Come Affrontare la Morte di un Genitore

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow | 10 Riferimenti

In questo Articolo:Accettare i propri SentimentiTrovare SupportoRecuperare la propria Vita

Affrontare la morte di un genitore è una delle esperienze più traumatiche che una persona possa vivere. Se da un lato non sarai mai davvero in grado di superarla, sono molti i passaggi che puoi seguire con il fine di onorare la sua memoria e procedere con la tua quotidianità. L'importante è concederti del tempo per elaborare la perdita ed evitare di essere duro con te stesso, se pensi di metterci “troppo tempo” per stare meglio. Il dolore non ha una data di scadenza, riuscirai a voltare pagina solo quando sarai pronto.

Parte 1
Accettare i propri Sentimenti

  1. 1
    Affronta il dolore con i tuoi tempi. Non essere troppo duro con te stesso e non importi una scadenza per smettere di soffrire. I vittoriani si prendevano due-quattro anni per stare a lutto. Se da un lato non devi fare lo stesso, non aspettarti di essere pronto a recuperare la tua quotidianità dopo qualche settimana, un mese o qualsiasi altro intervallo di tempo che pensi sia necessario. Invece, sii paziente con te stesso e lascia perdere le aspettative che reputi appropriate.
    • Cerca di tenere a mente che il lutto è un processo. Probabilmente ti sentirai in questo modo per tantissimo tempo, anche se, si spera, non sarà sempre così intenso. Affrontalo in base ai tuoi tempi.
  2. 2
    Accetta che tuo padre o tua madre voglia che tu continui a vivere. Sebbene sia normale deprimerti, ricorda che ti voleva bene e che non vorrebbe che questo accadimento danneggiasse la tua vita per sempre. Mentre elabori la perdita, cerca di recuperare quello che ti piaceva fare prima che succedesse. Ovviamente è più facile a dirsi che a farsi, ma non significa che tu debba dimenticare che tuo padre o tua madre era felice quando anche tu lo eri. Non vuol dire nascondere tutti i sentimenti negativi sotto il tappeto, ma dovresti fare lo sforzo di continuare ad apprezzare il più possibile le piccole cose.
    • Ovviamente, se la perdita ti ha devastato e non puoi recuperare subito il tuo ritmo di vita, non lasciare che il ricordo del tuo genitore ti faccia sentire in colpa per non riuscire a rimetterti in piedi.
  3. 3
    Ricorda il tuo genitore. Sarà sempre una parte importante della tua vita, in ogni caso, anche adesso che è andato via. Scrivi i ricordi che hai di lui, perché, con il passare del tempo, non vorrai dimenticare quei momenti. Devi sapere che non lascerà mai il posto che ha nel tuo cuore. Consolati grazie alla memoria, senza ossessionarti perché non riesci a ricordare ogni piccolo dettaglio. Fai quel che puoi [1].
    • Puoi parlare con le persone che conoscevano il tuo genitore per mantenere vivo il suo ricordo. Ogni tanto, puoi anche raccontare delle storie su di lui alle persone che non lo conoscevano.
    • Un'altra possibilità è fare delle domande sul tuo genitore agli altri membri della tua famiglia, che ti aiuteranno a saperne di più sulla sua vita. Questo può arricchire le tue conoscenze al riguardo e rendere ancora più vivido il suo ricordo.
  4. 4
    Prenditi cura di te stesso. Cerca di essere un po' più comprensivo del solito nei tuoi confronti. Ritagliati del tempo per rilassarti, prova a trovare distrazioni costruttive e, per ora, metti da parte le autocritiche. Per quanto il dolore sia così grande da impedirti di pensare al tuo benessere, è importante dormire almeno sette-otto ore a notte, consumare tre pasti sani al giorno e muoverti per almeno 30 minuti, quotidianamente. È probabile che avrai bisogno di energia a causa della perdita, e mantenere il corpo in forma ti aiuterà a non sentirti tanto apatico.
    • Naturalmente, dormire e mangiare bene non ti aiuteranno a dimenticare completamente il tuo genitore. Tuttavia, ti faciliteranno la vita di tutti i giorni mentre affronti la perdita.
  5. 5
    Riconosci che cosa accentua il dolore. Per esempio, se hai perso tuo padre, potresti aver bisogno di trascorrere del tempo in più con i tuoi cari in occasione della Festa del Papà; se hai perso tua madre, allora potresti sentirti giù mentre ti dedichi a certe attività, come allo shopping, perché magari lo condividevi con lei. Sapere cosa scatenerà una sofferenza maggiore ti aiuterà a prepararti, per non restare da solo in questi momenti. [2].
  6. 6
    Non dare troppo peso alle cinque fasi dell'elaborazione del lutto. È pur vero che esistono cinque tappe per affrontare il dolore: negazione, rabbia, contrattazione, depressione e accettazione, ma questo non significa che tu debba passarci in maniera sequenziale per superare la perdita di un genitore. All'inizio potresti sentire rabbia e depressione, poi negare; oppure potresti patteggiare dopo la fase della depressione, e non c'è niente di male in tutto questo. Tutti soffrono in maniera diversa, in base ai propri tempi [3].
  7. 7
    Al principio, non prendere grosse decisioni. La morte di un genitore potrebbe farti capire che il tuo matrimonio è ormai finito, che la tua carriera non ha senso o che dovresti mollare tutto e diventare un coltivatore di ananas alle Hawaii. Per quanto sia vero quello che riesci a vedere con nitidezza, dovresti evitare di agire d'impulso e prendere decisioni di cui potresti pentirti, non farlo finché non sarai in grado di ragionare con calma. Decidere di cambiare vita probabilmente non ti aiuterà a farti passare più velocemente il dolore, e potresti finire con l'avere rimorsi.

Parte 2
Trovare Supporto

  1. 1
    Parla con un buon amico. Nessuno dovrebbe stare da solo mentre soffre. Quando devi affrontare la perdita di un genitore, potresti voler trascorrere del tempo da solo, rinchiuso in una bolla. Non è un problema preferire la solitudine per qualche tempo, ma poi dovresti sforzarti per vedere alcuni dei tuoi amici. Questo ti aiuterà a socializzare, a distrarti e ad avere qualcuno che ti darà una mano a gestire meglio i tuoi sentimenti. Cerca di vedere quegli amici che ti vogliono bene, non allontanarli.
    • Ricorda che è probabile che anche i tuoi amici stiano soffrendo e magari non sanno bene cosa fare o dire. Apprezza il loro tentativo.
    • Questo non vuol dire che tu debba andare in giro per locali tutte le sere o a qualsiasi festa tu venga invitato; non devi frequentare grandi gruppi di persone se ancora non sei pronto.
  2. 2
    Parla con un membro della tua famiglia. Rivolgerti a un parente dopo aver perso un genitore può essere uno dei modi migliori per trovare sostegno. Se ti rimane un altro genitore, dedicagli tutto il tempo che puoi. Anche lui sta soffrendo e probabilmente avrà bisogno del tuo supporto. Sebbene possa essere doloroso frequentare gli altri membri della famiglia, perché ti faranno ricordare tuo padre o tua madre, è molto meglio che stare da solo e crogiolarti nella tua sofferenza.
    • Per alleggerire il dolore, parla di tuo padre o tua madre. Magari all'inizio non sei pronto a farlo, ma, dopo qualche tempo, ti sentirai meglio.
  3. 3
    Potresti rivolgerti a uno psicoterapeuta. Alcuni di questi professionisti si specializzano per aiutare i pazienti ad affrontare una perdita. Se senti che il dolore ti sta intrappolando e ti sta impedendo di andare avanti, ti conviene contattare un esperto per farti aiutare. Sicuramente può essere di grande aiuto parlarne con i tuoi amici o la tua famiglia, ma a volte ricevere il punto di vista e il supporto di una persona esterna alla situazione può essere efficace per maturare un nuovo approccio nella vita. La psicoterapia non fa assolutamente per tutti, ma questo non significa che tu debba essere scettico e non fare un tentativo.
    • Uno psicoterapeuta potrebbe anche suggerirti alcuni nuovi approcci per affrontare il dolore. Non esiste una soluzione magica, però ricevere molteplici opinioni può aiutarti a trovare il cammino giusto.
  4. 4
    Unisciti a un gruppo di supporto. Tante persone che soffrono a causa della perdita di un genitore si riuniscono per sostenersi a vicenda. Magari credi che i tuoi amici, il genitore in vita o un altro familiare non possano aiutarti più di tanto, perché non sono capaci di capire fino in fondo quello che stai provando. Non sentirti in imbarazzo se avverti l'esigenza di trovare un aiuto esterno, e cerca dei gruppi di supporto nella tua zona. Potresti conoscere persone che ti daranno una mano ad andare avanti.
  5. 5
    Cerca consolazione nella fede. Se sei religioso, allora trascorrere più tempo in un luogo di culto, che sia una chiesa o una sinagoga, può aiutarti a guardare la situazione da un'altra prospettiva e a elaborare il lutto. Nel caso in cui il tuo gruppo religioso organizzi molti eventi, dai barbecue alle attività di volontariato, partecipa quando ne hai l'opportunità. Cerca di essere attivo, in modo da trascorrere del tempo con persone che la vedono come te e che sono solidali.
  6. 6
    Potresti prendere un animale domestico. Magari pensi che sia un consiglio ridicolo, ma non è per dirti che un gattino sostituirà tua madre o tuo padre. Prenderti cura di un amico a quattro zampe può farti sentire bene e ricordarti che sei responsabile di un altro essere vivente, questo può darti tanta gioia. Se ti senti molto solo e se è da un po' che stai valutando l'idea di avere un gatto o un cane, allora dovresti andare al rifugio degli animali e adottare un cucciolo tutto tuo [4].

Parte 3
Recuperare la propria Vita

  1. 1
    Cambia la tua routine. Una volta che riprendi il ritmo delle cose, inizia a rimescolare tutto. Se fai le stesse attività che hai sempre fatto, allora sarai più propenso a vivere situazioni particolarmente difficili in certi momenti della giornata. Trova un modo per variare i tuoi impegni, come ad esempio andare a studiare in un'altra biblioteca o sostituire il tempo che trascorrevi al telefono con tua madre facendo yoga. Questo non vuol dire che tu debba evitare tutto quello che ti fa ricordare il tuo genitore, ma che dovresti cambiare l'organizzazione della tua agenda per iniziare a sentirti meglio prima.
    • Prova un'attività completamente nuova. Se vuoi modificare la tua routine, iscriviti a quel corso di pittura che hai sempre voluto seguire, bevi un caffè con il tuo vicino, che ti ha invitato più di una volta a casa sua, o vedi gli episodi che ti sei perso di "The Good Wife". Concediti qualche sfizio. Non necessariamente deve essere qualcosa che migliorerà la mente o il corpo.
  2. 2
    Dedicati a quello che ti piaceva. Se da un lato dovresti cercare di variare la tua routine, dall'altro è importante recuperare le tue attività preferite se non vuoi perdere i benefici che ti apportano. Che tu adori dipingere, scrivere poesie o lavorare alla mensa dei poveri, non negarti quello che ami solo perché pensi di essere troppo triste per farlo. Presto capirai che puoi ritrovare un barlume di speranza, anche se poca, in quello che adori.
    • Se non te la senti di dedicarti a qualcosa che condividevi con il tuo genitore, come fare trekking o correre, chiedi a un amico di accompagnarti, nel caso in cui tu abbia davvero tanta voglia di riprendere questa attività.
  3. 3
    Evita l'alcool per qualche tempo. Non è questo il momento giusto per ubriacarti tutte le sere con i tuoi amici. Sebbene ti faccia dimenticare i problemi per un po', l'alcool è un depressivo, e potrebbe farti sentire peggio. Questa sensazione si presenterà al momento o il giorno dopo. Puoi bere un paio di drink se ti va, ma cerca di non alterare troppo il tuo stato mentale. E se stai pensando di assumere farmaci per affrontare il dolore, prima parlane con il tuo medico per capire se è una buona idea o meno.
  4. 4
    Cerca di mantenerti impegnato (ma non troppo). Prova a riempire il più possibile l'agenda di attività significative. Fai in modo di vedere i tuoi amici almeno due o tre volte alla settimana e partecipa a un evento sociale quando ne hai voglia. Inoltre, esci di casa almeno due volte al giorno, qualsiasi cosa tu debba fare. È importante non trascurare il lavoro o la scuola, fare attività fisica e dedicarti a quello che conta per te. Non appena viene organizzato un evento divertente, segnalo sul calendario, così lo terrai presente e non vedrai l'ora che arrivi. Avere una vita impegnata e attiva ti farà sentire meglio in generale, anche se a volte dovrai motivarti a non arrenderti.
    • Questo non significa che tu debba obbligarti a essere impegnato 24 ore su 24, 7 giorni su 7, tanto da non avere nemmeno il tempo di sederti e pensare al tuo genitore. Invece, devi prevedere del tempo da trascorrere tranquillamente. A patto che tu non stia sempre da solo, è fondamentale ritagliarti dei momenti per dare spazio ai tuoi pensieri, pur non essendo felici.
  5. 5
    Dedica del tempo alle attività rilassanti. È importante dare spazio a qualcosa che ti calmi mentre sei a lutto. È questo il momento giusto per viziarti e per dedicarti a quello che ti fa sentire meglio. Magari non ti sentirai benissimo, ma sicuramente troverai un po' di sollievo. Ecco qualche idea:
    • Scrivi i tuoi pensieri su un diario. Farlo quotidianamente può aiutarti a tenerti in contatto con la tua interiorità.
    • Prova lo yoga o la meditazione. Può darti una mano a ridare equilibrio alla mente e al corpo.
    • Esci nel corso della giornata. Vai a bere un caffè o a leggere al parco. I raggi solari e l'aria fresca possono rinvigorirti.
    • Rileggi i tuoi romanzi preferiti. Ti ridaranno sollievo.
    • Ascolta della musica rilassante. Niente di chiassoso.
    • Vai a fare una passeggiata. Fai dell'esercizio fisico mentre lasci fluire i tuoi pensieri.
  6. 6
    Sii paziente con te stesso. Ricominciando ad apprezzare la tua vita, non sovraffaticarti. Possono volerci effettivamente mesi o anni per iniziare a sentirti come una volta, ed è importante non avere fretta. Ammesso che tu abbia obiettivi e che guardi verso il futuro, non è un problema procedere passo per passo verso una nuova vita senza un genitore. Dovresti capire che, se da una parte non sarai mai in grado di superare totalmente la perdita, dall'altra, nel tempo, riuscirai a sviluppare una nuova relazione con il genitore che hai perduto.
    • Non forzare nulla. Ascolta quello che ti dicono la mente e il corpo. Se non sei ancora pronto a fare grandi passi, allora prenditi tutto il tempo necessario. È molto meglio che pretendere troppo da te stesso e crollare. Quel che conta è sapere che andrà tutto meglio, anche se non sarà istantaneo.

Consigli

  • Leggere storie su altre persone che hanno affrontato questo dolore potrebbe aiutarti a trovare il tuo cammino. Chiedi in giro, leggi racconti dedicati alla morte di una persona cara o rivolgiti a un leader religioso.
  • Osserva foto/oggetti che ti aiutano a ricordare il tuo genitore. Ascolta la sua musica preferita e cerca di parlarne, non nascondere il tuo malessere.

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Categorie: Famiglia

In altre lingue:

English: Deal With a Parent's Death, Português: Lidar com a Morte do Pai ou da Mãe, Русский: пережить смерть матери или отца, Español: lidiar con la muerte de uno de tus padres, Français: gérer la mort d'un parent, Deutsch: Mit dem Tod eines Elternteils umgehen, Bahasa Indonesia: Menghadapi Kematian Orang Tua, Nederlands: De dood van een ouder verwerken, العربية: التعامل مع وفاة أحد والديك

Questa pagina è stata letta 165 586 volte.
Hai trovato utile questo articolo?