Come Alzare il Livello di Piastrine nel Sangue in Modo Naturale

2 Parti:Prendersi Cura della propria Salute in GeneraleInformarsi sul Problema

Le piastrine sono frammenti cellulari che svolgono un ruolo preponderante nell'emostasi e nell'emocoagulazione, quindi sono necessarie per fermare le emorragie e prevenire altri problemi ematici rischiosi. Avere le piastrine basse (disturbo chiamato trombocitopenia) può essere dovuto a diversi fattori, come chemioterapia, gravidanza, allergie alimentari e dengue. Collaborare con uno specialista è importante per affrontare il disturbo. Con la sua guida, puoi anche provare dei metodi naturali per favorire l'aumento delle piastrine.

Parte 1
Prendersi Cura della propria Salute in Generale

  1. 1
    Segui un'alimentazione sana, fresca e varia. Le caratteristiche specifiche di un'alimentazione orientata all'aumento delle piastrine possono variare significativamente da una fonte all'altra. Tuttavia, esiste un fattore che viene condiviso in maniera praticamente unanime: mangiare sano è fondamentale.
    • Probabilmente l'avrai già sentito dire in passato: dovresti mangiare più frutta, verdura, proteine magre e cereali integrali, meno carboidrati raffinati, zuccheri, grassi saturi, grassi trans e cibi trattati.
    • Devi sfruttare al massimo quello che mangi scegliendo cibi ricchi di nutrienti, come una porzione di verdure fresche, ed evitando alimenti che ne sono privi, come una busta di patatine [1]. Se l'alimentazione ti consente di assimilare sostanze salutari, l'organismo ne ricaverà numerosi benefici.
    • Mangia i kiwi. Fanno aumentare il livello di piastrine più rapidamente.
  2. 2
    Cerca di assumere dei nutrienti chiave. Un nutrizionista può indicarti nell'esattezza i cibi giusti per favorire l'aumento delle piastrine. Collabora con lo specialista che ti segue per determinare la migliore linea d'azione. Ecco alcuni nutrienti classici che sono particolarmente preziosi e che apportano benefici praticamente a chiunque, indipendentemente dal livello delle piastrine:
    • Vitamina K, che interviene nel processo di emocoagulazione e ha proprietà antinfiammatorie (l'infiammazione può causare la distruzione delle piastrine). Si trova in verdure a foglia verde come cavolo nero, verza, spinaci, broccoli e alghe commestibili. Cucinale in maniera leggera o mangiale crude per non perdere i nutrienti che apportano. Anche le uova e il fegato sono fonti alimentari di vitamina K [2][3].
    • Folato (vitamina B9), importante per il processo di divisione cellulare (ricorda che le piastrine sono frammenti cellulari). Anche una carenza di folato può contribuire all'abbassamento delle piastrine. I cibi che ne sono ricchi, come asparagi, arance, spinaci e cereali fortificati (integrali e a basso contenuto di zuccheri), dovrebbero comunque essere parte integrante dell'alimentazione di chiunque [4]. Puoi inoltre considerare degli integratori vitaminici, ma prima parlane con il tuo medico.
    • Tieni sotto controllo il consumo di acidi grassi omega-3, che rafforzano il sistema immunitario e hanno proprietà antinfiammatorie. Si trovano nel pesce, nelle alghe commestibili, nelle noci, nell'olio di semi di lino e nelle uova fortificate [5][6]. I soggetti che rischiano di avere disturbi cardiovascolari possono ottenere diversi benefici da un maggiore consumo di omega-3. A ogni modo, questi acidi grassi inibiscono il fattore attivante delle piastrine e ne riducono appunto l'attivazione, quindi sono controindicati in caso di trombocitopenia.
  3. 3
    Stai lontano dai cibi che ti fanno male. Gli alimenti contenenti pochi nutrienti e molte calorie, come i cereali raffinati (per esempio, il pane bianco) e gli zuccheri (contenuti in merendine, biscotti e così via), danno pochi benefici al corpo. Inoltre, pare che acuiscano le infiammazioni [7].
    • Un consumo eccessivo di alcool può danneggiare il midollo osseo e abbassare la produzione delle piastrine [8], quindi è bene limitare sostanzialmente o persino eliminare gli alcolici per provare ad aumentarle.
    • L'intolleranza al glutine e la celiachia (in buona sostanza, è un'allergia al glutine) sono malattie autoimmuni che possono avere un impatto negativo sulle piastrine. Se hai dei dubbi, cerca di sottoporti ad alcuni esami specifici. Qualora risultassi positivo, elimina il glutine dalla tua alimentazione [9].
  4. 4
    Fai regolarmente attività fisica, ma con attenzione. Gli allenamenti cardiovascolari, come camminare o nuotare, e gli esercizi di resistenza favoriscono una buona circolazione arteriosa, ma possono anche rafforzare il sistema immunitario. Tutto questo apporta dei benefici in caso di piastrine basse.
    • Tuttavia, devi fare attenzione e prendere le giuste precauzioni. In caso di trombocitopenia, probabilmente tendi ad avvertire prima la stanchezza. L'indebolimento e il sovraffaticamento possono renderti più predisposto a farti male.
    • In particolare, cerca di evitare attività che potrebbero causare un'emorragia, non solo esterna, anche interna (come i lividi) [10]. Ricorda che, con le piastrine basse, il sangue coagulerà più lentamente.
    • Gli sport e le attività ad alto impatto (pallacanestro e pattinaggio, tanto per fare alcuni esempi) vanno eseguiti con estrema cautela, o addirittura evitati. Inoltre, proteggiti da graffi, tagli e lividi mentre cammini: usa scarpe che contengano bene il piede e che aderiscano adeguatamente al suolo, ma anche vestiti larghi e stratificati. Cerca di fare attenzione in generale.
    • Per quanto riguarda il rischio di emorragia, parla con il tuo medico in merito ai medicinali da banco che possono aumentarlo, come aspirina e altri antidolorifici [11].
  5. 5
    Riposa adeguatamente. Sono raccomandate 7-9 ore di sonno a notte per gli adulti, indipendentemente dal livello delle piastrine. Chi però vuole aumentarle non può che stare meglio permettendo al corpo di riposare e ricaricarsi.
    • Se hai le piastrine basse, probabilmente ti stanchi prima, quindi devi equilibrare l'esigenza di riposare con i benefici che ti vengono garantiti dall'attività fisica (svolta sempre con cautela). Parlane con il tuo medico.
  6. 6
    Mantieni una buona idratazione. Tutti hanno bisogno di acqua, ma pochi ne consumano a sufficienza. Un corpo idratato adeguatamente funziona meglio, quindi può favorire la formazione di piastrine.
    • In media, un adulto dovrebbe bere 2-3 litri di liquidi al giorno (non è un luogo comune, anzi), circa 8 bicchieri da 250 ml [12].
    • Alcuni sostengono che bere acqua tiepida o addirittura calda può favorire l'aumento delle piastrine, in quanto l'acqua fredda rallenta la digestione, quindi può ostacolare l'assorbimento dei nutrienti [13]. In ogni caso, bere acqua a qualsiasi temperatura consideri accettabile non ti farà male, quindi, se vuoi, fai un tentativo.
  7. 7
    Cerca di essere ottimista. La positività aiuta sempre, specialmente quando affronti un disturbo medico come la trombocitopenia [14].
    • Può essere difficile quantificare i benefici di una predisposizione positiva, ma il consiglio di essere sempre ottimista di certo non abbasserà le probabilità di migliorare, quindi tentar non nuoce.

Parte 2
Informarsi sul Problema

  1. 1
    Cerca di capire la funzione delle piastrine. Se ti tagli mentre ti radi, ti fai male a un dito quando usi un coltello o il naso sanguina, le piastrine si mettono al lavoro per far coagulare il sangue. Sono frammenti cellulari che si trovano nel flusso sanguigno e che tendono a raggrumarsi per bloccare gli sbocchi del sangue circolante in caso di emorragia [15].
    • Le singole piastrine hanno un ciclo di vita pari a circa 10 giorni nel flusso sanguigno, quindi vanno reintegrate costantemente. Una persona sana ha approssimativamente 150.000-450.000 piastrine per millimetro cubico di sangue.
    • Se il tuo medico ti dice che hai 150 piastrine, questo significa che ne hai 150.000 per millimetro cubico di sangue.
  2. 2
    Cerca di capire a che cosa è dovuto il problema. L'abbassamento delle piastrine può essere causato da un'ampia varietà di fattori. In termini medici, il disturbo viene chiamato trombocitopenia e si verifica quando le piastrine sono meno di 150.000 per millimetro cubico di sangue.
    • Questo può essere causato da varie situazioni o patologie, tra cui malattie che interessano il sistema immunitario (le piastrine vengono attaccate per sbaglio), leucemia (perché le piastrine si formano nel midollo osseo), chemioterapia (le piastrine vengono distrutte come danno collaterale), gravidanza (lo sforzo affrontato dall'organismo può danneggiare le piastrine) e così via [16].
    • La trombocitopenia può avere vari sintomi, tra cui stanchezza, facile formazione di lividi, emorragia prolungata, sanguinamento da gengive o naso, sangue nell'urina o nelle feci, eruzioni cutanee rosse-purpuree dalle dimensioni di una testa di spillo sulla parte inferiore delle gambe e sui piedi [17].
    • Se hai questi sintomi, parla con il tuo medico per testare eventualmente le piastrine.
  3. 3
    Collabora con il tuo medico. Se hai le piastrine basse e il motivo non è chiaro, saranno necessari altri esami (per esempio, un cattivo funzionamento della milza può causare un'espulsione erronea delle piastrine dal flusso sanguigno).
    • Solitamente la causa della trombocitopenia può essere determinata. A volte il migliore trattamento consiste nell'aspettare che passi (come spesso succede durante la gravidanza), ma discutine con il tuo medico [18].
    • Parla con il tuo medico per confrontarti sui trattamenti naturali che possono aumentare, o almeno stabilizzare, le piastrine. Le possibili soluzioni dipendono in gran parte dalla tua situazione particolare.
    • Ricorda sempre di non provare ad aumentare le piastrine senza la guida di un medico.
  4. 4
    Sottoponiti ai trattamenti medici necessari. Riuscire ad aumentare naturalmente le piastrine sarebbe ideale (e solitamente tentar non nuoce), ma la tua situazione specifica e la gravità della trombocitopenia possono richiedere un intervento medico. Ecco alcune terapie [19]:
    • Trattamenti per la causa sottostante del disturbo. Per esempio, se l'eparina causa la trombocitopenia, può essere sostituita con un altro anticoagulante. È importante non smettere e basta di assumere il medicinale che ti è stato prescritto, specialmente se lo prendi per combattere una patologia cardiovascolare.
    • Trasfusioni di globuli rossi concentrati o piastrine per aumentarne direttamente i livelli nel sangue.
    • Assunzione di medicinali come corticosteroidi o altri immunosoppressori, se i risultati degli esami indicano che è questo il procedimento da seguire. Il tuo medico ti illustrerà tutte le precauzioni necessarie, in quanto sei più soggetto ad avere infezioni.
    • Intervento chirurgico per rimuovere la milza (splenectomia), se questo organo funziona male ed espelle erroneamente le piastrine sane.
    • Plasmaferesi, che solitamente viene fatta solo in casi gravi e di emergenza.
  5. 5
    Cerca di separare la scienza dalla speculazione. Esistono numerosi siti web con innumerevoli opinioni su come aumentare naturalmente le piastrine. Può essere difficile orientarti tra le informazioni varie e spesso contraddittorie che leggi, quindi questo è uno dei motivi per cui dovresti rivolgerti a uno specialista.
    • I modelli alimentari indicati da organizzazioni attendibili (che si occupano dei disturbi collegati alle piastrine) possono differire sul consumo del latte. Questo è solo un esempio per dimostrarti che è complicato capire qual è la strada giusta da seguire [20][21].
    • In realtà, si hanno poche prove scientifiche per dimostrare l'efficacia di una dieta in particolare per aumentare le piastrine [22][23]. In linea di massima, però, si può considerare valida un'idea: l'alimentazione aiuta a difendere l'organismo e a prevenire l'abbassamento delle piastrine.
    • Questo vuol forse dire che non hai delle soluzioni? No: significa soltanto che devi informarti bene, non avere aspettative irrealistiche e affidarti al tuo medico per farti consigliare e assistere.

Consigli

  • Prima di provare uno di questi rimedi, assicurati di consultare il tuo medico. Deve tenerti sotto un'attenta osservazione, in quanto le eventuali patologie preesistenti potrebbero essere alterate da un cambiamento alimentare o riguardante le tue abitudini in generale. Se il disturbo peggiora, è necessario un intervento medico immediato.
  • Prima di iniziare a prendere un certo medicinale, informati bene e cerca delle prove attendibili sulla sua efficacia. Le dimostrazioni mediche dovrebbero includere esperimenti in cieco, durante i quali alla metà dei soggetti esaminati è stato somministrato un placebo. Assicurati che i risultati siano stati pubblicati su una rivista medico-scientifica.

Fonti e Citazioni

  1. https://www.pdsa.org/treatments/complementary/food-as-a-cure.html
  2. http://www.thrombocyte.com/low-platelet-count/
  3. https://www.pdsa.org/products-a-publications/diet-a-lifestyle-info.html
Mostra altro ... (20)

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Dieta & Stile di Vita

In altre lingue:

English: Raise Blood Platelet Level Naturally, Español: subir las plaquetas de forma natural, Deutsch: Blutplättchenanzahl natürlich erhöhen, Português: Elevar o Nível de Plaquetas no Sangue Naturalmente, 中文: 用天然的方法增加血小板数量, Français: augmenter naturellement votre numération plaquettaire, Русский: поднять уровень тромбоцитов в крови естественным способом, Bahasa Indonesia: Meningkatkan Kadar Trombosit Darah Secara Alami, Nederlands: De hoeveelheid bloedplaatjes op natuurlijke wijze vergroten, Čeština: Jak přirozeně zvýšit hladinu krevních destiček, العربية: زيادة الصفائح الدموية طبيعيًا, हिन्दी: स्वाभाविक रूप से ब्लड प्लेटलेट्स का स्तर बढायें, Tiếng Việt: Tăng Số lượng Tiểu cầu một cách Tự nhiên, 한국어: 혈소판 수치 자연적으로 증가시키는 법, ไทย: เพิ่มเกล็ดเลือดด้วยวิธีธรรมชาติ

Questa pagina è stata letta 199 351 volte.

Hai trovato utile questo articolo?