Come Abbronzarsi in Modo Sicuro

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

In questo Articolo:Al SoleSenza il SoleCentri Abbronzanti

Vuoi avere una bella tintarella ma allo stesso tempo non vuoi aumentare le probabilità di sviluppare le rughe o il cancro alla pelle? Sebbene non esista un’abbronzatura veramente sana e sicura, è possibile ridurre gli effetti negativi dell’esposizione al sole prendendo alcune precauzioni.

1
Al Sole

  1. 1
    Comprendi come funziona l’abbronzatura. Si tratta di un processo che le cellule della cute mettono in atto per proteggersi dai raggi UVA e UVB dannosi e non per renderti più attraente durante l’estate.
    • Gli UVA e UVB sono delle radiazioni che sono state correlate al cancro. Una prolungata esposizione aumenta il rischio di sviluppare cellule tumorali della pelle.
    • L’abbronzatura agisce come uno scudo contro le radiazioni. Immagina migliaia di piccoli ombrelli sopra le cellule della cute che si aprono sempre di più man mano che resti sotto la luce solare e quindi ti fanno apparire sempre più scuro.
    • L’abbronzatura in sé non causa danni o tumori, ma è la prova visibile che un danno alle cellule è già avvenuto.
  2. 2
    Spalma sempre una protezione prima di abbronzarti. Esporti al sole senza crema solare aumenta il rischio di tumore.
    • Le creme solari a schermo totale contengono il biossido di titanio e l’ossido di zinco che bloccano completamente i raggi UV. Questo significa che non ti abbronzi quando le applichi.
    • Le creme protettive invece permettono ai raggi ultravioletti di arrivare alla superficie della pelle e quindi permettono l’abbronzatura.
    • Il fattore di protezione (SPF) indica la quantità di radiazioni UV che la crema lascia passare fino alla tua pelle. Per esempio un SPF 30 lascia che 1/30 dei raggi solari entri in contatto con la cute.
    • Non usare un SPF inferiore a 20.
    • Applica 2-3 cucchiai di crema solare o di schermo totale su tutto il corpo, concentrandoti sulle zone che sono più esposte come le spalle, il naso, il viso, le braccia e la schiena.
    • Entrambi i prodotti vanno spalmati ogni due ore o dopo essere stato in acqua.
  3. 3
    Sappi quando e quanto stare al sole. Le radiazioni UV sono più intense fra le 10.00 e le 16.00, quindi in queste ore stai particolarmente attento. Cerca di abbronzarti gradatamente per rendere minimo il danno alla cute. Un’ora al giorno è considerata sicura.
  4. 4
    Usa un olio abbronzante per accelerare il processo. Questi prodotti contengono degli ingredienti che intensificano i raggi UV e scuriscono la pelle più in fretta.
    • L’obiettivo degli oli abbronzanti non è la protezione ma la concentrazione delle radiazioni per accelerare la reazione della pelle.
    • Usa solo gli oli che includono anche un po’ di protezione, SPF 15 o più.
    • Proprio come le creme protettive, spalma gli oli su tutto il corpo e riapplicali spesso per garantirti una certa protezione.

2
Senza il Sole

  1. 1
    Usa un autoabbronzante. Può essere sotto forma di creme, lozioni o spray che tingono la pelle come se fossi abbronzato.
    • Sono dei prodotti chimici a base di diidrossiacetone che colora le cellule morte della pelle. Questo significa che l’effetto è solo temporaneo e dura finché il corpo non si libererà di queste cellule.
    • Per avere un’abbronzatura uniforme, prima strofina il corpo con un esfoliante così da eliminare le cellule morte.
    • Spalma il prodotto su tutto il corpo evitando strisce e macchie di colore.
    • Gli autoabbronzanti potrebbero non contenere alcuna protezione solare. Se passi molto tempo all’aperto, potresti riportare dei danni alla cute pur avendo applicato l’autoabbronzante. Applica sempre una protezione unitamente a questo prodotto.
    • Assicurati che il prodotto che hai scelto non richieda un’esposizione al sole per attivarsi. Alcuni autoabbronzanti sono mescolati ad altri prodotti che dovrebbero abbronzare “senza sole” ma non sempre sono completamente efficaci.
  2. 2
    Evita le pillole che “favoriscono” l’abbronzatura. Contengono degli agenti coloranti che, con il passare del tempo, danneggiano il fegato e fanno assumere alla pelle una tonalità arancione.
  3. 3
    Mantieni la tua tintarella. Applica regolarmente una crema idratante per limitare il numero di cellule morte che si staccano, così l’abbronzatura durerà di più.

3
Centri Abbronzanti

  1. 1
    Stai attento ai lettini solari. Non utilizzano la vera luce del sole e ti espongono solo ai raggi UV che danneggiano la pelle.
    • Questi lettini simulano la radiazione solare, il che significa che non riducono il rischio di danno alla cute, se comparati alla luce naturale.
    • Usare i lettini solari prima dei 30 anni di età aumenta le probabilità di sviluppare un tumore alla pelle del 75%.
  2. 2
    Cerca delle alternative all’abbronzatura spray. Alcuni centri abbronzanti propongono questa soluzione, ma i coloranti che vengono utilizzati non sono regolamentati dal Ministero della Salute e potrebbero causare dei problemi, se ingeriti o inalati.

Consigli

  • La pelle ben idratata si scotta meno facilmente e si abbronza più facilmente, quindi tieni sempre un bicchiere d'acqua a portata di mano!
  • Se desideri abbronzarti, assicurati di vedere un dermatologo almeno una volta l'anno per un esame di controllo per i segni di cancro della pelle.
  • Girati di tanto in tanto per abbronzarti sia davanti che dietro.
  • La pelle è maggiormente a rischio ad altitudini più alte e man mano che ti avvicini all'equatore.
  • Se non ti fidi dei lettini abbronzanti o hai paura a usare i prodotti autoabbronzanti, prova le creme abbronzanti con fattore di protezione. Applicale come delle normali creme e ti doneranno un bellissimo colorito.
  • Puoi abbronzarti in acqua e sulla neve perché entrambi riflettono e intensificano i raggi solari UV.
  • Non hai un olio abbronzante? Anche l’acqua funziona (non come l’olio ma è meglio di niente), perché attrae i raggi solari.
  • Se desideri una bella abbronzatura dorata, metti la crema protettiva con fattore 30 come minimo.
  • Il sole è più caldo fra le 10.00 e le 16.00. Se ti esponi in questo intervallo di tempo otterrai un’abbronzatura più intensa.

Avvertenze

  • Anche prendendo tutte le precauzioni indicate in questo articolo, i danni alla pelle e il cancro sono delle sfortunate possibilità.
  • Passare del tempo al sole non è l’unico o il miglior modo per procurarsi l’apporto giornaliero di vitamina D. Invece di fare affidamento solo alla luce solare, prova degli integratori.

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Categorie: Cura della Pelle

In altre lingue:

English: Tan Safely, Français: bronzer en toute sécurité, Español: broncearse con precaución, Português: Se Bronzear de Modo Seguro, Русский: загорать безопасно, Deutsch: Sicher braun werden, 中文: 安全地晒黑, Bahasa Indonesia: Berjemur dengan Aman, Nederlands: Veilig bruin worden, Čeština: Jak se bezpečně opalovat, हिन्दी: सुरक्षित टैनिंग करें

Questa pagina è stata letta 16 360 volte.
Hai trovato utile questo articolo?