Il carciofo è un ortaggio fresco tipico dei mesi invernali e primaverili. Viene coltivato in diverse aree del mondo, in molte varietà, ed è un ingrediente comune in molti piatti di tutta Europa.[1] Con il suo aspetto duro e spinoso può sembrare difficile da maneggiare, ma in realtà è piuttosto semplice da preparare. Bastano un po' di tempo e un piccolo sforzo per cucinare e gustare questo ortaggio dal sapore delicato e delizioso.

Parte 1 di 3:
Preparare i Carciofi

  1. 1
    Sciacqua i carciofi con l'acqua fredda. I carciofi andrebbero lavati solo poco prima della cottura, non al momento dell'acquisto. Bagnandoli prima di metterli in frigorifero rischierai che si deteriorino più velocemente.
    • Quando acquisti i carciofi freschi, conservali in un sacchetto per alimenti pulito all'interno del frigorifero. Evitando di lavarli si manterranno in buone condizioni anche fino a una settimana. Controllali regolarmente per assicurarti che siano intatti; se noti che iniziano ad aprirsi, cuocili immediatamente.[2]
  2. 2
    Taglia via i gambi. Prendi un coltello affilato e scegli se rimuoverli completamente, tagliandoli alla base delle foglie, o se eliminarne solo l'estremità.
    • Se non hai a disposizione un coltello ben affilato, puoi provare a usarne uno seghettato.
    • Il gambo del carciofo è commestibile, quindi puoi eliminare solo l'estremità, che probabilmente si sarà seccata, cuocendo e mangiando il resto insieme alle foglie.[3]
  3. 3
    Rimuovi le punte. Elimina solo gli ultimi due centimetri dalla punta dei carciofi, praticando un taglio orizzontale. Fai attenzione a non eliminare una porzione eccessiva di foglie per non perdere una parte edibile del carciofo.
    • Strofina le parti che hai rifilato con uno spicchio di limone. Passalo sul gambo e sulle foglie superiori, ovvero nei punti che hai appena tagliato, per evitare che si anneriscano.
  4. 4
    Spunta le foglie esterne. Prendi un paio di forbici da cucina robuste e taglia via l'ultimo centimetro delle foglie più esterne. Rimuovi solo la parte appuntita dove si trova la spina.
    • Dopo aver spuntato le foglie, strofinale con lo spicchio di limone in modo che si mantengano di un verde brillante.[4]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Cuocere i Carciofi

  1. 1
    Riempi per metà una pentola con l'acqua fredda e portala a bollore. Aggiungi il sale a piacere e imposta la fiamma a un calore vivace.
    • Usando una fiamma alta l'acqua raggiungerà l'ebollizione più velocemente.
    • Il sale aggiunto all'acqua di cottura renderà i carciofi ancora più saporiti.
  2. 2
    Immergi i carciofi nell'acqua bollente. Adagiali nella pentola e attendi che l'acqua ricominci a bollire.
    • Quando metterai i carciofi nella pentola, la temperatura dell'acqua si abbasserà interrompendo temporaneamente il bollore, ma basterà attendere un minuto perché riprenda a bollire.
  3. 3
    Abbassa la fiamma e cuoci i carciofi a fuoco lento. Metti il coperchio sulla pentola e lascia sobbollire i carciofi per 20-30 minuti. Se hai eliminato i gambi per intero, dovrai utilizzare un peso per tenere i carciofi immersi nell'acqua.
    • Per tenere i carciofi in immersione, puoi utilizzare un piccolo coperchio o un piatto rovesciato inserito all'interno della pentola. In questo modo eviteranno di galleggiare sull'acqua rischiando di cuocere in modo non uniforme.[5]
  4. 4
    Testa il grado di cottura dei carciofi. Saprai che sono pronti quando riuscirai a staccare una foglia dal centro con facilità. Puoi usare una forchetta o la punta di un coltello per provare a rimuovere una foglia proprio dal cuore del carciofo.[6]
    • Fai attenzione quando verifichi se i carciofi sono cotti perché essendo rimasti a lungo immersi nell'acqua bollente saranno molto caldi.
    • Puoi verificare se sono cotti anche provando a perforare la base delle foglie con un coltello.[7]
  5. 5
    Rimuovi i carciofi dall'acqua. Scolali nel lavandino e trasferiscili in un piatto da portata.
    • Puoi condire i carciofi come desideri. Mangiali staccando una foglia alla volta oppure tagliali in quattro e poi a spicchi.
    • Per renderli ancora più deliziosi, puoi accompagnarli con del burro chiarificato o con una salsa delicata a tua scelta.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Scegliere i Carciofi Migliori

  1. 1
    Acquistali nella stagione giusta. A seconda delle varietà coltivate e della provenienza, la piena stagione dei carciofi è compresa tra dicembre e maggio, quindi nei mesi invernali e primaverili. Alcune varietà, come il carciofo spinoso di Sardegna, sono reperibili anche nei mesi autunnali. In generale comunque i mesi di marzo, aprile e maggio sono quelli in cui si possono trovare i carciofi più freschi.[8]
    • Scegli i carciofi del colore giusto. Per essere sicuro che siano freschi, seleziona quelli di un verde intenso e brillante.[9]
    • La presenza di qualche piccola macchia scura è accettabile, ma in generale i carciofi devono sembrare freschi ed essere di un bel colore verde.[10]
  2. 2
    Controlla le foglie. Un buon carciofo deve avere le foglie aderenti, con le punte ben chiuse, di un colore verde brillante. Se appaiono secche o aperte significa che è meglio non comprarlo.[11]
    • Strizza le foglie l'una contro l'altra, se il carciofo è fresco emetteranno un suono stridulo.
  3. 3
    Controlla il peso e la forma dei carciofi. Devono avere un aspetto paffuto e risultare un po' più pesanti di quanto ti aspetteresti guardandoli.
    • I carciofo piccoli sono più teneri rispetto a quelli grandi, inoltre quelli dalla forma arrotondata hanno un cuore più ampio rispetto a quelli affusolati.[12]
    Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Carciofi freschi
  • Sale
  • Acqua
  • Limone
  • Pentola capiente e coperchio
  • Un coperchio più piccolo o un piatto (opzionale)
  • Fornelli
  • Coltello per tagliare le verdure o seghettato
  • Forbici da cucina

wikiHow Correlati

Come

Accendere un Barbecue a Carbonella

Come

Liberarsi della Calandra del Grano (Insetto della Farina)

Come

Attenuare la Sensazione di Bruciore Causata dal Peperoncino

Come

Mangiare il Burro di Arachidi

Come

Conservare la Menta Fresca

Come

Conservare le Pannocchie

Come

Mangiare con le Bacchette

Come

Essiccare la Salvia

Come

Aprire una Scatoletta senza Apriscatole

Come

Utilizzare Utensili in Vetro per la Cottura in Forno

Come

Affilare un Coltello

Come

Usare una Caffettiera Americana

Come

Sigillare un Barattolo di Vetro

Come

Congelare il Latte
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità. Questo articolo è stato visualizzato 9 828 volte
Categorie: Cucina
Questa pagina è stata letta 9 828 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità