Se un gatto viene allevato principalmente all'aperto, di solito pratica il suo naturale comportamento predatorio. Questo significa che sarà molto utile per eliminare i roditori fastidiosi vicino a casa, al giardino o al fienile. Anche gli esemplari che stanno all'aperto devono comunque essere nutriti e ti devi prendere cura di loro. Tuttavia, con un po' di incoraggiamento diventeranno abilissimi cacciatori di roditori.

Parte 1 di 3:
Scegliere un Gatto

  1. 1
    Decidi che tipo di gatto allevare. I gatti che vivono all'aperto sono diversi da quelli che escono di casa di tanto in tanto.[1] Quasi tutti questi felini seguono i loro istinti predatori se lasciati liberi. Tuttavia, gli esemplari abituati a vivere sempre all'aperto sono più bravi a sopravvivere rispetto a quelli che escono solo saltuariamente. Se desideri trasformare il tuo animale domestico in un cacciatore di roditori, è meglio farlo vivere fuori di casa.
    • I gatti a pelo corto sono i più adatti alla caccia dei roditori, perché non dovrai preoccuparti che il pelo diventi infeltrito, arruffato o che si impigli da qualche parte.
    • Le femmine sono cacciatrici più efficienti dei maschi.
  2. 2
    Prendi un gatto. Quasi tutti gli esemplari possono diventare cacciatori. Tuttavia, molti rifugi per animali hanno a disposizione gatti randagi, che sono ideali alla vita all'aperto. Sono abituati a passare il tempo fuori di casa e sono persino felici di farlo. Inoltre, non hanno bisogno di costante compagnia umana.[2][3]
    • Considera di prendere più di un gatto da tenere fuori casa. Saranno più felici se avranno un compagno con cui acciambellarsi, pulirsi a vicenda e cacciare.
    • I micetti non sono in grado di cacciare da subito. Sono anche più vulnerabili ai predatori come gufi e lupi.[4][5] Per questo motivo è meglio scegliere un gatto che ha già le dimensioni di un coniglio adulto se lo vuoi addestrare a cacciare.
  3. 3
    Fai controllare il gatto dal veterinario. Una volta scelto il futuro cacciatore, portalo dal veterinario per una visita. Il medico si assicurerà che l'esemplare sia in buona salute, si occuperà delle vaccinazioni e delle cure necessarie.[6]
    • Sterilizzare un gatto che vive all'aperto non lo rende un cacciatore meno efficiente. Tuttavia, ridurrà la sua tendenza a girovagare, portandolo a trascorrere più tempo nella tua proprietà.[7]
    • Il tuo veterinario può anche inserire un minuscolo microchip nel tuo gatto per identificarlo.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Addestrare il Gatto

  1. 1
    Assicurati di provvedere ai bisogni primari del tuo gatto. Anche se passano la maggior parte del tempo all'aperto, i gatti cacciatori hanno comunque bisogno di un riparo e di approvvigionamenti regolari di cibo e acqua. Quando porti a casa l'animale per la prima volta, avrà bisogno anche di una lettiera.[8][9][10]
    • Puoi usare mangiatoie e abbeveratoi automatici, altrimenti assicurati di rifornire le scorte del gatto tutti i giorni.
    • Il riparo dedicato all'animale dovrebbe essere di facile accesso, coperto, asciutto, protetto dal vento, dal freddo e dal calore. Le scelte migliori includono un fienile, un capanno o una cuccia.
    • Assicurati che il tuo gatto possa dormire in un luogo in cui non sarà disturbato da cani, automobili e bambini.
  2. 2
    Inizia l'addestramento del tuo gatto in una gabbia. Quando lo porti a casa per la prima volta, sarà stressato, perché dovrà imparare a conoscere l'ambiente circostante. Proteggilo e impediscigli di scappare tenendolo in una grande gabbia o in un'altra zona recintata.[11][12] Posizionala vicina al riparo dedicato all'animale, in modo che associ quell'area con la sua casa.
    • Assicurati che la zona recintata sia abbastanza grande perché l'animale possa muoversi, allungarsi e fare attività fisica. Dovrebbe anche essere protetto dal caldo, dal freddo, dalla pioggia, eccetera.
    • Puoi chiedere in prestito una gabbia al rifugio per animali più vicino.
    • Controlla regolarmente il gatto. Riempi le ciotole dell'acqua, del cibo e svuota la lettiera quando serve.
    • Dai dei giocattoli all'animale in modo che non si annoi, oltre a nutrirlo con bocconcini, così che associ la sua nuova casa con belle sensazioni.
    • Metti degli asciugamani o delle coperte nella zona recintata, in modo che il gatto si senta più a suo agio. Scegli oggetti che hai toccato, così che l'animale si abitui al tuo odore.
    • Passa un po' di tempo con il gatto, in modo che si abitui alla tua presenza e al suono della tua voce. Tuttavia, non tentare di accarezzarlo o di prenderlo in braccio se ti sembra spaventato o aggressivo. Alla fine, l'animale imparerà a fidarsi di te.
  3. 3
    Lascia libero il gatto. Dopo una settimana circa, sarà pronto a muoversi da solo. Apri lo sportello dell'area in cui l'avevi rinchiuso e lascia che esca di sua iniziativa. Potrebbe scomparire per un giorno o due per esplorare. Non spostare la gabbia e continua a rifornirla di cibo e acqua. Il gatto tornerà per nutrirsi.
    • Una volta che l'animale ti sembra a suo agio nel nuovo ambiente, puoi rimuovere la gabbia e lasciargli usare il riparo permanente che hai allestito.
  4. 4
    Osserva il gatto che dà la caccia ai roditori. Questi animali cacciano persino se sono nutriti regolarmente, perché hanno istinti predatori.[13] Non dovrai addestrarlo perché lo faccia.
    • I gatti sono opportunisti. I roditori sono più facili da cacciare rispetto agli altri animali, come gli uccelli, quindi i felini attendono che i topi e i ratti emergano dalle loro tane e da altri nascondigli.[14]
    • Alcuni gatti portano in "dono" i roditori che hanno ucciso ai loro padroni umani. Altri li mangiano, o li lasciano da qualche parte.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Prenderti Cura del Tuo Gatto

  1. 1
    Continua a prenderti cura dei bisogni primari del tuo gatto. Anche se hai un cacciatore professionista, devi comunque dargli costantemente acqua e cibo. La convinzione che i gatti non caccino se li nutri è una pura diceria.[15][16] Assicurati che il riparo dell'animale sia asciutto e confortevole; se ha freddo, metti delle coperte o della paglia all'interno.
    • Assicurati che il gatto abbia sempre a disposizione cibo secco. Se lo nutrirai anche con cibo umido di notte, lo attirerai nel suo riparo, lontano da predatori come lupi e gufi.
  2. 2
    Passa un po' di tempo con il tuo gatto. Gli esemplari che vivono all'aperto sono più solitari di quelli abituati a stare in casa. Tuttavia, apprezzano comunque le attenzioni, quindi assicurati di accarezzarli e giocare spesso con loro.
    • In alcuni casi, i gatti che vivono all'aperto spariscono per un giorno o due, girovagando o esplorando. Di solito ritornano.[17] Se non vedi il tuo gatto da troppo tempo, cercalo, per assicurarti che stia bene.
  3. 3
    Porta il gatto dal veterinario. Gli esemplari che vivono all'aperto hanno bisogno di controlli regolari, vaccinazioni e cure preventive.[18] Dato che restano spesso fuori di casa, sono più esposti al rischio di infortuni e malattie, quindi tienili d'occhio.[19]
    • Il veterinario può suggerirti trattamenti specifici per il tuo gatto, in modo da prevenire problemi con pulci, zecche, vermi e altri parassiti.
    Pubblicità

Consigli

  • Un cacciatore che mangia le proprie prede deve essere sverminato tutti i mesi per i nematodi (o vermi tondi) e ogni tre mesi per le tenie.

Pubblicità

Avvertenze

  • I gatti possono contrarre la toxoplasmosi, in alcuni casi cacciando e mangiando animali selvatici. Anche se molti esemplari diventano immuni alla malattia, quest'ultima può essere trasmessa agli umani attraverso il contatto accidentale con le feci o la lettiera (oltre che con la gestione scorretta della carne cruda). Quasi tutte le persone sono immuni alla toxoplasmosi, ma i bambini e chi ha il sistema immunitario debole devono fare particolarmente attenzione quando si occupano della lettiera dei gatti.
  • Le donne incinte non dovrebbero mai maneggiare la lettiera o le feci dei gatti, perché questo parassita provoca deformità alla nascita.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Viziare il Gatto

Come

Capire se il tuo Gatto ha i Vermi

Come

Sapere se il vostro Gatto non sta Bene

Come

Tenere Lontani i Gatti

Come

Determinare il Sesso di un Gattino

Come

Rimuovere l'Odore di Urina del Gatto

Come

Preparare in Casa un Repellente Per Gatti

Come

Stabilire l'Età di un Gatto

Come

Evitare che il Gatto usi il Giardino come Lettiera

Come

Addestrare un Gatto

Come

Sverminare un Gattino

Come

Trovare un Gatto Smarrito

Come

Comunicare con il vostro Gatto

Come

Liberare il Gatto dagli Acari alle Orecchie
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Pippa Elliott, MRCVS
Co-redatto da
Veterinaria
Questo articolo è stato co-redatto da Pippa Elliott, MRCVS. Laureata in Scienze Veterinarie e membro del Royal College of Veterinary Surgeons, la Dottoressa Elliott ha oltre 30 anni di esperienza nel settore della chirurgia veterinaria e nella pratica della medicina per animali di compagnia. Ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia veterinaria alla University of Glasgow nel 1987. Lavora da più di 20 anni presso la stessa clinica veterinaria della sua città natale.
Categorie: Gatti
Questa pagina è stata letta 756 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità