Scarica PDF Scarica PDF

Il costo di produzione (CdP) è il totale delle spese inerenti alla manifattura di un prodotto o alla consegna di un servizio. Il CdP varia tra prodotti e servizi, ma include solitamente costo del lavoro, costo dei materiali e costi fissi. Sul conto economico della tua società, il CdP è sottratto dai ricavi totali per calcolare il margine di profitto lordo. In termini generali, è possibile calcolare il CdP determinando la variazione del valore dell'inventario in un dato periodo. Per farlo, è necessario formulare l'ipotesi che tale variazione sia dovuta alla produzione delle unità vendute nel periodo in esame.[1]

Parte 1 di 4:
Calcolare Inventario Iniziale, Costi e Acquisti

  1. 1
    Calcola il valore iniziale dell'inventario.[2] Il valore dovrebbe sempre essere pari a quello dell'inventario finale del periodo fiscale precedente. Se sei un rivenditore, il valore è costituito dal costo di tutte le merci in magazzino disponibili alla vendita. Se hai un'attività manifatturiera, il valore è costituito da tre voci: materie prime (tutti i materiali usati per la produzione); prodotti semilavorati (oggetti che sono in produzione ma non sono stati completati); prodotti finiti (oggetti completati, pronti alla vendita).[3]
    • Come scenario d'esempio, ipotizziamo che il valore di inventario finale del periodo fiscale precedente sia 17.800 €.
  2. 2
    Aggiungi all'inventario il valore di tutti gli acquisti. Puoi calcolare questa cifra sommando il saldo di tutte le fatture di acquisto che hai ricevuto nel periodo in esame. Dovresti assegnare un valore anche ai prodotti ricevuti, ma non ancora fatturati dal venditore, secondo l'ordine di acquisto. Se hai un'attività manifatturiera, considera anche il costo di tutte le materie prime acquistate durante il periodo in esame per ottenere prodotti finiti.
    • Ipotizziamo che il totale degli acquisti di materie prime ammonti a 4.000 € e che gli acquisti di prodotti finiti per quel periodo ammontino a 6.000 €.
  3. 3
    Calcola il costo del lavoro richiesto per la produzione dei beni. Nel calcolo del costo dei prodotti, devi includere i costi del lavoro diretti e indiretti, solo se hai una società manifatturiera o mineraria. Calcola gli stipendi di tutti i dipendenti del reparto manifatturiero, più il costo dei loro benefit. Di solito, i rivenditori non includono il costo del lavoro in questo calcolo, perché non può essere attribuito al costo dei beni.[4]
    • Per le attività manifatturiere, è necessario includere tutto il lavoro diretto (i dipendenti direttamente responsabili della produzione della merce a partire dalle materie prime) e quello indiretto (i dipendenti che svolgono una funzione necessaria per l'azienda, ma non direttamente legata alla produzione dei beni). Le spese amministrative non sono incluse.
    • Nel nostro esempio, il costo del lavoro nel periodo in esame ammonta a 500 € a persona x 10 dipendenti = 5.000 €.
  4. 4
    Calcola le spese per i materiali, i rifornimenti e gli altri costi di produzione. Solo per le attività manifatturiere, il costo dei trasporti e dei container, i costi fissi come l'affitto, il riscaldamento, la luce, l'energia elettrica e le altre spese legate all'utilizzo degli stabilimenti produttivi possono essere inclusi in questo calcolo. Somma questi valori per calcolare il costo dei beni disponibili (inventario iniziale, acquisti e costi legati alla produzione).
    • Nota che le spese fisse per l'utilizzo dello stabilimento produttivo possono essere considerate solo in questo calcolo. Esse includono affitti, bollette e altre spese legate allo stabilimento produttivo. Le spese simili per altre aree della tua attività, come quelle per l'edificio degli uffici, non sono legate direttamente alla manifattura dei prodotti. Per questo motivo, non devono essere incluse.
    • Nel nostro esempio, includiamo 1.000 € di trasporto, 500 € di container di materie prime e 700 € di costi fissi attribuibili alla produzione, come riscaldamento e illuminazione. I costi vari totali ammontano, perciò, a 2.200 €.
  5. 5
    Calcola il costo totale delle merci disponibili in magazzino. Questo è il valore a cui sottrarremo l'inventario finale per determinare il costo di produzione. Nel nostro esempio, 17.800 € (inventario iniziale) + 10.000 € (acquisti) + 5.000 € (costo forza lavoro) + 2.200 € (costi vari) = 35.000 € (costo dei beni disponibili).
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Calcolare l'Inventario Finale

  1. 1
    Scegli tra due metodi per stimare l'inventario finale. Quando non è possibile calcolare il valore esatto dell'inventario, è necessario ricorrere a una stima. Può capitare se le vendite sono aumentate alla fine del periodo fiscale, oppure se non hai il personale a disposizione per svolgere un conteggio esatto di tutte le merci in magazzino. I metodi descritti in seguito si affidano a precedenti statistici, perciò non sono precisi al 100%. Adottandone uno, però, se la tua società non ha registrato transazioni anomale durante il periodo in esame, puoi ottenere risultati soddisfacenti.[5]
    • Il primo metodo utilizza i precedenti margini di profitto lordi della società.
    • Il secondo metodo, detto dell'inventario di vendita, confronta il prezzo dei beni venduti con il costo di produzione del periodo precedente.
  2. 2
    Usa il metodo del profitto lordo per stimare l'inventario finale. Questo risultato è guidato dai precedenti margini di profitto lordo. Di conseguenza, può non essere del tutto preciso, perché i dati che utilizzi possono assumere valori diversi nell'attuale periodo fiscale. Può essere utilizzato con buona approssimazione durante i periodi di transizione tra un inventario fisico e il seguente.[6]
    • Somma il valore dell'inventario iniziale al costo degli acquisti nel corso dell'attuale periodo fiscale. Questa cifra rappresenta il valore delle merci disponibili durante il periodo in esame.
    • Ipotizziamo che l'inventario iniziale ammonti a 200.000 € e gli acquisti totali a 250.000 €. Le merci totali disponibili valgono 200.000 € + 250.000 € = 450.000 €.
    • Moltiplica le vendite per (1 - margine di profitto lordo atteso) per stimare il costo di produzione.
    • Ad esempio, ammettiamo che il margine di profitto lordo negli ultimi 12 mesi sia stato del 30%. Nel periodo attuale, possiamo ritenere che sia rimasto lo stesso. Se le vendite sono state 800.000 €, puoi stimare il costo di produzione con l'equazione (1-0,30) * 800.000 € = 560.000 €.
    • Sottrai al costo di produzione appena calcolato il valore delle merci disponibili, per ottenere un valore approssimativo dell'inventario finale.
    • Usando l'esempio precedente, l'inventario finale stimato avrebbe un valore di 110.000 €. 560.000 € - 450.000 € = 110.000 €.
  3. 3
    Usa il metodo dell'inventario delle vendite per stimare il valore dell'inventario finale. Questo metodo non utilizza i precedenti margini di profitto lordi della società. Confronta, invece, il prezzo di vendita con il costo delle merci nei periodi precedenti. Nota che questo metodo è valido solo se sui prodotti in esame è praticato sempre lo stesso ricarico percentuale. Se è stato utilizzato un ricarico diverso o sono stati offerti degli sconti durante il periodo in analisi, il metodo non fornirà risultati precisi.[7]
    • Calcola il rapporto tra costo e vendite usando la formula (costo/prezzo di vendita).
    • Ad esempio, supponiamo che tu venda aspirapolvere al prezzo di 250 € l'uno e che il loro costo sia 175 €. Calcola la percentuale costo/vendita con l'equazione 175 € / 250 € = 0,70. La percentuale è del 70%.
    • Calcola il costo delle merci disponibili alla vendita con la formula (costo dell'inventario iniziale + costo degli acquisti).
    • Ipotizziamo che l'inventario iniziale ammonti a 1.500.000 € e gli acquisti totali a 2.300.000 €. Il costo delle merci disponibili è 1.500.000 € + 2.300.000 € = 3.800.000 €.
    • Calcola il costo delle vendite durante il periodo in esame con la formula (vendite * rapporto costo/vendite).
    • Se le vendite nel periodo sono state 3.400.000 €, il costo delle vendite vale 3.400.000 € * 0,70 = 2.380.000 €.
    • Calcola l'inventario finale con la formula (costo delle merci disponibili alla vendita - costo delle vendite durante il periodo).
    • Seguendo l'esempio precedente, l'inventario finale vale 3.800.000 € - 2.380.000 € = 1.420.000 €.
  4. 4
    Ottieni periodicamente una valutazione precisa dell'inventario finale, grazie a un conteggio fisico delle merci in magazzino, periodico o ciclico. In alcune situazioni, è necessario investire tempo e risorse per realizzare un inventario fisico esatto. Ad esempio, quando la tua compagnia deve prepararsi a un controllo fiscale, oppure in occasione di acquisizioni o fusioni societarie. In questi casi, hai bisogno di un calcolo esatto dell'inventario, perché una stima non è abbastanza precisa.[8]
    • Realizza un rendiconto completo delle rimanenze della società. Questa operazione è nota come inventario fisico e deve essere svolta al termine di un mese, di un quadrimestre o di un anno. Richiede moltissimo lavoro, perciò tipicamente, le società svolgono un conteggio fisico solo poche volte all'anno.[9]
    • L'inventario ciclico è un metodo di calcolo perpetuo. Ogni giorno è calcolata una piccola parte del valore dell'inventario. In un periodo definito, le rimanenze sono controllate interamente, perché tutti gli oggetti sono contati a rotazione. Questo metodo è molto preciso e permette di calcolare l'inventario con ottima approssimazione.[10]
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Calcolare il Costo di Produzione

  1. 1
    Calcola il costo di produzione se usi un metodo periodico di inventario fisico. Adotta questi passaggi se svolgi un conteggio esatto delle rimanenze a intervalli regolari, ad esempio, ogni mese, quadrimestre o anno. La formula è molto semplice: (Inventario iniziale + Acquisti – Inventario Finale = Costo di produzione).[11]
    • Ipotizziamo che la tua attività venda dei tostapane. All'inizio di Ottobre 2015, l'inventario ammontava a 900 €. Durante Ottobre 2015, hai acquistato 2.700 € di merci. L'inventario fisico alla fine del mese ha dimostrato che il valore delle rimanenze era sceso a 600 €.
    • Calcola il costo di produzione con l'equazione 900 € + 2.700 € - 600 € = 3.000 €.
    • Se esegui ogni mese il conteggio delle rimanenze, conoscerai sempre i valori dell'inventario iniziale e di quello finale del periodo contabile.
    • Se esegui inventari fisici con frequenza minore, ad esempio quadrimestrale, durante i mesi in cui non hai a disposizione dati precisi, dovrai stimare il valore dell'inventario finale usando i metodi descritti in precedenza.
  2. 2
    Calcola il costo di produzione se utilizzi un metodo ciclico di inventario fisico. Adotta questa formula se tieni il conteggio delle merci in magazzino registrando ogni singolo oggetto. Ad esempio, se sei un rivenditore ed esegui la scansione dei codici a barre degli articoli che vendi, avrai sotto controllo la dimensione dell'inventario in tempo reale.[12]
    • Se registri i cambiamenti in magazzino di ogni singola unità, per calcolare il valore finale dell'inventario, è necessario fare delle approssimazioni su quali unità sono state usate per prime durante il periodo contabile.[13]
    • In questo modo puoi tenere in considerazione le variazioni del costo degli oggetti nell'inventario.
    • Queste approssimazioni sono note come metodo del Primo a entrare-primo a uscire (FIFO, dall'inglese first-in, first-out), dell'ultimo a entrare-primo a uscire (LIFO, dall'inglese last-in, first-out) e del costo medio.
  3. 3
    Calcola il costo di produzione usando il metodo FIFO. Immagina di possedere una società che vende collari per cani via internet. Tutti i collari sono acquistati da un solo fornitore. A metà Novembre 2015, il fornitore ha aumentato il prezzo di uno dei prodotti da 1 € a 1,50 . Usando il metodo FIFO, ipotizzerai di aver venduto i collari da 1 € prima di quelli più nuovi da 1,50 €.
    • Determina l'inventario iniziale. All'inizio di Novembre 2015, avevi 50 collari in magazzino, che sono costati 1 € l'uno. Di conseguenza, il valore dell'inventario iniziale era 50 € (50 * 1 € = 50 €).
    • Calcola gli acquisti totali. Durante il mese di Novembre 2015, hai acquistato 100 collari per cani: 60 a 1 € l'uno e 40 a 1,50 € l'uno. Gli acquisti totali ammontano a (60 *1 €) + (40 * 1,50 €) = 120 €.
    • Calcola le rimanenze totali disponibili alla vendita. Somma l'inventario iniziale (50 €) agli acquisti (120 €), per un totale di 170 €. Dato che adotti un sistema di inventario ciclico, sai che di questi 170 € di merci disponibili alla vendita, 110 unità sono state acquistate per 1 € l'una (110 €) e 40 sono state acquistate per 1,50 € l'una (60 €).
    • Nel mese di Novembre 2015 hai venduto 100 collari per cani. Usando il metodo FIFO, immagini di aver venduto per primi gli articoli meno recenti presenti in magazzino. Avevi una scorta di 110 unità di collari acquistati a 1 € l'uno. La tua ipotesi, perciò, è quella di aver venduto in tutto il mese di Novembre solo collari acquistati a 1 €. Il tuo costo di produzione per Novembre 2015 è pari a 100 * 1 € = 100 €.
    • In magazzino restano ancora 10 collari acquistati a 1 €. Nel periodo contabile successivo, questa informazione ti sarà utile per calcolare il costo di produzione con il metodo FIFO.
  4. 4
    Calcola il costo di produzione usando il metodo LIFO. Usando lo stesso esempio, immagina di vendere prima i collari più nuovi. I collari comprati a Novembre 2015 sono 100. Secondo il metodo LIFO, hai venduto 40 unità che sono costate 1,5 € e 60 unità che sono costate 1 €.
    • Il costo di produzione è pari a (40 * 1,50 €) + (60 * 1 €) = 120 €.
  5. 5
    Calcola il costo di produzione usando il metodo del costo medio. Con questo metodo, troverai la media del valore dell'inventario iniziale e degli acquisti effettuati nel mese. Per prima cosa, calcola il costo unitario. Poi, moltiplica quel valore per il numero di unità presenti in magazzino al termine del periodo contabile. Userai questo calcolo per determinare il costo di produzione e il bilancio finale dell'inventario.
    • Calcola il costo medio unitario con la formula (Inventario iniziale + acquisti in euro) / (Inventario iniziale + acquisti in unità).
    • Usando l'esempio precedente, il costo unitario è 1,13 €: (50 € + 120 €) / (50 + 100) = 1,13 €.
    • Nel nostro caso, all'inizio del mese di Novembre, le unità in magazzino erano 50. Nel corso del periodo in esame, sono state acquistate 100 unità per un totale di 150 unità disponibili alla vendita. Sono state vendute 100 unità, lasciando in magazzino 50 collari alla fine del mese.
    • Calcola il costo di produzione moltiplicando il costo medio unitario per il numero totale di unità vendute.
    • 1,13 € * 100 = 113 €.
    • Costo di produzione = 113 €.
    • Calcola l'inventario finale moltiplicando il costo unitario medio per il numero di unità restanti in magazzino alla fine del mese.
    • 1,13 € * 50 = 56,50 €.
    • Inventario finale = 56,50 €.
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Scrivere le Voci di Bilancio

  1. 1
    Compila la partita doppia se stai usando un metodo periodico di inventario. Usando questo sistema, il valore dell'inventario nel bilancio resta lo stesso fino al successivo conteggio fisico. In ogni periodo contabile, quando il valore delle rimanenze non è noto, viene utilizzata la voce "Acquisti" invece di quella "Inventario". Dopo aver completato l'inventario fisico, il valore della voce "Inventario" sarà modificato.[14]
    • Immagina di possedere un'attività che vende magliette. Acquisti le magliette per 6 € e le vendi per 12 €.
    • All'inizio del periodo in esame, hai 100 magliette in magazzino. Il valore iniziale dell'inventario è 600 €.
    • Acquisti 900 magliette a 6 € l'una, per un totale di 5.400 €. Accredita 5.400 € al conto Debiti verso fornitori e addebita 5.400€ al conto Acquisti.
    • Vendi 600 magliette a 12 € l'una, per un totale di 7.200 €. Addebita 7.200 € al conto Crediti verso clienti e accredita 7.200 € al conto Vendite.
    • Il valore finale dell'inventario è 2.400 € (400 magliette a 6 €). Addebita 1.800 € all'Inventario e 3.600 € al conto Costo di produzione. Accredita 5.400 € al conto Acquisti.
  2. 2
    Compila la partita doppia se stai usando un inventario ciclico. Se adotti questo sistema, registri il costo di produzione e modifichi il valore dell'inventario per tutto l'anno. In questo caso non è necessario effettuare altre modifiche alla fine del periodo contabile.[15]
    • All'inizio del periodo in esame, hai 100 magliette in magazzino. Il valore iniziale dell'inventario è 600 €.
    • Acquisti 900 magliette a 6 € l'una, per un totale di 5.400 €. Addebita all'Inventario 5.400 €. Accredita al conto Debiti verso fornitori 5.400 €.
    • Vendi 600 magliette a 12 € l'una, per un totale di 7.200 €. Addebita al conto Crediti verso clienti 7.200 € e accredita 7.200 € sul conto Vendite. Addebita 3.600 € a Costo di produzione e accredita 3.600 € a Inventario.
    • Il valore finale dell'inventario è 2.400 € (400 magliette a 6 €). Non devi inserire altre voci. Hai già registrato una voce nel conto Inventario che ha portato il suo valore a 2.400 €.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Informazioni su questo wikiHow

Michael R. Lewis
Co-redatto da:
Imprenditore e Consulente Finanziario
Questo articolo è stato co-redatto da Michael R. Lewis. Michael R. Lewis è un dirigente aziendale in pensione, un imprenditore e un consulente di investimento che vive in Texas. Ha oltre 40 anni di esperienza nel settore di Business e Finanza. Questo articolo è stato visualizzato 26 582 volte
Categorie: Gestione del Denaro
Questa pagina è stata letta 26 582 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità