Avere delle gengive rosa significa avere gengive sane. Se vuoi ottenere delle sane gengive rosa, devi prendertene cura come fai per i capelli o per la pelle. Questo articolo ti indicherà come riuscirci grazie a una normale routine di igiene dentale.

Parte 1 di 4:
Spazzolare i Denti

  1. 1
    Scegli il dentifricio giusto. Potresti essere tentato di sottovalutare l'importanza del dentifricio ma, se vuoi migliorare la salute delle gengive, devi scegliere un dentifricio specifico per questo scopo. Spendi un po' di più e acquista un dentifricio appositamente formulato per la salute gengivale.
  2. 2
    Usa uno spazzolino di qualità. Scegli sempre uno spazzolino che riporti sulla confezione il logo dell'approvazione da parte dell'Associazione Dentisti Italiani. Il mercato offre un'ampia scelta di spazzolini. Ne desideri uno a setole morbide o dure? Un modello manuale o elettrico?
    • Scegline uno che abbia una dimensione adeguata e che non sia troppo difficile da muovere in bocca.
    • Evita i modelli a setole dure, perché possono danneggiare le gengive. Quelli a setole medie o morbide sono sicuramente da preferire.
    • Cerca uno spazzolino con le punte arrotondate.
    • Gli studi hanno riscontrato che l'unico spazzolino elettrico migliore di uno standard manuale è quello "oscillante-rotante", perché le setole si muovono in senso circolare e nello stesso tempo oscillano "avanti e indietro".
  3. 3
    Spazzola i denti in modo appropriato.[1] Potresti tendere a pensare che basta semplicemente passare lo spazzolino su tutti i denti, ma in effetti esiste la maniera giusta per farlo.
    • Tieni lo spazzolino inclinato di 45° rispetto alla gengiva;
    • La spazzolata dovrebbe ricoprire all'incirca la lunghezza di ogni dente;
    • Fai dei movimenti circolari per pulire la superficie esterna dei molari;
    • Spazzola delicatamente, ma con fermezza;
    • Pulisci le superfici interne dei denti con un movimento verticale;
    • Ricorda di spazzolare anche la superficie della lingua.
  4. 4
    Spazzola i denti prima dei pasti, almeno due volte al giorno. Sebbene la consuetudine indichi che è necessario lavarsi i denti dopo i pasti per rimuovere le particelle di cibo, i dentisti suggeriscono di lavarli prima, in quanto il loro scopo principale è di rimuovere la placca, non togliere il cibo. Spazzolarli prima dei pasti effettivamente evita di distribuire gli acidi generati dal cibo su denti e gengive che potrebbero quindi danneggiarsi.
    • Anche se ti abitui a spazzolare i denti prima dei pasti, farlo prima di andare a letto è ancora essenziale.
    • Anche se due volte è il minimo indispensabile, per una salute orale ottimale sarebbe ancora meglio riuscire a lavarli tre volte al giorno.
  5. 5
    Spazzola i denti per almeno due minuti. La maggior parte delle persone non li lava per il tempo necessario a proteggerli e garantire una corretta igiene orale. Dividi la bocca in quattro quadranti: in alto a sinistra, in alto a destra, in basso a sinistra e in basso a destra. Spazzola ogni sezione per almeno 30 secondi, per essere certo di pulirli abbastanza a fondo; tratta tutte e quattro le zone.
    • Assicurati di spazzolare la superficie di ogni dente per almeno una decina di volte.
  6. 6
    Non spazzolarli troppo spesso o troppo energicamente. Lavare i denti regolarmente più di tre volte al giorno o applicare troppa pressione quando li spazzoli può davvero danneggiare le gengive e i denti. I dentisti la definiscono "abrasione da spazzolamento" e può provocare sia la retrazione delle gengive sia il deterioramento dello smalto, con conseguente sensibilità dentale.
    • La causa principale è lo spazzolare rapidamente avanti e indietro premendo troppo.
    • Se stai usando uno spazzolino elettrico, lascia che faccia lui tutto il lavoro. Non aggiungere ulteriore pressione.
  7. 7
    Sostituisci regolarmente lo spazzolino. Le setole si usurano e diventano meno efficaci, con il tempo. Inoltre, lo spazzolino tende ad accumulare tutti i tipi di batteri presenti nella bocca, quindi è necessario sostituirlo di tanto in tanto. I dentisti consigliano di cambiarlo ogni 3-4 mesi o quando le setole cominciano ad allargarsi.[2]
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Usare il Filo Interdentale

  1. 1
    Usa qualsiasi tipo di filo interdentale. Puoi trovare una vasta gamma di modelli nel reparto igiene orale del supermercato o in farmacia, da quelli in nylon a quelli mono-filamento, da quelli insapori fino ai fili aromatizzati alla menta. Non c'è una differenza sostanziale tra i diversi tipi, puoi usare quello con cui ti trovi meglio. La cosa più importante, che va ben oltre il modello di filo che scegli, è quella di usarlo regolarmente.
  2. 2
    Fanne uso almeno una volta al giorno. Pulire i denti con il filo interdentale può essere scomodo e talvolta un po' disgustoso, ma i dentisti lo raccomandano per una ragione importante. Alcuni affermano che sia ancora più importante dello spazzolino per mantenere denti e gengive sani.[3]
    • Sebbene spazzolare troppo i denti possa essere dannoso per le gengive, usare troppo il filo interdentale non causa alcun danno.[4]
    • Usare il filo interdentale previene inoltre la formazione di macchie tra i denti. Rimuoverle è difficile anche per il dentista.
    • Non importa quando lo usi, se è giorno o sera, se prima o dopo i pasti. L'importante è fare in modo di usarlo almeno una volta al giorno.[5]
  3. 3
    Usa la tecnica corretta. Anche in questo caso, è importante usare il filo nella maniera giusta per ottenere i migliori risultati.
    • Prendi circa 45 cm di filo e fissalo alle dita avvolgendolo intorno al medio di ogni mano.
    • Assicurati che non blocchi la circolazione del sangue nelle dita. Scioglilo e riavvolgilo, se necessario, durante tutto il processo di pulizia.
    • Afferra il filo tra il pollice e l'indice per tenerlo saldo.
    • Segui un movimento di taglio per farlo scorrere tra i denti, lungo tutto lo spazio fino alla gengiva.
    • Non farlo scattare in modo troppo rude contro le gengive, potrebbe essere doloroso e con il tempo causare danni.
    • Piega il filo dandogli una forma a "C" lungo il lato del dente.
    • Delicatamente e lentamente spostalo con un movimento verticale per la lunghezza del dente.
    • Passa il filo tra ogni singolo spazio interdentale, anche tra quelli difficili da raggiungere nella parte posteriore della bocca.
    • Fallo scorrere su entrambi i lati di ogni dente.
  4. 4
    Usa il filo anche se vedi un po' di sanguinamento. Se non lo usi regolarmente è molto probabile notare un po' di sangue sul filo, quando inizi la pulizia. Non prenderlo però come un pretesto per smettere di usarlo! Le gengive sanguinano proprio perché non lo usi costantemente! Continuando ogni giorno questa pulizia accurata, vedrai che con il tempo il sanguinamento si interromperà e la salute delle gengive migliorerà senza più provare dolore.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Usare il Collutorio

  1. 1
    Acquista quello giusto. Il collutorio è un prodotto importante perché rafforza il lavoro svolto dallo spazzolino e dal filo interdentale ed è efficace dove questi non arrivano. Il collutorio agisce nel resto della bocca: le guance, la lingua e le altre superfici esposte che richiedono altrettanta pulizia per assicurare la salute del cavo orale. Come per il dentifricio, scegli un prodotto che riporti sull'etichetta che è approvato dall'Associazione Dentisti Italiani.
    • Il collutorio può essere visto come un disinfettante orale che elimina una grande percentuale di batteri e placca causa di carie o qualsiasi altro problema dentale.
    • Scegli un collutorio medicale appositamente studiato per la salute delle gengive e non un prodotto puramente commerciale il cui unico scopo è quello di profumare l'alito e sbiancare i denti.[6]
    • Evita quelli a base alcolica, che possono seccare le mucose e causare lesioni nel corso del tempo.
  2. 2
    Crea un tuo collutorio personale. Alcuni studi hanno riscontrato che la curcuma è altrettanto efficace per trattare malattie gengivali, come la gengivite, rispetto ai collutori che puoi acquistare al supermercato.[7]
    • Sciogli 10 mg di estratto di curcuma in 100 ml di acqua calda.[8]
    • Fai raffreddare l'acqua a una temperatura adeguata.
    • Altre alternative naturali ai collutori chimici commerciali sono la cannella, il finocchio, lo zenzero, l'olio essenziale di limone, l'olio di melaleuca, il miele grezzo e molti altri.[9]
  3. 3
    Usa la tecnica corretta per fare gli sciacqui. Leggi le istruzioni specifiche riportate sulla confezione prima di procedere, perché un collutorio con una formula speciale potrebbe indicare diverse modalità di impiego, potrebbe essere necessario un determinato tempo che deve restare in bocca, o potrebbe o meno essere diluito.
    • Se sull'etichetta è riportato che deve essere diluito, segui le istruzioni indicate per le corrette proporzioni. Usa l'acqua calda. Se avverti una sensazione di bruciore o il sapore è troppo forte, diluiscilo ulteriormente.
    • Metti in bocca il collutorio e fai degli sciacqui vigorosi in tutti gli spazi per 30-60 secondi;
    • Fai anche dei gargarismi nella parte posteriore della gola per altri 30-60 secondi;
    • Sputa il collutorio nel lavandino.
    • Risciacqua la bocca.
  4. 4
    Non usarlo subito dopo avere lavato i denti. Gli sciacqui possono vanificare alcuni dei vantaggi della spazzolatura. Per ottenere i migliori risultati, usalo prima di lavarti i denti o almeno mezz'ora dopo.
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Rivolgersi a un Dentista

  1. 1
    Recati regolarmente dal dentista per dei controlli. Anche se ti stai prendendo molta cura della tua igiene orale a casa, ci sono alcune cose, come rimuovere l'accumulo di placca, che non puoi risolvere con dei trattamenti casalinghi. In questo caso devi rivolgerti a un dentista che ha gli strumenti professionali adatti per questo tipo di problemi e può garantirti una perfetta salute dei denti.
    • Quante volte recarti dal medico dipende dalle tue esigenze specifiche, ma l'ideale sarebbe far controllare denti e gengive almeno una volta l'anno.
    • A ogni appuntamento, il medico ti indicherà quando dovrai tornare per un controllo successivo.
  2. 2
    Recati immediatamente dal dentista se la situazione è grave. Ci sono molti problemi che potrebbero richiedere un intervento medico, ma i sintomi principali delle malattie gengivali sono:[10]
    • Gengive gonfie o arrossate;
    • Sanguinamento diverso da quello normale che si verifica le prime volte che usi il filo interdentale;
    • Allentamento dei denti;
    • Recessione gengivale;
    • Alito cattivo cronico o sensazione di gusto cattivo in bocca.
  3. 3
    Trova un buon dentista. L'Associazione Nazionale Dentisti Italiani offre uno strumento di ricerca per trovare i dentisti associati nella tua zona. Dovresti anche seguire i consigli riportati qui di seguito per trovare un dentista rinomato vicino a casa tua:
    • Chiedi ad amici, familiari e colleghi che ti indichino un valido professionista.
    • Chiedi al medico di famiglia se conosce un bravo dentista.
    • Se ti stai trasferendo, chiedi al tuo dentista attuale (o ai suoi collaboratori) di aiutarti a trovare un suo collega stimato nella tua nuova città.
    • Se hai esigenze speciali, come nel caso di una malattia gengivale, potrebbe essere necessario rivolgersi a uno specialista, come il periodontista.
  4. 4
    Tieni presente che le cure odontoiatriche sono previste dall'assistenza sanitaria. Sebbene sia abitudine molto diffusa recarsi da un dentista privato, sappi che l'assistenza sanitaria nazionale prevede la possibilità di accedere alle cure odontoiatriche (ma non è prevista la copertura per interventi di carattere estetico). Chiedi al tuo curante di scriverti un'impegnativa con la quale potrai fissare una visita di controllo presso una struttura pubblica dove potrai essere adeguatamente seguito pagando solo il ticket per gli interventi minori, oppure cifre accessibili per i lavori più impegnativi.
  5. 5
    Trova un dentista economico nella tua zona. Se non hai un'assicurazione sanitaria che copra questo tipo di spese e non vuoi rivolgerti alle strutture pubbliche, fai qualche ricerca per trovare dei dentisti davvero a basso costo. L'opzione più sicura e affidabile è quella di trovare dei dentisti convenzionati con le strutture sanitarie pubbliche, dove potrai spendere meno. Questi centri a volte svolgono servizi gratuiti per i bambini in età pediatrica e altri al solo costo del ticket sanitario.
    • Fai una ricerca online per trovare i centri migliori vicino a casa tua.
    Pubblicità

Consigli

  • Alcune persone hanno le gengive scure a causa di un'eccessiva pigmentazione di melanina nell'area gengivale. Questo si verifica soprattutto nelle persone di origine africana o altri discendenti di persone dalla pelle scura, ma può succedere a chiunque. In questo caso non significa che c'è un problema, semplicemente attieniti alle normali procedure per mantenere la bocca sana.
  • Segui i consigli indicati in questo tutorial. Se ogni tanto "dimentichi qualche passaggio" non è grave, ma non interrompere l'igiene orale. Puoi fare dei buoni progressi, ma se poi smetti di prenderti cura della tua bocca le sue condizioni torneranno quelle di prima.
  • Se pensi che le gengive scure siano causate dalla melanina, fatti visitare da un parodontologo. Alcuni di questi specialisti mettono in atto una procedura chiamata "depigmentazione gengivale", più spesso conosciuta come "sbiancamento gengivale", che usa un laser per l'ablazione della melanina in modo permanente, con conseguenti gengive rosa.

Pubblicità

Avvertenze

  • Non spazzolare troppo forte, potresti irritare le gengive e arrossarle, provocando dolore e, in certi casi, persino sanguinamento. Se spazzoli con movimenti orizzontali non riesci a pulire le zone interdentali e crei dei danni a denti e gengive. Dei piccoli movimenti verticali con una spazzolatura adeguata sono la migliore imitazione del movimento della masticazione, e vedrai che Madre Natura ti ricompenserà con delle sane gengive rosa!
  • Non condividere lo spazzolino da denti con altre persone. Potresti farlo occasionalmente, se ne hai davvero bisogno, ma non farla diventare un'abitudine.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Rimuovere Calcoli Tonsillari

Come

Curare un Labbro Gonfio

Come

Raddrizzare i Denti senza Usare l'Apparecchio

Come

Fermare il Dolore dei Denti del Giudizio

Come

Far Guarire le Gengive dopo l'Estrazione di un Dente

Come

Sapere se i Denti del Giudizio Stanno per Spuntare

Come

Riconoscere i Segni del Carcinoma Orale

Come

Togliere un Dente in Maniera Indolore

Come

Fermare la Nevralgia Dentale

Come

Riprendersi Dopo l'Estrazione del Dente del Giudizio

Come

Rendere i Denti Più Bianchi con il Bicarbonato

Come

Smettere di Digrignare i Denti di Notte

Come

Curare le Afte

Come

Alleviare il Dolore Causato dall'Apparecchio Ortodontico
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 21 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 12 700 volte
Categorie: Denti & Bocca
Questa pagina è stata letta 12 700 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità