Come Applicare la Matematica e la Geometria al Basket

Guarda ciò che ti circonda, guarda l'ambiente esterno. Hai notato qualcosa? No? Forse quel qualcosa è che tutto intorno a noi ha una forma, degli angoli ed è misurabile. Sì, la Geometria e la Matematica sono ovunque, nella musica, nella tua casa, nei videogiochi, in te stesso e persino nel basket. In questo articolo parleremo di come puoi usare queste due magnifiche discipline a tuo vantaggio dentro il campo, in modo da migliorare le tue statistiche.

Passaggi

  1. 1
    Cerca di conoscere le forme geometriche del campo: devi essere a conoscenza di tutte le dimensioni che entrano a fare parte del gioco, cosicché tu possa avere una migliore cognizione spaziale. Il diametro del canestro (45 cm), la lunghezza del campo (28 m), la palla stessa (24 cm di diametro), l'ampiezza del campo (15 m), e la distanza tra la linea da tre punti e il canestro (6,75 m).
  2. 2
    Comprendi le dinamiche di tiro: quando tiri chiami in causa tre fattori: l'angolazione, la forza e la posizione delle tue braccia. Devi applicare un angolo maggiore (intendendo come angolo quello formato da una linea perpendicolare ai tuoi fianchi e dall'estensione delle tue braccia) se provi un tiro dal campo, ma uno minore quando tiri dalla lunetta dei tiri liberi. Potresti tirare più in alto quando hai dei difensori davanti a te; ti raccomando anche di tirare con un angolo di 45 gradi o maggiore, perché è utile a segnare dei canestri più puliti e a fare entrare la palla più dolcemente. Il gomito dovrebbe essere posizionato il più vicino possibile alla tua faccia, in modo da ottenere una traiettoria dritta; estendi il braccio il più possibile, così da dare maggiore forza al tiro.
  3. 3
    Riconosci la matematica nel palleggio: la palla è una semi-sfera che, secondo Newton, ha una reazione che varia a seconda della forza che applichi su di essa. Quando non è abbastanza gonfia, non rimbalza bene come quando è piena d'aria; quando non palleggi correttamente accade la stessa cosa. Devi applicare sulla palla una certa quantità di forza, a seconda che tu voglia fare un passaggio lungo con rimbalzo, che tu stia correndo o che stia dribblando; il mio consiglio è applicare una forza considerevole quando vuoi dribblare e farla rimbalzare con la mano non distante dal pavimento, in modo da avere un controllo migliore. Usa un angolo più ampio se vuoi ottenere dei passaggi più lunghi e mentre corri mantieni la palla all'altezza del fianco, in modo da non dovere rallentare.
  4. 4
    Trova qualcuno che registri le tue statistiche: dovrai sapere quanti rimbalzi, tiri, palle recuperate e contrattacchi totalizzi, in modo da potere migliorare negli ambiti in cui hai delle prestazioni scadenti. Segna i tiri tentati e quelli messi a segno; i rimbalzi offensivi e quelli difensivi; le palle recuperate in totale e i contrattacchi durante la partita; i punti che hai segnato sui secondi tentativi e l'andamento al tiro della squadra.
  5. 5
    Comprendi la parabola nei tiri: la parabola è quella curva discendente che viene tracciata da ogni tiro. Mentre tiri, potresti realizzare che più la parabola è alta, più la palla entrerà facilmente nel canestro e lo centrerà perfettamente, e che più è bassa, più sono alte le probabilità che questa colpisca il bordo; per completare l'effetto-parabola dovresti applicare il "follow through" (movimento di chiusura) con il polso, cioè dare alla palla, con la mano, un effetto all'indietro nella parte finale della traiettoria di tiro.
  6. 6
    Applica la geometria nei rimbalzi: la maggior parte delle volte in cui viene effettuato un tiro dal campo, la palla rimbalza dalla parte opposta alla zona di provenienza del tiro; la maggior parte delle volte in cui viene effettuato un tiro libero, essa rimbalza dalla stessa parte. Quando viene applicata molta forza, il rimbalzo è più forte; quando ne viene applicata poca, la palla cade nella stessa zona in cui ha colpito il bordo del canestro o il tabellone. Perciò familiarizza con le leggi che governano i rimbalzi, cosicché tu possa indovinare ogni volta dove finirà la palla.
  7. 7
    Comprendi le implicazioni difensive: ogni difesa deve sapere in che modo la geometria è parte del gioco, affinché possa recuperare più palloni, evitare di essere aggirata ed impedire all'avversario di andare a canestro. Il primo elemento da considerare è la posizione in cui affronti il tuo avversario: quando ti metti obliquamente hai un vantaggio su di lui, perché egli non può superarti facilmente, come invece farebbe se lo marcassi frontalmente, senza descrivere nessun angolo con il corpo. La stessa regola si applica all'angolazione delle gambe in posizione difensiva: più sono piegate, più sarai veloce. Infine, realizza che sei più veloce anche quando ti dai slancio con le punte dei piedi, perché il tuo contatto con il pavimento è più veloce.

Consigli

  • Ricorda che gli angoli dipendono dalla forza e dalla lunghezza di tiro di cui hai bisogno.
  • Cerca di ricordare il più possibile le correlazioni con la geometria; migliorerai sotto tutti i punti di vista.

Avvertenze

  • Cerca di giocare in maniera naturale.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Sport di Squadra | Matematica

In altre lingue:

English: Apply Math and Geometry in Basketball, Español: aplicar la geometría y las matemáticas en el baloncesto, Русский: применять математику и геометрию в баскетболе, Português: Usar a Geometria e a Matemática no Basquete

Questa pagina è stata letta 5 111 volte.

Hai trovato utile questo articolo?