Come Smettere di Essere Troppo Accomodante con gli Altri

2 Metodi:Soluzioni a breve termineSoluzioni a lungo termine

Se sei troppo accomodante nei confronti degli altri, molte persone potrebbero approfittarsene e, probabilmente, non otterrai mai quello che vorrai. È arrivato il momento di pensare a te stesso e di smettere di essere un “martire della gentilezza”.

1
Soluzioni a breve termine

  1. 1
    Impara a dire di no, senza inventare scuse. Spiega perché non vuoi una determinata cosa.
    • Facciamo un esempio. Tuo marito vuole invitare tutta la sua famiglia per la Vigilia di Natale e tu non riesci a dirgli di no. Reagisci in questo modo: “Mi dispiace tesoro, ma per me è molta pressione ricevere tutta questa gente”.
    • Il tuo migliore amico vuole essere accompagnato ad un party che sarà pieno di persone che non sopporti. Dì: “No, grazie, Andrea. Queste feste non fanno per me”. Dirai la verità senza affermare cose come “Come hai potuto invitarmi, Andrea? I tuoi amici sono degli stupidi che mi danno il voltastomaco”. Generalmente, un semplice “no, grazie” è più che sufficiente.
    • Inizia a dire di no a cose meno importanti ed abituati ad importi con fermezza, senza dimenticare di essere educato. Ti sorprenderà vedere che il mondo non collasserà per un tuo rifiuto! Le persone raramente si offendono per questo tipo di cose e, quelle che invece se la prendono, non meritano di certo la tua attenzione.
  2. 2
    Esprimi la tua opinione. Se vai al cinema con i tuoi amici e quasi tutti vogliono vedere un film che non ti interessa, fai sentire la tua voce! Magari non comprerete i biglietti per la pellicola che ti piace ma, chi lo sa, forse nel gruppo ci sono altre persone che, come te, sono state accomodanti nei confronti degli altri!
    • Non c’è niente di male nel dar voce alle tue opinioni e farlo non significa che tu stia cercando di convincere gli altri, anzi, ricorderà a chi ti circonda che sei un individuo con le proprie preferenze. E questo è un grande passo avanti.
    • Anche chiedere aiuto a qualcuno ti aiuterà a cambiare. Non dimenticare che gli altri non possono leggere la tua mente. Se senti di fare troppo per gli altri e di non essere ricambiato, forse il problema è causato dal fatto che non esprimi mai le tue esigenze e i tuoi desideri. Se ti chiedono cosa vuoi o bisogna prendere una decisione, dì la tua.
  3. 3
    Fai qualcosa per te stesso. Cimentati con un’attività che ti è sempre piaciuta ma che pensi che possa non piacere agli altri.
    • Tingi i capelli, cambia look, concediti uno sfizio, vai in vacanza o guarda un film che nessun altro vuole vedere!
    • Qualsiasi cosa tu scelga di fare, falla per te stesso e non preoccuparti dei giudizi degli altri. Non devi fare le cose a “modo degli altri”, bensì a “modo tuo”.
    • Sicuramente ci sono cose che desideri fare, qualsiasi sia il giudizio degli altri. Quello che conta è non ferire nessuno. Le opinioni delle altre persone sono un fattore importante ma non determinante.
  4. 4
    Scendi a compromessi. Essere troppo accomodante è sbagliato, ma lo è anche essere un manipolatore o un ribelle incauto. Non diventare totalmente egoista. In effetti, sia le persone molto accomodanti che quelle egoiste spesso hanno un’autostima bassa. Devi essere in grado di prenderti cura di te stesso ed essere assertivo in maniera sana.
    • Ascoltare gli altri aiuta ma, alla fine, devi fare quello che vuoi tu. Trova un equilibrio!
    • A volte, i bisogni degli altri dovrebbero venire prima. Quando si presenta un conflitto di desideri, cerca una soluzione che vada bene per entrambe le parti.

2
Soluzioni a lungo termine

  1. 1
    Esamina le tue paure. Sono realistiche? Sono così terribili? Probabilmente, temi di non essere amato o di essere lasciato ed è per questo che devi sempre fare la cosa “giusta”. Sei stato tu a metterti in questa prigione: è arrivato il momento di aprire le porte ed uscire!
    • Le persone intorno a te che non riescono ad accettare il fatto che tu abbia le tue esigenze meritano davvero un posto nella tua vita?
  2. 2
    Valuta i tuoi confini. Fino a che punto sei disposto ad essere usato dagli altri?
    • Definisci quello che per te è un comportamento accettabile e quello che, invece, non lo è. Essere capace di analizzare questo fattore ti permette di misurare cosa puoi fare per gli altri e cosa no in maniera molto più oggettiva.
    • Quello che vale per te vale anche per gli altri?
    • Tolleri l’intollerabile? Normalizzi ciò che è anormale? Accetti l’inaccettabile? Sai cosa significa essere trattato con dignità e rispetto?
    • Impara ad identificare e a capire quali sono i trattamenti inaccettabili da parte degli altri e a mettere dei limiti al loro comportamento nel caso in cui dovessero violare i tuoi confini.
  3. 3
    Perché sei così? Le persone troppo accomodanti spesso provengono da famiglie nelle quali i loro bisogni e i loro sentimenti erano sempre messi da parte, senza essere presi in considerazione o addirittura sminuiti. Essere in grado di identificare e comprendere la fonte ti consente di capire meglio te stesso e di cambiare profondamente.
    • Da te ci si è sempre aspettato che anticipassi le esigenze degli altri e che ti adattassi di conseguenza? Ti sono state date troppe responsabilità sin da piccolo?
    • Ti è stato insegnato che l’unico modo per ricevere una risposta positiva dagli altri è quello di fare ciò che la gente vuole da te e che se non fai cosa vogliono le persone che ti circondano otterrai solo disapprovazione e rifiuto?
    • Se è così, ecco una notizia lampo: non tutti vogliono circondarsi di persone troppo accomodanti. Esserlo ti mette a rischio di instaurare una relazione manipolativa e di essere vittima di abuso emotivo. Non raggiungerai mai il tuo potenziale se non fai che nasconderti dietro ai bisogni degli altri. E, alla fine, quando non “servirai” più, le persone per le quali ti sei annullato non riconosceranno il tuo vero valore.
  4. 4
    Smetti di misurare la tua autostima in base a quello che fai per gli altri. Sicuramente è nobile da parte tua dare una mano ma dovresti farlo solo se vuoi, non perché pensi che sia un tuo dovere. Aiuta gli altri solo dopo aver capito come aiutare te stesso.
    • I più grandi atti di gentilezza sono quelli fatti per scelta, non per paura o per senso di colpa. Se aiuti gli altri per non sentirti male, la tua azione non è genuina. Vorresti ricevere aiuto a questi termini? E, secondo te, annullare te stesso per gli altri è saggio?

Consigli

  • Qualche segnale per capire se sei troppo accomodante: sei passivo-aggressivo; sembra che tu non ti diverta mai; controlli costantemente gli altri o viene sempre controllato; spesso hai fretta, solitamente senza alcuna ragione.
  • Non pensare mai che il mondo intorno a te collasserà se non aiuti qualcuno. Puoi sempre fare nuove amicizie. Inoltre, una persona che si allontana da te perché non hai fatto quello che lei voleva, in fondo non è una vera amica. In ogni caso, lascia la porta aperta: potrebbe rendersi conto di aver commesso un errore.
  • In certi casi, essere troppo accomodante è sinonimo di essere codipendente. Magari, ti conviene cercare informazioni sull’argomento o rivolgerti ad uno specialista.
  • Sii costante. Se sei sempre stato così, non sarà facile modificare la tua attitudine. Sii consapevole del tuo cambiamento e inizia dai piccoli passi descritti nella sezione dedicata alle strategie a breve termine. Con il passare del tempo, imparerai a fare le cose a “modo tuo”.

Avvertenze

  • Per qualcuno ci vorrà del tempo per abituarsi al nuovo te. Non devi scusarti per essere cambiato ma, allo stesso tempo, sii gentile!
  • A qualcuno non piacerà la tua versione assertiva. Ad alcune persone spaventa il cambiamento. Sii paziente nei loro confronti: se ti vogliono bene, capiranno perché hai modificato la tua attitudine. Inoltre, potrai ispirare molta gente a lavorare sulle proprie paure.
  • Alcuni tuoi desideri potrebbero non andar bene per il tipo di lavoro che svolgi, specialmente se vuoi cambiare drasticamente il look.
  • Non incolpare gli altri per la tua decisione di cambiare. Non dire: “L’ho dovuto fare a causa tua”! Ricorda che stai modificando la tua vita per te stesso.
  • Esprimere i tuoi desideri richiede una certa consapevolezza da parte tua. Dunque, dovrai lavorare su te stesso. Facciamo un esempio. Tuo marito chiede: “Stasera mangiamo hamburger?” e tu rispondi: “Va bene qualsiasi cosa per me”; tuttavia, affermare che “va bene” spesso significa che non hai mai fatto alcuna scelta. Riflettici su: cosa vuoi davvero? Cosa mangi quando sei da sola? Proponigli qualcosa che ti piaccia.
  • Non dimenticare che essere troppo accomodante quasi sempre dà agli altri il diritto di calpestarti.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Interazioni Sociali

In altre lingue:

English: Stop Being a People Pleaser, Español: dejar de complacer a la gente, Português: Parar de Ser Submisso(a), Français: arrêter de vouloir plaire à tout le monde, Deutsch: Hör auf, ein Ja Sager zu sein, Русский: прекратить угождать всем вокруг, Nederlands: Stoppen om het mensen altijd naar de zin te maken, 中文: 不再做“好好先生”, Čeština: Jak se přestat snažit každému zavděčit, ไทย: เลิกนิสัยชอบเอาใจคนอื่น, العربية: التوقف عن إرضاء الناس, हिन्दी: लोगों को खुश करनेवाला इंसान बन के ना रहें, Tiếng Việt: Thôi là Người Cả nể, 한국어: 좋은사람 증후군에서 벗어나는 방법

Questa pagina è stata letta 44 461 volte.

Hai trovato utile questo articolo?