Scarica PDF Scarica PDF

Esistono diversi luoghi in cui è possibile abbandonare un bambino appena nato che, per i più svariati motivi, non è possibile tenere con sé. Lasciando il bambino in un luogo preposto a questo scopo non si commetterà alcun reato, sempre che il bambino sia sano e non mostri segni di negligenza o abuso. Per scoprire come abbandonare un bambino che non vuoi o non puoi tenere con te, leggi i seguenti passaggi.

Passaggi

  1. 1
    In passato per abbandonare i neonati venivano usate le famose Ruote degli Esposti. Queste strutture erano dotate di un meccanismo girevole diviso in due parti, dentro al quale era possibile lasciare il neonato senza farsi scorgere dall’interno dell’edificio. Le ruote erano frequentemente allestite presso conventi e monasteri; sono state però abolite nel corso del XIX secolo. Al giorno d’oggi, infatti, è possibile abbandonare legalmente un bambino in diversi modi e tanta segretezza non è più necessaria.[1]
  2. 2
    Decidi chi abbandonerà il bambino. Nella maggior parte dei casi sarà la madre stessa a compiere questa scelta, soprattutto se il bambino viene partorito in ospedale. Nel caso in cui il bambino venga lasciato in un altro luogo consentito dalla legge, invece, potrà occuparsene anche un familiare.
  3. 3
    Scegli dove lasciare il bambino. I luoghi dove è possibile abbandonare un bambino senza essere perseguibili legalmente variano da nazione a nazione. In Italia, oltre ai più comuni ospedali, è importante ricordare la presenza delle cosiddette Culle per la Vita:
    • Stazioni della polizia e caserme dei pompieri. Si tratta quasi sempre di luoghi sicuri. In questi casi, il bambino deve essere lasciato con un dipendente in servizio.
    • Ospedali. Alcuni ospedali richiedono che il bambino sia consegnato in una sezione specifica all'interno della struttura, mentre altri consentono che il bambino venga lasciato a qualsiasi adulto che lavora nell'ospedale. In alcuni casi si può anche lasciare un neonato presso l'ospedale in cui hai dato alla luce il bimbo, assicurandoti che un dipendente sappia che non tornerai.
    • Chiese. La legge richiede in genere che il bambino sia lasciato all'interno e che delle persone siano presenti nella chiesa in quel momento.
    • Centri medici. In questi casi le leggi sono molto chiare: i bambini possono essere lasciati in centri medici durante l'orario lavorativo e solo con un impiegato di turno di quel centro medico.
    • Agenzie di adozione. Non è molto comune lasciare un bambino in un'agenzia di adozione, ma in questi casi il bambino deve essere consegnato a un dipendente dell'agenzia durante il normale orario di lavoro.
    • Culle per la Vita. Sono delle vere e proprie culle costantemente monitorate da una telecamera, puntata solo sulla culla per garantire l’anonimato di chi vi lascia un bambino. Una volta abbandonato il neonato arriveranno immediatamente i soccorsi e il Tribunale dei Minori darà inizio alle pratiche per l’adozione. Le Culle per la Vita sono presenti in diverse città italiane. È possibile trovare un elenco completo sul sito del Movimento per la Vita italiano.
    • Altro. In alcuni casi è consentito al genitore di chiamare i servizi di emergenza e di abbandonare un bambino a un tecnico medico di emergenza o un dipendente del 118, o lasciare il bambino con un impiegato in un centro di parto, un'infermeria istituzionale o altra struttura medica.
  4. 4
    Scegli se lasciare qualche informazione o qualche ricordo insieme al bambino. Nel caso in cui l’abbandono avvenga in un secondo momento rispetto al parto, è possibile lasciare alcune informazioni importanti sullo stato di salute del bambino, come il suo certificato di nascita, oppure documentazioni relative a importanti malattie presenti nella famiglia del padre o della madre. Potresti anche scegliere di lasciare una lettera destinata a tuo figlio, che verrà allegata nel suo fascicolo d’adozione e gli sarà fatta leggere a tempo debito.
  5. 5
    Preparati ad abbandonare il bambino. Ricordati di eseguire qualche semplice preparativo prima di lasciare il neonato, come per esempio:
    • Nutrirlo. Assicurati che il bambino sia ben nutrito e che non abbia bisogno di mangiare nelle ore successive.
    • Fargli un bagno. Lava accuratamente il corpo e i capelli del bambino con uno shampoo e un sapone apposito per neonati.
    • Cambiargli il pannolino. Non dimenticarti di mettergli una pomata contro le irritazioni.
    • Vestirlo in modo appropriato. Una buona regola da tenere a mente è quella di vestire tuo figlio come ti vestiresti tu. Ad esempio, se fuori fa freddo e indossi dei pantaloni lunghi e un maglione, vesti il tuo bambino nello stesso modo.
  6. 6
    Abbandona il bambino. Ricordati di seguire attentamente le norme previste dalla legge, per lasciarlo in un luogo sicuro e non avere conseguenze legali.
    • Ricordati che puoi lasciare insieme al bambino coperte, bottiglie e giocattoli che hai comprato per lui, nonché un biglietto che attesti il suo nome, se gliene hai dato uno.
    • Rifletti molto prima di prendere questa decisione. Spesso scegliere di abbandonare un figlio è una decisione presa in totale autonomia, vuoi per mancanza di mezzi o di vocazione, vuoi per età troppo giovane della madre, vuoi per una situazione famigliare difficile. In questi casi una donna è pienamente libera di decidere quello che è meglio per sé e per il bambino. Se invece pensi che la decisione di abbandonare tuo figlio ti possa essere imposta dall’esterno, valuta se chiedere aiuto a un’associazione esterna, anche nel corso della gravidanza.
    • In tutte le regioni italiane, per esempio, sono presenti dei Centri di Assistenza che hanno lo scopo di fornire aiuto e sostegno alle donne che hanno difficoltà a portare a termine la gravidanza o a tenere il proprio bambino, spesso perché provenienti da un contesto di violenza e abusi.[2]
    Pubblicità

Consigli

  • Non sentirti giudicata. Se pensi che abbandonare tuo figlio sia l’unico modo per garantirgli la vita serena che tu, per un motivo o per l’altro, pensi di non potergli offrire, non lasciare che i pregiudizi della società ti portino a esitare.
  • Ricorda che hai tutto il diritto di rimanere anonima.
Pubblicità

Avvertenze

  • Il diritto all’anonimità e alla non perseguibilità a livello legale viene ovviamente a cadere in caso di comprovata evidenza di abusi o di negligenza sul bambino.
  • Ricorda che abbandonare un bambino è legale solo e soltanto nei luoghi previsti dalla legge. Qualsiasi altra forma di abbandono è perseguibile legalmente.
  • Non ci vuole niente a garantire una vita in sicurezza per tuo figlio e una scelta in pieno anonimato per te. Non disfarti di lui mettendo a repentaglio la sua vita: non ce n’è bisogno.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Far Rompere le AcqueFar Rompere le Acque
Riconoscere la Posizione del Bambino nell'UteroRiconoscere la Posizione del Bambino nell'Utero
Insegnare a un Bambino a GattonareInsegnare a un Bambino a Gattonare
Mettere Incinta la tua RagazzaMettere Incinta la tua Ragazza
Riconoscere i Segni di un Aborto SpontaneoRiconoscere i Segni di un Aborto Spontaneo
Fingere una GravidanzaFingere una Gravidanza
Gestire un Bambino che Non Vuole Andare a ScuolaGestire un Bambino che Non Vuole Andare a Scuola
Girare un Bambino PodalicoGirare un Bambino Podalico
Far Addormentare un Bambino con il Metodo di Tracy HoggFar Addormentare un Bambino con il Metodo di Tracy Hogg
Bloccare la Produzione di Latte MaternoBloccare la Produzione di Latte Materno
Tenere un NeonatoTenere un Neonato
Ascoltare il Battito Cardiaco FetaleAscoltare il Battito Cardiaco Fetale
Aumentare le Possibilità di Concepire un MaschiettoAumentare le Possibilità di Concepire un Maschietto
Fare in modo che un Neonato faccia il RuttinoFare in modo che un Neonato faccia il Ruttino
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 38 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 26 185 volte
Categorie: Genitori
Questa pagina è stata letta 26 185 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità