Scarica PDF Scarica PDF

Il bullismo è un problema diffuso nelle scuole da lungo tempo. Oggi, può manifestarsi non solo a scuola, ma anche online. Spesso, ci si sente impotenti quando vogliamo aiutare un amico che viene preso di mira. Talvolta si teme per la propria incolumità o non sappiamo semplicemente che cosa fare. In ogni caso, è comunque possibile aiutare senza correre alcun rischio. Ecco qualche suggerimento.

Parte 1 di 3:
Intervenire

  1. 1
    Invita il bullo a smettere. Si tratta di un primo grande passo. Questo ti permette di fargli sapere che sai che cosa sta facendo e che il suo comportamento non è giustificabile.[1]
    • Non urlare e non aggravare la situazione. Resta calmo e concentrato.
    • Digli che il suo comportamento non è divertente, né sensazionale. I bulli cercano sempre quel tipo di attenzione. Fagli sapere che non è il caso.
    • Puoi semplicemente dire "quello che stai facendo non va bene. Smetti per favore". Potresti anche dire "Non mi piace come stai trattando il mio amico".
    • Se il tuo amico è vittima di vessazioni online, invia all'autore un messaggio riservato in cui comunichi di essere al corrente di ciò che sta succedendo ed è necessario che la smetta.
  2. 2
    Evita di trasformarti tu stesso in bullo. Potresti essere tentato, ma due atteggiamenti errati non ne fanno uno giusto. Non insultarlo e non prenderlo in giro. Una volta che gli hai detto di smettere e che il tuo amico è al sicuro, limitati ad allontanarti.[2]
    • Ricorda che vessare per ritorsione può peggiorare le cose. Il vero bullo potrebbe decidere di prendere di mira te o di trasformare la vita del tuo amico in un inferno.
  3. 3
    Segnala il bullismo. Appena puoi, parla con un adulto di cui ti fidi. Questo è importante indipendentemente da dove abbia luogo: a scuola, online o altrove.[3]
    • Le persone con cui parlare possono essere i tuoi genitori, gli insegnanti, i dirigenti scolastici o un leader religioso.
    • Se la persona con cui hai parlato non offre aiuto subito, rivolgiti a qualcun altro. Il bullismo dovrebbe essere affrontato il più rapidamente possibile.
  4. 4
    Aiuta l'amico a stare al sicuro. I bulli prendono spesso di mira le persone quando sono sole. Renditi disponibile a sederti con il tuo amico a pranzo, ad accompagnarlo in bagno o ad aspettare l'autobus assieme a lui.[4]
    • Se il tuo amico è vessato anche online, non entrare in competizione con il bullo. Assicurati che il tuo amico blocchi i social media. Anche tu puoi farlo.
    • Fai sapere al tuo amico di avere un'alta considerazione di lui. Puoi ricordarglielo dicendo: "Voglio restare con te, perché sei una persona eccezionale".
    • Potrebbe sentirsi debole o imbarazzato a causa dei comportamenti vessatori di cui è vittima. Assicurati che sappia che non è così. Digli qualcosa come "Sei tu la persona davvero forte. Il bullo è debole perché ha bisogno di prendersela con qualcuno per sentirsi bene e questo è penoso".
  5. 5
    Presta attenzione alle persone presenti. Tu hai deciso di contribuire a fermare le vessazioni. Tuttavia, altri astanti potrebbero ridere assieme al bullo o incitarlo. Questo rende il problema peggiore e bisogna fare in modo che se ne rendano conto.[5]
    • Alcuni astanti non aiutano perché temono di "fare la spia".
    • Puoi con calma dire loro ciò che hai detto al bullo: questo comportamento non va bene. Puoi aggiungere qualcosa come "noi non dovremmo incoraggiarlo. Questo è bullismo".
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Decidere di Aiutare

  1. 1
    Impara a riconoscere la semplice battuta di scherzo dall'effettivo bullismo. Quasi tutti siamo stati presi in giro a un certo punto. Spesso prendiamo in giro un fratello o gli amici intimi. Lo scherzo può ferire un po', ma non ha mai lo scopo di fare veramente del male. Il bullismo è un'altra cosa.[6]
    • Si tratta in genere di un comportamento ricorrente, intenzionalmente offensivo. Può avere conseguenze a lungo termine per il bullo, la vittima e anche per le persone presenti.
    • Può essere fisico, verbale, psicologico o sessuale;
    • Può manifestarsi con le persone presenti oppure online (il fenomeno è noto come cyber-bullismo).
    • Quando qualcuno è vittima del bullismo, c'è solitamente un divario di potere che pende a favore del bullo. Questi può essere molto più prestante, più anziano o più apprezzato rispetto alla vittima.
  2. 2
    Offri sostegno al tuo amico. Alcune vittime di bullismo hanno paura di chiedere aiuto. Possono provare imbarazzo o vergogna. I bulli possono anche promettere loro di non dire a nessuno quello che è successo. Fai in modo che il tuo amico sappia che vorresti aiutarlo — anche se lui non lo ha chiesto. [7]
    • Chiedi al tuo amico che cosa potrebbe essere per lui di aiuto. Potrebbe desiderare che qualcuno pranzi con lui o che parli con qualche dirigente scolastico assieme a lui.
    • Parla con il tuo amico prima di rivolgerti a chiunque. In questo modo non avrà la sensazione che tu lo abbia fatto alle sue spalle.
  3. 3
    Chiedi ad altri amici di aiutare. Il numero fa sempre la forza. Se hai paura di agire da solo, trova un paio di amici che diano una mano.[8]
    • Coinvolgere altri amici mostrerà al bullo quanto il suo comportamento sia poco apprezzato;
    • Se la vittima vede più persone che vengono in suo aiuto, si sentirà protetta.
  4. 4
    Impara altre cose sul bullismo. A volte, per mancanza di informazioni sufficienti, si può provare paura a intervenire per fermarlo. Quando scopri perché le persone ricorrono a questo tipo di comportamento, puoi capire come intervenire per farli cessare in futuro.[9]
    • La maggior parte delle scuole ha opuscoli sul bullismo.
    • Il tuo insegnante o un genitore può essere in grado di offrire consigli.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Creare una Cultura Antibullismo

  1. 1
    Forma un comitato per la sicurezza. Tutti vogliono sentirsi al sicuro a scuola. Chiedi a un insegnante o a un genitore di aiutarti a fondare un'associazione scolastica che si concentri sul bullismo. Il gruppo dovrebbe essere composto da adulti e giovani. Insieme, è possibile decidere come fermare i comportamenti vessatori a scuola.[10]
    • Il comitato può essere un gruppo informale o un'associazione riconosciuta dalla scuola;
    • Chiedi agli amici e agli adulti di cui ti fidi di aderire.
  2. 2
    Stabilisci un codice di condotta. Puoi farlo con il comitato per la sicurezza o per conto tuo. Una volta predisposto, puoi condividerlo con gli insegnanti e con i dirigenti scolastici. Dovrebbe trattarsi di un documento che gli insegnanti e gli studenti possono accettare e sottoscrivere.[11]
    • I codici di condotta possono indicare i comportamenti non ammessi. Ad esempio, non dare pugni, calci e non insultare.
    • Assicurati che tutti a scuola sappiano del codice di condotta. In questo modo tutti conoscono le regole.
  3. 3
    Cerca di capire perché le persone hanno atteggiamenti prevaricatori. La comprensione è un passo importante per convincere la gente a cambiare il proprio comportamento. Le persone si comportano da bulli per diversi motivi. Quando li conosci, è più facile fermarle.[12]
    • Un bullo potrebbe avere un obiettivo — ad esempio essere apprezzato di più o cercare di acquisire uno status sociale più elevato. Se la scuola è in grado di creare un ambiente dove lo status sociale conta poco, questo può scoraggiare alcuni prevaricatori.
  4. 4
    Dai il buon esempio. Quando aiuti attivamente a fermare il bullismo, stai dando un buon esempio. Stai dimostrando che è possibile essere accettati e stare bene con se stessi mentre si prendono le difese di altri.[13]
    • Lascia che altri vedano le tue azioni. Chiedi aiuto per realizzare dei poster contro il bullismo o organizza una discussione di gruppo per approfondire l'argomento.
    • Fai sapere alla gente perché ti dai da fare per mettere fine al bullismo.
    Pubblicità

Consigli

  • Se non ti senti sicuro a intervenire da solo, parlane prima con un adulto di cui ti fidi.
  • Mantieni sempre la calma quando si tratta di bulli. Non attizzare mai il fuoco.
  • Sii coraggioso. Difenditi dal bullo e solleva il tono della voce. Mobilita le persone che possono dare sostegno contro di lui e fagli sapere che sbaglia.
Pubblicità

Avvertenze

  • Alcune forme di bullismo possono essere molto pericolose e devono essere affrontate immediatamente da una persona autorevole. Cerca subito il suo aiuto in uno dei seguenti casi: [14]
    • Qualcuno ha un'arma;
    • Qualcuno ha minacciato di ferire seriamente qualcun altro;
    • Ci sono state minacce o azioni (derivanti da razzismo, omofobia, eccetera) motivate dall'odio;
    • Qualcuno è stato aggredito sessualmente;
    • Qualcuno è stato accusato di un crimine (come rapina o estorsione).
Pubblicità

wikiHow Correlati

Capire se Piaci a un RagazzoCapire se Piaci a un Ragazzo
Capire se Piaci a una RagazzaCapire se Piaci a una Ragazza
Scambiare Messaggi con il Ragazzo Che Ti PiaceScambiare Messaggi con il Ragazzo Che Ti Piace
Eccitare il Tuo RagazzoEccitare il Tuo Ragazzo
Riconoscere i Genitori TossiciRiconoscere i Genitori Tossici
Fare Soldi (per Adolescenti)Fare Soldi (per Adolescenti)
Capire se ti Piace un RagazzoCapire se ti Piace un Ragazzo
Dare il Primo BacioDare il Primo Bacio
Capire se un Ragazzo ha una Cotta per TeCapire se un Ragazzo ha una Cotta per Te
Convincere i Tuoi Genitori a Farti Fare Qualsiasi CosaConvincere i Tuoi Genitori a Farti Fare Qualsiasi Cosa
Divertirti con le tue Amiche (Per Ragazze Teenager)Divertirti con le tue Amiche (Per Ragazze Teenager)
Capire se per un Ragazzo sei più di un'AmicaCapire se per un Ragazzo sei più di un'Amica
Divertirti a Casa di un AmicoDivertirti a Casa di un Amico
Baciare Qualcuno (Preadolescenti)Baciare Qualcuno (Preadolescenti)
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Allison Broennimann, PhD
Co-redatto da:
Psicologa Clinica
Questo articolo è stato co-redatto da Allison Broennimann, PhD. La Dottoressa Allison Broennimann è una psicologa clinica abilitata con uno studio privato nella San Francisco Bay Area che offre servizi di psicoterapia e neuropsicologia. Con oltre 10 anni di esperienza, è specializzata in psicoterapia del profondo e il suo obiettivo è quello di offrire trattamenti mirati alla soluzione di ansia, depressione, problemi relazionali, dolore, problemi di adattamento, stress traumatico e fasi di transizione. Inoltre, nella sua pratica della neuropsicologia integra psicoterapia del profondo e riabilitazione cognitiva per pazienti che hanno subito un trauma cranico. Si è laureata in Psicologia alla University of California - Santa Cruz. Si è poi specializzata e ha realizzato un dottorato di ricerca in Psicologia Clinica alla Palo Alto University. Ha ottenuto l’abilitazione dal California Board of Psychology ed è membro dell'American Psychological Association. Questo articolo è stato visualizzato 8 829 volte
Categorie: Gioventù
Questa pagina è stata letta 8 829 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità