Scarica PDF Scarica PDF

Quando qualcuno ha una crisi epilettica, può manifestare degli spasmi muscolari involontari e incontrollabili con contrazioni e scatti degli arti, alterazione del comportamento o perdita di coscienza. Se non hai mai assistito a una crisi di questo tipo finora, potresti sentirti scioccato, confuso, spaventato o preoccupato. Per aiutare la vittima devi mantenere la calma, aiutarla a non ferirsi e restare con lei finché non recupera lo stato di coscienza.

Parte 1 di 3:
Prendersi Cura della Persona durante la Crisi

  1. 1
    Impediscile di cadere. Quando una persona sta avendo una crisi epilettica, può cadere e farsi del male. Per evitare tale rischio, se si trova in posizione eretta, devi trovare un modo affinché non cada; puoi abbracciarla e sostenerla oppure afferrarle le braccia per tenerla in posizione eretta. Cerca anche di proteggerle la testa se puoi.[1]
    • Se ha ancora il controllo dei movimenti muscolari, puoi guidarla delicatamente al pavimento.
  2. 2
    Mettila su un fianco. Se la trovi sdraiata, cerca di metterla su un lato, con la bocca rivolta verso il pavimento. Questa posizione permette alla saliva e al vomito di uscire da un lato della bocca anziché scivolare verso la gola o la trachea, con il rischio che entrino nei polmoni.[2]
    • Se la vittima rimane supina, potrebbe soffocare e inalare i fluidi.
  3. 3
    Libera l'ambiente da oggetti pericolosi. Una persona colpita da una crisi epilettica potrebbe ferirsi battendo contro mobili, pareti o altri oggetti che si trovano nei paraggi. Per impedire che questo accada, devi togliere qualsiasi elemento presente e spostarlo il più lontano possibile; in particolare, dovresti rimuovere gli oggetti taglienti.[3]
    • Spostare gli oggetti è più facile che allontanare la persona; tuttavia, se questa sta camminando in uno stato confusionale, fai in modo di condurla lontano da luoghi pericolosi, come zone trafficate, superfici elevate oppure oggetti taglienti.
  4. 4
    Proteggile la testa. A volte, durante una crisi epilettica la vittima batte ripetutamente la testa sul pavimento o contro qualche oggetto; se dovesse succedere alla persona di cui ti stai prendendo cura, devi proteggerle la testa con qualcosa di morbido, come un cuscino, un guanciale o anche una giacca.[4]
    • Evita però di bloccarle la testa o altre parti del corpo.
  5. 5
    Calcola quanto dura la crisi. Se una persona vicina a te ha un attacco epilettico, devi misurarne la durata. Solitamente, si tratta di episodi di uno o due minuti; quando sono più lunghi potrebbero indicare un problema più grave e in questo caso dovresti chiamare subito l'ambulanza.[5]
    • Per una misurazione più accurata usa un orologio, se ce l'hai; tuttavia, puoi anche contare mentalmente la durata della crisi.
  6. 6
    Evita di mettere qualsiasi cosa nella bocca della vittima. Non devi mai metterle nulla in bocca, anche se ritieni che questo possa evitarle delle ferite alla bocca o ai denti. Le persone colpite da un attacco epilettico non ingeriscono la lingua; mettere qualche oggetto in bocca potrebbe causare la rottura di un dente.[6]
    • Inoltre, non devi mai metterle neppure le tue dita in bocca, dato che potrebbe morderti e ferirti.
  7. 7
    Evita di trattenerla. Durante la crisi non devi mai bloccarla o impedirle di muoversi, altrimenti potresti causare delle ferite, come una lussazione della spalla o una frattura ossea.[7]
  8. 8
    Controlla se possiede un braccialetto identificativo. Alcune persone che soffrono spesso di crisi epilettiche indossano questo dispositivo; controlla il polso o il collo della vittima alla ricerca di un braccialetto o una collana di questo genere. Tale strumento fornisce le informazioni necessarie in una situazione di emergenza.[8]
    • Se ne hai la possibilità, controlla anche nel suo portafoglio o tasca se possiede una carta medica identificativa.
  9. 9
    Mantieni la calma. La maggior parte di queste crisi dura solo qualche minuto e non deve destare paura. Devi restare calmo se vuoi aiutare la vittima; se ti fai prendere dal panico o inizi ad agire in modo agitato, potresti trasmetterle ansia. Affronta invece la situazione con tranquillità e parlale in maniera rassicurante.[9]
    • Devi restare calmo anche quando la crisi è terminata; uno stato d'animo tranquillo permette anche alla vittima di mantenere la calma e la aiuta a riprendersi.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Valutare se Chiamare i Servizi d'Emergenza

  1. 1
    Chiama l'ambulanza, a meno che la persona non sia soggetta a frequenti crisi epilettiche. Se sai che ha già avuto altri attacchi in passato, non è necessario l'intervento dei medici, a meno che la crisi non duri più di 2-5 minuti o si manifesti in maniera diversa dal consueto;[10] se però si tratta del primo episodio o hai dei dubbi, devi chiamare immediatamente i soccorsi.[11]
    • Se non conosci la vittima, controlla se ha il braccialetto identificativo per sapere se soffre abitualmente di questo disturbo.
    • È necessaria una valutazione medica per stabilire le cause di fondo del problema.
  2. 2
    Chiama il 118 per chiedere aiuto se la persona presenta delle convulsioni anomale. La maggior parte delle crisi dura solo pochi minuti e la vittima riprende rapidamente coscienza e consapevolezza dell'ambiente circostante; tuttavia, se manifesta un'attività atipica, devi contattare i servizi di emergenza. Tra le attività insolite che destano preoccupazioni considera:[12]
    • Molte convulsioni senza recupero di coscienza;
    • La crisi dura più di cinque minuti;
    • Incapacità di respirare;
    • L'attacco epilettico si manifesta dopo un'improvvisa e grave emicrania;
    • La crisi è successiva a una lesione alla testa;
    • L'attacco è avvenuto a seguito dell'inalazione di fumi o veleno;
    • La crisi è accompagnata da altri segni di ictus, come difficoltà a parlare o a comprendere un discorso, perdita della visione, incapacità di muovere una parte o tutto un lato del corpo.
  3. 3
    Cerca aiuto se la vittima manifesta le convulsioni in una situazione pericolosa. Se soffre di una crisi quando si trova in un contesto pericoloso, potrebbe ferirsi o anche morire; devi chiamare i servizi d'emergenza se è incinta o ha il diabete, se durante la crisi si è ferita o se l'attacco si manifesta in acqua.[13]
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Aiutare la Vittima dopo la Crisi

  1. 1
    Controlla se si è ferita. Una volta conclusa la crisi, devi aspettare che la vittima si tranquillizzi, dopodiché girala su un fianco, se non è già in questa posizione; osservale il corpo alla ricerca di possibili lesioni che potrebbe aver subito durante le convulsioni.[14]
  2. 2
    Liberale la bocca se ha difficoltà a respirare. Se ti accorgi che fa fatica a respirare anche dopo essersi calmata, usa le dita per liberarle il cavo orale, dato che potrebbe essere pieno di saliva o vomito che le blocca le vie aeree.[15]
    • Se questa tecnica non la aiuta a respirare meglio, chiama l'ambulanza.
  3. 3
    Scoraggia un assembramento di gente. Se la vittima ha avuto la crisi in un luogo pubblico, potrebbero avvicinarsi dei curiosi; una volta garantita la sua sicurezza, chiedi alla gente di allontanarsi per fornire alla vittima spazio e privacy.[16]
    • Riprendersi da una crisi epilettica circondato da persone estranee che restano a fissare potrebbe essere molto stressante per qualcuno.
  4. 4
    Concedile di riposare. Portala in un luogo sicuro in cui possa recuperare; assicurati che gli indumenti attorno al collo e ai polsi siano laschi. Inoltre, impediscile di bere o mangiare finché non torna calma, cosciente e consapevole di quello che la circonda.[17]
    • Rimani con lei in questa fase; non lasciare mai sola una vittima di crisi epilettica che è confusa, incosciente o che sta dormendo.
  5. 5
    Monitora il tempo di recupero. Proprio come hai fatto per misurare la durata della crisi, dovresti calcolare anche il tempo della ripresa; valuta quanto la persona impiega a riprendersi dall'attacco, a tornare a svolgere le normali attività e nello stato normale.[18]
  6. 6
    Rassicurala nuovamente. Le convulsioni possono rappresentare una situazione spaventosa e stressante; ricorda che la persona potrebbe sentirsi confusa e a disagio quando si riprende, ma falle capire che è al sicuro. Quando torna cosciente e vigile, spiegale cosa è successo.[20]
    • Offriti di restare con lei finché non si sente meglio.
  7. 7
    Prendi nota di tutti i dettagli. Non appena ne hai la possibilità, scrivi su carta tutti gli aspetti riguardanti la crisi epilettica; può essere estremamente prezioso per la vittima, così come per il medico. Ecco i dettagli da tenere in considerazione:[21]
    • Parti del corpo da cui sono iniziate le convulsioni;
    • Parti del corpo colpite dalla crisi;
    • Segnali di avvertimento che hanno preceduto l'attacco;
    • Durata delle convulsioni;
    • Cosa stava facendo la vittima prima e dopo l'attacco;
    • Qualsiasi cambiamento nell'umore;
    • Qualsiasi possibile fattore scatenante, come stanchezza, rabbia o nausea;
    • Qualsiasi sensazione insolita;
    • Qualunque cosa che hai notato in merito alle convulsioni, come un rumore, gli occhi ruotati verso l'alto o se la vittima è caduta e in quale modo;
    • Il suo stato di coscienza durante e dopo la crisi;
    • Ogni comportamento insolito durante l'episodio, come borbottio o toccarsi gli indumenti;
    • Eventuali cambiamenti della respirazione.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Eliminare il Mal di TestaEliminare il Mal di Testa
Sapere se hai un Nervo CompressoSapere se hai un Nervo Compresso
Curare un Nervo CompressoCurare un Nervo Compresso
Riconoscere i Segni dell'AutismoRiconoscere i Segni dell'Autismo
Fermare gli Attacchi di PanicoFermare gli Attacchi di Panico
Parlare con un Bambino AutisticoParlare con un Bambino Autistico
Curare la Paralisi di BellCurare la Paralisi di Bell
Diagnosticare la Sindrome della Cauda EquinaDiagnosticare la Sindrome della Cauda Equina
Simulare un Mal di TestaSimulare un Mal di Testa
Diagnosticare una Lesione del Nervo VagoDiagnosticare una Lesione del Nervo Vago
Liberarti Velocemente di un'EmicraniaLiberarti Velocemente di un'Emicrania
Calmare una Persona AutisticaCalmare una Persona Autistica
Trattare l'Emicrania OftalmicaTrattare l'Emicrania Oftalmica
Definire la Sindrome da Deficit di Attenzione e IperattivitàDefinire la Sindrome da Deficit di Attenzione e Iperattività
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Luba Lee, FNP-BC, MS
Co-redatto da:
Comitato di Revisione Medica
Questo articolo è stato co-redatto da Luba Lee, FNP-BC, MS. Luba Lee lavora come Infermiera di Famiglia Iscritta all’Albo in Tennessee. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche alla University of Tennessee nel 2006. Questo articolo è stato visualizzato 37 445 volte
Questa pagina è stata letta 37 445 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità