Come Battere un Avversario più Alto e più Robusto in una Rissa da Strada

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow | 22 Riferimenti

In questo Articolo:ProteggertiSuperare la Differenza di DimensioniAttaccare

Ammettiamolo, le dimensioni contano. Per questo motivo, se ti trovi a litigare con un avversario più grosso di te, è molto importante sapere come impiegare le corrette strategie offensive e difensive per superare il tuo svantaggio di altezza e allungo. Presumendo che tu non abbia altra scelta oltre a quella di restare e combattere, grazie a un superiore gioco di gambe e a degli attacchi ben piazzati riuscirai a uscire vincitore dallo scontro. Le situazioni di questo tipo possono farti molta paura, ma se non perderai la calma e userai le mosse giuste, potrai essere certo di avere la meglio.

Parte 1
Proteggerti

  1. 1
    Non combattere, se non sei costretto. Quando ti trovi di fronte a un avversario più grosso di te, sei in svantaggio sin dall'inizio. A meno che tu non abbia davvero alcuna altra opzione, cerca di stemperare la situazione e di evitare a ogni costo la violenza fisica. Fai del tuo meglio per risolvere pacificamente il conflitto o allontanati, se puoi. Non devi vergognarti di scappare da uno scontro, soprattutto se non sei sicuro di vincere. Il tuo avversario potrebbe avere con sé un'arma nascosta, oppure i suoi amici potrebbero attendere l'occasione giusta per colpirti alla sprovvista. Il tuo obiettivo primario deve essere quello di uscire dalla situazione di pericolo.[1]
    • Scampare a una situazione violenta prima che degeneri è già una vittoria.
    • Se lo scontro fisico è inevitabile, mantieni la calma. Se ti facessi prendere dal panico, non saresti in grado di valutare ciò che accade intorno a te e di adottare le strategie migliori.
  2. 2
    Tieni la guardia alta. Difendi sempre la testa con le mani. Tieni gli avambracci verticali e paralleli, con i palmi rivolti verso le guance. Stringi le mani a pugno finché non sarai pronto a sferrare un contrattacco. Piegati leggermente per avvicinare i gomiti alla vita e proteggere le costole e l'addome dai colpi al tronco.[2]
    • Non abbassare mai la guardia, neppure se sei stanco. Se lo facessi, il tuo avversario avrebbe la strada aperta per colpirti e porre fine allo scontro.
    • Assicurati di assumere una posizione di guardia che ti permetta di sferrare pugni e gomitate in modo rapido e senza troppo sforzo.
  3. 3
    Evita i colpi, piuttosto che pararli. Un aggressore più grosso di te è probabilmente anche più forte, perciò non è consigliabile provare a bloccare direttamente i suoi attacchi. Cerca, invece, di restare sempre in movimento, in modo da scappare velocemente dalla portata dei suoi pugni. Se sarà costretto a inseguirti si stancherà e, dopo ogni attacco che non andrà a segno, perderà un po' di fiato. Se non hai la possibilità di raggiungere una distanza di sicurezza, fai scivolare la testa a lato dei pugni, in modo da non essere colpito, poi scagliati in avanti e attacca a tua volta.[3]
    • La schivata è sempre preferibile alla parata, perché non richiede di assorbire la forza del colpo con il tuo corpo.
    • Schivare un pugno usando solo il movimento della testa è una tecnica nota nel pugilato come "slipping". Utilizzala spesso per evitare di essere colpito senza sprecare troppe energie.[4]
  4. 4
    Non permettere al tuo avversario di metterti le mani addosso. La persona più grossa e più forte ha sempre il vantaggio, in una lotta a terra. Non correre rischi inutili e non consentire all'aggressore di afferrarti. Resta sempre fuori dalla sua portata fino al momento del contrattacco, sfrutta l'apertura che si è creata e allontanati di nuovo. Se la lotta passasse a terra, avresti ancora meno controllo sulla situazione, perché non potresti sfruttare la velocità, l'elusività e la precisione.[5]
    • Se finisci a terra perché sei inciampato o sei stato spinto, rialzati il più velocemente possibile. Hai probabilità di vittoria molto più alte in uno scontro in piedi.[6]
  5. 5
    Preparati a ricevere dei pugni. È improbabile che tu riesca a uscire illeso da uno scontro con un avversario più grosso di te. Probabilmente dovrai incassare alcuni colpi se sarai colto alla sprovvista o quando tenterai di contrattaccare. Considera questa eventualità e preparati mentalmente. Ricevere un pugno non è piacevole, ma rischieresti conseguenze molto peggiori se fossi colto di sorpresa.[7]
    • Se devi incassare un pugno, cerca di farlo con la spalla o con la fronte, un osso molto duro, meno vulnerabile della mandibola o del resto del volto. Segui la direzione del pugno con il corpo per attutire l'impatto.[8]
    • Durante uno scontro fisico, nel tuo corpo scorrerà moltissima adrenalina, che ti renderà meno vulnerabile al dolore.

Parte 2
Superare la Differenza di Dimensioni

  1. 1
    Usa manovre evasive. Muoviti sempre, in maniera che l'avversario più grosso di te non riesca ad afferrarti o a colpirti. Tieni il peso del corpo sulla punta dei piedi, così da poter cambiare direzione rapidamente e non essere prevedibile. Dato che il suo allungo è superiore al tuo, resta lontano da lui finché non sarai pronto a contrattaccare con un pugno o un tentativo di atterramento.[9]
    • Puoi provare a "danzare", ovvero muoverti a cerchio intorno al tuo avversario, restando sempre fuori dalla portata dei suoi colpi. Quando vedi arrivare un pugno, abbassati, schiva e assicurati di essere sufficientemente lontano per evitarlo.[10]
    • Dato che le gambe sono più lunghe delle braccia, diventare abile nei calci può aiutarti a colmare lo svantaggio di allungo.
    • Qualunque cosa tu faccia, non permettere a un avversario più grosso di te di metterti le mani addosso. Un movimento sbagliato può far terminare lo scontro a tuo sfavore.
  2. 2
    Avvicinati. Quando il tuo avversario non se lo aspetta, avvicinati molto. Questo gli impedisce di sfruttare il proprio vantaggio di dimensioni e di allungo, oltre a darti l'occasione di sferrare dei colpi. Scegliere il momento giusto per avanzare è fondamentale per avere la meglio. Non puoi vincere uno scontro contro un aggressore più grosso di te se gli permetterai di sfruttare i propri punti di forza.[11]
    • Quando combatti contro un avversario più grosso di te, il consiglio più importante è quello di evitare di trovarti nella "zona di pericolo". Si tratta della distanza dalla quale lui può colpire te, ma tu non riesci a colpire lui, a causa della differenza di allungo.
    • Avvicinati rapidamente dopo aver schivato un pugno o dopo una finta, oppure segui il movimento a rientrare del braccio dell'avversario.
  3. 3
    Sfianca l'avversario. Uno degli svantaggi di essere più alti e più pesanti è lo sforzo maggiore necessario a muoversi, che porta a stancarsi più velocemente. Usa questo aspetto a tuo vantaggio. Continua a schivare e a muoverti costantemente, finché gli attacchi dell'aggressore non rallentano. A quel punto, potrai usare la tua velocità per avvicinarti e attaccare.[12]
    • Migliora il tuo stato di forma cardiovascolare per prepararti a un eventuale scontro che si protragga a lungo.
    • La strategia di far stancare l'avversario prima di finirlo è nota nel pugilato come "rope-a-dope". Muhammad Ali ha adottato questa strategia per battere il più grosso George Foreman durante il celebre incontro Rumble in the Jungle del 1974.[13]

Parte 3
Attaccare

  1. 1
    Sfrutta l'elemento sorpresa. Se hai il sospetto che la situazione stia per degenerare, fai la prima mossa. Concludi lo scontro prima ancora che inizi con un solo colpo improvviso e ben piazzato alla mandibola o al plesso solare (il bordo esterno e morbido del diaframma sotto lo sterno). Metti tutta la tua forza nel colpo, in modo da mandare il tuo avversario ko. Se avrai successo, lo stordirai e la lotta avrà fine. In caso contrario, sarai pronto alla rissa.[14]
    • Valuta la situazione con la massima attenzione prima di ricorrere a un attacco a sorpresa. In molti casi, l'aggressore potrebbe semplicemente essere arrabbiato, ma non avere intenzione di metterti le mani addosso. Assicurati di non avere altra scelta.
    • Fai attenzione, se decidi di colpire qualcuno con un pugno a tradimento. Se dovessi mancare o non stendere il tuo avversario, non avrai modo di evitare lo scontro fisico.
  2. 2
    Muoviti. Vale la pena ripetere che non dovresti cercare di vincere uno scontro con una persona più grossa di te stando fermo e misurando la tua forza con la sua, in quanto il suo allungo e la sua potenza saranno superiori ai tuoi. Evita i suoi colpi per tutto il tempo necessario, attendendo l'apertura giusta per avvicinarti e attaccare con tutta la tua forza. Alternando una posizione difensiva con rapidi scatti offensivi, alla fine riuscirai ad avere la meglio.[15]
    • Non perdere la pazienza. Cominceresti a commettere errori, che pagheresti carissimi.
    • Colpisci al corpo, se non hai la possibilità di attaccare la testa del tuo avversario. Il plesso solare è una zona molto sensibile; se la colpirai, farai uscire tutta l'aria dai polmoni dell'avversario, che si troverà ad annaspare. Anche le costole sono piuttosto fragili e possono essere rotte con pochi chili di forza per centimetro quadrato.
  3. 3
    Mira ai punti deboli. Contrariamente a quanto accade sul ring della boxe, in una rissa da strada non ci sono regole. Prendi di mira le zone più vulnerabili del corpo del tuo aggressore con ogni tuo colpo. Un pugno ben piazzato può essere sufficiente a mettere fuori combattimento anche il più grosso degli avversari. Quasi tutte le persone non si aspettano attacchi di questo tipo, perciò non saranno pronte a difendersi.[16]
    • Tutti abbiamo gli stessi punti deboli anatomici, malgrado le differenze di dimensioni.
    • I colpi che prendono di mira gli organi sensoriali di una persona sono in grado di stordirla temporaneamente, permettendoti di colpire di nuovo con forza.
    • Uno schiaffo a mano aperta all'orecchio è in grado di far perdere l'equilibrio quanto un gancio sinistro. Colpire il naso di una persona può renderla momentaneamente cieca, perché i suoi occhi inizieranno a lacrimare, dandoti la possibilità di sferrare un pugno in grado di porre fine allo scontro. Un calcio all'inguine di un uomo ne limiterà moltissimo la mobilità e lo scoraggerà a continuare il combattimento.
  4. 4
    Prova una mossa di sottomissione a terra. Immagina di trovarti a terra, con il tuo avversario sopra di te, incapace di rimetterti in piedi. In questa situazione, prova a mettere a segno una tecnica di sottomissione, una presa o una chiave articolare che mettano fuori combattimento l'aggressore neutralizzando una parte del suo corpo. Applicando una chiave articolare, una presa al braccio o al collo, potresti essere in grado di infliggere danni sufficienti a porre fine allo scontro. Per quanto il tuo avversario possa essere grosso o resistente, non riuscirà a farti male da svenuto o con un braccio rotto.[17]
    • Applica una presa al collo da dietro o una presa a triangolo, a seconda della tua posizione. Le prese al collo impediscono al tuo avversario di respirare, portandolo a svenire. Bastano una presa salda e pochi istanti per addormentare una persona.[18][19]
    • Le prese al braccio applicano pressione all'articolazione del gomito o della spalla. Sono efficaci contro gli aggressori che non ritirano subito il braccio dopo un pugno. Un avversario con il braccio inutilizzabile non potrà più colpirti.[20]
  5. 5
    Non aver paura di giocare sporco. Dimentica l'onore e la correttezza: in una rissa da strada non ci sono regole. Non puoi sapere quanto sarebbero gravi le tue ferite se dovessi perdere lo scontro, perciò trova il coraggio di usare la tua cattiveria. Mordi, colpisci gli occhi, tira i capelli, mira alla gola, contorci le dita dell'avversario o colpiscilo con una ginocchiata all'inguine; fai tutto il necessario per sopravvivere.[21]
    • Utilizza gli oggetti a portata di mano (sedie, bottiglie, pietre, penne o persino telefoni cellulari) come armi improvvisate. Nel migliore dei casi, vedendoti brandire un'arma, il tuo aggressore potrebbe desistere.[22]
    • Per evitare che la situazione diventi ancora più violenta, scappa appena il tuo avversario è in difficoltà.
    Adrian Tandez
    Adrian Tandez
    Esperto di Autodifesa

    Può sembrare un approccio estremo, ma può fare la differenza tra la vita e la morte se vieni attaccato. In uno scontro reale, devi concludere il combattimento il più presto possibile; infatti, di regola lo si dovrebbe terminare in 9 secondi o meno. La probabilità che tu sopravviva diminuisce a ogni secondo che passa dopo quel lasso di tempo.

Consigli

  • Tieni sempre lo sguardo sul tuo avversario. Riuscirai a scegliere il momento migliore per colpire, continuando a evitare i suoi colpi.
  • Scegli sempre il colpo più adatto alla distanza tra te e il tuo avversario. Sferra calci al ginocchio, all'inguine o al tronco dalla lunga distanza, prova dei pugni alla testa e al corpo a media distanza, colpisci con gomitate e ginocchiate quando sei molto vicino.
  • Se ne hai la possibilità, fai pratica con un amico più grosso di te, in modo da abituarti ad attaccare un aggressore di grandi dimensioni e proteggerti dai suoi colpi.

Avvertenze

  • Le risse sono imprevedibili. Non hai la garanzia di vincere, persino con la migliore preparazione.
  • Se hai subito delle ferite dopo uno scontro, cerca subito le cure di un medico.
  • Se possibile, evita sempre uno scontro violento. Combatti solo se hai l'impressione che stai per essere attaccato e non hai altra scelta.

Riferimenti

  1. http://www.streetdirectory.com/travel_guide/45522/martial_arts/street_fighting_and_avoiding_it_when_you_can.html
  2. https://commandoboxing.com/content/types-boxing-guards
  3. https://www.youtube.com/watch?v=Zd4h0YVwvYQ
  4. http://www.expertboxing.com/boxing-techniques/defense-techniques/boxing-defense-techniques
  5. http://www.urbancombatives.com/hagen.htm
  6. http://www.military.com/military-fitness/close-quarters-combat/secret-to-surviving-ground-fight
  7. http://www.nytimes.com/2016/05/15/magazine/how-to-take-a-punch.html?_r=0
  8. http://www.bloodyelbow.com/2012/10/24/3547786/anderson-silva-and-the-art-of-rolling-with-punches
  9. http://blackbeltwhitehat.com/mma/technique/fighting-a-taller-opponent/
Mostra altro ... (13)

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Categorie: Autodifesa

In altre lingue:

English: Beat a Taller and Bigger Opponent in a Street Fight, Português: Derrotar um Adversário Maior e Mais Forte Numa Briga de Rua, Русский: одолеть более крупного и высокого противника в уличной драке, Deutsch: Einen größeren und stärkeren Gegner im Straßenkampf besiegen, Français: vaincre un adversaire plus grand et plus fort, Bahasa Indonesia: Mengalahkan Lawan yang Lebih Tinggi dan Lebih Besar di Perkelahian Jalanan, العربية: التغلب على شخص أطول وأكبر أثناء شجار الشوارع, Nederlands: Een langere en grotere tegenstander verslaan in een straatgevecht, Tiếng Việt: Đánh bại đối thủ cao to hơn trên đường phố, Español: pelear con alguien más alto que tú, 中文: 如何在街头打斗中击败更高大的对手

Questa pagina è stata letta 95 069 volte.
Hai trovato utile questo articolo?