare alcuni problemi gravi. La mancanza di idratazione può portare anche all'edema cerebrale, ossia gonfiore del cervello, perdita di coscienza e insufficienza renale; se non viene trattata tempestivamente, una grave disidratazione può essere fatale.[13]
    • L'insufficiente sviluppo fisico può verificarsi nei bambini, negli anziani o nei soggetti immunodepressi. La malnutrizione, intesa come conseguenza di un cattivo assorbimento di nutrienti e minerali dovuto all'infezione, può danneggiare lo sviluppo fisico e mentale dei bambini;[14] negli adulti, può manifestarsi come un processo di declino, per esempio un calo delle funzioni fisiche o cognitive.
    • Una volta guarite dalla giardiasi, alcune persone soffrono di intolleranza al lattosio, l'incapacità di digerire correttamente lo zucchero presente nel latte. Il processo digestivo di tale zucchero si avvale di solito degli enzimi presenti normalmente nel tratto intestinale; dopo aver debellato l'infezione, gli enzimi non sono più presenti e può manifestarsi di conseguenza l'intolleranza al lattosio.[15]
    • Tra gli altri sintomi potresti notare malassorbimento, inclusa una carenza di vitamine, grave perdita di peso e indebolimento fisico.
  4. 4
    Prendi delle misure preventive. Se vuoi evitare di ammalarti o di diffondere l'infezione, dovresti attenerti alle seguenti norme di prudenza.[16]
    • Per prevenire l'infezione:
      • Non bere l'acqua non trattata e non usare il ghiaccio realizzato con la stessa, soprattutto se ti trovi in Paesi in cui le fonti potrebbero essere inquinate;
      • Assicurati che tutta la frutta e verdura siano accuratamente lavate con acqua non contaminata e che vengano pelate o sbucciate prima di mangiarle;
      • Evita di mangiare cibi crudi quando ti rechi in luoghi in cui l'acqua potrebbe non essere sicura;
      • Se l'acqua che utilizzi proviene da un pozzo, falla analizzare; sottoponila spesso ai test, se si trova in un'area in cui pascolano gli animali.
    • Per non diffondere l'infezione:
      • Non esporti al materiale fecale;
      • Usa il preservativo o il dental dam durante i rapporti orali o anali;
      • Lava accuratamente le mani con acqua e sapone dopo essere stato in bagno, cambiato un pannolino o essere entrato in contatto con materiale fecale;
      • Non entrare in fonti d'acqua per divertimento, come le vasche idromassaggio, le piscine, i laghi, i fiumi, i torrenti o l'oceano se hai la diarrea; dovresti evitare di entrare nell'acqua finché non sono passate almeno due settimane senza più presentare sintomi.

Consigli

  • Quando si viaggia nei Paesi in via di sviluppo è importante prendere delle precauzioni per quanto riguarda le fonti d'acqua. Fai attenzione a quella della piscina, dell'acquedotto comunale, dei centri benessere, oltre ai cibi crudi lavati con l'acqua, come l'insalata.
  • La maggior parte delle infezioni è autolimitante, ossia guarisce da sola entro pochi giorni o poche settimane. Se persiste, la giardiasi può provocare una diarrea cronica costante, intermittente o sporadica; tra una crisi diarroica e l'altra, le feci potrebbero avere l'aspetto normale e in altre occasioni la persona potrebbe addirittura lamentare stitichezza.

Avvertenze

  • Chiunque può ammalarsi di giardiasi, anche se raramente è mortale. I bambini piccoli, le persone immunodepresse, gli anziani e le donne incinte sono più soggetti a soffrire di disidratazione a causa della diarrea; è importante quindi prendere maggiori precauzioni, per assicurarsi una quantità adeguata di liquidi. I genitori devono sempre rivolgersi al pediatra per trovare la giusta terapia per reintegrare i fluidi nei neonati.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Apparato Digerente

In altre lingue:

English: Recognize the Symptoms of Giardiasis, Español: reconocer los sintomas de la giardiasis, Português: Reconhecer os Sintomas da Giardíase, Русский: распознавать симптомы Лямблиоза, Deutsch: Symptome einer Giardiasis erkennen, Français: reconnaître les symptômes de la giardiase, Bahasa Indonesia: Mengenali Gejala Giardiasis, العربية: التعرف على أعراض الجيارديا

Questa pagina è stata letta 48 871 volte.

Hai trovato utile questo articolo?