Scarica PDF Scarica PDF

Anche se il sanguinamento rettale o anale è un fenomeno che desta preoccupazione e disagio, di solito indica un problema di minore gravità, come una ragade o un'emorroide. Tuttavia, può anche indicare una condizione patologica di una certa rilevanza. Pertanto, consulta immediatamente il medico se non sei in grado di risalire alla causa. Se l'emissione di sangue è piuttosto grave ed è accompagnata da dolorosi crampi allo stomaco o dura da diversi giorni, può essere un segno di tumore al colon. Il medico sarà in grado di effettuare un esame all'addome per determinare la causa e la gravità della rettorragia.

Parte 1
Parte 1 di 3:
Individuare i Vari Tipi di Rettorragia

  1. 1
    Nota se ci sono tracce di sangue sulla carta igienica. Un lieve sanguinamento rettale lascia piccole gocce o tracce di sangue sulla carta igienica. Se il problema dipende dall'ano, saranno di colore rosso vivo.[1]
    • Se l'emorragia anale sopraggiunge durante un'evacuazione intestinale, può essere causata da ragadi o emorroidi. Tuttavia, può anche indicare una patologia più grave, quindi non esitare a farti visitare dal medico.
  2. 2
    Nota se ci sono tracce di sangue nell'acqua del gabinetto. Nei casi leggermente più gravi, è possibile che l'acqua del water assuma un colore rosato dopo la defecazione. Potrebbe anche cadere qualche gocciolina o grumo di sangue. Al massimo, si tratta di 5-10 ml in tutto.[2]
  3. 3
    Nota se le feci sono marroni scure o nere. L'emorragia rettale non è sempre così evidente come succede quando la carta igienica si macchia di sangue. Se proviene da una zona situata ad alcuni centimetri di profondità lungo il retto, il sangue assorbito dalla materia fecale andrà a conferirle un colore insolitamente più scuro.[3] Col termine melena si indicano le feci caratterizzate da colorito nerastro, aspetto catramoso o sanguinolento, e sono sempre motivo di preoccupazione. Se le noti, soprattutto nell'arco di uno o due giorni, consulta subito il medico.
    • Anche alcuni alimenti possono mutare il colore delle feci. Un singolo episodio non è sufficiente per dire che si tratta di rettorragia.
    • Tuttavia, se noti materia fecale nerastra o marrone scura per due o tre giorni consecutivi, è ragionevole pensare che sia dovuta a un'emorragia interna del retto o più in alto nel tratto gastrointestinale.
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 3:
Consultare il Medico

  1. 1
    Recati dal medico in caso di rettorragia. Se si verifica un'emorragia al retto, devi farti visitare in modo da individuare o escludere gravi patologie. Non aspettare se:[4]
    • Il sanguinamento rettale è accompagnato da febbre o nausea;
    • Diventi pallido e tendi a sudare durante l'emorragia;
    • Avverti forti crampi all'addome.
  2. 2
    Sottoponiti a un'esplorazione rettale. All'inizio è probabile che il medico effettui un'indagine visiva e un'esplorazione rettale. Userà un dito ricoperto da un guanto per ispezionare l'ano e il retto inferiore in cerca di traumi, emorroidi o corpi estranei.[5]
    • Potrebbe anche applicare una pressione esterna sull'addome. Con questa manovra cercherà di individuare eventuali escrescenze o potenziali tumori all'interno del corpo.
  3. 3
    Sottoponiti alle analisi del sangue o delle feci. Se l'esplorazione rettale non offre nessun risultato, il medico potrebbe prescriverti le analisi del sangue, la coprocoltura o entrambi. Il primo accertamento gli permetterà di determinare quanto sangue hai perso e se è in grado di coagularsi adeguatamente.[6] Il campione di sangue verrà prelevato e analizzato in laboratorio.
    • Anche la coprocoltura viene effettuata in laboratorio. Probabilmente dovrai attendere una settimana per avere i risultati.
  4. 4
    Sottoponiti alla colonscopia. In alcuni casi, il medico potrebbe ritenere necessaria la colonscopia per determinare la causa o la sede della rettorragia. Questa procedura prevede l'inserimento di un tubo flessibile di plastica, munito di videocamera che consente al diagnosta di avere un'immagine più chiara del retto e determinare la causa dell'emorragia.[7]
    • Al posto della colonscopia, il medico potrebbe indicarti un altro esame interno, come l'endoscopia o la sigmoidoscopia con endoscopio flessibile.
    • Se è possibile rilevare una fonte esterna di sanguinamento, come l'emorroide, non è necessaria la colonscopia.[8] Tuttavia, il medico potrebbe consigliarti un altro esame interno per escludere il rischio di tumore o altre patologie gravi.
    • Se hai almeno 40 anni, ti raccomanderà una colonscopia per escludere la possibilità di un tumore del colon all'origine della rettorragia.
  5. 5
    Prendi i farmaci prescritti seguendo le indicazioni. Il medico potrebbe prescrivere vari farmaci, a seconda della causa dell'emorragia, tra cui un lassativo emolliente, un antidolorifico, un integratore di ferro per aumentare la produzione di sangue e un vasocostrittore per arrestarne la fuoriuscita.[9]
    • Se soffri di emorroidi, potrebbe anche consigliarti un'apposita pomata o una crema steroidea per ridurre l'infiammazione anale.
    Pubblicità

Parte 3
Parte 3 di 3:
Arrestare e Prevenire la Rettorragia

  1. 1
    Aumenta il consumo di fibre. Una dieta ricca di fibre può essere una soluzione a lungo termine per gli episodi occasionali di emorragia rettale. Le ragadi anali sono spesso causate da stitichezza o sforzi eccessivi durante la defecazione. Nell'uno e nell'altro caso, aggiungi più fibre nella tua alimentazione per favorire l'espulsione della materia fecale.[10] Tra i cibi ricchi di fibre considera:[11]
    • Legumi, tra cui lenticchie, piselli spezzati e ceci;
    • Frutta, tra cui pere e mele, con tutta la buccia;
    • Dolci, pane e pasta prodotti con farina integrale.
  2. 2
    Bevi una quantità sufficiente di acqua per mantenerti idratato. Quando il corpo si disidrata, produce feci più dure e difficili da espellere. Le ragadi anali e la rettorragia in forma lieve sono conseguenze ricorrenti. Evitale bevendo acqua in modo da ammorbidire le feci e non procurarti emorroidi o lesioni al retto.[12]
    • In media, le donne in età adulta dovrebbero consumare circa 2,5 l di acqua e altri liquidi al giorno, mentre gli uomini circa 3,5 l al giorno.[13]
  3. 3
    Tieni conto che una piccola perdita di sangue dovuta a ragadi o emorroidi si ferma da sola. Nella maggior parte dei casi di rettorragia associata a ragadi anali, la fuoriuscita di sangue si arresta spontaneamente una volta terminata l'evacuazione. Se hai consultato il medico e sai che il sanguinamento dipende da un una ragade o un'emorroide, aspetta che si fermi o tampona leggermente l'ano con la carta igienica per bloccare la perdita di sangue.[14]
  4. 4
    Applica una pomata da banco. Se l'emorragia dovuta a un'emorroide o una ragade dura più di due o tre giorni, recati in farmacia per acquistare un unguento a base di idrocortisone o una pomata per le emorroidi. Diminuirà il fastidio o il dolore, aiutando la ferita o l'ulcerazione a smettere di sanguinare e rimarginarsi.[15]
    • Consulta il medico prima di applicare una crema medicata. Sebbene la maggior parte di questi prodotti siano delicati e sicuri, sarà in grado di consigliarti la marca migliore da usare.
    • Potrebbe anche scriverti una pomata più forte, se necessario.
    Pubblicità

Consigli

  • La rettorragia può essere un primo sintomo di tumore del colon. Tuttavia, questa possibilità si verifica nell'1-2% dei casi. Il medico saprà dirti se sei un soggetto a rischio.[16]
  • Il termine "rettorragia" indica qualsiasi emissione di sangue dall'ano e che ha sede nella parte inferiore del colon.[17]
Pubblicità

wikiHow Correlati

Far Scrocchiare la Parte Bassa della Schiena
Trattenere la PipìTrattenere la Pipì
Scrocchiarsi la Schiena AltaScrocchiarsi la Schiena Alta
Rallentare il tuo Battito Cardiaco
Controllare i LinfonodiControllare i Linfonodi
Riconoscere i Sintomi dell'HIVRiconoscere i Sintomi dell'HIV
Rimuovere una Cisti SebaceaRimuovere una Cisti Sebacea
Riconoscere i Sintomi della LeucemiaRiconoscere i Sintomi della Leucemia
Liberarsi di un'Unghia IncarnitaLiberarsi di un'Unghia Incarnita
Curare un Dito Insaccato
Liberarsi Velocemente delle EmorroidiLiberarsi Velocemente delle Emorroidi
Camminare con una StampellaCamminare con una Stampella
Trattare il Mal di Gola dopo aver VomitatoTrattare il Mal di Gola dopo aver Vomitato
Gestire la Chinetosi sulle GiostreGestire la Chinetosi sulle Giostre
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Dale Prokupek, MD
Co-redatto da:
Internista e Gastroenterologo Iscritto all'Albo
Questo articolo è stato co-redatto da Dale Prokupek, MD. Il Dottor Dale Prokupek è un internista e gastroenterologo iscritto all'albo che gestisce uno studio privato a Los Angeles. Lavora anche nello staff del Cedars-Sinai Medical Center e come professore clinico associato di medicina presso la Geffen School of Medicine della University of California, Los Angeles (UCLA). Ha oltre 25 anni di esperienza medica ed è specializzato nella diagnosi e nel trattamento di malattie del fegato, dello stomaco e del colon, tra cui epatite cronica C, cancro al colon, emorroidi, condiloma anale e patologie digestive associate all'immunodeficienza cronica. Ha conseguito una laurea in Zoologia presso l'Università del Wisconsin - Madison e si è poi laureato in Medicina al Medical College of Wisconsin. Si è specializzato in medicina interna presso il Cedars-Sinai Medical Center e ha conseguito una fellowship in gastroenterologia presso la UCLA Geffen School of Medicine. Questo articolo è stato visualizzato 12 544 volte
Questa pagina è stata letta 12 544 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità