Come Alleviare l'Asma Usando Rimedi Casalinghi

Scritto in collaborazione con: Zora Degrandpre, ND

In questo Articolo:Alleviare i Sintomi durante e dopo un Attacco di AsmaIntegratoriCambiare Alimentazione18 Riferimenti

La maggior parte delle persone affette da asma conosce bene gli attacchi causati da questa malattia perché le vie respiratorie si restringono e si gonfiano. Le crisi asmatiche rendono difficile la respirazione e chi ne soffre ha anche affanno, senso di oppressione al petto, dispnea e tosse. Purtroppo, si tratta di una malattia infiammatoria cronica delle vie aeree, perciò è necessario imparare il modo di gestirne e alleviarne i sintomi.[1]

Parte 1
Alleviare i Sintomi durante e dopo un Attacco di Asma

  1. 1
    Bevi una tisana allo zenzero. Taglia circa 2,5 cm di radice di zenzero e sbuccialo con un pelapatate. Tritalo in piccoli pezzi e lascialo in infusione in 240 ml di acqua bollente per 5 minuti. Bevi la tisana 4-5 volte al giorno. Lo zenzero è una pianta dalle proprietà antinfiammatorie naturali, usata da secoli per il trattamento dei problemi respiratori.[2]
    • Puoi anche preparare una bevanda fredda allo zenzero. Mescola 120 ml di succo di zenzero, 120 ml di succo di melograno e aggiungi un po' di miele per dare sapore. Bevila 3-4 volte al giorno. Lo zenzero svolge un'azione antinfiammatoria, mentre il succo di melograno è ricco di antiossidanti. Il miele insaporisce, ma possiede anche proprietà antibatteriche e antinfiammatorie.[3]
  2. 2
    Fai un fumento alle erbe. Anche se occorrerebbero ulteriori ricerche, alcuni erboristi ritengono che la lobelia sia in grado di alleviare l'asma. Per respirare in modo efficace e alleviare i sintomi dell'asma, versa 2 o 3 gocce di olio essenziale di lobelia in un recipiente di acqua bollente. Metti un asciugamano piuttosto consistente sulla parte posteriore della testa e inclinati verso il basso in modo da non far fuoriuscire il vapore. Respira in questo modo per 5-10 minuti.
    • Tieni il viso a circa 45 cm di distanza dall'acqua bollente in modo da non scottarti.
  3. 3
    Massaggia il petto usando una pomata a base di erbe. Procurati una pomata a base di mentolo ed eucalipto e spalmala sul petto. Può prevenire o ridurre gli attacchi di asma. Durante uno studio, i partecipanti che hanno adoperato questo genere di pomata si sono recati al pronto soccorso meno volte di coloro che hanno utilizzato solo gli inalatori.[4]
    • Puoi anche fare un fumento con l'olio essenziale di eucalipto. L'eucalipto può sciogliere il muco e favorire la respirazione. Prova a versare qualche goccia di olio di eucalipto su un batuffolo di cotone e tenerlo a portata di mano (conservandolo in un sacchetto). Non appena avverti i sintomi dell'asma, prendi il batuffolo e annusalo.
  4. 4
    Pratica qualche tecnica di respirazione. Se si verifica un attacco di asma, fai respiri lenti anziché rapidi e profondi. Questo è il concetto che sta alla base del metodo di respirazione del dr. Buteyko. Un ottimo esercizio da provare consiste nel mettere la punta della lingua dietro l'arcata dentale anteriore. Posizionala in questo punto, mentre inspiri piano attraverso il naso. Dopodiché espira lentamente in modo da far passare l'aria attorno alla lingua. Fai quattro di questi respiri alla volta.[5]
    • Anche se esistono esercizi che permettono di rafforzare i muscoli respiratori o correggere la postura per favorire la respirazione, alcuni studi hanno dimostrato che, per gestire l'asma, sono più utili le tecniche concepite per migliorare la respirazione.[6]
    • Puoi anche considerare gli esercizi di respirazione previsti dalle pratiche yoga Papworth o Pranayama.
  5. 5
    Consulta il medico. Se hai l'asma, dovresti farti visitare regolarmente dal medico, soprattutto se hai intenzione di assunzione di integratori o cambiare alimentazione. Alcuni integratori possono interagire con i farmaci per la cura dell'asma. Non sospenderli mai, senza aver prima parlato con il medico.
    • Il medico stabilirà con te una terapia per combattere l'asma in modo che tu sappia esattamente come reagire e riprenderti da un attacco.

Parte 2
Integratori

  1. 1
    Prendi la vitamina C. Numerosi studi clinici hanno dimostrato che la vitamina C è uno dei migliori integratori contro l'asma. Ha proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Se non hai problemi renali, puoi prenderne 500 mg al giorno. Inoltre, puoi assumerla tramite:[7]
    • Agrumi;
    • Fragole;
    • Broccoli;
    • Verdure a foglia verde;
    • Peperoni;
    • Papaia.
  2. 2
    Includi nella tua alimentazione la vitamina B6. La vitamina B6 può ridurre le infiammazioni e migliorare il sistema immunitario, perciò è molto utile per contrastare i fattori scatenanti. Gli alimenti che contengono alte dosi di vitamina B6 e facilmente assimilabili dall'organismo sono salmone, patate, tacchino, pollo, avocado, spinaci e banane. Potresti anche assumerla sotto forma di integratori. Di seguito, troverai il fabbisogno quotidiano:[8]
    • Per i bambini tra 1 e 8 anni: 0,8 mg/die;
    • Per i bambini tra 9 e 13 anni: 1 mg/die;
    • Per adolescenti e adulti: 1,3-1,7 mg/die;
    • Per le donne in gravidanza o durante l'allattamento: 1,9-2 mg/die.
  3. 3
    Prendi la vitamina B12. Puoi assimilarla mangiando carne, frutti di mare, pesce, formaggio e uova. La vitamina B12 può bloccare gli effetti dei solfiti e, secondo alcuni studi, è la più efficace per alleviare l'asma nei bambini. Può ridurre la gravità e la frequenza dei sintomi.[9]
    • Se preferisci assumerla tramite gli integratori, prendine 2,4 mg al giorno (se sei adolescente o adulto), 2,6-2,8 mg al giorno (se sei incinta o stai allattando), 0,9-1,2 mg al giorno (se hai un'età compresa tra 1 e 8 anni) oppure 1,8 mg al giorno (se hai tra i 9 e i 13 anni).
  4. 4
    Non trascurare il fabbisogno di selenio. Occorrerebbero più ricerche, ma alcuni studi hanno dimostrato che l'assunzione di selenio può ridurre l'infiammazione provocata dall'asma. Puoi assumerlo mangiando fegato e interiora, carne e frutti di mare. In alternativa, puoi prendere un integratore a base di selenometionina. Secondo alcuni studi, questa forma di selenio viene assimilata meglio dall'organismo.[10][11]
    • Non assumere più di 200 mcg di selenio al giorno, perché in quantità elevate può essere tossico.
  5. 5
    Prendi il molibdeno. È un minerale presente in tracce nell'organismo che aiuta a disintossicarsi dai solfiti che possono scatenare un attacco di asma. Puoi assumerlo mangiando fagioli, lenticchie e piselli. In alternativa, puoi prendere un multivitaminico o un integratore singolo. Segui sempre le istruzioni per la posologia contenute nel prodotto. In genere, la dose giornaliera raccomandata equivale:[12]
    • Per i bambini fino a 13 anni: 22-43 mcg/die;
    • Per le persone oltre i 14 anni: 45 mcg/die;
    • Per le donne in gravidanza e durante l'allattamento: 50 mcg/die.

Parte 3
Cambiare Alimentazione

  1. 1
    Individua le cause scatenanti. Tieni un diario per almeno 2-4 settimane, annotando gli alimenti che mangi e le eventuali reazioni. Dal momento che i fattori che scatenano l'asma variano da persona a persona, prova a determinare se a provocarla è un determinato cibo e, in questo caso, evitalo completamente in futuro.[13]
    • Tenendo traccia delle reazioni alimentari, puoi anche capire se sei intollerante a una pietanza o se c'è qualche fattore a scatenare un attacco. Uno studio ha mostrato che il 75% dei bambini affetti da asma hanno intolleranze alimentari.[14]
    • Gli alimenti che risvegliano l'asma includono uova, agrumi, arachidi, cioccolato, grano (glutine) e latticini.[15]
  2. 2
    Distingui tra fattori alimentari e intolleranze alimentari. Di solito i fattori alimentari sono i cibi a cui sei effettivamente allergico e che scatenano reazioni tali da provocare un attacco d'asma. È possibile diagnosticare un'allergia alimentare sottoponendosi a un test cutaneo. D'altro canto, anche le intolleranze alimentari comportano risposte immunitarie, ma non esistono esami diagnostici per determinare se sei intollerante a un determinato alimento.
    • Se hai scoperto di essere intollerante a una particolare pietanza, puoi trarre qualche beneficio eliminandola dalla tua alimentazione. Evitandone il consumo, hai l'opportunità di ridurre la frequenza e la gravità delle crisi asmatiche (soprattutto quelle dovute al glutine e ai latticini).[16]
  3. 3
    Segui una dieta antinfiammatoria. Una volta che hai individuato gli alimenti da evitare, devi alleviare l'infiammazione. Prepara e cucina in casa i cibi che puoi mangiare in modo da poterne controllare la qualità ed evitare di assimilare additivi chimici, ormoni e antibiotici. Prova a scegliere alimenti biologici, giacché sono privi di queste sostanze. Dovresti anche ridurre l'assunzione dello zucchero, in quanto può portare a un aumento di peso e favorire i processi infiammatori. Se intendi seguire una dieta che ti aiuti a ridurre le infiammazioni, considera:[17]
    • I carboidrati complessi e le fibre attraverso il consumo di cereali integrali, fagioli, piselli, semi di lino e verdura;
    • Le proteine magre, provenienti da carni bianche senza pelle e pesce come salmone, merluzzo bianco, eglefino e tonno (sono anche ottime fonti di acidi grassi omega-3);
    • La diminuzione del consumo di carne rossa e grassi animali;
    • Il consumo di un'ampia varietà di frutta e verdura.
  4. 4
    Cucina con spezie antinfiammatorie. Le spezie non solo danno sapore ai cibi, ma è stato dimostrato che riducono anche i processi infiammatori. Non corri rischi se condisci i tuoi piatti con le giuste quantità di spezie, a meno che tu non sia intollerante a una determinata pianta. Se non sei sicuro, prova prima con un pizzico. Se non manifesti nessuna reazione allergica nel giro di un paio d'ore, non esitare a usarla. Per ridurre il processo infiammatorio dovuta all'asma, cucina con:[18]
    • Aglio e cipolle;
    • Curcuma e curry;
    • Zenzero;
    • Basilico;
    • Cannella;
    • Chiodi di garofano;
    • Pimento.

Consigli

  • Durante un attacco d'asma, prova a bere una tazza di caffè forte. La caffeina appartiene alla stessa famiglia chimica della teofillina, spesso utilizzata per curare l'asma.

Avvertenze

  • Non fumare la lobelia per alleviare l'asma, a meno che non sia stato un naturopata o un fitoterapeuta a raccomandartela.

Riferimenti

  1. http://www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/asthma
  2. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK92775/
  3. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3609166/
  4. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15674007
  5. http://www.drweil.com/drw/u/VDR00112/The-4-7-8-Breath-Benefits-and-Demonstration.html
  6. http://breathe.ersjournals.com/content/10/4/312
  7. http://www.naturopathic.org/content.asp?contentid=495
  8. http://lpi.oregonstate.edu/mic/vitamins/vitamin-B6
  9. http://www.chiro.org/nutrition/ABSTRACTS/asthma.shtml
Mostra altro ... (9)

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Zora Degrandpre, ND. La Dottoressa Degrandpre lavora come Medico Naturopata Registrato a Washington. Ha conseguito la Laurea in Naturopatia presso il National College of Natural Medicine nel 2007.

Categorie: Vie Respiratorie

In altre lingue:

English: Help Your Asthma Using Home Remedies, Português: Melhorar a Asma com Remédios Caseiros, Español: aliviar el asma con remedios caseros, Русский: облегчить астму с помощью домашних средств, Deutsch: Asthma mit Hausmitteln lindern, Français: soulager l'asthme par des remèdes maison

Questa pagina è stata letta 10 935 volte.
Hai trovato utile questo articolo?