Come Accettare le Critiche

Scritto in collaborazione con: Paul Chernyak, LPC

In questo Articolo:Gestire i Tuoi SentimentiRispondere alle CriticheServirti delle Critiche per Migliorare17 Riferimenti

Il bello delle critiche è che, sebbene possano far male, in effetti sono davvero necessarie se vogliamo migliorare in qualcosa. Il fatto di accettarle e riformularle in termini più costruttivi è una vera e propria abilità. Anche se non apprezzi riceverle, sarebbe opportuno che imparassi a farlo. In questo modo, non solo potrai migliorare le tue relazioni interpersonali, ma anche crescere e superare i problemi.

Parte 1
Gestire i Tuoi Sentimenti

  1. 1
    Mantieni la calma. È naturale mettersi sulla difensiva quando si viene criticati, ma agitarsi e farsi prendere dall'emotività non serve a niente. Tieni presente che tutti commettiamo errori quando dobbiamo imparare qualcosa di nuovo, quindi è inevitabile ricevere delle critiche. Tuttavia, se le vediamo in modo costruttivo, possiamo apprendere una lezione importante. Quindi, cerca di stare calmo anche se il tuo interlocutore ti sembra nervoso. Non lasciarti condizionare dal suo stato emotivo, altrimenti sembrerai incapace di gestire la situazione e sarai meno propenso a fare tesoro di quanto ti stai dicendo.[1]
    • Respira profondamente. Quando vieni criticato, mantieni la calma concentrandoti sulla respirazione. Prova a contare nella tua mente fino a 5 mentre inspiri, quindi trattieni l'aria fino a 5 e, infine, espira lentamente.
    • Prova a sorridere. Anche un piccolo sorriso può farti sentire meglio e invogliare l'altra persona a rilassarsi un po'.[2]
  2. 2
    Concediti il tempo di tranquillizzarti. Prima di rispondere e ancor prima di pensare ai giudizi ricevuti, prenditi un momento per calmarti. Dedica una ventina di minuti a un'attività piacevole. Per esempio, potresti ascoltare la tua musica preferita, leggere un libro o fare una passeggiata. Calmandoti dopo un'aspra critica, potrai vederla in maniera costruttiva anziché reagire impulsivamente.[3]
  3. 3
    Usa la tua capacità di discernimento. Se vuoi accettare le critiche in modo sano, devi imparare a separarle da tutto quello che ti caratterizza in quanto persona. Non vederle come un attacco personale e non generalizzare. Prendile per quello che sono, senza enfatizzarle o estenderle ad altri aspetti della tua personalità.[4]
    • Per esempio, se qualcuno critica un quadro che hai dipinto, non significa che sei un artista scadente. Probabilmente, quell'opera in particolare presenta qualche difetto o magari non piace, ma ricorda che puoi sempre essere un grande artista.
  4. 4
    Considera le motivazioni da cui parte una critica. A volte, le persone giudicano tanto per ferire, non per aiutare. Prima di decidere come comportarti di fronte ai giudizi altrui, prenditi un po' di tempo per riflettere. Poniti alcune domande per capire perché ti vengono mossi.[5]
    • Il commento riguardava qualcosa che sei in grado di controllare? Altrimenti, perché pensi che sia stato esternato?
    • L'opinione della persona che ti ha criticato è veramente importante? Perché o perché no?
    • Sei in competizione col tuo interlocutore? Se sì, la sua critica potrebbe essere il riflesso di questa situazione?
    • Ti senti mortificato? Se sì, hai cercato aiuto per risolvere questo problema? Se ti senti vittima di molestie a scuola o al lavoro, parla con qualcuno in grado di aiutarti, come un insegnante o un responsabile delle risorse umane.
  5. 5
    Parlane con qualcuno. Che le critiche siano incentrate sul tuo rendimento o servano solo a mortificarti, devi confidare quello che è successo e come ti sei sentito. Aspetta finché non sei riuscito ad allontanarti dal tuo interlocutore, dopodiché rivolgiti a un amico o un familiare di cui ti fidi. Raccontagli l'accaduto e le sensazioni che hai provato. Sfogandoti, potrai anche comprendere meglio la natura delle critiche che hai ricevuto.
  6. 6
    Recupera la tua concentrazione. Una volta che ti sarai calmato e avrai un'idea più chiara dei giudizi che ti sono stati rivolti, cerca di canalizzare la tua attenzione sui tuoi lati migliori. Se pensi troppo agli aspetti che dovresti migliorare, potresti cominciare a deprimerti e sentirti impotente. Piuttosto, cerca di elencare tutti i punti di forza che ti vengono in mente per ricostruire la tua autostima.
    • Per esempio, potresti scrivere che sei un bravo cuoco, una persona divertente o un avido lettore. Elenca tutte le tue abilità che ti sovvengono e rileggile per ricordarti quello che sai fare.

Parte 2
Rispondere alle Critiche

  1. 1
    Presta ascolto. Quando una persona ti rivolge una critica, ascoltala con attenzione. Guardala negli occhi e ogni tanto annuisci con la testa per dimostrare che stai seguendo il suo discorso. Non è semplice, ma è nel tuo interesse. Se non presti attenzione, rischi di rispondere nel modo sbagliato, favorendo ulteriori critiche.[6]
    • Ti conviene comunque ascoltare l'interlocutore anche se esprime un consiglio o una critica inutile. Se la sua disapprovazione arriva per iscritto, puoi "ascoltarla" in base ai tuoi tempi.
  2. 2
    Riformula quanto ti è stato detto. Una volta che l'interlocutore ha finito di parlare, prova a esporre la sua critica a parole tue in modo da chiarire gli aspetti fondamentali del discorso. In buona sostanza, devi scongiurare il rischio di ulteriori critiche dovute a eventuali fraintendimenti. Non ripetere parola per parola quello che ti è stato detto; ti basta riassumerlo.[7]
    • Per esempio, immagina di essere stato rimproverato perché hai archiviato alcuni documenti nel modo sbagliato causando problemi ai tuoi colleghi. Potresti riformulare questa critica dicendo: "Se ho capito bene, pensi che debba stare più attento quando metto i documenti al loro posto in modo che gli altri colleghi siano in grado di svolgere efficacemente il loro lavoro, giusto?".
    • In caso di dubbi, chiedi all'interlocutore di spiegare o ripetere quello che non ti è chiaro. Per esempio, chiedigli: "Voglio essere sicuro di aver capito bene per poter trovare un rimedio. Puoi spiegarmi che cosa intendi per modo diverso?".
  3. 3
    Rispondi quando sei pronto. Talvolta, potresti ricevere critiche troppo dure o complicate per rispondere seduta stante. Se puoi, prima di replicare aspetta finché non avrai ritrovato la calma, raccolto le tue energie e riflettuto a sufficienza. In certe circostanze è necessario rispondere subito, mentre in altre è meglio attendere. Prenditi il tempo che ti occorre per ragionare sulla risposta più opportuna in modo che il confronto sia più proficuo.[8]
    • Per esempio, potresti dire: "Apprezzo il tuo commento. Fammi dare un'altra occhiata a questi documenti e vedrò cosa posso fare. Posso inviarti un messaggio domani mattina per ricevere un tuo consiglio su alcuni cambiamenti?".
  4. 4
    Chiedi scusa per eventuali errori, se necessario. Se la critica è partita perché hai commesso uno sbaglio o perché qualcuno ne ha subito le conseguenze, devi porgere immediatamente le tue scuse per quanto è successo.[9] È un gesto che esula da quanto ti è stato detto, perciò non pensare che, scusandoti, sarai costretto a cambiare o accettare la critica di cui sei stato bersaglio.
    • Nella maggior parte dei casi, tutto quello che devi dire è: "Mi dispiace. Non mi aspettavo che sarebbe successo tutto questo. Non era quello che volevo. Vedo che cosa posso fare in modo che non accada più".
  5. 5
    Riconosci quando gli altri hanno ragione. Una volta che sarai pronto a rispondere alle critiche, inizia a riconoscere in quali punti sono giuste. In questo modo, andrai incontro al tuo interlocutore e gli comunicherai che hai tutta l'intenzione di pensare a quello che ti ha detto.[10]
    • Puoi semplicemente dire: "Hai ragione". Dopodiché vai avanti. Non sei obbligato a scendere in tutti i particolari relativi al motivo per cui ha ragione. Il semplice fatto di ammettere che sei d'accordo con il suo punto di vista gli permetterà di capire che lo hai ascoltato.
    • Certo, potrebbe sbagliarsi su tutta la linea. In questo caso, ti conviene individuare un passaggio pressoché valido del suo discorso (per esempio "Non ho saputo gestire bene questo aspetto") o semplicemente ringraziarlo per aver offerto il suo parere e lasciare le cose come stanno.
  6. 6
    Esponi il modo in cui intendi modificare qualcosa. Prova a spiegare al tuo interlocutore come prevedi di applicare i suoi consigli o affrontare la questione oggetto delle sue critiche. In questo modo, si sentirà rassicurato del fatto che intendi occuparti del problema. Prendere una critica in questo modo, darle pieno riconoscimento e replicare opportunamente è una prova di maturità. Quando affronti un problema e fai di tutto per risolverlo, la gente tende a essere molto più indulgente nei tuoi confronti.
    • Potresti dire: "La prossima volta, prima di parlare con il cliente, verrò da te per assicurarmi che ci sia un accordo comune sulla risposta da dare".
  7. 7
    Chiedi consigli. A meno che il tuo interlocutore non ti abbia già suggerito un modo migliore per affrontare il problema, chiedigli come gestirebbe le cose al posto tuo. Se ti ha già offerto qualche suggerimento, puoi sempre chiedergli ulteriori spiegazioni. I consigli ti permettono di migliorare, ma incoraggiano anche chi te li offre a sentirsi più valorizzato.
    • Limitati a introdurre le tue domande con "che cosa" al posto di "perché". In questo modo, otterrai consigli più utili, mentre chiedendo "perché", potresti peggiorare la situazione e mettere l'interlocutore sulla difensiva. Per esempio, chiedi: "Secondo te, che cosa dovrei fare la prossima volta?". Evita: "Perché mi dici questo?".[11]
  8. 8
    Comunica la necessità di procedere lentamente. Se non hai la possibilità di apportare una modifica immediata, chiedi all'interlocutore un po' di pazienza. I cambiamenti, soprattutto quelli importanti, possono essere lenti. Spiegando che hai bisogno di tempo, potrai scrollarti di dosso un po' di stress e chiarire le intenzioni tra te e l'altra persona. Quando chiedi tempo per apportare un miglioramento, comunichi a chi hai di fronte che stai prendendo sul serio le sue critiche.[12]

Parte 3
Servirti delle Critiche per Migliorare

  1. 1
    Considerale come un'opportunità. Il modo più sano di gestire le critiche è vederle come una possibilità per compiere un passo indietro, valutare i propri comportamenti ed escogitare un modo per migliorare. Le critiche sono una cosa positiva e possono aiutarti ad arrivare in alto. Quando le interpreti in questo modo, accettarle diventerà improvvisamente più facile. Non solo le accoglierai di buon grado, ma potresti anche ritrovarti nella situazione di andare a cercarle.[13]
    • Anche se sono sbagliate, possono comunque servirti per riconoscere gli ambiti in cui dovresti migliorare. Forse il semplice fatto di sospettare un problema nel tuo lavoro potrebbe indicare effettivamente che tale problema esiste anche se non è stato chiaramente sottolineato da chi ti ha mosso la critica.
  2. 2
    Distingui i consigli utili da quelli inutili. È importante capire quali sono le critiche degne di essere ascoltate. In linea di massima, ti conviene ignorare chi si lamenta senza offrire un'idea di come dovresti cambiare. Inoltre, non dovresti preoccuparti dei giudizi che riguardano gli aspetti che non puoi modificare. Alcune persone mostrano la loro disapprovazione solo per sentirsi meglio, perciò guardati da questo genere di situazioni. Non rispondere se avanzano critiche inutili. Riconoscerle e combatterle servirà solo a dare importanza a chi le ha mosse.[14]
    • Se da una critica non ti arriva nessun consiglio positivo, tieni conto che non si tratta di un parere costruttivo. Per esempio, se senti un'affermazione del genere: "È stato terribile, i colori sono alla rinfusa e la presentazione è disordinata", chiedi in che modo puoi migliorare. Tuttavia, se l'interlocutore continua a darti consigli negativi e inutili, rinuncia e prendi con scetticismo tutto quello che ti dirà in futuro.
    • Le critiche migliori sono quelle in cui i lati negativi sono accompagnati da quelli positivi, e la persona offre raccomandazioni su come migliorare. Per esempio: "Non mi convince molto tutto questo rosso che hai usato, ma mi piace quell'accenno di blu sulle montagne". Si tratta di un giudizio costruttivo e, quindi, sarebbe una buona idea prenderlo in considerazione. Probabilmente la prossima volta seguirai il suo consiglio.
  3. 3
    Rifletti e prendi nota. Valuta i consigli che ti sono stati dati. Ti è stato detto di modificare qualcosa? Prova a considerare vari approcci attraverso i quali ottenere gli stessi risultati. Così facendo, avrai diverse alternative e potrai scegliere quella migliore. Dovresti anche riflettere se puoi trarre qualcos'altro di cui fare tesoro dalle critiche che hai ricevuto.[15]
    • In realtà, sarebbe una buona idea prendere nota del consiglio, parola per parola, subito dopo averlo ricevuto. In questo modo, la memoria non altererà quello che hai sentito e non ti ritroverai a considerare solo la parte più pungente del discorso omettendo quella più costruttiva.
  4. 4
    Escogita un piano. Una volta messi in luce gli aspetti più importanti dei consigli che ti hanno dato, dovrai tracciare un piano riguardo al modo in cui andrai ad apportare le dovute modifiche. Sviluppando un percorso, soprattutto per iscritto, riuscirai a seguire più facilmente le tappe che delineano il cambiamento. Sarai anche più propenso a metterlo in atto.[16]
    • Quali sono i singoli traguardi che ti permetteranno di concretizzare questo cambiamento? Scrivili uno per uno in modo da metterti all'opera per raggiungerli.
    • Assicurati che i tuoi obiettivi siano misurabili e sotto il tuo controllo. Per esempio, se sei stato criticato per un elaborato che hai scritto nell'ambito di un corso universitario, un obiettivo misurabile e sotto il tuo controllo potrebbe essere "iniziare a scrivere il prossimo testo non appena viene assegnato" oppure "ottenere un parere dal docente prima della data della consegna". NON devi porti l'obiettivo di "scrivere brillantemente" o "ottenere il voto più alto alla prossima tesina", perché avrai maggiori difficoltà a controllare e misurare l'andamento del tuo lavoro.
  5. 5
    Non rinunciare mai all'idea di migliorare. Sii tenace quando cerchi di applicare i consigli contenuti nelle critiche che ricevi. Spesso un giudizio ti porta in una direzione completamente diversa da quella che segui normalmente o credi sia giusta. Questo vuol dire che dovrai impegnarti molto per migliorare. Preparati ad affrontare degli ostacoli quando cerchi di cambiare i tuoi comportamenti.
    • Potresti essere d'accordo con quanto ti viene detto, ma al tempo stesso potresti incontrare molte difficoltà e ritornare sui tuoi passi. Non pensare che sia impossibile cambiare e non avvilirti a causa di un "fallimento". Stai imparando e, se sei determinato e perseverante, alla fine ci riuscirai.

Consigli

  • Non metterti sulla difensiva quando ricevi una critica. Potresti peggiorare le cose. Inoltre, evita di piangere, negare l'evidenza e incolpare gli altri.[17]

Avvertenze

  • Non lasciarti intimidire. Se qualcuno tende a criticarti e mortificarti continuamente, parla con chi è in grado di aiutarti.

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Paul Chernyak, LPC. Paul Chernyak lavora come Counselor Professionista Matricolato a Chicago. Si è laureato all'American School of Professional Psychology nel 2011.

Categorie: Comunicazione

In altre lingue:

English: Accept Criticism, Français: accepter la critique, Português: Aceitar Críticas, Deutsch: Kritik akzeptieren, Русский: научиться принимать критику, Español: aceptar las críticas, Bahasa Indonesia: Menerima Kritik, Nederlands: Kritiek aanvaarden, Tiếng Việt: Tiếp nhận sự phê bình, العربية: تقبل الانتقاد, ไทย: ยอมรับคำวิจารณ์, 한국어: 비판을 받아 들이는 법

Questa pagina è stata letta 5 172 volte.
Hai trovato utile questo articolo?