Molte persone amano condividere la propria vita con gli animali e i gatti sono tra gli animali domestici più comuni. Adottare un nuovo animale è una prospettiva emozionante, ma è importante ricordare che i gatti sono esseri viventi con molte esigenze. Se vuoi averne uno, devi assumerti la responsabilità di fargli da padrone e scegliere l'esemplare giusto per te e il tuo stile di vita, in modo che entrambi siate felici insieme!

Parte 1 di 4:
Considerare i Bisogni di un Gatto

  1. 1
    Chiediti perché vuoi un gatto. È importante capire il motivo del tuo desiderio, in modo da scegliere l'esemplare migliore da portare a casa. Ecco alcune delle ragioni più comuni:
    • Desideri amore incondizionato e compagnia costante.
    • Vuoi riempire il vuoto lasciato da un altro animale domestico o da un partner.
    • Vuoi un amico per tuo figlio e allo stesso tempo desideri insegnargli il concetto di responsabilità.
    • Vuoi prenderti cura di qualcuno tutti i giorni.
  2. 2
    Considera se sei pronto a un impegno a lungo termine. Avere un animale domestico è una grande responsabilità e un gatto può restare nella tua vita per 15-18 anni. È importante sapere che per i prossimi 10 anni e oltre sarà un compagno e un obbligo costante. Assicurati di essere disposto a prenderti cura di lui per tutta la sua vita prima di continuare.
  3. 3
    Decidi se puoi permetterti di avere un gatto. Oltre al costo iniziale dell'animale, che può essere molto alto se decidi di rivolgerti a un allevatore, devi considerare anche le altre spese di mantenimento. Ricorda che dovrai comprargli il cibo, le visite dal veterinario, il microchip, l'identificazione e altri imprevisti, che possono rappresentare una bella somma. L'ASPCA, l'associazione americana per la prevenzione della crudeltà sugli animali, stima che il primo anno di un gatto costa al proprio padrone circa 1.035 $.[1]
  4. 4
    Considera altre complicazioni di prendersi cura di un gatto. Potresti desiderare davvero un animale domestico e potertelo permettere, ma ci sono alcuni altri requisiti a cui devi pensare prima di decidere se un gatto è la scelta giusta per te:[2]
    • Hai altri animali domestici? Come reagirebbero alla presenza di un nuovo gatto?
    • Puoi tenere gatti nella tua residenza attuale?
    • Considerando i tuoi impegni sociali e professionali, avrai tempo per prenderti cura del tuo nuovo gatto e di dargli le giuste attenzioni?
    • Chi accudirà il tuo gatto quando andrai in vacanza?
    • Tu o altre persone che avranno a che fare spesso con il gatto avete allergie a quegli animali, ai loro peli, alla polvere o alla loro forfora?
    • Hai dei bambini piccoli per cui è meglio adottare un gatto con un temperamento particolare?
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Decidere Dove Cercare il Gatto Perfetto

  1. 1
    Vai a un rifugio per animali. Quasi tutti gli esemplari nei rifugi sono dei meticci, ma è possibile trovare anche gatti di razza. Adottare un trovatello significa che l'animale è stato già controllato da un veterinario e di solito sterilizzato. Si tratta di una delle opzioni meno costose e adottando un gatto senza famiglia gli darai una seconda possibilità, facendo una buona azione.[3]
  2. 2
    Contatta un gruppo di recupero di animali abbandonati. Esistono molte organizzazioni dedicate al salvataggio dei gatti e alla ricerca di qualcuno che possa adottarli. Alcune organizzazioni lavorano con tutti i tipi di gatti, mentre altre si concentrano su razze specifiche. Fai delle ricerche su internet oppure contatta il rifugio per animali locale per ricevere dei suggerimenti, perché spesso quelle organizzazioni lavorano insieme. Molti enti offrono i gatti gratuitamente e chiedono solo una donazione di pochi euro.[4]
  3. 3
    Evita i negozi di animali. Fai molta attenzione se decidi di acquistare un gatto da un negozio. Molti di quei micetti arrivano da aziende che si concentrano sul produrre gatti in massa invece di allevare in sicurezza poche cucciolate di qualità. Spesso questi esemplari nascono con anomalie congenite e vengono allevati in spazi affollati e stretti, sviluppando di conseguenza problemi comportamentali. Inoltre costano anche molto di più rispetto ai gatti che puoi trovare nei rifugi, spesso arrivando fino a centinaia di euro.[5]
  4. 4
    Fai delle ricerche sugli allevatori. Se hai in mente una razza particolare, fai delle ricerche approfondite per trovare un allevatore professionista con un'ottima reputazione. Dato che i gatti di razza sono molto costosi (nell'ordine di centinaia o persino migliaia di euro), assicurati di fare delle ricerche sui prezzi medi, in modo da sapere se la cifra che ti viene chiesta è ragionevole.[6]
  5. 5
    Prendi un randagio. La prima cosa da fare è verificare che si tratti davvero di un randagio; cerca nel tuo quartiere i volantini di gatti persi o smarriti, contatta i rifugi locali e porta l'esemplare dal veterinario per controllare se ha un microchip. Se si tratta davvero di un randagio, è molto importante portarlo dal veterinario per verificare che non abbia malattie e perché venga subito sterilizzato.[7]
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Scegliere il Gatto Migliore

  1. 1
    Fai delle ricerche sui temperamenti delle varie razze. Ogni razza ha caratteristiche distinte ed è importante fare delle ricerche per capire qual è la più adatta al tuo stile di vita. Anche se meno del 10% dei gatti sono considerati "purosangue" di un'unica razza, conoscere i vari gruppi ti sarà molto utile persino per adottare un semplice gatto di casa:[8]
    • Razze naturali: questi gatti hanno pellicce lunghe e spesse, sviluppate nei climi freddi; corpi squadrati e robusti; sono i più sedentari tra i tre gruppi di purosangue. Le razze più comuni di questo gruppo includono Maine Coon, Persiani, americani e britannici a pelo corto.
    • Ibride: considerati un gruppo di mezzo, questi gatti hanno occhi leggermente ovali; teste a forma di cuneo; corpi più magri e muscolosi rispetto alle altre razze. Hanno livelli di energie più bassi, tranne gli Abissini, che sono molto dinamici. Altre razze comuni di questo gruppo sono il blu di Russia e l'Ocicat.
    • Gli orientali: questi gatti sono nati in climi più caldi, quindi hanno bassi livelli di grasso corporeo, pellicce più leggere, gambe, code, orecchie e corpi molto lunghi. Gli esemplari di questo gruppo sono i più attivi e comunicativi tra tutti i gruppi. Le razze più comuni sono Siamese, Burmese e Cornish rex.
  2. 2
    Considera l'età del gatto più adatta alle tue esigenze. È importante valutare quanto tempo hai per giocare con il tuo gatto e addestrarlo, oltre alle aspettative che hai sul suo comportamento. Se lavori a tempo pieno o hai dei bambini piccoli, è meglio adottare un gatto già adulto, dato che i micetti richiedono molto lavoro e attenzioni. Se non hai mai avuto un gatto prima d'ora, evita gli esemplari che hanno bisogno di molte cure, perché potrebbero rappresentare una sfida troppo ardua per un principiante.
  3. 3
    Trova un gatto dalla personalità compatibile con la tua. Una volta fatte le ricerche per capire qual è la razza migliore per il tuo stile di vita, devi sapere che si tratta solo di un'indicazione generale. Assicurati di conoscere il gatto di persona e di interagire con lui prima di prendere una decisione. Inoltre, i dipendenti che si occupano delle adozioni nei rifugi per animali spesso possono consigliarti nel migliore dei modi per trovare un gatto dalla personalità simile alla tua.[9]
  4. 4
    Chiedi come fare le presentazioni all'allevatore o ai dipendenti del rifugio. È molto importante che il tuo nuovo gatto si senta al sicuro e a suo agio quando interagisce con le altre persone e gli animali che fanno già parte della tua vita. Quando ti rechi dall'allevatore o al rifugio, assicurati di portare con te i tuoi figli, la tua partner o le altre persone che avranno costantemente contatti con l'animale. Se hai già degli animali domestici, chiedi quale sia il modo migliore per farli conoscere al nuovo gatto e se possono verificarsi dei problemi.[10]
  5. 5
    Nota i segnali evidenti di malattia. Un allevatore conosce perfettamente la storia e le tendenze di un gatto, mentre nei rifugi i dipendenti possono solo ipotizzare quali malattie abbia avuto in passato, in modo da valutare il suo stato attuale. Anche se nessun rifugio dà in adozione gatti malati, è comunque importante conoscere i segni più comuni di malattia in questi animali, in modo da poter fare domande e osservazioni:[11]
    • I cambiamenti nell'assunzione di acqua (come bere meno o di più) possono indicare che un gatto ha il diabete o una malattia renale.
    • La perdita o l'aumento di peso improvvisi nonostante abitudini alimentari normali possono indicare diabete o ipertiroidismo.
    • L'alito cattivo può indicare malattie e problemi ai denti o un disturbo di digestione, mentre l'alito dolce o fruttato può indicare il diabete.
    • Fai attenzione alle abitudini di igiene del gatto. Se un esemplare che era sempre curato inizia ad apparire trasandato, è un segnale certo di malattia. In alternativa, un gatto che si occupa troppo della pulizia può essere molto stressato, ansioso, in preda al dolore o con allergie.
  6. 6
    Inizia a fare i preparativi per portare il tuo gatto a casa. Prima di portarlo da te, fissa una visita da un veterinario locale per i giorni seguenti. Assicurati di chiedere le cartelle cliniche dell'animale all'allevatore o al rifugio! Prepara la casa e acquista tutto quello che servirà. Per un elenco, leggi la sezione "Cose che ti Serviranno".
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Portare il Gatto a Casa

  1. 1
    Prepara una zona per il tuo gatto. Dato che questi animali sono molto territoriali, per loro può essere estremamente stressante arrivare in una nuova casa piena di odori sconosciuti e spazi bui. Per aiutarlo nella transizione, crea l'ambiente ideale per lui:[12]
    • Trova un piccolo ambiente che il gatto possa considerare la propria casa per i primi giorni o settimane, meglio se con spazio sufficiente per la ciotola dell'acqua, per quella del cibo e per la lettiera, oltre a un posto in cui tu possa sederti e interagire con lui (lentamente almeno in principio).
    • Riempi la lettiera con circa 6 cm di sabbia e mettila all'interno del piccolo spazio riservato al gatto, in modo che possa utilizzarla senza essere disturbato (per esempio, metti una tovaglia sopra il bordo di un bancone, come se fosse una tenda).
    • Tieni separate la ciotola dell'acqua e quella del cibo dalla lettiera.
    • Assicurati che il gatto abbia qualcosa da graffiare, come un palo o un tappetino che puoi acquistare nei negozi di animali e tienine uno in tutte le stanze. Se necessario, incoraggia l'animale a graffiare quegli oggetti (invece del divano) usando dell'erba gatta.
  2. 2
    Introduci il gatto nella sua nuova casa in un ambiente controllato. Chiudi le porte e lascia che ascolti e annusi l'ambiente, senza farlo uscire dalla gabbietta se sono presenti altri animali o bambini piccoli. Mostragli l'area speciale che hai creato per lui e dove si trovano la lettiera, il lettino e il cibo.
  3. 3
    Presenta il nuovo gatto agli altri animali lentamente. I gatti sono molto territoriali, quindi le presentazioni devono essere graduali. Tieni gli animali in stanze separate e inizia a fargli conoscere l'odore dell'altro strofinandoli con un asciugamano che passerai tra loro. Nutrili dai lati opposti di una porta chiusa e inizia ad aprirla lentamente in vari orari della giornata. Ricorda che possono servire settimane o mesi perché si abituino a stare insieme![13]
  4. 4
    Aspettati un po' di nervosismo nei primi giorni. Probabilmente il gatto si nasconderà e non mangerà molto per i primi giorni o persino per settimane. Se hai altri animali domestici, considera che potrebbero volerci mesi perché si abituino al nuovo gatto. Non costringerlo a interagire con te e accetta il fatto che alcuni esemplari si nasconderanno e non si avvicineranno finché sarai presente.[14] Just give the cat time!
  5. 5
    Prenditi cura del tuo gatto. Anche se si nasconde, assicurati di dargli da mangiare due volte al giorno e che abbia sempre a disposizione acqua fresca. Se è timido e non mangia durante il periodo di adattamento, è molto importante che almeno resti idratato.[15]
  6. 6
    Porta il gatto dal veterinario entro una settimana dall'adozione per una visita di controllo. Se necessario, fallo vaccinare e sverminare. Assicurati di fornire al medico le cartelle cliniche che hai ricevuto dall'allevatore o dal rifugio. È molto consigliato anche l'impianto di un microchip, in modo che il gatto possa essere identificato se avrà bisogno di un intervento chirurgico o se scapperà.
  7. 7
    Cerca di capire se il gatto si sta abituando al nuovo ambiente. Nota quando inizia a esplorare la casa fuori dalla zona dedicata a lui, se apre delle porte e amplia il suo raggio d'azione. Assicurati di non spaventarlo in questa fase! Se è pronto a giocare, non farlo annoiare, dandogli giocattoli e interagendo con lui.[16] Cats love to play!
  8. 8
    Goditi il tuo gatto! Dopo aver fatto delle ricerche sul tipo di gatto più adatto a te, dopo averlo cercato e acquistato, dopo aver preparato la tua casa per lui e aver atteso con pazienza il suo ambientamento, puoi goderti la compagnia e l'amore del tuo nuovo animale domestico! Il legame che condividerete sarà meraviglioso e duraturo.
    Pubblicità

Consigli


Pubblicità

Avvertenze

  • Se vuoi regalare un gatto, assicurati di far partecipare il destinatario al processo di adozione. Puoi avere ottime intenzioni quando decidi di sorprendere qualcuno con un gatto, ma in quel modo il futuro padrone e l'animale non avrebbero tempo di conoscersi, un aspetto fondamentale per l'adozione di un gatto.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Ciotola dell'acqua e del cibo
  • Cibo per gatti, umido o secco
  • Lettiera
  • Sabbia
  • Collare con piastrina che include il tuo numero di telefono
  • Gabbie rigide (per esempio di plastica), che sono preferibili a quelle morbide (come delle borse) per il trasporto, in modo che l'animale non rischi l'infortunio in caso di incidente
  • Spazzola o pettine (in base alla lunghezza del pelo)
  • Tagliaunghie
  • Spazzolino e dentifricio per gatti
  • Farmaci antipulci e antizecche
  • Farmaci contro i vermi
  • Albero per gatti o un altro nascondiglio simile (facoltativo, ma consigliato)
  • Tiragraffi (facoltativo, ma consigliato)
  • Spruzzino per l'acqua (facoltativo, ma consigliato per disciplinare il gatto)
  • Una varietà di giocattoli (specie quelli con l'erba gatta)
  • Lettino (facoltativo)
  • Carta assorbente, spugna e spazzola, detergente atossico ed enzimatico per pulire in caso di incidenti
  • Forniture di pronto soccorso

wikiHow Correlati

Come

Tenere gli Inseparabili (Pappagallini) come Animali Domestici

Come

Sopravvivere all'Attacco di un Lupo

Come

Convincere i Tuoi Genitori a Prenderti un Cane

Come

Capire il Tuo Coniglietto

Come

Accudire un Coniglio

Come

Prenderti Cura della Tua Coccinella

Come

Capire se il Criceto sta Morendo

Come

Prendersi Cura di un Riccio

Come

Addestrare un Coniglio

Come

Prendersi Cura di un Criceto

Come

Seppellire un Animale Domestico

Come

Creare un Habitat per le Tartarughe di Terra

Come

Educare un Coniglio a Usare la Lettiera

Come

Capire se il Coniglio si Sente Solo
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Brian Bourquin, DVM
Co-redatto da:
Veterinario e Titolare della Boston Veterinary Clinic
Questo articolo è stato co-redatto da Brian Bourquin, DVM. Brian Bourquin, meglio noto ai suoi clienti come "Dr. B", è un Veterinario e Titolare della Boston Veterinary Clinic, una clinica veterinaria e di assistenza sanitaria per animali domestici con due sedi, South End/Bay Village e Brookline, nel Massachusetts. La Boston Veterinary Clinic è specializzata in cure veterinarie primarie, tra cui benessere e prevenzione, assistenza medica e d'emergenza, chirurgia dei tessuti molli, odontoiatria, nonché servizi specialistici nell'ambito del comportamento, della nutrizione e delle terapie alternative per la gestione del dolore attraverso agopuntura e trattamenti terapeutici con il laser. La Boston Veterinary Clinic è un ospedale accreditato dall'AAHA (American Animal Hospital Association) e la prima e unica clinica con certificazione Fear Free di Boston. Brian ha oltre 19 anni di esperienza come veterinario e si è laureato in Medicina Veterinaria presso l'Università Cornell.
Categorie: Animali
Questa pagina è stata letta 535 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità