Come Affrontare i Pensieri Suicidi

Scritto in collaborazione con: Trudi Griffin, LPC

In questo Articolo:In Caso di EmergenzaSviluppare un Piano di SicurezzaRestare al SicuroRafforzare il Proprio Sistema di SostegnoPrendersi Cura di Se Stessi42 Riferimenti

Potresti pensare di suicidarti quando la disperazione, l'isolamento e lo sconforto diventano troppo pesanti da sopportare. Probabilmente ti senti talmente sopraffatto dal dolore che il suicidio ti sembra l'unico modo per liberarti dal peso che ti sta opprimendo. Tuttavia, sappi che hai a disposizione un aiuto per affrontare queste sensazioni: un professionista della salute mentale può aiutarti a guarire, facendoti ritrovare la gioia e la felicità di una volta, indipendentemente da quanto ti sembri impossibile in questo momento. Consultare il presente articolo è un primo grande passo in tale direzione. Continua a leggerlo per sapere come ricevere un aiuto.


Se pensi al suicidio e hai bisogno di un aiuto immediato, rivolgiti al Telefono Amico. Chiama il 199.284.284 oppure contatta una delle seguenti linee telefoniche:

  • La Linea di Aiuto per la Prevenzione del Rischio Suicidario che risponde al call center 331.87.68.950 è attiva dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18, escluso i festivi. In quest'ultimo caso risponde una segreteria telefonica dove lasciare il proprio numero per farsi richiamare.[1]
  • Chiama il Centro di Ascolto e Accoglienza per il disagio psichico e la prevenzione del suicidio "Telefono Giallo" al numero verde 800.809.999.
  • Se vivi in Svizzera e sei un adolescente, contatta la linea Pro Juventute al 147, via e-mail all'indirizzo "consulenza@147.ch", via chat e nel web-self-service su www.147.ch.[2][3]
  • Se ti trovi all'estero, consulta il sito web della International Association for Suicide Prevention, che mostra un elenco di linee telefoniche internazionali per la prevenzione dei suicidi qui, ma anche Befrienders Worldwide qui.

Parte 1
In Caso di Emergenza

  1. 1
    Rimanda i tuoi piani. Prometti a te stesso di aspettare 48 ore prima di fare qualsiasi cosa. Ricorda che i pensieri non hanno il potere di costringerti ad agire.[4] Quando è estremo, il dolore può distorcere la nostra percezione. Aspettando prima di agire, avrai il tempo di schiarirti le idee.
  2. 2
    Cerca immediatamente un aiuto professionale. I pensieri suicidi possono creare confusione e non c'è nessun motivo di combatterli da soli. Chiedi aiuto a un professionista chiamando i servizi di emergenza o contattando una linea telefonica riservata a questo tipo di problematiche. Questi servizi mettono a disposizione persone che hanno seguito un'adeguata formazione, pronte ad ascoltare e offrire aiuto 24 ore su 24 tutti i giorni. I pensieri e gli impulsi suicidi sono molto gravi. Chiedere aiuto è un segno di forza.[5]
    • Questi servizi sono gratuiti e anonimi;
    • Puoi anche chiamare il 118;
    • Se sei un ragazzo, chiama Charlie Telefono Amico al numero 800-863096 oppure Telefono Azzurro al 19696.
  3. 3
    Recati in ospedale. Se nonostante l'aiuto riscontri ancora pensieri suicidi, devi andare al pronto soccorso. Chiedi a qualcuno di fiducia di guidare l'auto o di chiamare il 118, ovvero il servizio di emergenza.[6]
    • Negli Stati Uniti, in cui è obbligatoria l'assicurazione sanitaria per curarsi, è reato per il pronto soccorso mandare via le persone in caso di emergenza anche se non hanno la copertura sanitaria o non possono pagare.[7]
    • Puoi anche cercare un dipartimento per la salute mentale che ha il compito di farsi carico della domanda legata alla cura, all'assistenza e alla tutela della salute mentale nell'ambito del territorio definito dall'Azienda sanitaria locale (ASL).[8]
  4. 4
    Chiama un amico fidato o una persona cara. Il rischio di suicidio aumenta se rimani solo, assillato dal pensiero di suicidarti. Non tenerlo dentro di te. Contatta qualcuno a cui vuoi bene e di cui ti fidi e condividi ciò che pensi con lui. A volte è sufficiente aprirsi con una persona capace di ascoltare e aiutare a superare questo momento, almeno per allontanare questo genere di pensieri. Parla con lei al telefono oppure chiedile di passare a trovarti e di stare con te in modo da non rimanere solo.[9]
    • Potresti sentirti preoccupato o in imbarazzo a parlare di ciò che provi con qualcuno. Le persone che ti amano non ti giudicano per le confidenze che fai. Saranno contente di ricevere la tua telefonata e di rendersi conto che non hai cercato di gestire la situazione da solo.
    • Non puoi sapere quando potresti trovare nuove soluzioni. Non potrai mai sapere cosa può accadere se attendi anche solo 2 giorni. Se assecondi i tuoi pensieri, non perderai la possibilità di conoscere cosa sarebbe potuto succedere.
  5. 5
    Aspetta l'aiuto. Se hai chiamato il servizio di emergenza o un amico, cerca di metterti al sicuro mentre sei da solo. Fai respiri profondi, rilassanti e ripeti a te stesso alcune frasi per affrontare lo stress. Potresti anche scriverle per imprimerle meglio nella mente.
    • Ad esempio, qualche frase di questo genere potrebbe essere: "Sta parlando la mia depressione, non io", "Riuscirò a superare tutto questo", "Sono solo pensieri momentanei, non possono farmi niente", "Esistono altri modi per gestire le mie sensazioni".[10]
  6. 6
    Smetti di fare uso di droghe e alcool. Potresti essere tentato di allontanare i pensieri "annegandoli" nell'alcol o facendo uso di droghe. Tuttavia, assumere queste sostanze chimiche in realtà ti impedisce di pensare con chiarezza, cosa invece indispensabile per far fronte ai pensieri negativi. Se in questo momento stai bevendo o facendo uso di sostanze stupefacenti, interrompi subito per concedere una pausa alla tua mente.[11]
    • Se non vuoi smettere, almeno stai con qualcun altro. Non chiuderti nella tua solitudine.

Parte 2
Sviluppare un Piano di Sicurezza

  1. 1
    Fai una lista delle cose che ami. Inserisci in questo elenco tutto ciò che ti ha aiutato nel passato a superare il desiderio di suicidarti. Annota i nomi dei tuoi migliori amici e dei familiari che ami, i tuoi luoghi preferiti, la musica, i film, i libri che ti hanno dato una mano. Indica anche le piccole cose, come qualche piatto e lo sport che preferisci, oltre a cose più importanti come gli hobby e le passioni che ti danno la forza di alzarti al mattino.[12]
    • Scrivi quello che ti piace di te, la tua personalità, le caratteristiche fisiche, i successi che hai raggiunto e le cose che ti rendono fiero di te stesso.
    • Indica le cose che vorrai fare in futuro, i luoghi che desideri visitare, i bambini che vorrai avere, le persone che vorrai amare, le esperienze che hai sempre desiderato vivere.
    • Può essere utile inserire in questa lista un amico o una persona cara che ti sta vicino. La depressione, l'ansia e le altre cause che più frequentemente portano a formulare pensieri suicidi possono intralciare il modo in cui vedi quanto di meraviglioso e speciale c'è in te.
  2. 2
    Prepara un elenco delle distrazioni migliori. Non si tratta di una lista di "sane abitudini" o "tecniche di auto-miglioramento", bensì di un elenco di tutto ciò che puoi fare per allontanare l'idea del suicidio quando inizia a diventare troppo pesante da sopportare. Pensa alle cose che hanno funzionato in passato e scrivile. Ecco qualche esempio:
    • Mangiare nel tuo ristorante preferito;
    • Parlare al telefono con un vecchio amico;
    • Guardare i programmi TV e i film preferiti;
    • Rileggere un libro che ti ha dato conforto;
    • Organizzare un viaggio memorabile;
    • Leggere le vecchie e-mail che ti fanno sentire bene;
    • Portare il cane al parco;
    • Fare una lunga passeggiata o correre per liberare la mente.
  3. 3
    Redigi un elenco delle persone che ti sono di sostegno. Scrivi almeno cinque nomi e numeri di telefono delle persone più affidabili e con cui puoi parlare quando hai un momento di sconforto. Inserisci diversi nominativi, nel caso qualcuno non sia disponibile quando lo chiami.
    • Annota i nomi e i numeri di telefono dei tuoi terapeuti e dei membri del gruppo di sostegno.
    • Segnati anche i nomi e i numeri delle linee telefoniche di emergenza che vorresti chiamare nei momenti di crisi.
  4. 4
    Predisponi un piano di sicurezza. Consiste in un piano personale per far fronte al desiderio di ucciderti.[13] In questi momenti può essere difficile ricordare cosa fare per sentirsi meglio. Pertanto, scrivendo un piano di sicurezza, avrai la possibilità di superare i momenti iniziali in cui le sensazioni prendono il sopravvento e restare al sicuro. Eccone un esempio:[14]
    • Leggi la lista delle cose che ami. Devi ricordare a te stesso ciò che ami e che ti ha aiutato a evitare di suicidarti le volte precedenti.
    • Prova a fare una delle cose elencate nella lista delle distrazioni migliori. Vedi se riesci a distoglierti dal pensiero del suicidio con qualcosa che ha funzionato in passato.
    • Chiama qualcuno della lista delle persone appartenenti al gruppo di supporto. Continua a chiamare le persone finché non riuscirai a metterti in contatto con qualcuno che può parlare con te tutto il tempo che ti occorre.
    • Rinvia i tuoi programmi e rendi la casa sicura. Togli dai paraggi qualunque cosa potresti usare per farti del male e posticipa l'idea del suicidio almeno per 48 ore.
    • Chiedi a qualcuno di venire a stare con te. Fai in modo che ti resti vicino finché non ti sentirai meglio.
    • Recati in ospedale.
    • Chiama i servizi di emergenza.
    • Per scrivere il tuo piano di sicurezza, prova a prendere esempio da questo "safety plan".
    • Dai una copia del tuo piano di sicurezza a un amico fidato o una persona cara.
    • Ogni volta che insorgono pensieri suicidi, consulta il tuo piano di sicurezza.

Parte 3
Restare al Sicuro

  1. 1
    Rendi la tua casa più sicura. Se il pensiero del suicidio ti tormenta o temi di assecondarlo, cogli questa opportunità per evitare di farti del male.[15] È più probabile che accada quando hai modo di nuocere a te stesso.[16] Perciò, elimina tutto ciò che potresti usare per ferirti, come farmaci, rasoi, oggetti appuntiti, pistole. Consegnali a qualcun altro che possa custodirli, nasconderli o comunque impedirti di accedervi. Fai in modo di non cambiare idea molto facilmente.
    • Se temi di non riuscire a resistere restando da solo in casa, vai in un luogo dove ti senti sicuro, come a casa di un amico, dei tuoi genitori, presso un centro comunitario o in un altro luogo pubblico.
    • Se stai pensando di assumere una dose eccessiva di farmaci prescritti, dalli a una persona cara e fidata, che possa somministrarti le dosi che ti occorrono giorno per giorno.[17]
  2. 2
    Cerca un aiuto professionale. Un professionista della salute mentale può aiutarti a gestire la causa dei tuoi pensieri suicidi.[18] Spesso scaturiscono da altre patologie psicologiche curabili, come depressione e disturbo bipolare.[19] Anche gli eventi stressanti o traumatici possono provocare pensieri suicidi. Qualunque cosa stia dietro ciò che pensi e provi, un consulente o uno psicoterapeuta può insegnarti ad affrontarlo e a prenderti cura della tua salute e della tua felicità.
    • Le cure antidepressive hanno un successo nell'80-90% dei casi.
    • I trattamenti più comuni ed efficaci per le persone che considerano di suicidarsi includono:
      • La terapia cognitivo-comportamentale aiuta a modificare schemi di pensiero inutili e "automatici".
      • La terapia del problem solving può insegnare a sentirsi più sicuri e ad avere il controllo, indicando come si risolvono i problemi.
      • La terapia dialettico-comportamentale insegna la capacità di affrontare e risolvere i problemi ed è molto utile per le persone che soffrono di disturbi di personalità borderline.
      • La psicoterapia interpersonale aiuta a migliorare le capacità relazionali delle persone in modo che non si sentano isolate o prive di alcun sostegno.
    • Il medico può prescriverti una combinazione di farmaci e psicoterapia. Cerca di assumere tutti i farmaci indicati.
    • Tieni ben presente che alcuni farmaci possono aumentare i pensieri suicidi. Se si verifica questa eventualità, contatta il medico.
  3. 3
    Evita i fattori che possono scatenare il desiderio di suicidio. Talvolta certi luoghi, persone o anche abitudini possono suscitare pensieri di disperazione e persino il suicidio. Probabilmente sarà difficile le prime volte associare queste circostanze al tuo senso di angoscia, ma inizia a pensare se esistono degli schemi che provocano alcuni fattori scatenanti. Se puoi, evita ciò che ti fa sentire triste e sfiduciato.[20] Ecco alcuni esempi:
    • Bere alcool e fare uso di sostanze stupefacenti. Ti fanno sentire bene in un primo momento, ma possono trasformare molto rapidamente i tuoi pensieri negativi in pensieri suicidi. Si attesta il consumo di alcol in almeno il 30% dei suicidi.[21]
    • Persone che hanno un atteggiamento violento.
    • Libri, film e musica che hanno tematiche angoscianti e drammatiche.
    • Situazioni di stress.
    • Stare da soli.[22]
  4. 4
    Impara a riconoscere i segnali di pericolo. I pensieri suicidi non si innescano da soli. Scaturiscono da qualcosa che ha a che fare perlopiù con il senso di disperazione, la depressione, un lutto o lo stress. Quando insorgono, imparando a riconoscere le preoccupazioni e i comportamenti che tendenzialmente li accompagnano, avrai la possibilità di metterti in guardia e capire quando è necessario cercare un ulteriore sostegno negli altri. I segnali di pericolo più comuni includono:
    • Aumento dell'uso di alcool, droghe o altre sostanze;
    • Senso di disperazione e mancanza di scopo nella vita;
    • Senso di rabbia;
    • Aumento di atteggiamenti avventati;
    • Sentirsi in trappola;
    • Isolarsi dagli altri;
    • Senso di ansia;
    • Improvvisi cambiamenti di umore;
    • Perdita di interesse in ciò che normalmente procurava piacere;
    • Cambiamento nella routine del sonno;
    • Senso di colpa o vergogna.

Parte 4
Rafforzare il Proprio Sistema di Sostegno

  1. 1
    Mettiti in contatto con gli altri. Costruire una forte rete di sostegno è una delle cose più importanti da fare per gestire i propri pensieri. Sentirsi isolati, privi di appoggio o come se gli altri stessero meglio in nostra assenza sono sensazioni piuttosto comuni che alimentano l'idea di uccidersi. Cerca e parla con qualcuno ogni giorno. Il contatto con le persone che si prendono cura di te può aiutarti a migliorare la tua capacità di affrontare questa situazione e di proteggerti dal pensiero del suicidio quando si presenta.[23][24]
    • Parla con una figura spirituale. Se sei credente, potresti trovare conforto parlando con un uomo di religione, come un prete o un rabbino.
    • Chiacchiera con un amico. Prendi l'abitudine di metterti in contatto almeno con una persona al giorno, anche quando non lo desideri. Isolarsi dagli altri può portare ad accrescere l'idea del suicidio.
    • Chiama un numero verde. Non pensare che sia possibile chiamare una linea telefonica per la prevenzione del suicidio solo una volta. Anche se senti il bisogno di telefonare ogni giorno o più volte al giorno, non esitare. Gli operatori sono lì per aiutarti.
    • Trova una comunità di persone che hanno i tuoi stessi problemi. Chi fa parte di categorie spesso oppresse, come gli omosessuali, corre un rischio maggiore di suicidarsi. Trovando una comunità in cui puoi essere te stesso senza dover affrontare l'odio o la prevaricazione, potrai mantenerti forte e consolidare il tuo amor proprio.
      • Se sei una ragazza lesbica, un ragazzo gay, bisessuale o trans e stai prendendo in considerazione il suicidio, chiama il call center della Gay Help Line, gratuito da tutta Italia e da tutti i telefoni, fissi e cellulari al numero 800.713.713.[25]
  2. 2
    Trova un gruppo di sostegno. Indipendentemente dal motivo per cui hai pensieri suicidi, non devi affrontare tutto questo da solo. Molte persone hanno vissuto quello che stai attraversando, desideravano morire e sono contente di essere ancora vive. Parlare con la gente che ha avuto esperienza diretta di ciò che anche tu stai provando è uno dei migliori modi per affrontare l'idea di ucciderti.[26][27] Puoi trovare un gruppo di sostegno nelle tue vicinanze chiamando ai numeri verdi che si occupano della prevenzione del suicidio o chiedendo al tuo psicoterapeuta.[28]
    • Chiama il Telefono Amico al numero 199.284.284.
    • Se sei omosessuale o trans, telefona alla Gay Help Line al numero 800.713.713.
    • Se sei un ragazzo, chiama Charlie Telefono Amico al numero 800-863096 oppure il Telefono Azzurro al 19696.
    • Se vivi in Svizzera e sei adolescente, contatta la linea Pro Juventute al 147.
    • Chiama il Centro di Ascolto e Accoglienza per il disagio psichico e la prevenzione del suicidio "Telefono Giallo" al numero verde 800.809.999. Inoltre, contatta o invia una e-mail al servizio per la prevenzione del suicidio. Questa organizzazione aiuta da anni le persone ad affrontare e superare i pensieri suicidi. La sede si trova presso un'Azienda Ospedaliera di Roma ed è gestita da persone veramente competenti, che possono capirti perché l'hanno vissuto in prima persona oppure perché hanno avuto un membro della famiglia che l'ha vissuto.
  3. 3
    Impegnati ad amare te stesso. Concentrati a modificare gli schemi mentali negativi e renditi conto che i pensieri ostili non sono veri. Per attenuare la sofferenza recata dalle sensazioni più avverse, prova a essere gentile con te stesso e a considerarti come una persona forte, capace di non mollare nelle situazioni più dure.[29]
    • È piuttosto diffusa l'idea errata che il suicidio sia un gesto egoistico. Purtroppo, nell'animo di chi pensa di ammazzarsi arriva a ingenerare sensi di colpa o vergogna, che vanno ad aggiungersi alle sensazioni già negative che opprimono la persona.[30] Imparando a riconoscere questi falsi miti dalla realtà, riuscirai ad affrontare meglio i tuoi pensieri.
    • Trova qualche mantra positivo da recitare quando ti senti giù. Affermando di essere una persona forte e degna di amore, potrai ricordare a te stesso che il pensiero del suicidio è solo temporaneo. Per esempio, prendi in considerazione: "In questo momento sento di volermi uccidere, ma so che le sensazioni non sono fatti reali. Non dureranno per sempre. Amo e rispetterò me stesso rimanendo forte" oppure "Posso imparare a gestire questi pensieri. Sono più forte di loro".
  4. 4
    Analizza i problemi che stanno dietro i tuoi pensieri. Lavorando con uno psicologo, potrai scoprire alcune delle ragioni che alimentano il pensiero di ucciderti. Probabilmente le cause dipendono da problemi di salute, difficoltà legali o abuso di sostanze stupefacenti. Se trovi il modo di affrontare queste preoccupazioni, col passare del tempo ti sentirai meglio.[31]
    • Per esempio, se sei economicamente disperato, cerca un consulente finanziario. Molte comunità possono insegnare alle persone a gestire il proprio denaro.
    • Se senti di non avere alcuna speranza nei rapporti personali, rivolgiti a uno psicoterapeuta capace di promuovere l'acquisizione delle abilità necessarie nelle situazioni interpersonali. Questo tipo di apprendimento può aiutarti a superare l'ansia sociale, ma anche la difficoltà di instaurare e conservare le relazioni più importanti.
    • Prova a seguire un corso di meditazione consapevole o imparala da solo. Alcuni studi dimostrano che la consapevolezza basata sull'accettazione di ciò che accade nel presente, senza evitarlo o giudicarlo, può essere utile nella gestione dei pensieri suicidi.[32]
    • Il bullismo è una causa frequente dei pensieri suicidi nei giovani. Ricordati di non sentirti in colpa: il modo in cui qualcun altro ti tratta non dipende da te, ma appartiene a quella persona. Il consulto psicoterapeutico può aiutarti ad affrontare il bullismo e a preservare il tuo amor proprio.[33]

Parte 5
Prendersi Cura di Se Stessi

  1. 1
    Chiedi al medico informazioni sul dolore cronico. A volte, il dolore cronico può causare pensieri suicidi e stress emotivo. Parla con il medico di ciò che potresti fare per alleviare la tua sofferenza. Può aiutarti a sentirti sano e felice.[34]
  2. 2
    Fai molta attività fisica. È stato dimostrato che il movimento può contribuire a ridurre gli effetti della depressione e dell'ansia.[35] Probabilmente non sarà facile, se ti senti depresso, ma può essere utile stabilire degli orari per allenarti con un amico.[36]
    • Inoltre, un corso di ginnastica può essere un ottimo modo per conoscere altre persone e non sentirti solo o isolato.
  3. 3
    Dormi abbondantemente. La depressione modifica spesso le abitudini del sonno, portando a dormire troppo o troppo poco. Le ricerche dimostrano che esiste un legame tra il sonno irregolare e i pensieri suicidi. Cerca di riposare bene e senza essere disturbato in modo da mantenere la mente lucida.
    • Parla con il medico se non riesci a dormire.
  4. 4
    Evita droghe e alcool. Il loro consumo si ritrova in molti casi di suicidio, perché offusca la mente.[37] Rischia anche di aumentare la depressione e causare comportamenti imprudenti o impulsivi. Se hai pensieri suicidi, evita assolutamente le droghe e l'alcool.[38]
    • Se hai problemi con l'abuso di alcool, rivolgiti agli Alcolisti Anonimi. Questa associazione può darti una mano a superarli e a sconfiggere il pensiero di suicidarti.[39]
  5. 5
    Dedicati a un hobby. Giardinaggio, pittura, suonare uno strumento, imparare una nuova lingua… sono tutti hobby che possono distrarre la tua mente da pensieri indesiderati continui e darti più serenità. Se hai già un vecchio hobby che magari ultimamente hai trascurato a causa dei tuoi sbalzi d'umore, ritornaci, altrimenti trovane uno nuovo. All'inizio potrebbe essere necessario un po' di impegno, ma alla fine imparerai ad apprezzarlo.
  6. 6
    Concentrati sulle cose positive del passato. Abbiamo tutti conseguito qualcosa a un certo punto della nostra esistenza; questo successo, piccolo o grande che sia, potrebbe essere in qualche modo offuscato dal tuo stato depressivo corrente. Riprendilo in considerazione. Pensa ai momenti positivi del passato, agli sforzi che hai fatto per raggiungerli, ai tuoi momenti di gioia, di trionfo e di gloria.
  7. 7
    Stabilisci i tuoi obiettivi personali. Sicuramente avrai qualche obiettivo che desideri raggiungere. Forse vorresti andare a sentire un concerto alla Scala di Milano o visitare posti meravigliosi ed esotici. Magari ti piacerebbe adottare dieci gatti e creare una piccola famiglia pelosa. Qualunque siano i tuoi obiettivi, scrivili e ricordali nei momenti peggiori.[40]
  8. 8
    Credi in te stesso. Probabilmente non è facile immaginare che la situazione possa migliorare quando sei tormentato da pensieri che ti suggeriscono il suicidio. Ricorda che altri hanno superato questi momenti e anche tu ci riuscirai. Hai la forza di occuparti di te stesso, prendere il controllo della tua vita e curarti. Sei una persona forte.
    • Rammenta a te stesso che le sensazioni che provi non sono fatti reali. Quando la tua mente è invasa da questi pensieri, trova il tempo per annientarli dicendo, ad esempio: "In questo momento sento che la gente starebbe meglio senza di me, ma in realtà ho appena parlato con un amico che mi ha detto di essere felice per la mia presenza nella sua vita. Ciò che penso non corrisponde al vero. Posso superare tutto questo".[41]
    • Concediti tempo. Magari penserai che il suicidio farà "sparire d'incanto" i tuoi problemi. Purtroppo, non avrai mai la possibilità di vedere se la situazione migliorerà dopo aver preso quella strada. Per guarire dal trauma, superare il dolore e lottare contro la depressione ci vuole tempo. Sii paziente e gentile con te stesso.[42]

Consigli

  • Affidati all'umorismo per gestire la tua condizione. Guarda commedie, leggi fumetti e così via. Anche se ti distrae solo temporaneamente, è meglio di niente.
  • Ricorda che chiedere aiuto è un segno di forza, non di debolezza. Significa che apprezzi te stesso al punto da avere la volontà di trovare una soluzione.
  • Ricorda sempre questo: le persone ti vogliono bene. La tua famiglia ti ama. Gli amici ti amano. La tua perdita, già insopportabile per un enorme gruppo di persone, potrebbe rovinare la vita degli altri. Nessuno sarà in grado di risanare la tua mancanza. Qualcuno potrebbe anche iniziare ad avere pensieri suicidi a causa dell'incapacità di gestire la tua assenza nella sua vita. Sei una parte importante nell'esistenza di molte persone e non tentare di porre fine alla tua intenzionalmente. Forse dovrai affrontare un percorso impervio, ma sarà più facile se cancelli dalla mente l'idea di suicidarti e ti concentri vivendo ogni momento finché hai respiro. Nessuno merita il suicidio. Mai. Ricordatelo.
  • Trova qualcosa che ami. Può essere il tuo cane o il tuo gatto, un coniglietto, un uccello e pesino un pesce. Non deve essere per forza un essere vivente. Magari è la tua stanza, i codini che ti stanno a meraviglia o degli shorts da urlo. Ciò che ami potrebbe essere tuo fratello o tua sorella. Non si tratta di amore in senso stretto, basta anche la sensazione di appagamento che avverti in compagnia dei tuoi amici, oppure il senso di affetto che ti investe quando vedi il peluche che ti regalò tua nonna. Magari è il tuo lavoro che adori. Qualunque sia la cosa che ami di più nella tua vita, fai in modo che ti dia la forza di andare avanti. Pensa alle cose positive.

Avvertenze

  • Se stai pensando di ucciderti, chiama qualcuno! Si tratta di una emergenza, perciò chiama il 118 oppure il 112. Sapranno calmarti e darti tutta l'assistenza di cui hai bisogno. Magari ti accorgerai che sarà la telefonata più importante della tua vita.

Riferimenti

  1. http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/CRONACA/crisi_arriva_la_linea_telefonica_anti_suicidio/notizie/393065.shtml
  2. http://www.tio.ch/News/Svizzera/Attualita/1029251/Pensieri-suicidi-940-giovani-hanno-chiamato-il-147/
  3. http://www.147.ch/I-miei-intenti-suicidi.575.0.html?&L=2
  4. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/suicide/in-depth/suicide/art-20048230
  5. http://www.dbsalliance.org/pdfs/suicidefinalweb04.pdf
  6. http://www.sis118.it/pagine/index.htm
  7. http://web.archive.org/web/20090116041157/http://www.acep.org/patients.aspx?id=25932
  8. http://www.salute.gov.it/portale/temi/p2_6.jsp?lingua=italiano&id=168&area=salute%20mentale&menu=rete
  9. http://www.helpguide.org/articles/suicide-prevention/suicide-help-dealing-with-your-suicidal-thoughts-and-feelings.htm
Mostra altro ... (33)

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Trudi Griffin, LPC. Trudi Griffin lavora come Counselor Professionale Registrata nel Wisconsin. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Counseling Psicologico Clinico alla Marquette University nel 2011.

Categorie: Disturbi Emozionali

In altre lingue:

English: Cope With Suicidal Thoughts, Français: lutter contre ses idées suicidaires, Español: lidiar con los pensamientos suicidas, Português: Lidar com Pensamentos Suicidas, Deutsch: Selbstmordgedanken überwinden, Русский: справиться с мыслями о суициде, Bahasa Indonesia: Menangani Pikiran pikiran untuk Bunuh Diri, Nederlands: Omgaan met suïcidale gedachten, Čeština: Jak se vyrovnat se sebevražednými myšlenkami, العربية: التعامل مع الأفكار الانتحارية, Tiếng Việt: Đối phó với suy nghĩ muốn tự sát, 中文: 应对自杀的念头

Questa pagina è stata letta 80 609 volte.
Hai trovato utile questo articolo?