Scarica PDF Scarica PDF

Tutti i genitori desiderano un figlio disciplinato e che si comporti bene. Tuttavia, può capitare che un genitore perda il controllo o, semplicemente, non abbia controllo sul ragazzo. È in questo istante che la maternità o la paternità supera il confine e si tramuta in abuso emotivo. L'abuso emotivo si inasprisce quando viene nascosto, e ciò non è mai stato di aiuto a nessuno, anzi, danneggia le vittime in numerosi modi. Può condurre all'isolamento, alla depressione, alla solitudine, all'autolesionismo e, in alcuni casi estremi, al suicidio. Questo articolo ti darà una mano a gestire tale problema.

Passaggi

  1. 1
    Comprendi le cause e gli effetti delle relazioni emotivamente abusive. I genitori potrebbero essere manipolatori e abusare emotivamente di te perché essi stessi sono stati vittime di abuso o trascurati a un certo punto della loro vita (solitamente durante l'infanzia), e questo presenta un impatto enorme sulle idee delle persone riguardo a come allevare i propri figli; un'altra possibilità è che essi siano delusi dalla vita, arrabbiati o pieni di risentimento e, di conseguenza, si sfogano sui loro figli. I genitori potrebbero anche non essere coscienti di comportarsi in maniera abusiva, perché magari sono cresciuti in un ambiente simile o perché, semplicemente, si rifiutano di considerare la possibilità di essere effettivamente dei “carnefici”. In ogni caso, qualunque sia la causa dell'abuso emotivo, nessuno ha il diritto di ferirti, fisicamente o emotivamente. L'abuso emotivo è tanto nocivo quanto gli altri tipi di abuso, e ti meriti di trovare e ricevere aiuto. Ricorda che non hai alcuna responsabilità per questo; in fin dei conti, è la persona che abusa ad aver fatto questa scelta comportamentale.
  2. 2
    Identifica i modi in cui vieni abusato. Questo ti permetterà di spiegarlo a qualcun altro o solo a te stesso, e di farti un'idea più chiara della situazione. L'abuso emotivo non è solo uno; ne esistono di diversi tipi, che variano in base alla tipologia del perpetratore e alla situazione. I principali tipi di abuso emotivo includono:
  3. 3
    Identifica la principale persona che abusa. Lo fa solo un tuo genitore? Se i tuoi sono divorziati, un genitore potrebbe non essere consapevole del fatto che tu sia vittima dell'altro. A volte un genitore potrebbe essere emotivamente abusivo mentre l'altro fisicamente abusivo. O, in alternativa, entrambi i genitori potrebbero essere emotivamente abusivi, ma uno più dell'altro. Il comportamento di un genitore potrebbe essere pesantemente influenzato da quello dell'altro; un genitore potrebbe essere abusivo perché è questo il modo in cui l'altro agisce. Individua qual è il principale perpetratore e le maniere prevalenti nelle quali ricevi questo trattamento. Ciò ti aiuterà nel momento in cui lo racconterai a qualcun altro o quando cercherai di migliorare la situazione.
  4. 4
    Sappi che l'abuso potrebbe accadere selettivamente: un genitore (o entrambi) potrebbe trattare uno dei figli peggio degli altri e alimentare il rancore, la competizione e l'invidia tra fratelli. È un gioco di potere inteso per controllare entrambi, il figlio “approvato” lotta costantemente per mantenere il suo status di accettazione nel “cuore” dei genitori mentre si sente in colpa per la trascuratezza e la crudeltà nei confronti dell'altro figlio; la vittima combatte perennemente per non raggiungere mai alcuna approvazione, fallendo miseramente ogni volta, ma felice per il fratello che riceve delle buone opinioni da parte dei genitori. Entrambi coltivano dei segreti: il “figlio approvato” è segretamente grato per non essere la vittima ed è contento per l'apprezzamento, mentre la vittima prova amarezza e invidia: essi si vogliono bene e dipendono l'uno dall'altro, ma sono tormentati dai sentimenti negativi che maturano vicendevolmente e dai genitori. Ciò dà luogo a delle dinamiche familiari incredibilmente complesse, molto difficili da sciogliere.
  5. 5
    Cerca di capire che non è colpa tua. Sebbene la persona che abusa possa influenzarti affinché tu ti senta personalmente responsabile delle sue emozioni (“Mi causi tanti dispiaceri!”) e del modo in cui ti tratta (“Se fossi un figlio migliore, non dovrei punirti così spesso”), alla fine, la scelta di questo atteggiamento ricade sul perpetratore. Se il tuo genitore (o i tuoi genitori) ha un problema di salute mentale o dei disturbi emotivi, come un disordine e molti sentimenti negativi collegati al passato, ricorda che comunque la colpa non è tua, e che questo non è assolutamente accettabile né giustificabile.
  6. 6
    Lavora sulla migliore reazione (o reazioni) all'abuso. Litigare non è mai l'opzione più furba; se un genitore vuole controllare, dominare e ferire un figlio, ritrovarsi con la vittima che gli urla contro spesso non farà che causare una rabbia maggiore. Tuttavia, se il genitore è in qualche modo consapevole dell'abuso, o si sente in colpa, allora parlarne con lui e spiegargli che tutto questo ti danneggia e ti ferisce lo forzerà a guardare in faccia la realtà. I genitori più aggressivi e manipolatori probabilmente non dovrebbero essere confrontati; piuttosto, cerca di non reagire affatto, e aspetta fino a quando l'abuso principale sarà terminato prima di agire. Una volta che hai trovato il modo migliore per reagire all'abuso diretto (per esempio, resistere senza lamentarti, scusarti, accettare la responsabilità e chiedere come potresti correggere il problema), la situazione passerà a essere un po' di più sotto il tuo controllo e potrebbe darti del tempo per mettere a punto un piano.
  7. 7
    Determina se dirlo o no a un genitore. Se un genitore abusa più dell'altro, o se sei vittima di solo uno dei due, considera la possibilità di raccontarlo all'altro. Qualora un genitore non fosse al corrente dell'abuso, chiedergli aiuto raccontandogli tutto potrebbe far cessare il problema. Se un genitore abusa di meno dell'altro o sembra obbligato a comportarsi così o colpevole dopo che succede qualcosa, parlarne con lui potrebbe dargli un focus più ampio del problema, e ciò ha il potere di migliorare tutto per entrambi. Però, se ricevi un abuso pesante da parte di entrambi i genitori o senti fortemente che parlarne con loro non è sicuro né utile, allora non discuterne; rivolgiti a qualcun altro: lo psicologo scolastico, se è di fiducia, il genitore di un amico, una zia o uno zio.
  8. 8
    Trova qualcuno con cui parlare. Intorno a te, troverai tante persone che possono aiutarti. Benché i tuoi amici non siano in grado di cambiare la tua situazione, essi almeno saranno al tuo fianco o ti daranno tantissime risorse. Parlane con un amico vicino e fidato o dillo a un altro membro della famiglia, giacché i tuoi parenti potrebbero avere il potere di cambiare la situazione o, almeno, di aiutarti a fronteggiarla. Se non puoi, prova a parlarne con un insegnante amichevole, con lo psicologo scolastico, con un prete o con un altro leader spirituale. Senti di non poter parlare faccia a faccia con qualcuno? Esistono molte linee telefoniche di aiuto anonime: potrai trovare i numeri su internet, sull'elenco telefonico o a scuola. Non convincerti di non importare a nessuno, perché questo non è vero; le persone studiano e si formano per aiutare chi è nella tua situazione. I professori, gli psicologici e i tuoi amici possono darti una mano e gli altri membri della famiglia potrebbero essere stati vittime di abusi, dunque ti capiranno.
  9. 9
    Trova delle risorse per affrontare il problema. È importante individuare le cose capaci di aiutarti a esprimere le tue emozioni, a rilasciare la rabbia, l'amarezza e il dolore o ad allontanare la mente dalla sofferenza. Lasciare che la situazione si inacidisca non farà che peggiorarla. Deve esserci qualcosa in grado di lenire particolarmente le tue pene o aiutarti a buttare fuori i tuoi sentimenti negativi: scrivere un diario, delle storie, delle poesie o delle canzoni, disegnare per creare un'interpretazione visiva della situazione, suonare uno strumento, cantare o parlare con qualcuno di cui ti fidi. Sono tutti buoni modi per aiutarti ad affrontare questa difficoltà.
  10. 10
    Lavora a un piano. Non ti meriti di essere vittima di abusi, sotto nessuna circostanza. L'abuso emotivo danneggia come qualsiasi altra forma di abuso, è per questo che dovrebbe essere almeno ridotto, attenuato e conosciuto bene se non è possibile fermarlo interamente. Potrebbe essere difficile, imbarazzante o spaventoso rompere finalmente il tuo silenzio e parlare con qualcuno che cambierà la situazione, ma il semplice trovare delle risorse per affrontarlo e il toglierti un peso dal petto con un amico non cambierà nulla. Parla con lo psicologo scolastico delle cose che potresti fare per modificare la tua vita, attenuare l'abuso o fare in modo che un altro membro della famiglia lo sappia, così potrà intervenire.
  11. 11
    Se è il caso, trova un modo per allontanarti immediatamente dalla situazione. Questo passaggio può essere il più spaventoso di tutti, perché significa uscire dalla tua solita routine per fronteggiare il dolore, e vorrà dire che tutti sapranno cosa ti succede. Ma è importante. Il tuo psicologo o la persona alla quale hai raccontato la situazione potrebbe voler chiamare i servizi sociali o avvisare le autorità qualora l'abuso fosse severo. Questo può intimidire in modo estremo e cambiare un sacco di cose, ma ricorda che ti aiuterà a frenarlo o a mettere una pietra sopra questo problema.
  12. 12
    Una volta libero, segui una terapia. L'abuso lascia delle ferite per tutta la vita, che non potrebbero mai guarire, a meno che tu non chieda aiuto. Se non puoi permettertelo, esistono delle associazioni volontarie che ti aiuteranno gratuitamente.
  13. 13
    Lavora sull'accettazione, per amarti e prenderti cura di te stesso. Ciò che fa arrendere la vittima e, infine, peggiorare l'abuso è l'auto-convinzione di meritarsi l'abuso. Finisce con il ferire se stessa molto più di quanto abbia fatto il perpetratore. Impara a ricordare che niente di tutto questo è colpa tua e che sei tu a essere la tua risorsa più preziosa. Sei degno di amore, affetto, rispetto e accettazione. Impara ad amare te stesso. Pensaci su. Sei completamente unico. Nessun altro è esattamente come te. Hai le tue qualità e le tue stranezze, i tuoi difetti e le tue risorse. Tutti sono belli. Nessun altro ha le tue stesse caratteristiche, neppure un tuo ipotetico gemello identico! La tua personalità è totalmente tua, di nessun altro. Ricorda sempre che niente di tutto questo è successo per colpa tua, qualsiasi cosa dicano o facciano i tuoi genitori.
    Pubblicità

Consigli

  • Cerca di avere sempre un numero di emergenza e un posto in cui andare: la casa di un amico, di un membro della famiglia o di un adulto nel quale confidare. In questo modo, se le cose vanno oltre un determinato limite o peggiorano terribilmente, almeno avrai un posto in cui rifugiarti o qualcuno che possa aiutarti.
  • Cerca di imparare il più possibile. Benché una situazione di questo tipo non si auguri a nessuno, se la usi per diventare più forte e imparare più cose su te stesso, sulle relazioni e sulla vita, ti sentirai meno indifeso. Molti sopravvissuti agli abusi affermano che, per quanto questa esperienza abbia lasciato delle cicatrici, essa li ha anche spinti a diventare più forti e più consapevoli del mondo intorno a loro. Per quanto la situazione sia dura, ti offre qualcosa che ti tornerà utile un giorno. Prendi quello che puoi dalle tue esperienze per consentirti di diventare più forte e capace di affrontare tutto quello che la vita avrà in serbo per te.
  • Dai valore al tuo strumento di sopravvivenza più importante: la tua mente. Nessuno può leggerti nel pensiero, devi dire quello che ti passa per la testa. L'abuso emotivo può farti sentire disgustato, ma è coltivando un'attitudine da sopravvissuto e uno spirito lottatore che puoi diventare una di quelle persone che riescono ad andare avanti, che imparano e che scappano dalla violenza. Solo perché qualcuno ti dice come sentirti o ti sottovaluta, questo non significa che questa persona abbia ragione. Fidati del tuo istinto, anche se tutti intorno a te ti dicono che hai torto.
  • Non essere avventato. Molte vittime di abuso emotivo, soprattutto gli adolescenti, si ribellano a causa della loro amarezza e della loro rabbia per dimostrare ai genitori che non rispettano le loro regole. Tuttavia, farsi bocciare o andare male a scuola, bere troppo o castigarsi con l'autolesionismo sono comportamenti che non ti faranno alcun bene alla fine. Se ti tratti bene e fai quello che è meglio per te, sarai più felice, un modo definitivo per far capire alla persona che abusa che non rispetti o accetti il suo comportamento.
  • Mai e poi mai farti del male per sentirti meglio. Smetti di tagliarti, colpirti o ferirti intenzionalmente: ciò non farà che aggiungere ulteriori cicatrici, che non andranno mai via. Esistono dei modi per esprimere le tue emozioni e trovare una via d'uscita produttiva senza farti male.
  • Il tuo dottore potrebbe raccomandarti degli antidepressivi. Quando una persona ha subito un trauma e soffre di depressione, ciò può ledere l'abilità di controllare le emozioni e il comportamento. Può portare a un problema di alcolismo o di abuso di droghe, a fare sesso non protetto o a porsi in situazioni pericolose associandosi con persone che bevono o fanno uso di droghe in maniera eccessiva.
Pubblicità

Avvertenze

  • Tante persone sono inesperte, disinformate o solo dure. Esse non sono quelle giuste in cui confidare; assicurati di parlarne con qualcuno di cui ti fidi, o potrebbero dirti che stai mentendo, esagerando o comportandoti da sciocco. Se ti succede, è essenziale che tu non creda a queste persone. Se senti di essere vittima di un abuso, allora qualcosa di sbagliato c'è, non restare con le mani in mano finché troverai qualcuno che ti aiuti.
  • In molte situazioni, l'abuso emotivo può diventare fisico o sessuale. In questo caso, devi assolutamente dirlo a qualcuno. Il tuo silenzio ti escluderà da ogni possibile aiuto, dunque ricorda di parlarne con una persona fidata. L'abuso può essere fermato solo se tu fai in modo che ciò succeda.
  • Mai considerare il suicidio. Ci sono sempre delle alternative. Il suicidio è una soluzione permanente a un problema temporaneo, che sembra durare per sempre in un determinato momento. Sebbene sembri che non valga la pena sopportare il dolore, qualcosa c'è che può aiutarti a scorgere la via d'uscita. Il fatto che tu non la veda ora non significa che non ci sia. Questa sensazione può anche essere un effetto collaterale delle tue medicine o può verificarsi quando smetti di prenderle all'improvviso. Parlane con i tuoi amici, uno psicologo o un dottore se senti di voler mettere fine a tutto.
  • Se ti prescrivono dei farmaci, mai commettere errori con il dosaggio o smettere di assumerli senza averne parlato con il dottore. Prendili esattamente come ti viene indicato dal medico.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Affrontare un Abuso EmotivoAffrontare un Abuso Emotivo
Comportarsi con un Genitore AlcolizzatoComportarsi con un Genitore Alcolizzato
Guarire dalla DepressioneGuarire dalla Depressione
Capire se Piaci a un RagazzoCapire se Piaci a un Ragazzo
Capire se Piaci a una RagazzaCapire se Piaci a una Ragazza
Scambiare Messaggi con il Ragazzo Che Ti PiaceScambiare Messaggi con il Ragazzo Che Ti Piace
Divertirsi l'Ultimo Giorno di ScuolaDivertirsi l'Ultimo Giorno di Scuola
Eccitare il Tuo RagazzoEccitare il Tuo Ragazzo
Capire se ti Piace un RagazzoCapire se ti Piace un Ragazzo
Fare Soldi (per Adolescenti)Fare Soldi (per Adolescenti)
Capire se un Ragazzo ha una Cotta per TeCapire se un Ragazzo ha una Cotta per Te
Capire se per un Ragazzo sei più di un'AmicaCapire se per un Ragazzo sei più di un'Amica
Scappare di CasaScappare di Casa
Fingere di Stare Male per non Andare a ScuolaFingere di Stare Male per non Andare a Scuola
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 25 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 19 025 volte
Categorie: Gioventù
Questa pagina è stata letta 19 025 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità