Scarica PDF Scarica PDF

La fascite plantare è una causa comune di dolore al tallone e alla pianta del piede. La fascia plantare è una spessa striscia di tessuto che collega il tallone alle dita del piede ed è soggetta a strappi, infortuni e infiammazione; in quest'ultimo caso, si sviluppa un disturbo medico definito appunto fascite plantare.[1] [2] Se soffri di questo problema, puoi trovare dei modi per alleviare il dolore; continua a leggere per saperne di più.

Metodo 1
Metodo 1 di 4:
Rimedi Casalinghi

  1. 1
    Tieni a riposo il piede. Si tratta di uno dei metodi migliori per lenire il dolore derivante dall'infiammazione; questo significa che dovresti evitare, per quanto possibile, qualsiasi attività; se sei a casa o al lavoro, cerca di restare seduto e cammina solo se è strettamente necessario. Puoi valutare di usare le stampelle per alcuni giorni, per evitare di mettere pressione sul piede sofferente.[3]
    • Se svolgi in genere attività fisica che coinvolge i piedi, impegnati in altri tipi di esercizi, come il nuoto o il sollevamento pesi.
  2. 2
    Usa i plantari. Un dispositivo di sostegno per l'arco plantare può contribuire a distribuire la pressione in maniera uniforme, evitando di stressare la fascia plantare; puoi anche usare una talloniera specifica.[4] Puoi acquistare questi dispositivi in farmacia e nei negozi di ortopedia senza bisogno di prescrizione medica.
    • Tra le marche di solette e plantari che offrono un'imbottitura morbida ci sono Spenco e Cross Trainers. Alcune persone hanno però bisogno di plantari su misura; in questo caso devi rivolgerti all'ortopedico per una prescrizione.
    • Puoi inoltre consultare l'ortopedico per ottenere un'ortesi personalizzata che supporti arco plantare e legamenti.
    • Quando scegli le scarpe, cercane una robusta con un tacco modesto di qualche centimetro (2,5 - 3,8). Assicurati che la scarpa non si giri o permetta troppa torsione - se la scarpa si piega, dovrebbe essere solo nel punto più largo.
  3. 3
    Applica un impacco di ghiaccio. Aiuta ad alleviare il dolore perché riduce l'infiammazione; puoi appoggiarlo sulla pianta del piede per 20 minuti, 3-4 volte al giorno. In alternativa puoi fare un pediluvio con acqua ghiacciata, lasciando in ammollo i piedi per 10-15 minuti.[5]
    • Assicurati di mettere un panno o un asciugamano tra l'impacco e la pelle.
    • Il calore non offre in genere sollievo dal dolore della fascite plantare, ma se il ghiaccio non porta benefici, dopo un paio di giorni dall'infortunio puoi tentare di mettere uno scaldino per capire se è efficace.
    Pubblicità

Metodo 2
Metodo 2 di 4:
Stretching

  1. 1
    Fai lo stretching alla parete. Questo esercizio aiuta ad allungare l'arco plantare e il tendine di Achille. Inizia sporgendoti in avanti per appoggiarti al muro, tieni un ginocchio dritto e il tallone della stessa gamba ben appoggiato al pavimento; piega l'altro ginocchio. Dovresti sentire il tendine d'Achille e l'arco plantare della gamba dritta che si allungano quando ti chini in avanti. [6]
    • Mantieni la posizione per 10 secondi, quindi rilassati e assumi nuovamente la posizione eretta.
    • Ripeti 20 volte con ciascuna gamba.
  2. 2
    Esegui gli squat. Questo esercizio si concentra sugli archi plantari e i tendini. Piegati in avanti appoggiandoti a un ripiano; metti i piedi alla larghezza delle spalle, portandone uno in avanti. Piega le ginocchia e abbassati lentamente, cercando di tenere i talloni appoggiati al pavimento il più a lungo possibile.[7]
    • Dovresti percepire il tendine d'Achille e l'arco plantare che si allungano quando ti chini.
    • Mantieni la posizione per 10-15 secondi, dopodiché rilassati e rimettiti in posizione eretta.
    • Ripeti 20-25 volte.
  3. 3
    Allunga le piante dei piedi con le mani. Questa forma di stretching aiuta a distendere la fascia plantare e il movimento è simile a quello che faresti per fasciare il piede. Incrocia la gamba sofferente sopra l'altra; usa la mano dello stesso lato del piede lesionato per afferrarne la pianta e tira delicatamente le dita verso lo stinco.[8]
    • Questo esercizio crea un po' di tensione o allungamento nell'arco e nella fascia plantare.
    • Mantieni l'allungamento per 10-20 secondi e ripeti 10 volte.
  4. 4
    Esegui ogni esercizio con cautela. I podologi esperti consigliano di fare questi allungamenti specifici per il tendine d'Achille e la fascia plantare per alleviare l'infiammazione e ridurre il rischio di una recidiva. Muoviti lentamente, con attenzione e in maniera fluida; evita azioni brusche, perché potresti lesionare nuovamente la fascia.[9]
    • Ripeti gli esercizi almeno 3 volte al giorno; eseguili soprattutto dopo essere stato seduto per molto tempo e quando ti alzi dal letto al mattino.
    Pubblicità

Metodo 3
Metodo 3 di 4:
Fasciatura

  1. 1
    Siediti in posizione comoda. Si tratta della prima cosa che devi fare quando vuoi fasciare il piede; se lo trovi comodo, puoi appoggiare il piede lesionato sul ginocchio dell'altra gamba. Assicurati di riuscire a raggiungerlo con facilità, in modo da poterlo allungare e fasciare in maniera appropriata.[10]
    • Il bendaggio può ridurre il dolore proprio per il fatto di mantenere la fascia plantare distesa; inoltre minimizza lo stress e l'infiammazione a carico del piede. Nei negozi di ortopedia puoi trovare delle stecche da indossare durante la notte, ma puoi crearle tu stesso spendendo molto meno.
  2. 2
    Avvolgi la fasciatura attorno alla caviglia. Tira con cautela le dita verso l'alto; dovresti sentire un leggero allungamento che non dovrebbe provocare un grave dolore. Metti l'estremità di una fascia elastica sulla punta del piede; benda quest'ultimo senza cambiare posizione e porta quindi la fasciatura attorno alla caviglia.
    • Lo scopo principale del bendaggio è tenere il piede teso con le dita rivolte verso l'alto finché non percepisci che la pianta si allunga; ricorda che dovrebbe essere uno stretching delicato.
  3. 3
    Procedi con la fasciatura. Dopo aver avvolto la caviglia una volta, porta la fascia elastica dietro il piede, piegala e infilala tra l'alluce e il secondo dito del piede. Tira la benda verso la caviglia e continua ad avvolgerla intorno ad essa; al termine, fissa l'estremità della fasciatura incastrandola sotto l'ultima spira.
    • Assicurati di mantenere il piede flesso, con le dita rivolte verso l'alto durante tutta la procedura.
    • Fai attenzione a non stringere eccessivamente; lo scopo della fasciatura elastica non è quello di comprimere, ma di mantenere il piede teso e la fascia plantare leggermente allungata.
    • Fai attenzione quando ti alzi o esci dal letto e procedi lentamente.
    Pubblicità

Metodo 4
Metodo 4 di 4:
Trattamenti Medici

  1. 1
    Prendi degli antinfiammatori da banco. Rappresentano una soluzione diffusa per gestire il dolore. Puoi assumerli per ridurre l'infiammazione e il dolore al piede; alcuni esempi sono l'ibuprofene, come Brufen, e il naprossene, come Momendol.[11]
    • Attieniti scrupolosamente alle indicazioni riportate sul bugiardino per quanto riguarda la posologia e non assumerli per più di due settimane.
  2. 2
    Prova i corticosteroidi. Se il dolore dovuto alla fascite plantare non si riduce nonostante i trattamenti casalinghi, devi farti visitare dal medico, che può prescriverti questi farmaci quando il malessere non si affievolisce. Di solito tali iniezioni sono più efficaci se eseguite nella fase precoce dell'infiammazione; tuttavia, generalmente il dottore le somministra solo nei casi più gravi.[12]
    • Prima di optare per questa soluzione, il medico preferisce solitamente proporre altri rimedi casalinghi.
    • Non è consigliato sottoporsi a troppe iniezioni, perché possono indebolire la fascia plantare o ridurre il cuscinetto che copre l'osso del tallone.
    • Prima di eseguire le iniezioni viene fatta una radiografia al piede.
  3. 3
    Sottoponiti alla chirurgia. Nei casi più gravi, quando il dolore non si riduce e la fascia plantare non guarisce con altri rimedi, il medico può consigliarti questa soluzione; durante l'intervento, il chirurgo sbriglia la fascia plantare dall'osso del calcagno. Questa è l'ultima opzione per sbarazzarsi del dolore.[13]
    • Come conseguenza di tale procedura si può a volte verificare un indebolimento dell'arco plantare.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Far Scrocchiare la Parte Bassa della Schiena
Trattenere la PipìTrattenere la Pipì
Scrocchiarsi la Schiena AltaScrocchiarsi la Schiena Alta
Rallentare il tuo Battito Cardiaco
Controllare i LinfonodiControllare i Linfonodi
Riconoscere i Sintomi dell'HIVRiconoscere i Sintomi dell'HIV
Rimuovere una Cisti SebaceaRimuovere una Cisti Sebacea
Riconoscere i Sintomi della LeucemiaRiconoscere i Sintomi della Leucemia
Liberarsi di un'Unghia IncarnitaLiberarsi di un'Unghia Incarnita
Curare un Dito Insaccato
Liberarsi Velocemente delle EmorroidiLiberarsi Velocemente delle Emorroidi
Camminare con una StampellaCamminare con una Stampella
Trattare il Mal di Gola dopo aver VomitatoTrattare il Mal di Gola dopo aver Vomitato
Gestire la Chinetosi sulle GiostreGestire la Chinetosi sulle Giostre
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Mark Co, DPM
Co-redatto da:
Podologo
Questo articolo è stato co-redatto da Mark Co, DPM. Il Dottor Mark Co è un podologo che gestisce uno studio privato a San Francisco. È specializzato in trattamenti per alluce valgo, unghie incarnite, micosi delle unghie dei piedi, verruche, fascite plantare e altri disturbi che interessano i piedi. Fornisce anche ortesi su misura per il trattamento e la prevenzione dei problemi ai piedi e alle caviglie. Ha conseguito un Master of Business Administration (MBA) presso la New York University e si è laureato in Ingegneria Elettrica e Informatica presso la Johns Hopkins University. Si è inoltre laureato in Podologia presso la California School of Podiatric Medicine e ha realizzato un tirocinio e un internato presso il Kaiser Permanente Medical Center di Santa Clara, in California. Ha ricevuto il premio "Top 3 Podiatrists" di San Francisco nel 2018, 2019 e 2020. È anche membro della CPMA (American Podiatric Medical Association). Questo articolo è stato visualizzato 7 039 volte
Questa pagina è stata letta 7 039 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità