Come Aiutare i Rifugiati

In questo Articolo:Promuovi l'Assistenza FinanziariaAiuta Concretamente Impegnandoti in Prima PersonaSpargi la Voce8 Riferimenti

I rifugiati che fuggono da condizioni di oppressione nei loro Paesi d'origine si trovano ad affrontare ulteriori sfide quando arrivano in una nuova nazione. Se desideri aiutare i rifugiati di qualsiasi provenienza, puoi farlo sia impegnandoti concretamente, sia attraverso l'assistenza finanziaria. Spargere la voce e promuovere la causa dei rifugiati, inoltre, sono iniziative che possono fare la differenza.

Parte 1
Promuovi l'Assistenza Finanziaria

  1. 1
    Acquisisci dimestichezza con i diversi servizi a disposizione dei rifugiati. Esistono numerosi servizi per i rifugiati che lavorano a livello locale, nazionale e internazionale, con l'obiettivo di fornire aiuto ai rifugiati provenienti dai più svariati Paesi. Informati sulle attività di cui si occupano e sul lavoro che svolgono alcune delle tante organizzazioni.
  2. 2
    Fai una donazione per i servizi ai rifugiati. Ora che hai un quadro più chiaro dei diversi servizi a disposizione dei rifugiati, puoi fare una donazione all'organizzazione che preferisci. Alcune organizzazioni decidono autonomamente come usare la tua donazione, mentre altre consentono di specificare per quali attività si desidera che venga impiegato il denaro.
    • Sii consapevole che qualsiasi organizzazione destinerà solo una parte della tua donazione ai servizi per i rifugiati. Il resto verrà impiegato per le spese correlate.
    • Prima di donare del denaro a un'organizzazione, informati su quanti dei tuoi soldi saranno effettivamente destinati a beneficio dei rifugiati. Cerca le informazioni sulla pagina web dell'organizzazione dedicata alle donazioni. Qualora tali informazioni non fossero facilmente accessibili, cerca di trovare una copia dell'ultimo bilancio annuale dell'organizzazione.
    • La maggior parte delle organizzazioni permette di elargire una donazione una tantum online, via e-mail o per telefono. Molte incoraggiano anche le donazioni mensili.
    • Puoi persino fare una donazione regalo in tributo o a nome di un collega o un tuo caro.
  3. 3
    Organizza una campagna per la raccolta fondi. Organizzando una raccolta fondi per i rifugiati su internet o presso la tua comunità locale, hai la possibilità di ottenere un enorme riscontro finanziario. Per donare i soldi raccolti durante la campagna, lavora a stretto contatto con un servizio per i rifugiati riconosciuto.
    • Considera la possibilità di organizzare la tua campagna di raccolta fondi a livello comunale, parrocchiale o sul luogo di lavoro.
    • Oltre alle attività di raccolta fondi, è possibile anche promuovere donazioni non monetarie. Incoraggia le persone a donare mobili e altri oggetti domestici necessari per equipaggiare nuovi spazi abitativi. Sono ben accette anche le donazioni di prodotti da bagno, vestiti e alimenti non deperibili.

Parte 2
Aiuta Concretamente Impegnandoti in Prima Persona

  1. 1
    Svolgi uno stage presso un'organizzazione che offre servizi per i rifugiati. Per saperne di più sulle attività svolte a servizio dei rifugiati e per coordinare direttamente il tuo lavoro con coloro che sono coinvolti nell'organizzazione, candidati per uno stage presso un'organizzazione per i rifugiati nazionale o internazionale.
    • Le opportunità di stage di solito sono limitate e gli stage sono piuttosto competitivi, specialmente se desideri lavorare in un'organizzazione relativamente famosa.
    • Durante lo stage presso un'organizzazione di assistenza ai rifugiati, puoi venire coinvolto in tutta una serie di attività, che includono l'educazione sanitaria, lo sviluppo di programmi per i giovani in una determinata area geografica e il supporto gestionale delle attività dell'organizzazione.
  2. 2
    Contatta gli uffici per i rifugiati della tua zona. Se non è possibile effettuare uno stage, contatta il più vicino centro di assistenza ai rifugiati e chiedi come puoi renderti utile. Il personale dell'ufficio saprà dirti quali sono i servizi di cui hanno bisogno in quel momento e le modalità per partecipare alle attività.
    • Per trovare l'ufficio più vicino, visita il sito internet dell'organizzazione di assistenza ai rifugiati che preferisci e cerca l'elenco delle sezioni locali. Se non è disponibile online, contatta direttamente l'organizzazione e inoltragli le tue richieste.
    • Molte organizzazioni possono chiederti di iscriverti come volontario, prima di iniziare a lavorare in veste ufficiale. Di solito questo processo inizia con la compilazione di una domanda per diventare volontario, passa attraverso un controllo dei precedenti e implica la partecipazione a un corso di orientamento al volontariato. Potresti inoltre essere intervistato dal personale dell'ufficio reclutamento dell'organizzazione.[1]
  3. 3
    Fai volontariato nella tua comunità. Trascorri del tempo lavorando direttamente con i rifugiati che vivono nella tua comunità o nelle vicinanze. Ciascuno di noi ha delle capacità e delle competenze da offrire. Scopri come renderti utile usando le tue competenze.
    • Aiuta i rifugiati che trovano accoglienza nella tua comunità, assistendoli durante la loro sistemazione. [2]
    • Aiuta a procurare loro arredi puliti ed essenziali e offriti per sistemare queste forniture nella loro nuova casa.
    • Un'idea carina può essere quella di cucinare un pasto culturalmente appropriato per loro.
    • Offri la tua disponibilità per accompagnarli a svolgere le varie incombenze, specialmente quelle necessarie come le visite mediche, la spesa, i colloqui di lavoro e i corsi per apprendere la lingua.
    • Offriti per fare loro da tutor o per insegnare loro la lingua italiana.
    • Fai amicizia con i rifugiati che vivono nella tua comunità. Se non te la senti di fare altro, anche questo può essere un aiuto prezioso. Una presenza amichevole è in grado di offrire un grande sostegno emotivo per aiutarli superare il momento traumatico che stanno vivendo.
  4. 4
    Promuovi la causa dei rifugiati coinvolgendo la tua comunità religiosa o la tua parrocchia. Incontra il sacerdote e i responsabili delle attività parrocchiali e discuti con loro dell'opportunità di accogliere e aiutare i rifugiati che vivono nella vostra zona.
    • Molte fedi religiose promuovono l'ospitalità come un valore. Coinvolgendo la tua comunità religiosa, non solo doni un sostegno concreto ai rifugiati, ma offri anche ai membri della tua comunità l'occasione per arricchirsi moralmente e spiritualmente.
    • I volontari delle comunità religiose di solito lavorano fianco a fianco con le più importanti organizzazioni di assistenza ai rifugiati. Si occupano di fornire a queste persone alloggi sicuri, arredamento, cibo, vestiti e altre necessità materiali; inoltre possono aiutare i rifugiati a sistemarsi in pianta stabile informandoli e orientandoli riguardo i programmi sanitari, le opportunità di lavoro e gli uffici di servizio pubblico.[3]
    • I membri della comunità religiosa possono anche impegnarsi sul piano concreto interagendo personalmente con i rifugiati presenti in zona.
  5. 5
    Cerca di coinvolgere la tua azienda. Parla con i responsabili del settore risorse umane della tua azienda per informarli sulle necessità e sui bisogni dei rifugiati presenti nella tua comunità. Fai capire loro come aiutare i rifugiati può portare dei benefici non solo ai rifugiati stessi, ma anche all'azienda.
    • Le imprese possono aiutare i rifugiati offrendo loro delle opportunità di lavoro. Qualora non ci fossero posti disponibili, possono comunque aiutarli offrendo loro varie opportunità per migliorare le qualifiche e le competenze lavorative.
    • Se la tua azienda non è in grado di aiutare i rifugiati sul piano pratico, rivolgiti all'ufficio finanziario, proponendo di fare una donazione aziendale per un'organizzazione di assistenza ai rifugiati riconosciuta. Queste donazioni sono solitamente deducibili dalle tasse e garantiscono un'ottima pubblicità all'azienda.
    • Le campagne di donazione sono un'altra opzione praticabile. Possono essere sia donazioni materiali che finanziarie. Incoraggia l'azienda a gestire a beneficio dei rifugiati le donazioni effettuate dai dipendenti.[4]
  6. 6
    Prega. Se credi in Dio o in una qualche forma di potere soprannaturale, prega regolarmente per i rifugiati e per le loro famiglie. Incoraggia i tuoi parenti, gli amici, i colleghi e i membri della tua chiesa a fare altrettanto.
    • Organizza degli incontri di preghiera a scadenza regolare allo scopo di pregare per i rifugiati e per le loro famiglie.

Parte 3
Spargi la Voce

  1. 1
    Tieniti informato. Attraverso newsletter e altre pubblicazioni puoi ricevere le ultime notizie che riguardano i rifugiati provenienti da ogni parte del mondo. Prima di comunicare agli altri le notizie, tieniti costantemente informato.
    • In quasi tutti i siti internet delle maggiori associazioni di assistenza ai rifugiati troverai la newsletter a cui ti puoi iscrivere per tenerti informato.
    • Segui regolarmente le notizie dei telegiornali, della radio e su internet per sapere le ultime novità in fatto di rifugiati.
  2. 2
    Organizza un incontro nella tua comunità. Organizza un evento-dibattito informativo sul tema dei rifugiati e i problemi connessi. Promuovilo attivamente e invita i membri della tua comunità a partecipare all'evento.
    • Considera l'opportunità di organizzare l'evento in una data importante o in un periodo significativo. Il periodo natalizio, ad esempio, è molto favorevole perché le persone sono più inclini alla benevolenza e alla generosità. Un'altra data utile è la Giornata Mondiale dei Rifugiati, che viene celebrata ogni anno il 20 giugno.
    • Invita come relatori dei rifugiati o delle persone che si occupano del problema, per rendere l'evento più interessante. Se parlano le persone direttamente coinvolte nella causa, il problema dei rifugiati non resta qualcosa di astratto ma acquisisce un volto, viene in qualche modo personalizzato, quindi le persone sono più propense a offrire un aiuto e un sostegno.[5]
    • Questi dibattiti possono essere organizzati nelle scuole, nelle chiese, nei luoghi di lavoro, nelle sedi delle associazioni o nelle sale comunali.
  3. 3
    Contatta i rappresentanti del governo. Telefona o scrivi alle figure istituzionali che si occupano della causa dei rifugiati. In questo modo puoi far sentire la tua voce anche in ambito istituzionale.[6]
    • Contatta i funzionari governativi e gli uffici territoriali che si occupano di implementare il programma di accoglienza e di sistemazione dei rifugiati.
    • Per contattare la presidenza del consiglio dei ministri vai su: http://www.governo.it/contatti/
  4. 4
    Tieniti in contatto con i mezzi di comunicazione. Se vieni a conoscenza di storie locali, regionali o nazionali riguardanti i rifugiati, contatta i media e incoraggiali a diffondere la notizia. I mezzi di comunicazione comprendono la televisione, la radio e i giornali.
    • Per ottenere un maggiore sostegno, presenta la causa dei rifugiati come una vicenda di grande interesse umano. Se associ la storia a un nome o a un volto, i media saranno più propensi a raccontare la storia.
  5. 5
    Spargi la voce attraverso i social network.[7] L'uso generalizzato dei social network ha reso più che mai facile diffondere le notizie poco conosciute presso gli amici, i parenti e i conoscenti.
    • Segui le organizzazioni di assistenza ai rifugiati attraverso i tuoi profili dei social network; così facendo potrai tenerti sempre informato sulle ultime novità e sugli aggiornamenti e postare le notizie sulla tua pagina.
    • Utilizza il maggior numero di social network possibile, tra cui Facebook, Twitter, Causes, YouTube, MySpace, Flickr e Google Plus.
  6. 6
    Nomina un candidato per il premio Nansen. Questo riconoscimento viene conferito ogni anno, nel mese di ottobre, a una persona oppure a un gruppo che si sono distinti particolarmente nelle attività di supporto ai rifugiati.
    • Mettendo in evidenza il servizio svolto da altre persone nell'ambito dell'assistenza ai rifugiati, sarai in grado di far capire ancora di più l'importanza del tema.
    • Le candidature in genere si chiudono nei mesi di gennaio o febbraio precedenti alla consegna del premio.
    • L'opera del candidato dovrebbe andare al di là del semplice adempimento del dovere: la persona deve essere un esempio di coraggio e il suo lavoro deve avere avuto un impatto diretto e significativo sui destinatari. [8]
    • Per saperne di più sul premio Nansen, vai su: http://www.unhcr.it/cosa-facciamo/eventi-e-campagne/premio-nansen

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Attivismo Sociale

In altre lingue:

English: Help Refugees, Español: ayudar a los refugiados, Français: aider des refugiés, Português: Ajudar Refugiados, Deutsch: Flüchtlingen helfen

Questa pagina è stata letta 3 272 volte.
Hai trovato utile questo articolo?