Il riccio è noto per il caratteristico muso appuntito, le orecchie rotonde e gli aculei di cui è ricoperto. Può essere un fantastico animale domestico; tuttavia, prima di goderti tutto quello che il tuo piccolo amico spinoso ha da offrire, devi addomesticarlo, ovvero insegnargli a sentirsi tranquillo e a proprio agio quando è con te. Fortunatamente, esistono diversi modi con cui guadagnarti la sua fiducia e il suo affetto: farlo abituare al tuo odore, premiarlo con dei bocconcini e fare in modo che si senta al sicuro.

Parte 1 di 3:
Abituarlo al Tuo Odore

  1. 1
    Prendilo in mano tutti i giorni per farlo abituare al tuo odore. I ricci non hanno una buona vista, quindi si affidano moltissimo all'olfatto per identificare le persone e gli altri animali. Una volta che si è abituato al tuo odore, comincerà a riconoscerti e a sentirsi più tranquillo in tua presenza.[1]
    • Per prenderlo, metti una mano sotto il suo addome e sollevalo delicatamente. Dopo di che puoi tenerlo in mano oppure sederti e mettertelo in grembo.[2]
    • Tienilo in mano per almeno mezz'ora ogni giorno.
  2. 2
    Evita di indossare guanti protettivi mentre lo tieni in mano. Gli renderesti più difficile annusarti e quindi abituarsi a te. I suoi aculei non sono abbastanza aguzzi da ferirti, perciò puoi tranquillamente maneggiarlo senza guanti.[3]
    • Se temi comunque di pungerti, puoi indossare i guanti solo quando lo tiri fuori dalla gabbia e sfilarli una volta che si è rilassato tra le tue mani.
  3. 3
    Metti un tuo vecchio capo di abbigliamento nella gabbia. Dev'essere usato e non lavato; una maglietta o dei pantaloncini andranno bene. Lo scopo è aiutare il riccio ad abituarsi a te rendendo il tuo odore una presenza costante all'interno della gabbia.[4]
    • È importante che i vestiti non abbiano chiusure lampo, bottoni o lacci con cui il riccio potrebbe ferirsi.
  4. 4
    Evita di usare prodotti profumati mentre lo addomestichi. La chiave per farlo sentire a proprio agio con te è abituarlo al tuo odore, e le tracce di profumo lo confonderebbero. Evita di metterti profumi o di usare bagnoschiuma, creme o prodotti per capelli profumati finché il riccio non si è abituato alla tua presenza.[5]
    • Cerca prodotti estetici o per l'igiene che abbiano un odore neutro.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Dargli dei Bocconcini

  1. 1
    Dagli dei bocconcini ogni volta che si srotola. Quando sono spaventati o si sentono minacciati, i ricci si appallottolano su se stessi. Se il tuo riccio abbandona quella posizione quando lo tieni in mano o in grembo, vuol dire che si sente al sicuro. Premia quel comportamento con del cibo; in questo modo imparerà ad associare il tempo trascorso con te a una sensazione di sicurezza e a una ricompensa.[6]
    • Tieni i bocconcini a portata di mano quando prendi il riccio, in modo da essere rapido nel premiarlo.
  2. 2
    Dagli cibi di cui è ghiotto. Uno dei modi migliori per conquistare la sua fiducia e il suo affetto è proporgli bocconcini che gli piacciano e che voglia mangiare ancora. Dato che in natura i ricci sono animali insettivori ("che si nutrono di insetti"), delle ottime opzioni sono i grilli o i vermi essiccati a freddo.[7]
    • Puoi acquistarli online o presso un negozio di animali.
    • In alternativa, puoi dargli dei piccoli pezzi di frutta e verdura, come il mais, le mele e le carote.
  3. 3
    Non farlo mangiare troppo. I ricci sono inclini all'obesità, quindi dovresti fare attenzione a non dargli troppi bocconcini. Dagliene al massimo 2-3 per ogni sessione di coccole.[8]
    • Se ti sembra che stia prendendo molto peso, riduci la quantità giornaliera di bocconcini.
    • Se quando si appallottola riesci ancora a vedere il muso, le orecchie o le zampe, significa che è sovrappeso.[9]
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Evitare di Spaventarlo

  1. 1
    Non proiettare la tua ombra su di lui quando lo prendi in mano. Dato che la loro vista è scarsa, i ricci sono molto sensibili alle luci intense e alle ombre. Quando lo prendi, cerca di non proiettare un'ombra su di lui, o potresti spaventarlo.[10]
    • Fai attenzione alle fonti di luce vicine. Per esempio, se c'è una lampada vicino alla gabbia, evita di posizionarti davanti ad essa quando devi prendere in mano il riccio.
  2. 2
    Evita di fare rumore quando lo tieni in mano. I ricci sono molto sensibili ai rumori forti, proprio come alla luce e alle ombre. Cerca di rimanere quanto più possibile calmo e silenzioso mentre lo tieni in mano, in modo da non spaventarlo.[11]
    • Evita di urlare, ascoltare la musica ad alto volume, sbattere le porte o le ante dei mobili o far cadere gli oggetti.
  3. 3
    Lascia che si abitui a te con i suoi ritmi. Cercare di velocizzare il processo di addomesticamento non farà che renderlo più lungo. Non forzare il riccio a prestarti attenzione; potrebbe spaventarsi o sentirsi minacciato. Concedigli invece tutto il tempo che gli serve per abituarsi al tuo odore e alla tua presenza. Arriverà il momento in cui si sentirà al sicuro con te!
    Pubblicità

Consigli

  • Se gli aculei aderiscono al corpo, vuol dire che il riccio è tranquillo e a proprio agio.[12]

Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Tenere gli Inseparabili (Pappagallini) come Animali Domestici

Come

Sopravvivere all'Attacco di un Lupo

Come

Convincere i Tuoi Genitori a Prenderti un Cane

Come

Capire il Tuo Coniglietto

Come

Accudire un Coniglio

Come

Prenderti Cura della Tua Coccinella

Come

Capire se il Criceto sta Morendo

Come

Addestrare un Coniglio

Come

Prendersi Cura di un Criceto

Come

Prendersi Cura di un Riccio

Come

Seppellire un Animale Domestico

Come

Creare un Habitat per le Tartarughe di Terra

Come

Educare un Coniglio a Usare la Lettiera

Come

Capire se il Coniglio si Sente Solo
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Pippa Elliott, MRCVS
Co-redatto da:
Veterinaria
Questo articolo è stato co-redatto da Pippa Elliott, MRCVS. Laureata in Scienze Veterinarie e membro del Royal College of Veterinary Surgeons, la Dottoressa Elliott ha oltre 30 anni di esperienza nel settore della chirurgia veterinaria e nella pratica della medicina per animali di compagnia. Ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia veterinaria alla University of Glasgow nel 1987. Lavora da più di 20 anni presso la stessa clinica veterinaria della sua città natale. Questo articolo è stato visualizzato 29 689 volte
Categorie: Animali
Questa pagina è stata letta 29 689 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità