La sindrome premestruale è dura da gestire per un uomo: non capisce la moglie/fidanzata/madre e non immagina cosa stia attraversando. All'improvviso, la vede ridotta a un fascio di nervi e con degli sbalzi di umore imprevedibili… ma ecco alcuni consigli su cosa fare.

Passaggi

  1. 1
    Una volta che sai che la tua dolce metà soffre di sindrome premestruale, non dimenticartelo e cerca di comprendere come si sente. Potrebbe avere crampi allo stomaco, mal di testa o di schiena; potrebbe sentirsi gonfia o con la nausea. Potrebbe essere stanca o stordita per via della mancanza di ferro; avere delle voglie improvvise e sbalzi d'umore. Pensare in modo lucido potrebbe riuscirle difficile e tutti quelli che la circondano potrebbero irritarla... è una questione di prospettiva, ma è così ci si sente. Alcune donne manifestano solo alcuni di questi sintomi, altre tutti e ciascuno può avere intensità differenti a seconda della persona, dei mesi o dei livelli di stress.
  2. 2
    Ricorda che lo stress peggiora i sintomi: tutto ciò che puoi fare per aiutarla a ridurlo andrà a tuo favore. Fai uno sforzo in più per aiutarla prima che te lo chieda: butta i vestiti sporchi nella cesta della biancheria, lava i piatti, passa l'aspirapolvere (e cerca di farlo come lei anche se non ti sembra logico. Non dare il via a esperimenti su come migliorare il lavaggio dei vestiti finché non le sarà passato tutto e comunque non senza chiederglielo prima). Falle capire che sei disponibile: "Hey, ho un'ora libera. C'è niente che posso fare per te?"
  3. 3
    Quando capirai quali sintomi stia esattamente presentando, dovrai cercare di farla sentire meglio. I crampi vanno combattuti con dell'acqua calda o un bagno rilassante. Potresti massaggiarle la schiena o anche tutto il corpo per alleviare le tensioni. Se ne ha bisogno, procurale un antidolorifico. Un tè alle erbe aiuta ad assorbire gonfiori e gas. Leggi l'etichetta se non sei sicuro.
  4. 4
    Se vuole stare da sola, lasciala in pace. Potrebbe aver bisogno di riposare o avere semplicemente voglia di rimanere a letto a guardare qualche film sdolcinato o a mangiare cioccolata. Ascoltala e lascia che ti dica ciò che vuole.
  5. 5
    Ricorda che, poiché si sente così a terra, potrebbe arrabbiarsi o intristirsi e prendersela con te. Se inizia a inveire non ribattere. Non devi essere necessariamente d'accordo ma rimani tranquillo o cerca di darle delle risposte utili: "Potresti avere ragione." (non stai dicendo che lei HA ragione, ma solo che potrebbe. Non importa quale sia la situazione, è così!). Tutto ciò che dici può e sarà usato contro di te. Non preoccuparti: dentro di sé, lei sa che non è colpa tua ma in questo momento i suoi ormoni le stanno ingarbugliando le emozioni. Entro qualche giorno tornerà a essere quella di sempre. Non prendere sul personale niente di ciò che dice.
  6. 6
    Ricorda: non è colpa sua se si sente male e se ha sbalzi ormonali. Non è colpa sua se piange o si arrabbia senza motivo. Potrebbe sembrare che sia diventata un'artista del dramma intenzionalmente, ma in realtà non sa dominare gli ormoni e una volta che si saranno placati, lei tornerà alla normalità e apprezzerà il fatto che tu sia stato paziente con lei.
    Pubblicità

Consigli

  • Diventare più gentile del solito è un ottimo modo per guadagnare punti. Noleggiale un film, falle un tè o una cioccolata calda, portale qualcosa da mangiare, passa del tempo con lei. Assicurati che però sia ciò che vuole, per evitare di seccarla troppo con la tua presenza. Potrebbe voler rimanere da sola.
  • Se sospetti che la tua metà soffra di sindrome premestruale ma lei non lo ammette, meglio optare per il sì e andare sul sicuro (mai dire che lo fai però). O forse potresti essere gentile con lei sempre. E ricordati che ridurle lo stress sarà il miglior afrodisiaco...
  • Non obbligarla a parlare di come si sente e perché. Molto più spesso di quanto pensino gli uomini, una donna sa di essere irrazionale in questa fase, ma non può evitarlo. O capirlo. Lasciala sfogare. Cerca di farle tirare fuori tutti i suoi sentimenti. Dalle la comprensione della quale ha bisogno da parte tua.
  • Sostienila senza ammorbarla.
  • Abbracciala. Amala. È più vittima della sindrome premestruale di quanto lo sarai mai tu. È quella che sopporta i sintomi mese dopo mese per tutta una vita, da sola. Non essere un viziato egoista che fa la vittima. Sotto la rabbia, si nasconde una donna fragile. Non dimenticartene.

Pubblicità

Avvertenze

  • Se lei cerca di avviare una discussione, rimani tranquillo. Non commentare e se proprio non puoi evitarlo, lascia la stanza. Qualsiasi litigio mentre lei sta così sarà dieci volte peggio di quanto sarebbe normalmente, perciò se ci sono motivi di discussione, aspetta a discuterli fino a che lei non sarà in grado di farlo in modo razionale.
  • Non esagerare. Non farle assumere antidolorifici o tè alle erbe se non li vuole. A non tutte le donne piacciono. Alcune preferiscono mangiare la cioccolata. Ovviamente, è sempre bene offrirle delle alternative: apprezzerà il tuo sforzo.
  • Se lei è brontolona, non chiederle: "Hai le tue cose?" È un atteggiamento sessista. Le donne sono sconvolte per tanti motivi, proprio come gli uomini: non è sempre colpa della sindrome premestruale.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Antidolorifici
  • Cuscino riscaldante
  • Oli per massaggio
  • Se necessario, molta cioccolata
  • Vino

wikiHow Correlati

Come

Far Crescere più Velocemente il Seno

Come

Usare un Preservativo

Come

Crescere In Altezza

Come

Riconoscere il Cancro allo Stomaco

Come

Diventare Più Alti Naturalmente

Come

Fumare una Sigaretta

Come

Farsi un Clistere

Come

Fare Sesso Durante il Ciclo

Come

Capire se il Dolore al Braccio Sinistro è Correlato al Cuore

Come

Distinguere il Dolore Renale dal Dolore Lombare

Come

Far Durare il Sesso Più a Lungo

Come

Determinare il tuo Gruppo Sanguigno

Come

Eseguire la Manovra di Epley

Come

Far Abbassare Velocemente la Pressione del Sangue
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 29 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 5 876 volte
Categorie: Salute
Questa pagina è stata letta 5 876 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità