Come Attirare le Rane

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow | 29 Riferimenti

In questo Articolo:Fornire alle Rane l'Essenziale per VivereCostruire uno StagnoEliminare i Rischi per la Colonia di RaneAttirare le Rane Arboree

La popolazione delle rane è stata duramente colpita dai cambiamenti ambientali e il loro habitat è stato ampiamente inquinato o sfruttato dall'uomo. Questi anfibi non sono solo indispensabili per garantire la salute degli ecosistemi, ma mantengono sotto controllo le popolazioni degli infestanti, poiché mangiano insetti come zanzare, cavallette, falene, bruchi, scarafaggi, blatte, lumache, lumaconi e mosche. Contribuisci a proteggere la popolazione locale di rane migliorando contemporaneamente il giardino e creando uno spazio sicuro e allettante per questi animali; tutto quello che devi fare è garantire loro un rifugio, cibo, umidità e un posto in cui riprodursi.[1]

1
Fornire alle Rane l'Essenziale per Vivere

  1. 1
    Metti a disposizione una fonte d'acqua poco profonda e ferma. Le rane bevono e respirano attraverso la pelle che deve essere costantemente umida per consentire al loro organismo di svolgere le normali attività fisiologiche; di conseguenza, l'elemento essenziale per attirarle è uno specchio d'acqua accessibile che sia al riparo dalla luce solare diretta.[2]
    • Se non hai uno stagno o un elemento analogo integrato nel giardino, basta posizionare alcuni piatti ampi e poco profondi pieni d'acqua in una zona ombreggiata della tua proprietà; assicurati di pulire i recipienti e di cambiare l'acqua ogni settimana per evitare che ristagni.[3]
    • Puoi anche provare a interrare una piccola piscina di plastica per creare uno stagno improvvisato.
    • Le rane depongono le uova nell'acqua; in teoria, lo stagno dovrebbe essere abbastanza ampio da accogliere gli esemplari adulti e i piccoli.
  2. 2
    Offri un rifugio umido e all'ombra. Le rane sono di solito più attive durante la notte perché l'esposizione ai raggi solari potrebbe disidratarle. Realizza un semplice riparo che offra loro uno spazio sicuro, simile a una caverna, per riposare in pace durante il giorno; accertati che sia lontano dai raggi solari e dai predatori.[4]
    • Puoi utilizzare un semplice vaso di ceramica capovolto e sollevato un po' con alcuni sassi. Disponilo in un punto vicino all'acqua e accertati che ci sia abbastanza spazio fra il bordo e la terra per permettere agli animali di entrare e uscire senza difficoltà.
  3. 3
    Coltiva delle piante che attraggono gli insetti. Se vuoi che le rane si stabiliscano nel giardino o nel cortile di casa, devi fornire loro il cibo giusto. Il modo migliore per farlo è coltivare una serie di piante stagionali fiorite e che a loro volta attirano gli insetti per tutto l'anno.[5]
    • Cerca di avere delle specie che fioriscono in primavera, estate e autunno; così facendo, gli insetti che si nutrono di nettare svolazzeranno nel giardino.
  4. 4
    Tieni un cumulo del compost e applica il pacciame sulle aiuole. Gli insetti che sono prede delle rane sono attratti da questi materiali; inoltre, il compost e il pacciame creano un habitat umido in cui gli anfibi amano vivere.[6]
    • Non togliere le foglie da alcune aree del giardino perché rappresentano un riparo perfetto per le rane e alcune delle loro prede preferiscono vivere tra il materiale vegetale.[7]

2
Costruire uno Stagno

  1. 1
    Scegli un buon sito. Dovrebbe essere un angolo parzialmente ombreggiato della proprietà. Gli stagni hanno bisogno di un po' di luce solare diretta per diventare un ambiente sano; tuttavia, gli anfibi preferiscono un habitat all'ombra per riprodursi e ripararsi dai raggi.[8]
  2. 2
    Scava una buca poco profonda. Lo stagno per le rane può essere ampio quanto vuoi ma non più profondo di 30 cm; assicurati che gli argini non siano troppo ripidi o profondi, in modo che gli animali possano entrare e uscire dall'acqua senza difficoltà. Togli le radici, i rami o le pietre che possono rovinare il rivestimento del fondale.[9]
    • Le rane prosperano in acque ferme, superficiali e, sorprendentemente, possono affogare negli stagni profondi.
    • Se non hai provveduto a creare una pendenza dolce lungo i bordi dello stagno, fornisci qualche tipo di rampa; questi animali hanno bisogno di una via poco ripida, come una pietra piatta, per uscire agilmente dall'acqua.[10]
    • Se desideri che lo specchio d'acqua abbia una forma precisa, definiscine il perimetro con una corda prima di iniziare gli scavi.
    • Se stai scavando nel prato, conserva le zolle per stabilizzare la riva dello stagno.
  3. 3
    Rivesti la buca. Per evitare che l'acqua venga assorbita dalla terra, devi posare un isolante di gomma o plastica e, per proteggere quest'ultimo nel lungo periodo, dovresti inserire un'imbottitura sotto di esso.[11]
    • Il modo più semplice per procedere è acquistare un telo isolante (flessibile o rigido) per stagni o piscine, ma va bene qualsiasi prodotto analogo, spesso e robusto.
    • Accertati che il rivestimento sia abbastanza grande da coprire l'intera superficie dello stagno e altri 60 cm lungo tutto il perimetro.
    • Lo stagno può anche essere rivestito con il cemento, ma devi trattarlo in modo che la calce non si sciolga in acqua.
  4. 4
    Stabilizza la riva dello stagno. Zavorra il telo di plastica lungo i bordi con dei sassi disposti gli uni vicini agli altri e/o con un anello di zolle che hai conservato dallo scavo; in ogni caso, accertati che gli argini siano rivestiti da uno strato pesante che tenga fermo il telo.[12]
    • Una volta messo in sicurezza il perimetro, poi tagliare via il rivestimento in eccesso.
  5. 5
    Riempi lo stagno di acqua. In teoria, dovresti lasciare che quella piovana si accumuli nella buca invece di utilizzare l'acqua di rubinetto o del tubo da giardino; puoi accelerare il processo raccogliendo la pioggia in diversi secchi e versarla poi nello stagno.[13]
  6. 6
    Aggiungi una secchiata d'acqua di uno stagno naturale. Se te ne procuri un po' di quella di un acquitrino della zona, introduci milioni di microrganismi che possono dare avvio all'ecosistema di quello artificiale; arricchiscono lo stagno di ossigeno rendendolo più vivibile e gradevole per le rane autoctone della tua regione.[14]
    • Puoi anche inserire alcune piante acquatiche locali per attirare gli anfibi, avendo però cura che la vegetazione non prenda il sopravvento, impedendo la vita della fauna selvatica.
  7. 7
    Fornisci un riparo. Almeno un lato dello stagno deve essere ricco di vegetazione e fogliame rigoglioso originari della zona. Interra delle piante erbacee e sempreverdi lungo la riva dello specchio d'acqua per garantire ombra, umidità e protezione alle rane.[15]
    • Se stai cercando di attirare le specie locali, devi limitarti alle sole piante autoctone; opta per una selezione di erbe locali, piante cespugliose (come felci e gigli) e quelle che crescono a tappeto come i rampicanti e gli arbusti.
  8. 8
    Aspetta che le rane colonizzino il giardino. Ricorda che potrebbero essere necessari un paio d'anni prima che gli anfibi popolino lo stagno, anche se hai creato un ambiente favorevole.[16]
    • Se questa fase è più lunga di quanto vorresti, prova a inserire dei girini durante la primavera, ma assicurati che si tratti di una specie nativa della zona.

3
Eliminare i Rischi per la Colonia di Rane

  1. 1
    Non usare i prodotti chimici. Le rane sono particolarmente suscettibili all'avvelenamento da pesticidi, diserbanti, fertilizzanti artificiali e altri comuni prodotti chimici per il giardinaggio perché si idratano e respirano attraverso la pelle porosa. Se vuoi attirare una popolazione sana di anfibi, inizia a prenderti cura della proprietà con metodi biologici.[17]
    • Invece di usare i fertilizzanti commerciali, favorisci la crescita delle piante scegliendo dei terricci ricchi di nutrienti e adatti a ciascuna specie vegetale, ruota le coltivazioni per non impoverire il terreno e usa solamente fertilizzante organico quando è necessario.
    • Ricorda che una volta attirate le rane, non dovresti aver bisogno di alcun pesticida chimico, perché questi animali mangiano più di 10000 insetti in una stagione.
  2. 2
    Allontana le specie invasive. Il tuo obiettivo è attirare il tipo giusto di rane; quelle non autoctone competono con quelle locali per il cibo e il riparo, arrivando in certi casi anche a mangiarle. Inoltre, sono in genere difficili da tenere sotto controllo perché non hanno predatori naturali.[18]
    • Riconosci le specie presenti nella proprietà per accertarti che non siano invasive; puoi fare una ricerca online e visualizzare le immagini da utilizzare come riferimento.[19]
    • Se trovi degli esemplari che sono pericolosi per l'habitat locale, contatta l'ASL di competenza o l'ufficio preposto agli affari ambientali del tuo Comune per avere consigli e organizzare un recupero in sicurezza.
  3. 3
    Mantieni corta l'erba del prato. Le rane amano nascondersi nell'erba alta e sono spesso vittime dei tosaerba; assicurati di poter vedere ogni anfibio isolato che si trova sul tuo cammino tenendo il prato e il giardino ben curati.[20]
  4. 4
    Scongela l'acqua quando necessario. La maggior parte degli esemplari maschi va in letargo durante i mesi freddi. Un sottile strato di ghiaccio non dovrebbe causare loro alcun problema, ma se lo stagno è completamente ghiacciato, gli animali non sopravvivono. Proteggi tutti gli anfibi dormienti mettendo un tegame di acqua molto calda sopra lo strato di ghiaccio ispessito.[21]
  5. 5
    Evita le piante tossiche per le rane. Molti fiori e vegetali sono velenosi per questi animali, che devi proteggere evitando di coltivare tali specie oppure piantandole in un punto del giardino molto distante rispetto allo stagno.[22]
    • Le verdure pericolose sono: melanzane, rabarbaro, patate e taccole.
    • I fiori tossici sono: madreselva, azalea, ortensia, narciso e giacinto.

4
Attirare le Rane Arboree

  1. 1
    Tieni accesa una luce esterna durante la notte. Queste rane amano mangiare le falene e gli insetti che sono attirati dalle fonti di luce. Mantieni una lampada accesa in giardino durante una parte o tutta la notte per creare un "ristorante" irresistibile per gli anfibi.[23]
  2. 2
    Non tagliare gli alberi. Per offrire alle rane un habitat naturale evita di potare i cespugli e i rami degli alberi che si trovano in prossimità dell'acqua o delle fonti di cibo; la vegetazione rigogliosa fornisce loro riparo e anche un buon terreno di caccia.[24]
  3. 3
    Realizza un rifugio sollevato da terra per le rane arboree. Questi anfibi non si stabiliscono al suolo, devi quindi dare loro una casa alternativa un po' elevata. Prendi un segmento lungo 1,5 m di tubo in PVC, piantalo nel terreno in modo che ne resti esposta circa la metà.[25]
    • Posiziona il tubo a circa 30 cm dalla base di un albero che si trova a sua volta vicino allo stagno.
    • L'acqua potrebbe raccogliersi sul fondo del condotto ma dovrebbe essere assorbita dalla terra prima che diventi pericolosamente profonda.
    • I tubi in PVC sono disponibili in ogni ferramenta.
  4. 4
    Appendi dei rifugi sull'albero. Taglia un normale tubo in PVC in segmenti lunghi circa 60 cm; metti un tappo all'estremità inferiore del segmento e pratica un foro a circa 8-10 cm da questa, in modo che l'acqua possa accumularsi un po', ma anche defluire quando è in eccesso.[26]
    • Esegui altri due buchi nella parte superiore di un lato di ciascun tubo; fai passare una lenza da pesca robusta e appendi il rifugio all'albero.
    • Se possibile, scegli una pianta in prossimità di una fonte d'acqua, poiché è più probabile che le rane si radunino in questa zona.
    • Appendi i tubi a un'altezza che puoi raggiungere con facilità; togli i tappi almeno una volta al mese per evitare che l'acqua ristagni sul fondo.

Consigli

  • Gli insegnanti di scienze si ritrovano spesso a fine anno scolastico con dei girini in più a cui trovare una casa; puoi chiedere loro di darteli.
  • Le rane vanno in letargo durante l'inverno; non preoccuparti se le vedi dormire sul fondo dello stagno durante i mesi freddi, è un comportamento del tutto normale.

Avvertenze

  • La rete di nylon usata per proteggere le piante del giardino dovrebbe avere delle maglie grandi almeno 4 cm ed essere ben tesa, altrimenti le rane possono restarvi intrappolate e morire.
  • Non mettere una fontanella nello stagno; le uova e i girini potrebbero restare intrappolati nella pompa.[27]
  • I pesci mangiano le uova di rana e competono con gli esemplari adulti per il cibo; non metterli nello stagno in cui vuoi attirare gli anfibi.[28]
  • Non trasferire mai forzatamente le rane dal loro habitat naturale al tuo giardino; è molto probabile che non sopravvivano e potrebbero diffondere malattie pericolose per la fauna locale.[29]

Riferimenti

  1. http://www.nwf.org/garden-for-wildlife/wildlife/attracting-amphibians.aspx
  2. http://www.ecolivingadvice.com/attracting-frogs-to-your-garden/
  3. http://growagoodlife.com/frogs-and-toads/
  4. http://growagoodlife.com/frogs-and-toads/
  5. http://www.ecolivingadvice.com/attracting-frogs-to-your-garden/
  6. http://frogsaregreen.org/enhancing-your-eco-friendly-garden-to-attract-frogs-and-toads/
  7. http://www.floraforfauna.com.au/downloads/attracting_frogs.pdf
  8. http://www.nwf.org/Garden-For-Wildlife/Water/Backyard-Ponds.aspx
  9. http://freshwaterhabitats.org.uk/habitats/pond/create-pond/make-garden-pond/
Mostra altro ... (20)

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Categorie: Animali

In altre lingue:

English: Attract Frogs, Español: atraer ranas, Português: Atrair Rãs, Русский: привлечь лягушек

Questa pagina è stata letta 1 687 volte.
Hai trovato utile questo articolo?