Scarica PDF Scarica PDF

Il dolore per un'otite può manifestarsi in un orecchio o in entrambe, può durare a lungo o anche essere di breve durata; potresti provare un dolore acuto, sordo o anche una sensazione di bruciore o prurito.[1] L'infezione all'orecchio, soprattutto in quello medio, è una causa comune di questo tipo di sofferenza, soprattutto nei bambini. Se tu o tuo figlio avete contratto l'otite, ci sono alcuni rimedi per alleviare il disagio.

Metodo 1
Metodo 1 di 3:

Rimedi Casalinghi

  1. 1
    Applica un impacco caldo. Può essere di aiuto per alleviare il dolore. Bagna un asciugamano pulito in acqua calda e appoggialo sopra l'orecchio; sostituiscilo spesso, ogni 15 o 20 minuti o in base al bisogno.[2]
    • Puoi anche usare una borsa dell'acqua calda o un sacchetto di sale riscaldato.[3]
  2. 2
    Prova un trattamento con l'olio di oliva. Si tratta di un ottimo rimedio casalingo per alleviare l'infezione; scaldane 15 ml, assicurandoti che non sia troppo caldo: non devi ustionare l'orecchio! Usa un contagocce come quello per i farmaci e versa tre o quattro gocce di olio nell'orecchio dolorante; ripeti tre o quattro volte al giorno. In alternativa, puoi immergere un pezzetto di ovatta nell'olio e metterlo nell'orecchio; anche questo rimedio può essere ripetuto 3 o 4 volte al giorno.
    • Scalda sempre l'olio finché non raggiunge la temperatura corporea; puoi testarlo versandone qualche goccia sul polso. Procedi con molta cautela quando lo maneggi, perché se è troppo caldo, può provocare gravi danni nell'orecchio interno. Il modo migliore per aumentarne la temperatura è versarlo in un contagocce e immergere quest'ultimo in circa 2-3 cm di acqua calda.
  3. 3
    Usa gli oli alle erbe. Alcuni possono agire come antibiotici naturali e hanno proprietà antivirali. Quello di verbasco viene usato comunemente per trattare il mal d'orecchio ed è noto per le sue proprietà antibatteriche e lenitive; puoi acquistarlo online e nelle erboristerie.[4] Anche alcune gocce di olio di calendula instillate direttamente nel canale uditivo possono lenire il disagio.[5]
    • Parla con il medico prima di usare qualsiasi rimedio erboristico sui bambini.
  4. 4
    Prova l'aglio. Il suo olio ha un'azione antivirale e antibatterica e viene usato da secoli per trattare le otiti. Puoi preparare tu stesso una soluzione scaldando un cucchiaino di aglio fresco tritato o sminuzzato con 15 ml di olio d'oliva. Lascia in infusione per 15 minuti e filtralo attraverso un setaccio a maglia sottile. Puoi mescolare l'olio filtrato con una pari quantità di olio d'oliva oppure utilizzarlo puro; versane tre o quattro gocce nell'orecchio malato tre o quattro volte al giorno.[6]
    • Puoi anche prendere alcuni spicchi e avvolgerli in un panno o in un tovagliolo di carta e appoggiare quest'ultimo sull'orecchio come un sacchetto; puoi fissarlo in sede legandolo con qualcosa attorno alla testa, come un pezzo di stoffa. Assicurati che il materiale in cui metti l'aglio permetta ai succhi di penetrare senza mettere lo spicchio in contatto diretto con la pelle.[7]
    • Se vuoi usare questo rimedio su un bambino, chiedi prima conferma al pediatra.
  5. 5
    Usa lo zenzero. Anche questa pianta è utile per lenire il dolore. Trita o sminuzza un cucchiaino di radice fresca e mescolalo con 15 ml di olio d'oliva; lascialo in infusione per 15 minuti e filtralo con un setaccio. Mettine tre o quattro gocce in ogni orecchio sofferente tre o quattro volte al giorno.[8]
    • Anche in tal caso, devi avere l'autorizzazione del pediatra prima di somministrare questo rimedio a un bambino.
  6. 6
    Fai un impacco di cipolla. Taglia una cipolla a metà e scaldala un po' con dell'olio d'oliva; quando diventa morbida, lasciala raffreddare e mettila in un panno di cotone. Piega il tessuto in modo che la cipolla non cada e appoggia l'impacco sopra l'orecchio sofferente, lasciando che il succo caldo entri nella cavità; tienilo in posizione per 10 o 15 minuti e ripeti ogni tre o quattro ore.[9]
  7. 7
    Usa il miele. Ha proprietà antibatteriche e curative; è quindi perfetto per alleviare anche il dolore causato dall'otite. Scaldane un po' e mettine tre o quattro gocce nell'orecchio infetto, assicurandoti che non sia troppo caldo, per non scottare il canale uditivo; ripeti la procedura tre o quattro volte al giorno.[10]
    Pubblicità
Metodo 2
Metodo 2 di 3:

Altri Metodi

  1. 1
    Prendi i farmaci da banco. Esistono alcuni tipi differenti di farmaci che possono lenire il disagio, per esempio le gocce auricolari, oppure puoi prendere degli antidolorifici come il paracetamolo (Tachipirina) e l'ibuprofene (Brufen).[11]
    • Non somministrare l'aspirina ai bambini che hanno meno di due anni o agli adolescenti che sono appena guariti dall'influenza o dalla varicella, perché può portare alla sindrome di Reye, una malattia potenzialmente mortale che provoca edema cerebrale ed epatico; tale rischio aumenta notevolmente se il bambino o il ragazzo ha appena avuto una malattia virale.[12]
  2. 2
    Prendi i farmaci su prescrizione. La maggior parte degli adulti colpita da un'otite media guarisce in genere entro una settimana curandosi solo con rimedi casalinghi; tuttavia, nei casi peggiori il medico può prescrivere gli antibiotici. Questi farmaci vengono somministrati solo nei casi davvero gravi e non per ogni tipo di infezione; se il dolore è piuttosto forte, può raccomandarti delle gocce auricolari o altri prodotti.[13]
    • Ai neonati malati che hanno meno di sei mesi vanno somministrati gli antibiotici immediatamente; non tentare dei rimedi casalinghi sui bambini che hanno un'infezione all'orecchio.
    • L'amoxicillina è l'antibiotico che si prescrive più spesso in questi casi.[14] Il medico può consigliarti un dosaggio di 500 mg ogni 12 ore oppure 250 mg ogni otto ore, in caso di infezione lieve o moderata. Nei casi più gravi (in presenza di febbre) la posologia è di 875 mg ogni 12 ore oppure 500 mg ogni 8.
    • Se l'infezione non si riduce con questo trattamento, se il dolore è molto grave e/o si manifestano altri sintomi, come febbre alta, può anche prescriverti l'associazione di amoxicillina con acido clavulanico.[15]
    • Se sei allergico alla penicillina, può raccomandarti il cefdinir, la cefpodoxima, la cefuroxima o il ceftriaxone.
    • Ci sono alcuni batteri che possono essere responsabili dell'infezione, come lo Streptococcus pneumoniae, l'Haemophilus influenzae e la Moraxella; se questo è il tuo caso, gli antibiotici possono debellarli; tuttavia, se vedi che il problema non migliora entro 48-72 ore dall'inizio della terapia, devi contattare il medico.
  3. 3
    Acquista dei prodotti oleosi. Esistono diversi oli commerciali che puoi trovare nelle erboristerie o anche online. Se non vuoi preparare alcune soluzioni tu stesso, rivolgiti al tuo rivenditore di fiducia o fai una ricerca nel web.
    • Segui scrupolosamente le indicazioni riportate sulla confezione per la modalità d'uso.
    • Se tuo figlio soffre di otite, non cercare di curarlo con rimedi casalinghi; quando l'infezione colpisce i piccoli pazienti ci sono maggiori rischi di complicazioni gravi, come perdita dell'udito, paralisi facciale, ascesso cerebrale e meningite.[16] Se vedi che ha mal d'orecchio, portalo subito dal pediatra.
    Pubblicità
Metodo 3
Metodo 3 di 3:

Riconoscere il Dolore da Otite

  1. 1
    Riconosci i sintomi dell'infezione. Un adulto o un bambino già piuttosto grande può capire se si tratta di otite, ma non un neonato o un bambino piccolo; devi quindi essere tu a prestare attenzione ai sintomi. Tra i principali correlati all'otite considera:[17]
    • Alcuni neonati si tirano o strattonano l'orecchio;
    • Dolore, soprattutto in posizione sdraiata;
    • Irritabilità, pianti e capricci;
    • Difficoltà a dormire;
    • Perdita dell'udito;
    • Febbre a 37,7 °C o più alta;
    • Inappetenza;
    • Secrezioni dall'orecchio;
    • Vertigini o sensazione che la stanza stia girando;
    • Calore, arrossamento o dolore attorno all'orecchio;
    • Gonfiore o prurito.
  2. 2
    Presta attenzione al rischio di contrarre l'infezione. L'otite non viene trasmessa da altre persone, ma può svilupparsi in determinate circostanze; sii particolarmente vigile se tu o tuo figlio vi trovate nelle seguenti situazioni:[18]
    • Allergie, raffreddore o sinusite;
    • Clima freddo;
    • Cambiamento di altitudine o di clima;
    • Usare il ciuccio, bere da una tazza educativa o dal biberon in posizione sdraiata;
    • Esposizione al fumo;
    • Storia familiare di otiti.
  3. 3
    Contatta il medico. La maggior parte delle otiti può essere curata a casa; tuttavia, alcuni casi possono essere gravi ed è necessario l'intervento di un professionista. Chiama il dottore se manifesti i seguenti sintomi:
    • Febbre a 37,7 °C o più alta;
    • Forte dolore;
    • Forte dolore che smette improvvisamente; questo potrebbe indicare il timpano rotto;
    • Fuoriuscita di secrezioni dall'orecchio;
    • Qualche nuovo sintomo, come vertigini, mal di testa, sudorazioni o debolezza dei muscoli facciali;
    • Il dolore dura più di 24 ore;
    • Cambiamenti nelle capacità uditive.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Scrocchiarsi la Schiena AltaScrocchiarsi la Schiena Alta
Far Scrocchiare la Parte Bassa della Schiena
Riconoscere i Sintomi dell'HIVRiconoscere i Sintomi dell'HIV
Rallentare il tuo Battito Cardiaco
Trattenere la PipìTrattenere la Pipì
Sentirsi Meglio Dopo il VomitoSentirsi Meglio Dopo il Vomito
Controllare i LinfonodiControllare i Linfonodi
Curare un Dito Insaccato
Capire Se Hai un'Intolleranza all'AlcoolCapire Se Hai un'Intolleranza all'Alcool
Rimuovere una Cisti SebaceaRimuovere una Cisti Sebacea
Camminare con una StampellaCamminare con una Stampella
Liberarsi di un'Unghia IncarnitaLiberarsi di un'Unghia Incarnita
Evitare il Mal di Stomaco quando si Assumono gli AntibioticiEvitare il Mal di Stomaco quando si Assumono gli Antibiotici
Riconoscere i Sintomi della LeucemiaRiconoscere i Sintomi della Leucemia
Pubblicità

Riferimenti

Informazioni su questo wikiHow

Payam Daneshrad, MD
Co-redatto da:
Otorinolaringoiatra Iscritto all'Albo
Questo articolo è stato co-redatto da Payam Daneshrad, MD. Il Dottor Payam Daneshrad è un otorinolaringoiatra iscritto all’albo e un chirurgo maxillo-facciale in attesa dell’abilitazione. È titolare e direttore della clinica DaneshradClinic a Los Angeles. Con oltre 19 anni di esperienza, è specializzato in chirurgia otorinolaringoiatrica/cervico-facciale per adulti e pediatrica, chirurgia nasale senza tamponi, chirurgia dei seni paranasali mininvasiva e trattamento della roncopatia. Utilizza inoltre le più recenti tecniche chirurgiche otorinolaringoiatriche per tonsillectomia, adenoidectomia, tiroidectomia e paratiroidectomia. Ha conseguito una laurea di primo livello con il massimo dei voti alla University of California - Berkeley. Si è poi laureato in Medicina alla Tulane University School of Medicine, dove è stato accettato dall'associazione studentesca AOA e dalla Tulane University School of Public Health. Si è formato alla University of Southern California, dove è attualmente professore clinico associato. Lavora come otorinolaringoiatra e chirurgo maxillo-facciale per le Los Angeles Sparks e per le squadre di atletica della Loyola Marymount University. Questo articolo è stato visualizzato 24 373 volte
Questa pagina è stata letta 24 373 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità