Come Addestrare un Gattino

6 Metodi:Socializzare con il GattinoAddestrare un Gattino a MangiareAddestrare il Gattino a Usare la LettieraAddestrare il Gattino con il ClickerAddestrare il Gattino a Venire da Te a ComandoAddestrare il Gattino a Non Graffiare

I gatti sono molto diversi dai cani e per questo non è possibile adottare le stesse tecniche nel loro addestramento. In generale, addestrare un gatto è più difficile per chi è abituato a lavorare con i cani o altri animali, perché questi felini sono molto più indipendenti e meno interessati all'opinione dei loro padroni rispetto agli altri animali domestici. Tuttavia, utilizzando le tecniche corrette e con grande pazienza, è possibile addestrare il proprio gattino a diventare un compagno felice, sano e ubbidiente.

1
Socializzare con il Gattino

  1. 1
    Lascia che il tuo gattino socializzi con la madre per almeno otto settimane. In generale, un gatto ha bisogno di stare almeno due mesi con la madre prima che possano essere separati. Durante questo periodo, il genitore dovrebbe occuparsi di gran parte dell'"addestramento" che serve a formare dei gatti domestici che si comportano bene.
    • I gattini cominciano lo svezzamento dopo circa un mese di vita e dopo otto settimane sono svezzati del tutto e in grado di mangiare cibi solidi.
    • Se la tua gatta partorisce dei micetti e li stai svezzando tu, è molto importante attendere almeno due mesi prima di separarli completamente dalla madre. Mamma gatta dovrebbe addestrarli a conoscere la propria forza, a mangiare nel modo corretto e a usare la lettiera.
  2. 2
    Evita di acquistare dei cuccioli che sono stati svezzati troppo presto. Se vuoi comprare un gattino da un negozio, assicurati di sapere esattamente la sua età. Quelli che sono stati svezzati troppo presto hanno la tendenza a essere più aggressivi e richiedono più addestramento degli altri.[1]
  3. 3
    Continua a socializzare con il tuo gattino. I migliori animali domestici sono quelli che hanno socializzato nel modo corretto da cuccioli. Un micetto, per abituarsi alla convivenza, deve entrare in contatto con molte persone diverse a partire dalle due settimane di età: giovani e anziani, uomini e donne, persone dalla corporatura diversa. Queste interazioni dovrebbero avvenire almeno due volte al giorno, idealmente per 5-10 minuti, ma se possibile anche con maggiore frequenza.[2]
    • Se il tuo gatto non è abituato a socializzare con l'uomo, è più difficile addestrarlo, perché ha paura delle persone e non si fida di loro. In questo caso, il tuo primo obiettivo è guadagnarne la fiducia.[3]
    • Se un cucciolo ha già superato le otto settimane di vita e non è abituato alla presenza dell'uomo, ci sono buone probabilità che si comporti come un gatto randagio. Purtroppo, quando questi atteggiamenti sono entrati a far parte del carattere dell'animale, è difficile cambiare le sue abitudini ed è probabile che da adulto diventi un gatto antisociale.
  4. 4
    Sii paziente quando socializzi con il tuo gattino. Non puoi costringerlo a fare quello che desideri, quindi le tue armi migliori sono la pazienza e le ricompense quando si trova vicino a te, in maniera da fargli collegare la tua presenza a delle esperienze positive.
    • Puoi sdraiarti a terra quando guardi la televisione e tenere un bocconcino in mano o in tasca. Da sdraiato, sei meno minaccioso per il piccolo gatto, che vinto dalla curiosità potrebbe decidere di avvicinarsi. Lasciando del cibo a terra ricompenserai il coraggio dell'animale e lo aiuterai a collegare l'uomo a dei bocconcini deliziosi, convincendolo ad avvicinarsi più volentieri in futuro.
  5. 5
    Usa il rinforzo positivo. Strofinare il muso di un gatto dove ha sporcato o sgridarlo sono pessimi metodi di addestramento. Preferisci piuttosto il rinforzo positivo, dando delle ricompense all'animale quando dimostra un comportamento che vuoi che ripeta. Questo è il metodo più semplice per modificare il carattere del tuo micio e riuscire a fargli abbandonare gli atteggiamenti da evitare.
    • Se un gatto fa qualcosa che non gradisci, ignoralo. Di solito, mugolare alla porta o graffiare un mobile sono tentativi di attirare la tua attenzione. Se l'animale non ottiene il risultato sperato, smetterà di comportarsi in quel modo.
    • Puoi scegliere un bocconcino gustoso come ricompensa. Quasi tutti i gatti vanno matti per un alimento specifico. Se il tuo micetto non ti sembra motivato dal cibo, prova a dargli molti alimenti diversi, alla ricerca di quello che lo attira di più.
  6. 6
    Evita di punire il gattino. Sgridandolo otterrai dei miglioramenti superficiali, ma non farai altro che spingerlo a diventare più subdolo. Considera lo scenario in cui l'animale urina al centro del tappeto del salotto. Se lo puniscii o lo spaventi, associerebbe la punizione a te e non all'incidente. Di conseguenza, in futuro farebbe attenzione a non urinare davanti a te.[4]
    • Questo tipo di addestramento può essere controproducente, perché può spingere il gattino a cercare punti più nascosti in cui liberarsi, oppure può renderlo esitante a usare la lettiera quando sei presente, perché ha paura di te.[5]
  7. 7
    Imita il suono della madre quando non approvi il comportamento del tuo gattino. Quando la madre di un micio lo punisce, emette un suono simile a un clic dal fondo della gola che è piuttosto facile imitare. Si tratta di uno dei metodi più efficaci per addestrare il tuo animale, che lo troverà familiare.
    • Ti basta far schioccare la lingua contro il palato quando il gattino graffia qualcosa o compie qualche azione contro le regole della casa.
  8. 8
    Usa l'erba gatta per facilitare l'addestramento. Addestrare un gatto con l'erba gatta può essere un metodo didattico molto efficace e ricompensarlo con dei premi è una strategia migliore rispetto a sgridarlo. In questo modo puoi attirarlo verso un tiragraffi e i giocattoli che può utilizzare oppure farlo dormire in una zona specifica. Il tuo micio si divertirà per ore con un sacchetto riempito di erba gatta.
    • Non tutti i gatti sono attratti dall'erba gatta e questo può rendere più complesso il tuo compito. Se il tuo cucciolo non sembra interessato, puoi provare a utilizzare qualcosa che gli piace, come del cibo, per attirarlo da qualche parte.
  9. 9
    Concedi molti spazi privati al tuo gattino. Se continua a salire sul bancone della cucina per osservare quello che accade o se entra in zone che non dovrebbe frequentare, spaventarlo non è la soluzione giusta: gli insegneresti soltanto che deve temerti. Dovresti, invece, mettere una mensola o una panca nelle stanze dove gradisce stare e attirarlo lì con l'erba gatta o il cibo, in maniera che lui possa saltare sulla piattaforma e osservare l'intera area dall'alto.
    • Fai capire chiaramente al gatto che quella è la sua zona. Se salta di nuovo sul bancone, spostalo sulla sua panca.
  10. 10
    Gioca spesso con il gattino. Per evitare che si comporti male, integra l'attività fisica nella sua routine dei pasti. Prima di mangiare, stimola i suoi istinti da predatore facendolo giocare con una corda, un nastro, un puntatore laser o qualche altro giocattolo che gradisce. Si tratta di una parte fondamentale della vita quotidiana di un gatto, perché senza questo tipo di stimolazione può diventare di malumore o troppo agitato.
    • Prendi un giocattolo, fai saltare e correre il gatto, prima di dargli il suo pasto. Generalmente, questi animali si lavano e dormono dopo aver mangiato. Gioca con il tuo micio per almeno 20 minuti al giorno o finché lui non perde interesse.

2
Addestrare un Gattino a Mangiare

  1. 1
    Scopri se puoi semplicemente lasciare sempre fuori del cibo per il tuo gatto. Ci sono due filosofie diverse per nutrire il tuo micio e devi scegliere quale adottare secondo la sua personalità. In generale, puoi fare in modo che abbia sempre del cibo a sua disposizione o che possa mangiare solo in momenti particolari; evita, però, di adottare un mix di entrambi gli approcci. Ad alcuni gatti non dispiace avere sempre una ciotola piena di cibo, dalla quale mangeranno finché non si sentiranno sazi. Probabilmente questo è il metodo più semplice, purché tu riesca a controllare la quantità di cibo che il gatto ingerisce.
    • La strategia che prevede di lasciare sempre la ciotola piena imita la dieta del gatto in natura, composta da tanti piccoli spuntini. Un micio che non si annoia, si diverte molto ed è stimolato mentalmente, riesce quasi sempre a controllare il proprio appetito e può essere lasciato libero di mangiare quando ne sente il bisogno.
  2. 2
    Se il tuo gattino ha la tendenza a mangiare troppo, nutrilo a intervalli regolari. Questo problema si manifesta più spesso negli esemplari annoiati o poco stimolati, che cominciano a mangiare come hobby e perdono il controllo della loro dieta.
    • I gatti abituati a questo tipo di alimentazione spesso si lamentano quando il cibo non è presente e per questo è importante che tu li nutra a orari fissi. I cuccioli dovrebbero mangiare quattro volte al giorno fino alle 12 settimane di vita, poi 3 volte al giorno fino ai 6 mesi. In età adulta, puoi dar da mangiare al tuo gatto due volte al giorno, di mattina e di sera, sempre alla stessa ora.[6]
  3. 3
    Nutri il tuo gattino con gli alimenti giusti. I cuccioli spesso raddoppiano o triplicano il loro peso nelle prime settimane di vita e questo significa che devono seguire una dieta più ricca di grassi e di calorie rispetto agli esemplari adulti. Le bustine disponibili in commercio sono specifiche per ogni stadio di sviluppo dell'animale, quindi scegli gli alimenti per cuccioli.
    • Non nutrire un cucciolo con cibo per gatti adulti o viceversa. I due tipi di alimenti hanno contenuti calorici sensibilmente diversi; per questo un cucciolo che mangia cibo per adulti può arrivare a essere denutrito e viceversa un gatto adulto può aumentare troppo di peso.
  4. 4
    Assicurati che il gatto abbia sempre accesso ad acqua pulita. Questi animali si lamentano se non hanno qualcosa di cui hanno bisogno e questa loro abitudine può essere piuttosto fastidiosa nel lungo periodo. Se non vuoi essere costretto ad addestrare due volte il tuo micetto, assicurati di farlo subito nel modo giusto. Sapendo che la sua ciotola dell'acqua è sempre piena, non si lamenterà mai perché ha sete. prenditi cura di tutte le sue esigenze.
  5. 5
    Non dargli da mangiare del cibo preso dal tavolo da pranzo. I micetti non dovrebbero mangiare alcuni alimenti comuni nella nostra dieta, come aglio, cipolle, cioccolato e uva, che sono tossici per loro. Inoltre, nutrendo un gatto direttamente dal tuo piatto, prenderà l'abitudine di avvicinarsi ogni volta che ti siedi a tavola. Dai da mangiare al tuo cucciolo solo cibo per gatti e fallo sempre allo stesso orario.
    • Non dargli mai del latte vaccino. Nonostante sia molto diffusa la credenza popolare che i gattini adorino il latte, questi animali non digeriscono i latticini e ti farebbero trovare delle sorprese disgustose nella lettiera il giorno seguente.
    • I gatti non dovrebbero mangiare il tonno più di una o due volte a settimana. Anche se molti mici adorano questo pesce in scatola, esso non contiene le sostanze nutrienti che servono per la salute della specie. Inoltre, può capitare spesso che questi animali sviluppino una dipendenza dal tonno che li porta a non mangiare più gli altri cibi più adatti alla loro dieta. Sarebbe come se un uomo mangiasse solo patatine fritte.

3
Addestrare il Gattino a Usare la Lettiera

  1. 1
    Procurati una semplice lettiera. I modelli più semplici sono spesso quelli preferiti dai gatti. Basta una vaschetta piena di sabbia pulita e fresca per creare un ambiente invitante per il tuo micetto. Una lettiera complessa e automatizzata potrebbe invece spaventarlo.
    • Allo stesso modo, le lettiere che hanno un coperchio sono utili per contenere lo sporco, ma rendono più difficile l'accesso all'animale. Se non riesci a convincere il tuo gattino a entrare nella lettiera, prova un modello più semplice e scoperto.
    • Se non vuoi raccogliere i suoi bisognini, non acquistare uno di questi animali. Esistono moltissimi prodotti e macchinari pensati per rendere più gradevole questa incombenza, ma la realtà dei fatti è che per far felice il tuo micetto, devi pulire quando sporca.
  2. 2
    Metti il gattino nella lettiera. Se vuoi che la usi, spesso ti basterà metterlo all'interno della vaschetta. I gatti preferiscono liberarsi nelle lettiere, quindi non dovrebbe essere difficile convincere il tuo a farlo.
    • Alcuni addestratori consigliano di sederti insieme al tuo gatto, prendergli le zampine e portarle a contatto con la sabbia, per abituarlo alla sensazione e fargli prendere familiarità con l'ambiente. L'obiettivo è di scatenare la reazione istintiva dell'animale di scavare e coprire i propri escrementi dopo aver usato la lettiera.
    • Se il gattino si agita quando prendi la sua zampa, evita di farlo.
  3. 3
    Metti la lettiera in un luogo tranquillo, preferibilmente nell'angolo di una stanza. Si tratta della posizione migliore, perché l'animale si sente vulnerabile quando fa i bisogni. Con una parete su due lati, il gatto sarà preoccupato a difendersi solo dagli attacchi frontali dei "predatori".
    • Evita anche di mettere la lettiera accanto alla lavatrice o a un altro dispositivo che emette suoni improvvisi o che comincia a muoversi da solo. Se l'elettrodomestico dovesse iniziare la centrifuga quando il gattino è nella lettiera, questo lo spingerebbe a non usarla in futuro.
  4. 4
    Pulisci regolarmente la lettiera. I gatti, sin da cuccioli, desiderano usare la lettiera e non dovrebbe essere difficile convincerli a farlo. Il motivo principale per cui un animale decide di liberarsi fuori dalla vaschetta è perché quest'ultima non è utilizzabile, perché è sporca, perché non è di facile accesso o perché cambi la sabbia con troppa frequenza.
    • Devi pulire la vaschetta tutti i giorni. Usa una paletta per rimuovere le feci e i grumi di urina, poi cambia regolarmente la sabbia per mantenerla fresca. Se noti che la lettiera ha un cattivo odore, per il tuo gatto sarà insopportabile.
  5. 5
    Usa sempre lo stesso tipo di sabbia. Cambiando il contenuto della lettiera confonderesti il tuo gatto. L'ambiente più adatto per questi animali è la sabbia inodore e naturale a base di trucioli di pino.
    • Evita di usare sabbia profumata. Per te avrà un buon odore, ma per il gatto, che ha un olfatto molto più sviluppato di quello dell'uomo, la fragranza sarebbe troppo forte. Questo potrebbe spingerlo a non usare la lettiera.
    • Il gatto deve avere la possibilità di muoversi all'interno della lettiera senza sporcarsi, quindi utilizza una quantità di sabbia adeguata. Questi animali non gradiscono camminare nella propria urina, così come non piace a te.
  6. 6
    Metti solo la sabbia nella lettiera. Non cercare di attirare il gatto con giocattoli, bocconcini o cibo. Questi animali non vogliono mangiare dove fanno i bisogni e mettendo del cibo all'interno della lettiera li confonderesti.

4
Addestrare il Gattino con il Clicker

  1. 1
    Inizia ad addestrare il tuo gatto con il clicker sin da cucciolo.[7] Questo stadio dello sviluppo è ideale per adottare questo tipo di addestramento. Il clicker è uno strumento che emette un click, utilizzabile per segnalare all'animale il momento esatto in cui ha compiuto un comportamento da ripetere. Si tratta di un metodo di addestramento molto efficace per insegnare al gatto a seguire i tuoi ordini.
  2. 2
    Associa il suono del clicker a una ricompensa in cibo. Comincia con un click e dai al tuo gattino un bocconcino. Quando fai suonare lo strumento e dai da mangiare all'animale, formerà una connessione tra il rumore e la ricompensa. Il micetto inizierà a venire verso di te aspettandosi il premio e a quel punto dovrai premere il clicker prima di darglielo. Continua a ripetere questo schema finché non sei certo che l'animale abbia imparato ad associare il suono alla ricompensa.
    • I bocconcini sono ricompense ideali, ma alcuni gatti non sono motivati dal cibo. Tuttavia, ogni esemplare è ghiotto almeno di un alimento, quindi ti basta scoprire quale sia il suo preferito.
    • Sperimenta con diversi cibi, inclusi prosciutto, tonno, pollo, pesce, bistecca di manzo e gamberi. Saprai di aver trovato l'alimento giusto, quando il gattino lo fa sparire in un secondo e miagola per averne ancora.
  3. 3
    Addestra il gattino quando non ha la pancia piena, perché sarebbe meno attratto dalle ricompense in cibo. Per cominciare, offrigli un bocconcino e nel momento esatto in cui lo prende, premi il clicker. Ripeti questo esercizio tre o quattro volte, poi riprendi l'addestramento nella sessione seguente, ripetendo quanto hai appena fatto.
  4. 4
    Indica i comportamenti desiderati con il suono del clicker. Quando il gattino ha imparato ad associare il click con un bocconcino, puoi cominciare a far suonare lo strumento come promessa di un premio solo quando l'animale si comporta bene.
  5. 5
    Una volta che il gatto ha terminato la sua azione, fai click e dagli un bocconcino, in modo che colleghi l'atto con la ricompensa. Puoi persino utilizzare un comando verbale, come "Seduto", in maniera da completare l'addestramento.

5
Addestrare il Gattino a Venire da Te a Comando

  1. 1
    Impegnati ad addestrare il tuo gattino a venire da te a comando, anche se serviranno tempo e dedizione. Questo insegnamento può essere molto utile per l'animale e può aiutarti a ritrovarlo se dovessi perderlo di vista.
    • In molti casi, un gattino che si perde è terrorizzato e come reazione istintiva, cerca di nascondersi sotto qualcosa. Tuttavia, se il gatto è addestrato a venire da te a comando, può riuscire a superare il suo istinto naturale che lo spinge a restare nascosto quando ha paura.
  2. 2
    Organizza sessioni di addestramento brevi ma frequenti. Si tratta del metodo più efficace per ottenere dei buoni risultati. I gatti hanno una soglia dell'attenzione inferiore a quella dei cani e quasi tutti inizieranno a distrarsi dopo circa cinque minuti. Il programma migliore prevede tre sessioni da cinque minuti al giorno o, in alternativa, brevi sessioni improvvisate quando il gatto ti sta vicino e ha voglia di giocare.
  3. 3
    Scegli una parola d'ordine per richiamare il gattino. Mentre l'animale si muove verso di te, pronuncia il comando che hai deciso di utilizzare. Scegli una parola che il gatto non sentirà in alcun altro contesto, magari un termine inventato o insolito.
    • È meglio NON usare il nome del gatto per chiamarlo, perché lo pronuncerai già in altre circostanze. Questo potrebbe confonderlo, perché quando gli dici "Fufi è proprio un bel gatto" e non cerchi di farlo venire da te, l'ordine perderebbe parte del suo potere.
  4. 4
    Usa l'addestramento con il clicker per insegnare al gattino a venire da te a comando. Pronuncia l'ordine e appena l'animale si gira verso di te, usa il clicker, per segnalargli il momento in cui ha compiuto un'azione desiderata. Dagli subito un premio quando arriva. Se ripeti l'addestramento con regolarità, il micio imparerà a seguire i tuoi ordini dopo qualche sessione.
    • Puoi sfruttare questo principio per addestrare il tuo gatto a compiere tutte le azioni che desideri, come saltare giù da una superficie o darti la zampa.

6
Addestrare il Gattino a Non Graffiare

  1. 1
    Assicurati che il gattino abbia un oggetto da poter graffiare. Se sei preoccupato che l'animale possa graffiare i tuoi abiti o i mobili di casa, devi fornirgli uno strumento apposito dove farsi le unghie. In generale, dei tiragraffi all'aroma di erba gatta o una tavola di cartone con sotto dell'erba gatta sono le soluzioni migliori.
    • I gatti devono usare le unghie per mantenerle sane e della lunghezza desiderata, quindi hanno bisogno di qualcosa da graffiare. Non c'è motivo di punire un animale che graffia qualcosa, perché non è mosso dalla cattiveria, ma dalla necessità.
  2. 2
    Ricompensalo quando utilizza il tiragraffi. Se noti che si fa le unghie sul palo di legno, dagli un bocconcino, in modo da rinforzare il suo comportamento.
  3. 3
    Tieni una bottiglia spray a portata di mano. Spruzzare dell'acqua sul gatto è un ottimo modo per impedirgli di graffiare gli oggetti più preziosi della casa. Grazie a questo stratagemma, lo farai allontanare subito dall'area. Dopo aver bagnato l'animale, nascondi la bottiglia. Se capisce che sei stato tu, potrebbe aver paura di te.
  4. 4
    Usa dell'olio di menta sulle zone che vuoi proteggere dai graffi del tuo gatto. Applicando una piccola quantità di olio essenziale di menta sulla zona che vuoi proteggere, terrai lontano il tuo micio. Questa soluzione è ideale per tenere i gattini lontani dalle zone che non devono frequentare.
    • L'aroma di menta è un repellente naturale per i gatti, che non lo gradiscono. Non è pericoloso per loro, ma lo trovano semplicemente sgradevole.
    • Assicurati di fare attenzione quando applichi dell'olio essenziale sulle superfici che potrebbero essere danneggiate. Prova il prodotto su un punto nascosto dell'area prima di applicarlo su uno visibile.

Consigli

  • Fai divertire il tuo gattino agitando un filo o uno spago davanti a lui. Sarà molto felice.
  • Cerca di osservare con attenzione il tuo gattino, valutando le sue cattive abitudini. Pensa ai metodi che puoi adottare per correggere i comportamenti negativi e rinforzare quelli positivi.
  • Se sei affettuoso con il tuo gattino, lui lo sarà con te.
  • Gioca spesso con il tuo gattino e chiamalo per nome, in modo da insegnarglielo.
  • Non tenere il micetto chiuso in una piccola gabbia. Si agiterebbe e potrebbe morderti.

Avvertenze

  • Sii paziente! I gattini impiegano molto tempo per imparare, ma vale la pena di addestrarli.

Cose che ti Serviranno

  • Lettino
  • Lettiera
  • Sabbia
  • Tiragraffi
  • Ciotole
  • Cibo per cuccioli

Fonti e Citazioni

  1. Feline behavior: A guide for veterinarians. Bonnie Beaver. Publisher: Saunders
  2. Feline behavior: A guide for veterinarians. Bonnie Beaver. Publisher: Saunders
  3. Feline behavior: A guide for veterinarians. Bonnie Beaver. Publisher: Saunders
Mostra altro ... (4)

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Gatti

In altre lingue:

Español: entrenar a tu gatito, Português: Treinar um Filhote de Gato, Русский: дрессировать котенка, Français: éduquer un chaton, Deutsch: Ein Kätzchen erziehen, Bahasa Indonesia: Melatih Anak Kucing, Čeština: Jak vycvičit kotě, Tiếng Việt: Huấn luyện Mèo con, 中文: 训练幼猫, ไทย: ฝึกลูกแมว, 한국어: 새끼 고양이 훈련시키는 법

Questa pagina è stata letta 12 258 volte.

Hai trovato utile questo articolo?