Scarica PDF Scarica PDF

I chihuahua sono cani piccoli, pertanto durante il travaglio e il parto della femmina possono sorgere delle complicazioni; alla nascita hanno una testa sproporzionatamente grande, aumentando in tal modo il rischio di restare bloccati nel canale del parto della madre. Per questo motivo e per evitare ulteriore stress o maggiori rischi sia per la futura mamma sia per i nascituri, devi fare in modo di essere preparato. Successivamente, devi imparare a riconoscere i segnali di difficoltà e le problematiche che possono sorgere, per aiutare la cagnolina e garantire un parto sicuro.

Parte 1
Parte 1 di 4:
Prepararsi per il Travaglio

  1. 1
    Documentati sul normale processo della gravidanza delle chihuahua. La durata media della gestazione nei cani è di 58-68 giorni; cerca di individuare il giorno in cui è avvenuto il concepimento per prepararti di conseguenza per la nascita; la gestazione delle chihuahua dura circa 8 settimane.[1]
  2. 2
    Porta la tua piccola amica dal veterinario. Se stai cercando volutamente di allevare cuccioli, porta la tua chihuahua dal veterinario per un controllo iniziale e falla visitare nuovamente dopo il primo mese di gestazione;[2] se la gravidanza non è stata programmata, portala dal medico non appena ti accorgi che è incinta.
    • Il veterinario può fornirti informazioni importanti per assicurarti che la cagnolina sta vivendo una gravidanza sana. Un aspetto importante che dovete analizzare è l'alimentazione appropriata. Le cagnoline incinte che sono in sovrappeso hanno più probabilità di avere complicazioni durante il parto; tuttavia, la gravidanza non è il momento adatto per mettere la chihuahua a dieta, dato che in questa fase ha bisogno di più calorie per offrire più nutrienti ai nascituri. Si consiglia di solito di posticipare la somministrazione di alimenti molto energetici e ipercalorici (come il cibo specifico per cuccioli) alle ultime 2-3 settimane di gravidanza; a questo punto, il suo addome è molto grande e la futura mamma non vuole fare altro che mangiare continuamente spuntini.[3]
    • Il veterinario è anche in grado di individuare il numero di cuccioli attraverso una radiografia, solitamente verso il quarantacinquesimo giorno di gravidanza; nel caso dei chihuahua è normale che nascano tre o quattro cagnolini. Sapere quanti aspettarsene può aiutarti a prepararti meglio per il grande evento; se è prevista un cucciolata molto numerosa o molto scarsa, la futura mamma potrebbe presentare alcune complicazioni. Il veterinario può consigliare se procedere con un parto naturale o programmarne uno cesareo. Inoltre, sapere quanti cuccioli nasceranno ti aiuta a capire quando finisce il parto; per esempio, se sono previsti quattro cagnolini, ma la mamma ne espelle tre e poi interrompe la procedura, puoi capire che c'è qualche problema e contattare prontamente il medico.[4]
  3. 3
    Acquista del latte artificiale per tempo. Se un cucciolo non riesce a succhiare il latte materno, tieni a portata di mano quello artificiale, dato che appena nati i cagnolini devono essere nutriti ogni 2-4 ore.
    • Puoi acquistarlo assieme ai biberon nei principali negozi per animali. Se non lo trovi, puoi eventualmente usare quello di capra, sebbene non sia consigliato somministrarlo per molto tempo; dovresti farvi ricorso solo in caso di emergenza, finché non trovi quello artificiale specifico per cagnolini.
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 4:
Aiutare la Cagnolina durante il Travaglio

  1. 1
    Isola la chihuahua dagli altri cani tre settimane prima della data prevista del parto. Per proteggere lei e i cuccioli dal rischio di contrarre malattie o altri disturbi, come l'herpes virus canino, devi tenerla lontana da altri esemplari durante le ultime tre settimane di gestazione.[5]
    • È inoltre fortemente consigliato impedirle il contatto con altri cani anche nelle tre settimane successive il parto.[6]
  2. 2
    Prepara una "tana". Circa una settimana prima del presunto parto, predisponi una scatola per permettere alla cagnolina un travaglio più agevole, un'area tranquilla e intima; questo contenitore, conosciuto anche come nido artificiale, protegge i cuccioli durante il parto e nei primi giorni di vita, tenendoli al sicuro e riparati.[7]
    • Può trattarsi di una semplice scatola di cartone; puoi acquistarne una specifica o costruirla tu stesso. Puoi trovare molti modelli online che spaziano da scatole semplici ad altre dalla forma più elaborata che possono ospitare comodamente i cuccioli.
    • Le caratteristiche importanti che devi considerare quando ti procuri il nido sono la facilità di pulizia e sanificazione, l'estensibilità e la durata; a seconda della specifica situazione, potresti anche valutare di prenderne una portatile.
    • Verifica che i bordi non siano troppo alti per permettere alla madre di entrare e uscire facilmente dalla scatola, ma nello stesso tempo devono essere abbastanza robusti per impedire ai cuccioli di uscire.
    • Come semplice alternativa puoi procurarti una piscina per bambini in cui inserire del materiale per la cuccia, come coperte o vecchi asciugamani puliti, che offrano un ambiente simile al nido artificiale.
    • Metti il contenitore in un'area tranquilla e silenziosa, lontana da altri animali domestici o zone particolarmente movimentate; fai in modo che sia uno spazio caldo e accogliente, dove la cagnolina possa partorire in maniera sicura.
  3. 3
    Osserva il suo comportamento. Quando si avvicina il momento del parto, puoi notare che manifesta degli atteggiamenti tipici della preparazione del "nido" e tende a ritirarsi o isolarsi; si tratta di un comportamento del tutto normale e puoi aspettartelo durante le ultime settimane di gestazione. Tuttavia, potrebbe invece manifestare un atteggiamento del tutto opposto: è altrettanto normale infatti per una cagnolina incinta mostrarsi "appiccicosa" e desiderosa di attenzioni.
  4. 4
    Controlla i segni del parto imminente. Ne manifesta diversi che possono farti capire per tempo che si sta avvicinando il momento del travaglio; osservali attentamente in modo da prepararti in anticipo.
    • Quando si avvicina il giorno del parto, i capezzoli si ingrossano e inizia a uscire il latte; questo si verifica qualche giorno prima del travaglio o nella fase imminente, devi quindi prestare molta attenzione.
    • La vulva diventa più grande e più rilassata alcuni giorni prima del parto.
    • La maggior parte delle future mamme smette di mangiare all'inizio del travaglio, così come è piuttosto comune che vomiti e/o diventi "schizzinosa" con il cibo.
  5. 5
    Misurale la temperatura. Durante le ultime 24 ore prima del travaglio si riduce di un grado circa; devi quindi avere un'idea della sua temperatura normale misurandogliela ogni mattina nell'ultima o nelle ultime due settimane di gravidanza.
    • Lubrifica un termometro rettale, inseriscilo per circa 1,5 cm nell'ano e attendi tre minuti per misurare la temperatura; in condizioni normali il valore dovrebbe essere compreso tra 38 e 39 °C.
    • Quando noti un calo di un grado o più, significa che il travaglio inizierà entro le successive 24 ore.[8]
  6. 6
    Riconosci il primo stadio del travaglio. In questa fase il corpo della cagnolina si prepara alla nascita dei cuccioli; l'organismo rilascia degli ormoni per rilassare il canale del parto (cervice), in modo che quando iniziano le contrazioni i cuccioli possano essere espulsi. Questi ormoni preparano anche i muscoli dell'utero abituandoli alle contrazioni; tale fase prepara la piccola chihuahua a sopportare le contrazioni più intense della seconda fase del travaglio.[9]
    • Solitamente, questo periodo dura 24 ore; se la cagnolina inizia a comportarsi in maniera strana e non succede nulla per un'intera giornata, non c'è motivo di preoccuparsi immediatamente.[10]
    • Potresti non riuscire a capire che si trova in questa fase; potrebbe nascondersi o mostrare segni di voler creare un "nido", ma potrebbe manifestare tali comportamenti anche all'inizio del travaglio.
    Pubblicità

Parte 3
Parte 3 di 4:
Aiutarla durante il Travaglio

  1. 1
    Lascia che sia lei a gestire le cose. Può ansimare, piagnucolare, muoversi intorno con disagio o nascondersi; potrebbe anche voler restare con te o isolarsi e rimanere sola.[11]
    • Tieni le luci soffuse e crea un'atmosfera rilassata e intima.
    • Più si sente sicura e poco stressata, più è preparata a rispondere alle esigenze dei cuccioli.
  2. 2
    Offrile dell'acqua. Quando entra nella fase attiva del travaglio, non dovrebbe mangiare (e probabilmente non vorrà comunque); devi però offrirle dell'acqua anche se non desidera bere.
  3. 3
    Controlla le contrazioni. È facile capire quando la tua piccola amica ha una contrazione, perché puoi vedere una specie di onda che le attraversa l'addome; se appoggi una mano sulla sua pancia, puoi sentire l'utero contratto e teso.
    • Man mano che si avvicina il momento della nascita di un cucciolo, puoi notare che le contrazioni si fanno più frequenti e/o marcate; la chihuahua potrebbe scegliere di restare in posizione eretta e non c'è nessun problema in tal senso; non devi forzarla a sdraiarsi.
  4. 4
    Preparati per la seconda fase del travaglio. Si tratta della fase attiva delle "spinte", quando la futura mamma "espelle" i cagnolini all'esterno. In questo processo la cagnolina è sdraiata su un fianco e spinge con un visibile sforzo; probabilmente puoi notare che trattiene il respiro e i muscoli dei fianchi si increspano premendo verso il basso. Potrebbe gemere o grugnire durante le spinte con evidente sforzo.
    • In genere ci vuole circa mezz'ora di duro travaglio per far nascere ogni cucciolo, sebbene la situazione possa anche variare ampiamente; a volte possono essere sufficienti pochi minuti tra una nascita e l'altra, mentre altre volte può anche trascorrere un'ora.[12]
  5. 5
    Presta attenzione ai segnali di pericolo o complicazioni. La complicazione peggiore che può sorgere durante la nascita di un cucciolo è che rimanga bloccato nel canale del parto. Dato che la testa dei chihuahua è molto grande, potrebbe non riuscire fisicamente a passare; se vedi le zampe del cucciolo che spuntano dalla vulva e la cagnolina continua a sforzarsi per un'ora senza risultati, devi contattare il veterinario. Non devi tirare le zampe, altrimenti potresti provocare strappi e lesioni interne. In linea generale, devi chiamare il medico quando:[13]
    • La fase attiva del travaglio non inizia dopo 24 ore da quella prodromica;
    • Il cucciolo non nasce dopo un'ora di intenso sforzo della mamma;
    • La cagnolina manifesta un dolore estremo o anomalo;
    • Non nascono tutti i cuccioli, ma la neomamma non spinge da due ore.
      • Tieni presente che alcune cagnoline riposano tra la nascita di un cucciolo e l'altro; possono rilassarsi fino a due ore prima della fase di espulsione del nascituro successivo.
      • Tuttavia, se sai quanti cuccioli aspettarti, non sono ancora nati tutti ma le contrazioni si sono interrotte da più di due ore, devi iniziare a preoccuparti.
  6. 6
    Osserva attentamente la madre e il cucciolo dopo ogni parto. I cagnolini possono nascere cefalici o podalici e in entrambi i casi la situazione è del tutto normale.[14] Al momento del parto ogni cucciolo è nel proprio sacco amniotico; la madre dovrebbe strapparlo per romperlo e rosicchiare il cordone ombelicale per poi leccare il cucciolo. Solitamente, è meglio che se ne occupi lei senza l'assistenza delle persone, perché è un aspetto importante per creare un legame con i cuccioli; non devi temere di lasciarle alcuni minuti per questo processo.[15]
    • Se non strappa il sacco entro due minuti al massimo, devi provvedere tu stesso delicatamente aprendolo con le mani pulite. Rimuovi la copertura viscida e strofina il cucciolo con un panno pulito; fai un nodo al cordone ombelicale a circa 2-3 cm dal neonato e tagliane poi il lato esterno con un paio di forbici.[16]
    • Se il piccolo non reagisce, liberagli naso e bocca da tutti i fluidi; strofinalo vigorosamente, ma con una pressione delicata per stimolare la respirazione. Incoraggia la madre a leccarlo; potrebbe essere necessario metterlo davanti a lei più volte, soprattutto se si tratta della sua prima cucciolata.
  7. 7
    Lascia che la cagnolina attraversi la terza fase del travaglio. Si tratta del passaggio post natale, o placentare, e solitamente si verifica dopo la nascita di ciascun cucciolo. Conta il numero di placente espulse per capire se qualcuna è rimasta nell'utero; in questo caso, devi contattare il veterinario.[17]
    • Solitamente, la mamma si occupa di mangiare la placenta; non interferire in questo suo compito, dato che si tratta di un normale processo biologico.
    Pubblicità

Parte 4
Parte 4 di 4:
Prendersi Cura dei Cagnolini dopo la Nascita

  1. 1
    Nutrili bene. È importante che sia la madre sia i cuccioli ricevano abbastanza nutrienti, in modo che la neomamma si riprenda dalle fatiche del parto e i neonati crescano sani.
    • La maggior parte delle cagnoline mangia la placenta dopo la nascita dei piccoli; si tratta di una sostanza molto ricca di nutrienti e che offre alla madre le energie necessarie per prendersi cura dei cuccioli.
    • Nutri la madre durante l'allattamento con del cibo per cuccioli. Preparati a triplicare la solita razione; assicurati inoltre che abbia sempre a disposizione acqua fresca e pulita. Metti il cibo e l'acqua vicini ai cuccioli, in modo che non debba allontanarsi da loro per mangiare e bere; se non assume una quantità adeguata di nutrienti e liquidi, il suo latte potrebbe esaurirsi.
  2. 2
    Monitora la mamma durante le settimane successive al parto. Aspettati che tutto vada bene, ma sii preparato anche a eventuali complicazioni. Dato che il chihuahua è un cane di taglia piccola, le infezioni possono diventare potenzialmente mortali molto in fretta. Consulta il veterinario se sospetti che la cagnolina soffra di:[18]
    • Metrite (infiammazione dell'utero). Tra i sintomi puoi notare febbre, secrezioni maleodoranti, spossatezza, perdita di appetito, ridotta produzione di latte e disinteresse verso i cuccioli.[19]
    • Eclampsia (o febbre lattea). I sintomi includono nervosismo, irrequietezza, disinteresse per i cuccioli e andatura rigida e dolorante. Se non viene trattata, questa patologia può aggravarsi e portare a spasmi muscolari, incapacità di restare in piedi, febbre, convulsioni e anche la morte. Tale disturbo si sviluppa circa 2-4 settimane dopo il parto.[20]
    • Mastite (infiammazione delle mammelle). Tra i sintomi si riscontrano ghiandole mammarie arrossate, indurite e dolenti. La madre potrebbe scoraggiare i cuccioli dal succhiare il latte, ma è invece importante che continuino a farlo, dato che in questo modo potrebbero liberarla dall'infezione (senza provocare in loro alcun danno).[21]
  3. 3
    Osserva la famiglia al completo. Come regola generale, dopo la nascita dei cagnolini dovresti controllare che la madre non smetta di prendersi cura di loro e che non mostri segni di malattie.[22]
    • Una madre sana è sempre vigile e attenta verso i neonati; li lascia solo per espletare le proprie esigenze fisiologiche e in genere torna da loro rapidamente. Dovrebbe dedicare il suo tempo a leccarli e nutrirli.[23]
    • Potrebbe anche non mangiare, ma deve tornare alla vita normale e bere acqua; potrebbe sanguinare ma non dovrebbe lamentare dolore.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Non integrare l'alimentazione di una chihuahua incinta con altro calcio, a meno che non te l'abbia detto il veterinario. La febbre lattea, o eclampsia, è una malattia tipica dei cani di piccola taglia che si sviluppa dopo poche settimane dal parto ed è più probabile che si manifesti se hai somministrato degli integratori di calcio durante la gravidanza; la cagnolina può ottenere tutti i nutrimenti di cui ha bisogno dal cibo per cuccioli ricco di calcio.[24]
Pubblicità

Consigli

  • Trova un amico o un familiare disposto ad aiutarti, hai bisogno di qualcuno che si prenda cura dei cuccioli mentre un'altra persona conforta la madre; se dovessero sorgere delle complicazioni, un ulteriore aiuto è estremamente importante.
  • Tieni a portata di mano il numero di contatto del veterinario e del pronto soccorso per animali durante i giorni che precedono il parto.[25]
  • La maggior parte dei parti canini procede senza gravi complicazioni; è importante monitorare il processo e intervenire solo se necessario.[26]
Pubblicità

wikiHow Correlati

Riconoscere un Cane che Sta per MorireRiconoscere un Cane che Sta per Morire
Far Smettere di Abbaiare il Cane del VicinoFar Smettere di Abbaiare il Cane del Vicino
Punire il CanePunire il Cane
Insegnare al Tuo Cane i Comandi di BaseInsegnare al Tuo Cane i Comandi di Base
Capire se il Tuo Cane è DepressoCapire se il Tuo Cane è Depresso
Insegnare a un Cane a Non Abbaiare alle PersoneInsegnare a un Cane a Non Abbaiare alle Persone
Difendersi dall'Attacco di un CaneDifendersi dall'Attacco di un Cane
Prendersi Cura di un Cane dopo la SterilizzazionePrendersi Cura di un Cane dopo la Sterilizzazione
Rimuovere Vecchie Macchie di Urina di CaneRimuovere Vecchie Macchie di Urina di Cane
Far Smettere al Cane di Leccarsi le Zampe con Rimedi CasalinghiFar Smettere al Cane di Leccarsi le Zampe con Rimedi Casalinghi
Riconoscere i Sintomi di Displasia dell'Anca nei CaniRiconoscere i Sintomi di Displasia dell'Anca nei Cani
Insegnare ai Cuccioli a Fare i Bisogni Fuori CasaInsegnare ai Cuccioli a Fare i Bisogni Fuori Casa
Lavare un Cane
Lessare il Pollo per i Cani
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Pippa Elliott, MRCVS
Co-redatto da:
Veterinaria
Questo articolo è stato co-redatto da Pippa Elliott, MRCVS. Laureata in Scienze Veterinarie e membro del Royal College of Veterinary Surgeons, la Dottoressa Elliott ha oltre 30 anni di esperienza nel settore della chirurgia veterinaria e nella pratica della medicina per animali di compagnia. Ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia veterinaria alla University of Glasgow nel 1987. Lavora da più di 20 anni presso la stessa clinica veterinaria della sua città natale. Questo articolo è stato visualizzato 15 193 volte
Categorie: Cani
Questa pagina è stata letta 15 193 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità