Gli esseri umani trasmettono dispiacere attraverso diverse manifestazioni facciali. In ogni caso, non tutte le espressioni accigliate sono uguali – alcune mostrano rabbia, altre tristezza, altre ancora confusione o frustrazione. Che tu abbia difficoltà ad aggrottare le sopracciglia o credi che la tua espressione accigliata sia buffa, segui questi passaggi per migliorare la tua mimica facciale.

Parte 1 di 2:
Assumere Espressioni Accigliate

Espressioni Arrabbiate

  1. 1
    Curva le labbra verso il basso. Quasi tutti associano la bocca ricurva verso il basso a un'espressione facciale che esprime disappunto o fastidio. Per assumerla, tieni serrate le labbra e muovi indietro e in basso gli angoli della bocca usando i muscoli frontali delle guance. Evita di tirare troppo i muscoli, però, o assumerai un'espressione bizzarra, simile a quella delle rane. Questo movimento muscolare è difficile da isolare, ma, fortunatamente, è molto più facile da eseguire in congiunzione con gli altri movimenti facciali necessari ad assumere un'espressione accigliata.
    • Questa espressione che ricorda un “sorriso al contrario” è così emblematica che viene spesso utilizzata da sola per simbolizzare le espressioni accigliate (per esempio, nel caso di emoticon come “:(”, che usano solo gli occhi e la bocca per comunicare dispiacere).
  2. 2
    Aggrotta le sopracciglia. Contrai i muscoli della fronte per aggrottare le sopracciglia. Questa espressione, combinata con la bocca ricurva, dovrebbe far apparire naturalmente gli occhi leggermente socchiusi sotto le sopracciglia aggrottate. Se hai problemi con questa espressione, prova a flettere i muscoli delle sopracciglia allo specchio, contraendoli e distendendoli.
    • Ciò è piuttosto importante per distinguerla dalle espressioni tristi, molto simili. Senza sopracciglia aggrottate, la bocca ricurva ti farà sembrare triste. Assicurati dunque di aggrottare bene le sopracciglia per mostrare chiaramente le tue emozioni.
  3. 3
    Alza leggermente il labbro superiore. Mentre aggrotti le sopracciglia, prova ad alzare leggermente il labbro superiore. Fai in modo però che le labbra rimangano serrate. Questa mossa ha un effetto discreto, ma notevole, perché infatti intensifica l'espressione. Non alzare il labbro tanto da esporre i denti – o sembrerai disgustato o confuso.
    • Per assumere un'espressione stizzita, esagera il movimento del labbro. Alternativamente, potresti anche alzare il labbro superiore tanto da esporre i denti. Questa espressione è utile per esprimere una combinazione di rabbia e disgusto, e funziona meglio se usata in congiunzione con un comportamento arrogante.
  4. 4
    Porta leggermente in avanti il labbro inferiore. Mentre muovi il labbro superiore, spingi leggermente in fuori il labbro inferiore, ma fai attenzione a non esagerare. Il segreto è farlo con delicatezza – il cambio di posizione dovrebbe essere molto, molto discreto. Attento a non estendere troppo il labbro inferiore, o assumerai un'espressione talmente bizzarra da rendere molto difficile agli astanti trattarti seriamente.
  5. 5
    Fissa intensamente l'oggetto della tua arrabbiatura. Come per tutte le espressioni facciali, l'emozione che vuoi trasmettere si concentra negli occhi. Se sei davvero arrabbiato, dimostralo fissando intensamente l'altra persona con uno sguardo infuocato. Socchiudi un po' gli occhi alzando le guance. Inclina la testa leggermente in avanti. Tutte queste azioni messe insieme avranno l'effetto di donarti un'espressione molto impetuosa e intensa.
  6. 6
    Per arrabbiature estreme, spalanca gli occhi e allarga le narici. A volte, le espressioni arrabbiate più comuni non sono sufficienti a trasmettere l'ira e il rancore che hai dentro. Per incutere veramente timore, spalanca gli occhi facendo notare la sclera e allarga le narici; nel frattempo, segui il resto dei passaggi illustrati poc'anzi – aggrotta le sopracciglia, curva la bocca verso il basso e così via.
    • Per rendere ancora più rabbiosa la tua espressione, puoi anche indurire i muscoli facciali e del collo. Tendi i muscoli del collo per rendere visibili i tendini, mentre allo stesso tempo aggrotti le sopracciglia e pieghi la bocca verso il basso con una maggiore intensità. Questa espressione “tesa” comunica una sensazione di rabbia viscerale.
    Pubblicità

Espressioni Tristi

  1. 1
    Curva la bocca verso il basso. La forma che assume la bocca per esprimere tristezza o rabbia è molto simile – porta verso il basso gli angoli, tendendo i muscoli della bocca e delle guance.
    • Normalmente, quando assumiamo un'espressione triste, serriamo le labbra. Per esprimere tristezza estrema, possiamo però disunirle, in un'espressione simile a quella che assumiamo quando ci manca l'aria. Se apri la bocca per piangere, dovrebbe assumere una forma leggermente squadrata.
  2. 2
    Alza le sopracciglia. Proprio come quella arrabbiata, l'espressione triste richiede anch'essa l'utilizzo dei muscoli della fronte e delle sopracciglia. A ogni modo, l'uso dei muscoli questa volta differisce leggermente. Piuttosto che aggrottare le sopracciglia e la porzione di fronte immediatamente superiore, dovrai usare invece i muscoli della fronte per sollevare gli angoli interni delle sopracciglia. Ciò dovrebbe farti sembrare disperato, giù di morale o distrutto – in altre parole, triste.
    • Questa è un'espressione facciale abbastanza difficile da ricreare artificialmente. Se hai difficoltà nel farla, prova a sollevare verso l'alto l'area della pelle che si trova tra le sopracciglia tendendo i muscoli della fronte.
  3. 3
    Assumi un aspetto vulnerabile usando gli occhi. Le espressioni tristi rappresentano uno sfogo di emozioni dolorose. Per renderle autentiche, prova a incanalare questo dolore nello sguardo, assumendo un'espressione vulnerabile. Cala leggermente le palpebre, ma non chiuderle, altrimenti sembrerai addormentato. Mentre fai ciò, prova ad assumere un aspetto malinconico.
    • In linea di massima, quando esprimi rabbia, gli occhi dovrebbero avere un aspetto serrato e concentrato, mentre, quando esprimi tristezza, dovrebbero essere più aperti e meno tesi.
  4. 4
    Abbassa lo sguardo. Accompagna le manifestazioni di tristezza con cambiamenti che coinvolgono il linguaggio del corpo. L'espressione di scoraggiamento che stai tentando di assumere sarà quindi più efficace. Per esempio, cala leggermente le palpebre come se fossi stanco, e guarda il pavimento o di lato, non dritto di fronte a te. In questo modo, sembrerai cupo e affranto, come se la tristezza fosse così insopportabile da non poterla affrontare direttamente.
    • Potresti inoltre provare a piegare le spalle in avanti. Passando dalla normale posizione eretta a una ingobbita, in effetti sembrerà che la tua tristezza ti impedisca di comportarti come sempre.
  5. 5
    In casi estremi, comincia a piangere. Per un buon attore, è possibile manifestare una forte rabbia muovendo i muscoli facciali nel modo giusto, ma è più difficile ricreare una profonda tristezza senza ricorrere alle lacrime. Qualsiasi espressione triste sembrerà più convincente se viene accompagnata dalle lacrime. Il pianto è molto difficile da imitare, dunque, tutto sommato, se non ne sei capace, riuscirai a sembrare più convincente senza piangere.
    • Piangere a comando è un'abilità descritta in numerose guide online. Se vuoi più informazioni al riguardo, potresti provare a leggere questo articolo.
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Assumere un'Espressione Convincente

  1. 1
    Osserva (o immagina) qualcosa di spiacevole. È più facile ricreare un'espressione dispiaciuta se ne hai motivo. Coinvolgere emozioni genuine quasi sempre ti farà sembrare più convincente. Dunque, alimenta sensazioni negative esponendoti a qualcosa che odi. Puoi anche limitarti a pensare a una cosa che detesti senza averla davanti, se non vuoi affrontarla direttamente. Prova a pensare alla tua ex, che ti ha lasciato per un altro, al saggio su cui hai lavorato per mesi e che hai accidentalmente cancellato dal computer, o qualcosa di simile: deve provocare rabbia o tristezza.
    • Per esempio, se odi quando i tuoi coinquilini ti lasciano i piatti sporchi da lavare, potresti alimentare la tua rabbia andando in cucina e osservando il lavandino; oppure, ti basta immaginare una scena del genere.
  2. 2
    Allenati. Per riuscire a simulare spontaneamente queste espressioni, dovrai esercitarti. Otterrai buoni risultati solo se dedicherai abbastanza tempo alle prove. Preferibilmente, dovresti allenarti di fronte allo specchio, ma, a ogni modo, se sai già come assumere queste espressioni e stai cercando solo di sviluppare memoria muscolare, puoi farlo anche senza.
    • Gli attori professionisti dedicano molto tempo ed energia nel tentativo di rifinire le proprie espressioni facciali e dare un tocco di realismo in più alle proprie performance. Alcuni corsi di recitazione comprendono esercizi specifici per migliorare la capacità di assumere varie espressioni facciali a comando, inclusi l'aggrottamento delle ciglia e le manifestazioni tristi.
  3. 3
    Impara dai migliori. Alcune persone famose sono rinomate per l'abilità e la frequenza con cui modificano la mimica facciale. Studia i più bravi per farti un'idea dei particolari che distinguono una manifestazione da un'altra. Ecco alcuni nomi di personaggi noti per le loro espressioni:
    • Robert De Niro.
    • Barack Obama.
    • Grace Van Cutsem.
    • Clint Eastwood.
    • Winston Churchill.
    • Samuel L. Jackson.
    Pubblicità

Consigli

  • Tipicamente, nella società, è più accettabile che siano le persone dallo status più elevato e importante ad assumere queste espressioni, non coloro che occupano posizioni sociali inferiori. Per esempio, se un politico ricco e potente non è contento del cibo che gli è stato servito al ristorante, è più concepibile che sia lui ad assumere un'espressione aggrottata, non la cameriera.

Pubblicità

Avvertenze

  • Esercitati allo specchio prima di provare nuove espressioni in pubblico per assicurarti di non sembrare ridicolo.
  • Non fare queste brutte espressioni troppo spesso – il tuo viso potrebbe rimanere così!
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 25 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 5 286 volte
In altre lingue
Questa pagina è stata letta 5 286 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità