La costipazione non è insolita nei bambini; può manifestarsi mentre imparano a usare il bagno o quando sono talmente assorbiti dal gioco da non badare ai segnali inviati dall'intestino. Generalmente basta poco per risolvere il problema, ma se la costipazione dura da più di due settimane è indispensabile andare dal medico per sapere se è necessario che il tuo bimbo prenda dei farmaci.[1]

Parte 1 di 3:
Capire se un Bimbo è Costipato

  1. 1
    Identifica i sintomi della costipazione. Se il bimbo è costipato, potrebbe protestare all'idea di andare in bagno perché quando prova a espellere le feci sente dolore. Potrebbe tenere i glutei contratti e contorcersi nel tentativo di evitare il movimento intestinale. Più nello specifico, tuo figlio potrebbe essere costipato se:[2]
    • Ha difficoltà a espellere le feci;
    • Le feci sono dure, secche (con o senza tracce di sangue);
    • Ha un movimento intestinale meno di tre volte alla settimana;
    • Sente dolore mentre espelle le feci;
    • Ha la nausea;
    • Lamenta dolori addominali;
    • Espelle piccole quantità di liquido o le feci hanno una consistenza simile a quella dell'argilla (potresti accorgertene anche dalla sua biancheria).
  2. 2
    Identifica se il bimbo rischia di diventare costipato. In certe situazioni le probabilità di soffrire di costipazione aumentano, per esempio se tuo figlio:[3]
    • Non svolge regolarmente attività fisica;
    • Assume una quantità insufficiente di fibre;
    • È spesso disidratato;
    • Sta assumendo dei farmaci che hanno come effetto collaterale la costipazione, è il caso per esempio degli antidepressivi;
    • Ha un problema medico all'ano o al retto;
    • È affetto da un problema neurologico, per esempio da una paralisi cerebrale;
    • Soffre di disturbi emotivi o è stato recentemente esposto a un forte stress;
    • Ha problemi metabolici o alla tiroide;
    • Dovresti tenere in considerazione anche il fatto che la costipazione può essere un disturbo ereditario.
  3. 3
    Porta il bimbo dal medico se i sintomi suggeriscono che possa trattarsi di un problema più serio. Nella maggior parte dei casi la costipazione non provoca complicazioni e non indica la presenza di un disturbo più grave. I sintomi che possono suggerire che si tratti in realtà di un problema più serio includono:[4]
    • Febbre;
    • Vomito;
    • Tracce di sangue nelle feci;
    • Addome gonfio;
    • Perdita di peso;
    • Lacerazioni nella pelle intorno all'ano;
    • Prolasso rettale (condizione in cui l'estremità del retto sporge oltre l'ano);
    • Minzione frequente o dolorosa che può indicare la presenza di un'infezione urinaria (accade di frequente nei bambini costipati);
    • Mancanza di appetito;
    • Dolori addominali forti o persistenti.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Alleviare la Costipazione con Rimedi Naturali e Abitudini più Sane

  1. 1
    Fai bere molti liquidi al tuo bambino. Renderanno le feci più morbide, quindi farà meno fatica a espellerle. Fagli bere tanta acqua e dei succhi di frutta naturali.[5]
    • Talvolta il latte provoca stitichezza nei bambini, quindi è meglio evitarlo.
    • Sono da evitare anche le bevande che contengono caffeina, incluso il tè.[6]
    • Il fabbisogno di liquidi varia in base all'età, al livello di attività fisica e al clima. Tuttavia se tuo figlio si sente stanco e le sue urine sono scure o torbide, significa che è disidratato e deve bere di più.
  2. 2
    Spronalo a mangiare una maggiore quantità di fibre. Grazie alle fibre le feci diventano più morbide, quindi il tuo bimbo riuscirà a espellerle più facilmente. Gli alimenti ad alto contenuto di fibre includono i legumi, il pane integrale, la frutta e la verdura. Adotta le seguenti linee guida per far fronte al fabbisogno di fibre del tuo bambino:[7]
    • In generale, i bambini dovrebbero assumere circa 20 g di fibre al giorno;
    • Le ragazze adolescenti dovrebbero assumere circa 29 g di fibre al giorno;
    • I ragazzi adolescenti hanno bisogno di assumere circa 38 g di fibre al giorno.
  3. 3
    Prova a fare mangiare a tuo figlio degli alimenti che hanno un leggero effetto lassativo e sono ricchi di fibre. La frutta matura è dolce e colorata, quindi probabilmente non farai fatica a convincerlo a mangiare molti di questi alimenti:[8] [9]
    • Susine;
    • Pesche;
    • Pere;
    • Prugne;
    • Mele;
    • Albicocche;
    • Lamponi;
    • Fragole;
    • Fagioli;
    • Piselli;
    • Spinaci.
  4. 4
    Limita i cibi che possono causare costipazione presenti nella sua dieta. I potenziali colpevoli della stitichezza includono:[10]
    • Latte e latticini per alcuni bambini;
    • Carote, zucche, patate, banane e altri alimenti ricchi di amido;
    • Cibi ultra-processati ad alto contenuto di grassi, zuccheri, sale e poveri di fibre. Questi alimenti sono particolarmente saporiti e tendono a dare sazietà, quindi i bambini mettono da parte gli ingredienti più sani e ricchi di fibre di cui il loro corpo ha bisogno.
  5. 5
    Fai in modo che il tuo bambino possa fare attività fisica. L'esercizio fisico stimola i movimenti intestinali. Le attività consigliate includono:[11]
    • Correre al parco giochi;
    • Andare in bicicletta;
    • Nuotare.
  6. 6
    Crea una routine che lo aiuti ad avere un movimento intestinale. Invitalo a stare seduto sul water per almeno 10 minuti circa 30-60 minuti dopo ciascun pasto, per provare a espellere le feci. Puoi usare le tecniche di rilassamento per attenuare il suo timore di sentire dolore.[12] [13] [14] [15]
    • Usa la tecniche di respirazione profonda per aiutarlo a rilassare i muscoli;
    • Invitalo a visualizzare delle immagini rilassanti o di riuscire a espellere le feci senza sentire alcun dolore;
    • Massaggiagli delicatamente l'addome prima che provi a espellere le feci;
    • Offrigli il tuo sostegno e una ricompensa per averci provato, per esempio regalagli un adesivo oppure gioca con lui al suo gioco preferito;
    • Procuragli uno sgabello in modo che possa tenere le ginocchia più in alto dei fianchi. Questa posizione dovrebbe favorire il movimento intestinale.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Chiedere Aiuto al Medico

  1. 1
    Chiedi al pediatra di indicarti un farmaco da banco o un integratore che ammorbidisce le feci. Gli integratori di fibre e i prodotti che servono ad ammorbidire le feci possono rendere i movimenti intestinali meno dolorosi. Anche se si possono acquistare senza ricetta, è sempre meglio consultare il pediatra prima di somministrarli a un bambino.[16]
    • Il pediatra saprà indicarti qual è il dosaggio corretto in base all'età e al peso di tuo figlio.
    • Molti prodotti sono a base di metilcellulosa o fibra di psillio naturale. Perché funzionino al meglio il tuo bambino dovrà bere almeno un litro d'acqua al giorno.
    • Possono essere utili anche le supposte di glicerina, ma vanno usate solo occasionalmente.
  2. 2
    Non dare i lassativi a tuo figlio senza il consenso del pediatra.[17] Se le feci stanno bloccando l'intestino, potrebbe servire un farmaco più potente per forzarne il passaggio, ma spetta al pediatra prendere questa decisione. Esistono diversi tipi di lassativi, inclusi:[18] [19]
    • L'olio minerale, un olio naturale che veniva utilizzato come rimedio casalingo dalle nonne;
    • I lassativi di massa (a base per esempio di fibra di psillio, metilcellulosa, sterculia) che inducono il corpo a trattenere i liquidi e a formare feci più umide e voluminose;
    • I lassativi osmotici (per esempio lattulosio, polietilenglicole e sali di magnesio) che agiscono trattenendo acqua nel colon per favorire l'espulsione delle feci;
    • I lassativi stimolanti (per esempio senna, bisacodile e sodio picosolfato) da usare quando le feci sono abbastanza morbide per essere espulse, ma il tuo bambino non ci riesce. Questi farmaci agiscono stimolando i muscoli del tratto digestivo a contrarsi per spingere gli escrementi verso l'uscita. Generalmente vengono usati come ultimo rimedio per curare la costipazione nei bambini e nella maggior parte dei casi solo per un periodo molto breve.[20]
  3. 3
    Cura la coprostasi. Se si sono accumulate delle feci dure e disidratate all'interno del retto, potrebbe essere necessario intervenire con un clistere o una supposta per aiutare il bimbo a espellerle. Anche in questo caso si tratta di una decisione che può prendere soltanto il pediatra, inoltre è importante seguire strettamente le sue indicazioni.[21]
    • Una supposta è una capsula che contiene un farmaco e va inserita nell'ano, dove il rivestimento si dissolverà e il medicinale verrà assorbito. Spesso le supposte sono a base di glicerina o biacodile.
    • Un clistere è una pratica volta a introdurre un farmaco in forma fluida nell'intestino crasso attraverso l'ano. Generalmente è il metodo più efficace per espellere rapidamente le feci dure e disidratate.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Non usare i lassativi o il clistere senza aver prima consultato il pediatra. È importante conoscere le dosi corrette e lui saprà aiutarti.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Far Crescere più Velocemente il Seno

Come

Crescere In Altezza

Come

Distinguere il Dolore Renale dal Dolore Lombare

Come

Usare un Preservativo

Come

Diventare Più Alti Naturalmente

Come

Farsi un Clistere

Come

Aumentare la Saturazione dell'Ossigeno

Come

Fare Sesso Durante il Ciclo

Come

Fumare una Sigaretta

Come

Capire se il Dolore al Braccio Sinistro è Correlato al Cuore

Come

Riconoscere il Cancro allo Stomaco

Come

Ingoiare una Pillola

Come

Determinare il tuo Gruppo Sanguigno

Come

Stimolare la Minzione
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Laura Marusinec, MD
Co-redatto da:
Dottoressa in Medicina
Questo articolo è stato co-redatto da Laura Marusinec, MD. La Dottoressa Marusinec è una Pediatra Iscritta all’Albo dei Medici Specialisti nel Wisconsin. Ha conseguito la Laurea in Medicina al Medical College of Wisconsin School of Medicine nel 1995. Questo articolo è stato visualizzato 41 652 volte
Categorie: Salute
Questa pagina è stata letta 41 652 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità