Come Aprire uno Studio di Arredamento d'Interni

Se adori decorare stanze e hai un buon occhio per arredamenti, scelte cromatiche e allestimenti di qualità, potresti lavorare da casa come arredatore di interni. Non hai bisogno di una laurea o un certificato per farlo, e sono tanti gli spazi (sia residenziali, sia commerciali) che gioverebbero del tuo servizio. Leggi questo articolo per scoprire come avviare un'impresa di arredamento che ti dia soddisfazioni personali ed economiche.

Passaggi

  1. 1
    Informati il più possibile sul settore dell'arredamento di interni. Probabilmente, se questo campo lavorativo ti interessa, sai già di avere un talento innato. Continua ad allenare l'occhio analizzando stanze e interni lussuosi su libri e riviste. Impara le basi, come pianificazione degli spazi, texture, tinteggiatura, illuminazione e colore, in modo da poter parlare con i clienti con cognizione di causa.
  2. 2
    Coltiva buone capacità interpersonali. Dovrai lavorare con diverse personalità, e spesso i clienti sono difficili. Dovrai inoltre saper vendere i tuoi servizi. Lavora sulla tua autostima e sulle competenze di comunicazione interpersonale.
  3. 3
    Valuta la possibilità di iscriverti a un corso. Se da un lato non ti serve la laurea, seguire lezioni di arredamento o prendere un certificato in home staging o design d'interni ti darà credibilità, e anche l'opportunità di fare networking.
  4. 4
    Offriti volontario e sfoggia il tuo talento. Aiuta amici e familiari quando hanno in mente progetti di ridecorazione. Preparati per proporre i tuoi servizi presso organizzazioni di servizio sociale, quali associazioni che raccolgono fondi, case famiglia, orfanotrofi e così via. Offriti di decorare per eventi di raccolte fondi e feste della tua città.
  5. 5
    Approfitta del lavoro di volontariato e di quello che fai in casa per mettere a punto un portfolio. Scatta foto alle stanze da varie angolazioni e fai dei primi piani ai dettagli. Mostrale su Flickr e altri siti dedicati anche all'arredamento dilettantistico. Stampa delle copie per inserirle in un depliant.
  6. 6
    Mettiti in contatto con venditori di materiali e riforniture. Senza licenza, magari non hai la possibilità di ricevere degli sconti previsti invece per gli arredatori professionisti, ma puoi negoziare quando compri all'ingrosso oppure fai spesso acquisti in un certo punto vendita. Trova fonti poco costose per quello che ti serve; per esempio, procurati rimanenze di magazzino e prodotti di seconda mano.
  7. 7
    Pensa al tuo mercato target e alla tua specializzazione. Per esempio, potresti decidere di arredare uffici in generale, per poi specializzarti ulteriormente al fine di decorare uffici di edifici storici e antichi. Puoi mescolare organizzazione e decorazione, lavorare per allestire case di persone che le hanno messe in vendita e così via. Potresti farti assumere da un franchising, o metterti tu stesso in affari.
  8. 8
    Informati sui permessi, le licenze e l'assicurazione che ti servono. Puoi ricevere ulteriori informazioni sull'apertura di un business di arredamento rivolgendoti alla regione o al municipio. Un agente assicurativo può aiutarti a trovare una copertura che divida i tuoi beni personali da attività e passività dell'impresa.
  9. 9
    Rivolgiti a un professionista per saperne di più sulla creazione di questa impresa. Chiama un contabile o un commercialista, che ti spiegherà l'iter necessario per registrarla. Fissa un appuntamento con un avvocato affinché ti guidi nella fondazione dell'azienda.

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Business

In altre lingue:

English: Start a Decorating Business, Español: lanzar un negocio de decoración, Русский: открыть бизнес по оформлению интерьеров

Questa pagina è stata letta 3 415 volte.
Hai trovato utile questo articolo?