Scarica PDF Scarica PDF

Il potassio è un elettrolita importante per le funzioni del corpo. Aiuta a trasportare le cariche elettriche in tutto il corpo. Quando viene a mancare, si installa una condizione chiamata ipocalemia che può portare a battito irregolare, debolezza muscolare, crampi, dolori in tutto il corpo e costipazione. Se ti manca il potassio continua a leggere e scopri come alzare i livelli.

Metodo 1
Metodo 1 di 2:
Mangiare Cibi Ricchi di Potassio

La maggior parte dei casi di ipocalemia è causata da malattie di breve decorso come vomito e diarrea. Rifornire le scorte di potassio è il modo più semplice ed efficace per trattarne la perdita.

  1. 1
    Assumi frutta. Come tutti sanno, le banane ne sono molto ricche. Ogni banana contiene infatti 594 mg di potassio. Tuttavia, esistono altri frutti che possono aiutarti ad alzare i livelli. Ad esempio:
    • Pomodori (un pomodoro piccolo può contenere anche 900 mg di potassio), arance, melone, fragole, kiwi e albicocche, pesche, prugne e uva secche.
  2. 2
    Consuma alcune verdure ricche di potassio. La frutta non è l'unica fonte di potassio. Le verdure possono dare ai tuoi livelli di potassio una bella spinta verso l'alto. Quelle che ti aiutano comprendono:[1] :
    • Carote (una tazza di carote crude -689 mg), patate, spinaci e altre verdure a foglia scura, funghi e zucca turbinata.
  3. 3
    Proteine. Il salmone è una delle fonti proteiche più ricche di potassio. 100 gr di salmone solitamente ne contengono 319 mg. Il manzo magro e i fagioli bianchi sono due esempi di proteine altrettanto ricche di potassio.[2]
  4. 4
    Mescola alcuni di questi ingredienti per un pasto ad alto livello di potassio. Mangiarli separatamente va benissimo, ma mescolarli è meglio. Prova a comporre i tuoi pasti per renderli pieni di potassio. Ad esempio puoi provare:[3] :
    • Yogurt (altrettanto ricco di potassio) con banane e uvette.
    • Salmone cotto con funghi saltati e insalata di spinaci.
    • Uno spuntino a base di albicocche e carote crude.
    Pubblicità

Metodo 2
Metodo 2 di 2:
Usare Supplementi

  1. 1
    Consulta il medico prima di assumerli. Se il tuo livello di potassio è blandamente basso, assumere cibi ricchi dovrebbe aiutarti. Una volta acquistati i supplementi, assumine solo la dose prescritta -- cercare di eccedere potrebbe portare a diarrea, irritazione allo stomaco e nausea oltre a debolezza, battito debole e ritmo cardiaco anormale.
  2. 2
    Assumi i supplementi sotto forma di pillole. Le tavolette a rilascio prolungato sono fatte per non sciogliersi nello stomaco ma nell'intestino. Questo rilascio aiuta a evitare l'irritazione della mucosa gastrica. Le compresse di potassio andrebbero assunte con un bicchiere d'acqua.[4]
    • Non ridurle in polvere e non masticarle perché vanificheresti le loro peculiarità.
  3. 3
    Prova il potassio in forma liquida o in polvere. Puoi scioglierlo o diluirlo in acqua e berlo. Per un dosaggio corretto, segui le istruzioni del medico. Di solito, il potassio in polvere o liquido va sciolto o diluito in mezzo bicchiere di acqua. Se ne consumi troppo porterà a disturbi gastrici.[5]
  4. 4
    Endovena di potassio. Assumere potassio endovena è una pratica riservata solo a casi gravi e va fatto sotto strettissimo controllo medico. Se pensi che i tuoi livelli siano a rischio, parlane con il medico. Non provare a somministrarti il potassio endovena da solo. Un'infusione veloce potrebbe alterare il ritmo cardiaco.[6]
    Pubblicità

Consigli

  • I supplementi di potassio vanno assunti dopo i pasti. In questo modo si riduce la probabilità di diarrea e mal di stomaco.
  • Il metodo più sicuro per fare il pieno di potassio è consumarlo attraverso i cibi.
Pubblicità

Avvertenze

  • È di vitale importanza seguire le prescrizioni mediche per quanto riguarda il dosaggio. Non eccedere nel consumo del potassio. In alcuni casi potresti ritrovarti a dover tenere conto di alcune discriminanti, specie se stai assumendo altre medicine o hai determinate patologie.
  • Se il potassio viene somministrato via endovena e avverti una sensazione di bruciore alle vene, dillo subito al medico o all'infermiera che ti segue. Stai all'erta per eventuali effetti collaterali come tachicardia, sudorazione, freddo, dispnea e intontimento. L'endovena va somministrata a goccia lenta.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Damaris Vega, MD
Co-redatto da:
Endocrinologa Iscritta all'Albo
Questo articolo è stato co-redatto da Damaris Vega, MD. La Dottoressa Damaris Vega si è laureata con lode in Scienze presso la Pontifical Catholic University di Porto Rico e si è successivamente laureata in Medicina presso la Ponce School of Medicine di Porto Rico. Durante i suoi studi di medicina, è stata presidente della Alpha Omega Alpha Medical Honor Society ed è stata selezionata come rappresentante della sua università per l'American Association of Medical Colleges. Ha poi completato una specializzazione in Medicina Interna e una borsa di studio in endocrinologia, diabete, minerali e metabolismo presso la University of Texas Southwestern Medical School. Da allora ha lavorato come endocrinologa nelle zone di Dallas e Houston. È abilitata a praticare nelle aree dell’endocrinologia, del diabete e del metabolismo. È stata riconosciuta più volte per l'eccellente assistenza ai pazienti dal National Committee for Quality Assurance e ha ricevuto il Patients' Choice Award negli anni 2008, 2009 e 2015. È socia dell'American College of Clinical Endocrinologists ed è un membro attivo dell'American Association of Clinical Endocrinologists, dell'American Diabetes Association e della Endocrine Society. È anche fondatrice e CEO dello Houston Endocrinology Center e ricercatrice principale in diversi test clinici presso la Juno Research, LLC. Questo articolo è stato visualizzato 9 421 volte
Categorie: Salute
Questa pagina è stata letta 9 421 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità