Come Aiutare una Persona Cara a Riprendersi da un Ictus

Scritto in collaborazione con: Shari Forschen, NP

In questo Articolo:Aiutare la Persona Cara a Superare gli OstacoliAiutare la Persona Cara ad Affrontare la TerapiaDimostrare il proprio Supporto26 Riferimenti

L'ictus, una tipologia particolare di lesione cerebrovascolare, può causare sintomi psicofisici piuttosto vari a seconda della zona del cervello interessata [1]. È un'esperienza traumatica sia per la persona che la vive sia per gli amici e i familiari, che devono adattarsi a questa nuova situazione. Bisogna infatti apportare dei cambiamenti (che possono essere temporanei o definitivi) per assistere il proprio caro durante la guarigione. È importante ricordare sempre che probabilmente nel tempo avrà una ripresa naturale e che con la terapia potrà migliorare ancora di più [2]. Mentre lo aiuti a guarire, è essenziale prenderti cura anche di te stesso.

Parte 1
Aiutare la Persona Cara a Superare gli Ostacoli

  1. 1
    Fai in modo che la tua casa faciliti i movimenti del paziente. Ogni vittima di ictus subisce conseguenze diverse, ma l'emiparesi, ovvero la paresi limitata a una sola metà del corpo (può interessare anche soltanto il braccio o la gamba), è piuttosto comune. Sono diffusi anche problemi relativi a equilibrio e coordinazione. Di conseguenza, può essere necessario apportare delle modifiche per assicurarsi che la persona cara (probabilmente affetta da difficoltà motorie) possa accedere facilmente alla propria casa. Quando fai dei cambiamenti per adattarla alle esigenze del tuo caro, considera le seguenti idee:
    • Se la casa è su due piani, sposta il letto al piano terra: il paziente eviterà di fare le scale, diminuendo le probabilità di cadere.
    • Il percorso diretto a tutte le stanze principali (fra cui camera da letto, bagno e cucina) deve essere libero da intralci [3]. Se in giro ci sono meno cose, è meno probabile che cada. Questo significa anche togliere i tappeti.
    • Monta un sedile nella doccia per permettergli di sedersi mentre si lava. Installa anche dei corrimano, che gli saranno utili quando entrerà e uscirà dalla vasca o dal box doccia. Se necessario, aggiungili anche accanto al gabinetto per aiutarlo a sedersi e ad alzarsi.
    • Prepara una padella accanto al letto. Incoraggialo a utilizzarla, specialmente quando perde l'equilibrio o si sente disorientato, in quanto aiuta a prevenire cadute che potrebbero peggiorare la situazione.
    • Se non è possibile evitare le scale, monta dei corrimano per aiutarlo a scendere e a salire [4]. Il fisioterapista dovrebbe collaborare con il paziente per insegnargli nuovamente a muoversi nel proprio spazio, fra cui fare le scale.
  2. 2
    Aiutalo a muoversi. Per chi sopravvive a un ictus, una delle sfide più comuni è rappresentata dai problemi di mobilità. Una persona che una volta era piuttosto dinamica e indipendente può finire per camminare in maniera lenta e incerta, oppure è possibile che sia quasi completamente costretta a letto. Devi dunque ricordare che per qualche tempo il tuo caro avrà bisogno di assistenza per spostarsi.
    • Possono essere usati dispositivi specifici per facilitare la mobilità. Per sapere quali si adattano meglio alle esigenze del tuo caro, consulta un fisioterapista. In base alla gravità della situazione, può essere necessario usare una sedia a rotelle, un deambulatore o un bastone [5].
    • Sostieni e incoraggia il tuo caro quando prova a muoversi. Congratulati con lui ogni volta che acquisisce una maggiore autonomia da questi dispositivi.
  3. 3
    Crea un ambiente sicuro. Dopo un ictus, le cadute e gli incidenti sono purtroppo molto comuni [6]. Per prevenire ulteriori effetti collaterali o complicazioni collegate all'ictus (ma che non sono un risultato diretto dell'apoplessia), la sua sicurezza deve diventare una priorità.
    • Monta dei corrimano intorno al letto del paziente e abbassa il livello del letto in base alle sue esigenze. Di notte, i corrimano dovrebbero essere alzati per prevenire cadute dovute a perdita dell'equilibrio o disorientamento, mentre il letto può essere abbassato per aiutarlo a scendere e a salire più facilmente.
    • Se un oggetto che viene usato frequentemente (come pentole e padelle) si trova in un punto di difficile accesso (come un mobile alto), spostalo. Gli articoli di comune utilizzo vanno sistemati in posti a cui il può caro potrà accedere con facilità.
    • Cerca di essere presente per aiutarlo a potare gli alberi, spalare la neve, tinteggiare la casa o fare qualsiasi altra attività che dopo un ictus aumenta il rischio di avere un incidente.
  4. 4
    Impara delle tecniche per aiutarlo a mangiare e a nutrirsi. "Disfagia" è il termine medico usato per descrivere un soggetto che ha difficoltà a deglutire. Dopo un ictus, mangiare o bere può diventare difficile perché i muscoli coinvolti dalla masticazione e dalla deglutizione possono indebolirsi (questo è particolarmente vero subito dopo l'apoplessia) [7]. Di conseguenza, è importante aiutarlo ad adottare nuove abitudini per mangiare e bere, in modo che assuma tutti i nutrienti necessari.
    • Dopo un ictus, è normale che nelle prime fasi il paziente debba usare un sondino nasogastrico [8]. Tuttavia, nei casi particolarmente gravi, sarà necessario usarlo permanentemente affinché il paziente possa ricevere i nutrienti necessari.
    • Se viene usata la procedura della gastrostomia endoscopica percutanea (PEG), cioè viene inserito un sondino direttamente nello stomaco, assicurati che sia intatto, funzioni correttamente, sia protetto da infezioni e non venga tirato dal paziente.
    • Il tuo caro dovrà sottoporsi a un test chiamato studio della deglutizione, che permette al medico di valutare la sua capacità di ingerire cibo. Lo specialista si serve anche della logoterapia e delle radiografie allo scopo di determinare se per il paziente è sicuro passare dai liquidi ai cibi densi e morbidi.
    • Una volta che il tuo caro potrà mangiare senza l'assistenza di un dispositivo medico, passa a cibi densi e morbidi. Quando il paziente inizia a essere alimentato per via orale, deve cominciare con questo tipo di alimenti per prevenire la polmonite da aspirazione. Sul mercato si trovano addensanti per liquidi che possono aiutarti a rendere più corpose le zuppe e i succhi. Puoi anche usare prodotti come gelatina, farina di mais e avena.
    • Mentre il tuo caro mangia, invitalo a stare dritto per prevenire la polmonite da aspirazione, conseguenza di un ingresso anomalo di cibo nei polmoni. Dal momento che i muscoli coinvolti dalla deglutizione sono deboli, la posizione per mangiare è veramente importante. In questo modo, i pasti si svolgeranno in tutta sicurezza e saranno un momento piacevole della giornata.
  5. 5
    Osserva se ha problemi di incontinenza. Un ictus può modificare il controllo esercitato su vescica e intestino [9]. Possono quindi manifestarsi diversi problemi (come infezioni o piaghe), senza contare che la situazione può diventare un tasto dolente o fonte di grande imbarazzo. Prendendoti cura del tuo caro, è importante riconoscere se ha difficoltà di questo tipo e affrontarle insieme a lui, in modo da aiutarlo sulla strada verso la guarigione.
    • Se non è in grado di utilizzare la padella da letto o andare in bagno, è possibile usare pannolini per adulti, facilmente reperibili in farmacia o al supermercato. Se necessario, incoraggia il tuo caro a metterli finché non riacquisirà controllo sul proprio corpo.
    • Dovrai assistere il tuo caro assicurandoti che il pannolino venga cambiato subito dopo la defecazione, altrimenti potrebbero formarsi lesioni da pressione, piaghe e infezioni nella zona.
  6. 6
    Affronta i problemi di comunicazione. La maggior parte dei sopravvissuti a un ictus ha difficoltà in questo senso, almeno temporaneamente. La gravità dell'apoplessia determina il grado di invalidità. Alcuni pazienti non riescono a esprimersi correttamente, mentre altri hanno problemi di comprensione [10]. A causa della paralisi, alcuni non riescono a pronunciare bene le parole, anche se dal punto di vista cognitivo non hanno alcun problema. È importante aiutare il tuo caro ad affrontare le difficoltà di comunicazione.
    • Prima di presumere che sia un disturbo del linguaggio, assicurati che il tuo caro non abbia difficoltà uditive. Anche queste possono causare problemi di comunicazione e spesso sono risolvibili con l'utilizzo di un apparecchio acustico.
    • Informati sui diversi problemi di comunicazione. Per esempio, riconosci se il tuo caro è affetto da afasia (può pensare chiaramente, ma ha difficoltà a esprimersi o a comprendere il linguaggio) o aprassia (ha difficoltà a unire correttamente i suoni) [11].
    • Serviti di parole brevi e stratagemmi di comunicazione non verbale, come fare gesti con le mani, annuire o negare con la testa, indicare con un dito o mostrare oggetti. Non dovresti porgli troppe domande alla volta, inoltre lasciagli abbastanza tempo per rispondere. In questo caso, è valida qualsiasi forma di comunicazione [12].
    • Per comunicare, è possibile usare strumenti visuali, come tabelle, tavole dell'alfabeto, mezzi elettronici, oggetti e immagini. Aiuteranno il tuo caro a combattere la frustrazione di non riuscire a comunicare efficacemente.
  7. 7
    Determina una routine per farlo sentire a proprio agio. Acquisire abitudini quotidiane può rendere meno frustranti incapacità come quelle comunicative. Se il tuo caro sa che cosa farà nel corso della giornata, si preparerà a tali attività e la sua famiglia sarà pronta a soddisfare le sue esigenze. Ciò può alleviare lo stress sia per il paziente sia per chi se ne prende cura.
  8. 8
    Osserva se si verificano cambiamenti dal punto di vista emotivo [13]. Oltre alle conseguenze fisiche, l'ictus può avere effetti che incidono sulle emozioni. Innanzitutto, è possibile che si manifestino cambiamenti di personalità che potrebbero avere un impatto negativo sui rapporti interpersonali [14]. In secondo luogo, possono verificarsi disturbi dell'umore post-ictus, fra cui depressione, ansia e sindrome pseudobulbare (PBA) [15]. Per assistere il tuo caro, è importante essere attento e osservare tutti i cambiamenti emotivi che affronta.
    • La depressione colpisce uno o due terzi dei sopravvissuti a un ictus, mentre la PBA interessa approssimativamente un quarto o la metà dei sopravvissuti [16].
    • Se necessario, aiutalo a sottoporsi a un trattamento. I medicinali e la psicoterapia hanno dato numerosi benefici a molti sopravvissuti. Per saperne di più, informati all'ASL [17].

Parte 2
Aiutare la Persona Cara ad Affrontare la Terapia

  1. 1
    Memorizza il suo programma relativo ad assunzione di medicinali e terapia. Una volta dimesso dall'ospedale, conoscere i farmaci e i trattamenti necessari è una tua responsabilità. Il tuo ruolo è importante e non andrebbe preso alla leggera. Se aiuti il tuo caro a seguire costantemente un programma terapeutico, ne trarrà un enorme beneficio.
    • Fai una lista di tutti i medicinali e degli orari di assunzione. Assicurati di avere sempre a disposizione i farmaci necessari. Organizzarsi è molto importante per evitare ritardi e contrattempi.
    • Comprendi gli effetti collaterali dei medicinali prescritti al tuo caro [18]. Osservalo attentamente per vedere se si manifestano.
    • Chiedi al suo medico di darti spiegazioni sulla somministrazione dei medicinali. Devi sapere se vanno somministrati per via orale o se dovrebbero essere sminuzzati e aggiunti al cibo. È inoltre necessario capire se vanno assunti dopo i pasti o a stomaco vuoto.
    • Devi anche portarlo a tutti gli appuntamenti fissati con il suo medico per affrontare subito gli eventuali problemi che si manifestano durante la riabilitazione. Evitando di rimandare, è possibile prevenire complicazioni. Probabilmente, dovrai ricordargli gli appuntamenti e accompagnarlo dal medico.
    • Per ricordare senza problemi gli orari di somministrazione dei medicinali e tutti gli altri impegni, usa un'agenda o imposta dei promemoria sul cellulare. Cerca app che ti avvisino quando va preso un certo farmaco. Tieni anche un calendario in bella vista.
    • Se commetti un errore, perdonati. Non arrabbiarti con te stesso quando sei in ritardo per dargli una pillola o portarlo a una seduta. Il senso di colpa non aiuterà né il tuo caro né te stesso.
  2. 2
    Informati sugli esercizi e sulle attività di fisioterapia. È utile assistere ad almeno una seduta per acquisire una maggiore familiarità con gli esercizi e le attività che il paziente deve praticare in casa. Mentre lo specialista esegue un movimento con il tuo caro, prova a imitarlo.
    • È utile imparare gli esercizi in presenza di uno specialista. Potrà correggerti o permetterti di migliorare, in modo che tu possa aiutare il tuo caro durante l'esecuzione.
  3. 3
    Dovresti essere a conoscenza degli obiettivi per la riabilitazione determinati dallo specialista e dal paziente. Se sai quali sono i risultati previsti, capirai meglio i tempi calcolati per la riabilitazione e i progressi. Potrai inoltre spronare il tuo caro durante l'esecuzione degli esercizi.
    • Incoraggialo a non mollare. Dopo un ictus, la riabilitazione può essere molto difficile, quindi è importante incitarlo a combattere per raggiungere i propri obiettivi.
    • Dopo un ictus, spesso è possibile riacquisire le proprie capacità nel giro di sei mesi o un anno. È molto importante seguire costantemente la terapia per vedere progressi.
    • Riconosci i miglioramenti, ma affronta anche gli ostacoli. Se è passato molto tempo dall'inizio della riabilitazione e il tuo caro non mostra segni di miglioramento, parla con il suo medico o fisioterapista per modificare il programma.
  4. 4
    Chiama il medico in caso di necessità. In alcune circostanze, durante la riabilitazione sarà necessario fare una visita di urgenza. È una fase delicata: il tuo caro si sta sforzando per riprendersi da una grave lesione cerebrovascolare, quindi è particolarmente importante tenere sotto controllo il suo stato di salute.
    • Non ignorare eventuali cadute [19]. Sono piuttosto comuni durante la riabilitazione e possono causare ulteriori danni, peggiorando la situazione. Se il paziente dovesse cadere, va portato in ospedale per fare un controllo, in modo da escludere eventuali problemi.
    • Dopo un ictus, il paziente è maggiormente a rischio di subire un'altra apoplessia nel giro di un anno dalla prima [20]. Riconosci i campanelli d'allarme. Se osservi i seguenti sintomi, devi essere pronto a intervenire subito chiamando chi di dovere [21][22]:
      • Paralisi facciale;
      • Debolezza al braccio;
      • Difficoltà a parlare;
      • Torpore improvviso di viso, braccio o gamba, specialmente se interessa la metà del corpo;
      • Difficoltà improvvise di visione che interessano un occhio o entrambi;
      • Difficoltà improvvise a camminare, vertigini, perdita dell'equilibrio;
      • Mal di testa improvviso e grave senza causa nota.

Parte 3
Dimostrare il proprio Supporto

  1. 1
    Cerca di essere paziente. Impegnati ad ascoltare il tuo caro, anche se biascica le parole o non è comprensibile. Ricorda che vuole comunicare, ma non può, e questo può essere tanto frustrante per te quanto per lui. Parlagli, anche se è incapace di rispondere [23]. All'inizio la comunicazione non sarà fluida, ma è importante che la famiglia insista. Infatti, spesso questo impegno favorisce la riabilitazione. Avere un atteggiamento positivo e pazienza può aiutare il proprio caro a guarire prima.
  2. 2
    Incoraggia il tuo caro. Dopo un ictus, sono necessari mesi o anni di riabilitazione per un paziente. È possibile che debba imparare di nuovo ogni cosa e che nonostante tutto non torni a essere lo stesso di prima. I sopravvissuti possono soffrire di depressione, rifiutarsi di ammettere la realtà o sentirsi perduti, sopraffatti e impauriti. Di conseguenza, le famiglie giocano un ruolo molto importante durante la fase di recupero.
    • È importante che il paziente non si senta solo. Subito dopo un ictus, probabilmente si preoccuperà di vari fattori: lavoro, come si prenderà cura di sé (o chi lo farà), come terminare velocemente la riabilitazione (e se tornerà mai a essere "normale").
    • Parla con il tuo caro per aiutarlo a esprimere le proprie emozioni. Chiedigli come si sente e cerca di avere una predisposizione ottimista, indipendentemente dalla situazione.
  3. 3
    Partecipa in prima persona per aiutarlo a fare progressi. Le famiglie coinvolte dalla riabilitazione rappresentano una fonte di supporto forte e salda. Comprendi le conseguenze dell'ictus e parla con i medici per determinare a fondo le probabilità di recupero. Se capisci meglio il processo di guarigione, potrai essere più comprensivo e offrire un maggiore sostegno.
    • Accompagnalo alle sedute di fisioterapia. Partecipa quanto più possibile, sorridi e incoraggialo verbalmente. Gli dimostrerai così che la sua guarigione ti interessa e che ne sei coinvolto.
    • Allo stesso tempo, ricorda che la terapia è la sua, quindi deve avere la possibilità di prendere decisioni ed esercitare un certo controllo. Non provare a importi nella sua vita o nel trattamento: chiedigli che cosa vuole e offrigli quanta più autonomia possibile.
  4. 4
    Sostieni la sua indipendenza. Dopo un ictus, un paziente potrebbe sentirsi perduto, quindi fai qualcosa per aiutarlo a sentirsi più sicuro. Potrebbe avere problemi di incontinenza, comunicazione e mobilità, tutti aspetti che si danno per scontati nella vita quotidiana. Quando puoi (e quando è necessario), dagli una mano. Allo stesso tempo, però, incoraggia e sostieni la sua indipendenza, che voglia fare qualche passo senza deambulatore, rispondere a una telefonata o scrivere un biglietto. Dal momento che la tua priorità è la sua sicurezza, devi considerare certi fattori:
    • Valuta la situazione (oppure chiedi aiuto al suo medico o fisioterapista) per capire meglio quali attività può fare e quali non può o non dovrebbe fare. Essere in grado di fare questa distinzione ti aiuterà a capire in che occasioni puoi incoraggiarlo a essere indipendente senza esporlo a rischi inutili.
    • Spronalo a praticare le attività che ha imparato durante le sedute di riabilitazione. Eseguile con lui finché non potrà farle da solo.
    • Appoggia le sue decisioni in fatto di riabilitazione. Se vuole farla in casa, in ambulatorio o all'ospedale, lascia che prenda questa decisione nel modo più indipendente possibile. Quando ha la possibilità di fare scelte in piena autonomia, la famiglia e gli specialisti possono capire meglio i suoi desideri. Se si impegna a prendersi cura di sé, è più facile dargli una maggiore indipendenza e notare progressi.
  5. 5
    Considera la possibilità di unirti a una rete di appoggio per sopravvissuti e famiglie [24], per esempio A.L.I.Ce. Partecipando, puoi scaricare risorse, come informazioni e consigli pratici per chi si prende cura del paziente, condividere suggerimenti (e riceverne) e metterti in contatto con persone che stanno affrontando la stessa situazione.
  6. 6
    Prenditi cura di te. Tutti i familiari che partecipano attivamente alla terapia del paziente dovrebbero pensare a se stessi. Dovresti dunque prenderti una pausa di tanto in tanto chiedendo a un altro membro della famiglia di aiutarti per un po' [25]. Per dare una mano al tuo caro, devi essere sano e felice.
    • Cerca di avere uno stile di vita equilibrato. Mangia sano, fai attività fisica tutti i giorni, dormi a sufficienza e riscopri un hobby a cui dedicavi del tempo prima che il tuo caro avesse un ictus [26].

Consigli

  • Ricorda che le cose potrebbero non tornare a essere le stesse, ma non è un problema. Coltiverai nuove abitudini con pazienza, perseveranza, compassione e impegno.

Riferimenti

  1. http://www.strokecenter.org/wp-content/uploads/2011/08/Recovering-After-a-Stroke.pdf
  2. http://www.strokecenter.org/wp-content/uploads/2011/08/Recovering-After-a-Stroke.pdf
  3. http://www.stroke.org/we-can-help/survivors/stroke-recovery/first-steps-recovery/safety-after-stroke
  4. http://www.stroke.org/we-can-help/survivors/stroke-recovery/first-steps-recovery/safety-after-stroke
  5. http://www.strokecenter.org/wp-content/uploads/2011/08/Recovering-After-a-Stroke.pdf
  6. http://www.strokeassociation.org/STROKEORG/LifeAfterStroke/ForFamilyCaregivers/CaringforYourLovedOne/15-Things-Caregivers-Should-Know-After-a-Loved-One-Has-Had-a-Stroke_UCM_310762_Article.jsp#.Vpf05BWLSM8
  7. http://www.stroke.ie/iopen24/stroke-rehabilitation-t-483_495_508.html
  8. http://www.stroke.ie/iopen24/stroke-rehabilitation-t-483_495_508.html
  9. http://www.stroke.ie/iopen24/stroke-rehabilitation-t-483_495_508.html
Mostra altro ... (17)

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Shari Forschen, NP. Shari Forschen lavora come Infermiera Registrata al centro Sanford Health, nel Dakota del Nord. Ha conseguito la Laurea in Scienze Infermieristiche Generali e Cliniche presso la University of North Dakota e lavora come infermiera dal 2003.

Categorie: Famiglia | Salute

In altre lingue:

English: Help a Loved One Recover from a Stroke, Русский: помочь близкому человеку восстановиться после инсульта, Español: ayudar a un ser querido a recuperarse de un ataque, Português: Ajudar um Ente Querido a se Recuperar de um Derrame, Deutsch: So kannst du jemandem nach einem Schlaganfall helfen

Questa pagina è stata letta 33 630 volte.
Hai trovato utile questo articolo?