Come Calcolare il Primo Giorno del Ciclo Mestruale

In questo Articolo:Determinare il Primo Giorno di CicloNotare i Segnali dell'Inizio delle MestruazioniConoscere i Problemi Mestruali

Avere una buona conoscenza del proprio ciclo mestruale (o ciclo ovarico) permette di prendere decisioni consapevoli circa la salute e la pianificazione familiare. Spesso il ginecologo durante la visita vuole sapere qual è il primo giorno di mestruazioni; si tratta di un dato facilmente calcolabile seguendo alcuni semplici passaggi. Continua a leggere per saperne di più.

1
Determinare il Primo Giorno di Ciclo

  1. 1
    Sappi cos'è il ciclo mestruale. La donna inizia ad avere le mestruazioni quando raggiunge la pubertà e diventa fertile. Il ciclo mestruale è suddiviso in diverse fasi (follicolare, ovulazione e luteale); il primo giorno del ciclo descrive la fase luteale che prevede la perdita del rivestimento uterino ricco di sangue attraverso l'apertura vaginale; questo fenomeno è conosciuto anche come mestruazione.[1]
    • Solitamente, il ciclo ovarico avviene ogni 21-35 giorni nelle donne adulte e ogni 21-45 giorni nelle ragazze più giovani. Viene conteggiato partendo dal primo giorno di mestruazioni fino al primo giorno di quelle successive.
    • Il ciclo mestruale è collegato alle fluttuazioni dei livelli di estrogeni. Durante la prima metà del ciclo, il corpo è ricco di estrogeni (fase follicolare) e il rivestimento uterino inizia a ispessirsi per prepararsi all'impianto dell'ovulo fecondato.
    • Nella fase centrale del ciclo, l'ovaia rilascia un ovulo nelle tube di Falloppio; questa fase, conosciuta come ovulazione, è la migliore per concepire.
    • Se un ovulo rilasciato in questo periodo non viene fecondato e non si impianta nelle pareti uterine, i livelli di progesterone ed estrogeni calano; di conseguenza, l'utero perde il rivestimento ispessito durante la fase luteale.[2]
  2. 2
    Riconosci il primo giorno di ciclo. Conoscere le varie fasi del ciclo ti permette di prendere decisioni circa la tua salute e la pianificazione familiare. Per iniziare a capire qual è il primo giorno del ciclo e conoscere la lunghezza del tuo ciclo ovarico, devi cominciare a contare il numero dei giorni partendo dal primo delle mestruazioni fino al primo di quelle successive.[3]
    • Il primo giorno del tuo ciclo ovarico corrisponde esattamente al primo giorno di mestruazioni; pertanto, segnalo sul calendario con una "X".[4]
    • Il sanguinamento in media dura dai 3 ai 5 giorni, ma può variare per ogni singolo caso.[5]
    • Al settimo giorno di ciclo mestruale, l'emorragia vaginale in genere si è conclusa e le ovaie iniziano a formare i follicoli in preparazione dell'ovulazione. Questa è la conseguenza dell'aumento di estrogeni che avviene tra il quarto e settimo giorno.[6]
  3. 3
    Tieni traccia delle mestruazioni per alcuni mesi. Se annoti quando iniziano, segnando il primo giorno del ciclo, puoi conoscere l'andamento generale del ciclo ovarico e riuscire a determinare il primo giorno delle mestruazioni successive.[7]
    • In media, la maggior parte delle donne adulte ha un ciclo mestruale di 28 giorni; questo significa che passano 28 giorni tra ogni primo giorno di mestruazioni.[8]
    • Tuttavia, il ciclo mestruale può anche essere leggermente più lungo o più corto (le donne adulte tendono ad avere un ciclo che va da 21 a 35 giorni). Per questo motivo, è importante tenere traccia dei cicli mestruali per alcuni mesi, in modo da conoscerne la durata.
    • Fintanto che le tue mestruazioni avvengono con frequenza regolare, a prescindere dalla lunghezza dell'intervallo che le separa, il tuo ciclo ovarico è sano.[9]
    • Puoi annotare i cicli mestruali mettendo una nota sul calendario oppure, se preferisci, puoi usare un'applicazione per smartphone, come "Il mio calendario mestruale" o "iGyno".[10][11]
  4. 4
    Individua il primo giorno delle prossime mestruazioni. Stabilire la durata del ciclo ovarico ti aiuta a sapere in anticipo quando inizieranno le mestruazioni successive.[12]
    • Una volta che hai tenuto traccia delle mestruazioni e stabilito la durata del ciclo, puoi iniziare a segnare i dati sul calendario per individuare il primo giorno delle mestruazioni successive.
    • Per esempio, se il tuo ciclo ovarico è di 28 giorni, segnalo sul calendario (inizia dal primo giorno del prossimo sanguinamento) mettendo una "X" ogni 28 giorni; questo rappresenta il primo giorno delle mestruazioni successive.
    • Se stai prendendo la pillola anticoncezionale, solitamente il ciclo è di 28 giorni esatti, per il fatto che viene programmato dall'assunzione stessa delle pillole. In ogni confezione, infatti, sono presenti 21 pillole "attive" contenenti l'ormone e altre 7 placebo. Una volta assunte tutte le pillole ormonali, generalmente iniziano le mestruazioni, che durano 7 giorni (o meno), durante i quali devi prendere le pillole placebo.[13]
    • Se stai assumendo dei contraccettivi ormonali "in regime esteso" o "continuativo", le mestruazioni avvengono meno frequentemente. La confezione della pillola stagionale contiene 84 contraccettivi ormonali e 7 placebo. In questo modo, il ciclo ovarico avviene solo ogni 91 giorni.[14]

2
Notare i Segnali dell'Inizio delle Mestruazioni

  1. 1
    Sappi che è normale avere la sindrome premestruale (PMS). La maggior parte delle donne ne manifesta i sintomi un paio di settimane prima dell'inizio delle mestruazioni. Una volta iniziato il sanguinamento, però, tali sintomi tendono a scomparire.[15] Ogni donna presenta una PMS diversa, ma ti può essere sicuramente di aiuto prendere nota dei tuoi sintomi proprio come fai con le mestruazioni.[16]
    • Quasi tutte le donne soffrono di almeno un sintomo di sindrome premestruale, come aspetto normale del proprio ciclo ovarico.[17]
    • Tali sintomi possono essere sia di natura fisica sia emotiva.
  2. 2
    Sii consapevole degli sbalzi d'umore. Molte donne vivono crisi di pianto, ansia, cambiamenti d'umore o depressione prima dell'inizio del sanguinamento.[18] Possono anche presentare senso di spossatezza e irritabilità. Se i cambiamenti d'umore non finiscono una volta iniziate le mestruazioni o ti accorgi che interferiscono con la vita di tutti i giorni, devi farti visitare dal ginecologo.[19]
    • Per combattere la depressione e il senso di spossatezza puoi fare 30 minuti di attività fisica di intensità moderata e un allenamento di forza due o più giorni a settimana.[20]
  3. 3
    Presta attenzione ai problemi gastrointestinali. Potresti avere gonfiore addominale, costipazione, ritenzione idrica e anche diarrea prima dell'inizio delle mestruazioni; in questi giorni, quindi, potresti aumentare un po' di peso.[21] Ricorda, comunque, che i sintomi dovrebbero scomparire entro 4 giorni dall'inizio dell'emorragia vaginale; se questo non accade, devi farti visitare dal ginecologo.
    • Dovresti inoltre limitare l'assunzione di sale e fare piccoli pasti più frequenti per alleviare in parte il gonfiore e la ritenzione idrica.[22]
    • Puoi prendere un diuretico se vuoi eliminare l'eccesso di liquidi, ridurre il gonfiore e di conseguenza calare di peso.
  4. 4
    Osserva qualunque cambiamento fisico. È piuttosto comune provare dolenzia al seno, dolori muscolari o alle articolazioni e cefalea.[23] In questo caso, puoi assumere degli antidolorifici come l'ibuprofene, l'aspirina o il naprossene per alleviare un po' i sintomi.[24]
    • Anche l'acne è un sintomo fisico piuttosto frequente quando stanno per iniziare le mestruazioni.[25]
  5. 5
    Sappi quando è opportuno farsi visitare dal ginecologo. Se noti 5 o più di questi sintomi e ti rendi conto che la sindrome premestruale ti impedisce di svolgere normalmente le tue solite attività, potresti soffrire del disturbo disforico premestruale (PMDD). Il ginecologo potrebbe prescriverti degli antidepressivi, antidolorifici più forti o anche la pillola contraccettiva Yaz per gestire i sintomi.[26]
    • Se soffri di PMDD puoi anche valutare di rivolgerti a qualche terapeuta per tenere sotto controllo i sintomi emotivi.
    • Devi recarti dal ginecologo anche nel caso in cui i sintomi non scompaiano una volta iniziate le mestruazioni o cominci a notare un cambiamento nella frequenza o nell'intensità dei sintomi.

3
Conoscere i Problemi Mestruali

  1. 1
    Sappi quando è opportuno parlare con il ginecologo in merito al tuo ciclo mestruale. Se hai qualunque timore di carattere medico per quanto riguarda questo aspetto della tua vita fertile, devi assolutamente rivolgerti al ginecologo. Devi consultarlo anche se il ciclo inizia a diventare insolito o improvvisamente irregolare. Alcune questioni che devi affrontare sono:
    • Se hai compiuto 15 anni ma ancora non sono iniziate le mestruazioni devi rivolgerti al ginecologo, in quanto potresti avere uno squilibrio ormonale che coinvolge la salute in generale.[27]
    • Se le mestruazioni sono eccessivamente dolorose e hai un forte sanguinamento o questo dura più di una settimana.[28]
    • Se le mestruazioni iniziano a diventare irregolari, ritardano o hai delle perdite di sangue a metà ciclo.[29]
  2. 2
    Riconosci l'amenorrea. Consiste nella mancanza delle mestruazioni. Generalmente le donne iniziano le mestruazioni intorno ai 15 anni; se tu o tua figlia, raggiunta questa età, non avete ancora avuto il primo ciclo, dovete consultare un ginecologo.[30]
    • Se non hai le mestruazioni per più di tre mesi una volta iniziata regolarmente la vita fertile, potresti soffrire di amenorrea secondaria; questa potrebbe essere sintomo della sindrome dell'ovaio policistico.[31]
    • L'amenorrea può verificarsi anche se hai problemi di salute, in quanto il corpo non è in grado di supportare le mestruazioni regolari. Potrebbe essere un problema conseguente a uno stress eccessivo, uno squilibrio ormonale o disturbi alimentari.[32]
    • Se l'amenorrea è dovuta a disturbi ormonali, potrebbe essere a rischio la tua fertilità. Rivolgiti subito a un ginecologo, soprattutto se temi di avere la sindrome dell'ovaio policistico.[33]
  3. 3
    Impara a capire se soffri di dismenorrea. Si tratta di un problema che provoca mestruazioni terribilmente dolorose. Puoi prendere degli antidolorifici da banco, come l'ibuprofene, per alleviare i crampi, ma se la situazione persiste devi consultare il medico.[34]
    • Nelle ragazze giovani spesso la dismenorrea è dovuta all'eccessiva quantità di prostaglandine. È possibile regolare questo ormone seguendo il più possibile una dieta sana e mantenendo un peso nella norma.[35]
    • Nelle donne più adulte, tale disturbo può manifestarsi a causa di qualche problema di salute più grave, come l'endometriosi,[36] i fibromi o l'adenomiosi.[37]
  4. 4
    Riconosci un sanguinamento vaginale anomalo. Se in passato hai avuto cicli regolari, dovresti riconoscere l'aspetto normale delle mestruazioni. Presta attenzione a un'emorragia insolita o irregolare e, in questo caso rivolgiti, subito al ginecologo.
    • Se provi disagio e si verifica un sanguinamento dopo un rapporto sessuale, è un segno piuttosto significativo di una possibile malattia; in tal caso devi assolutamente parlarne con il ginecologo.[38]
    • Anche lo spotting nella fase centrale del ciclo mestruale e un forte sanguinamento durante le mestruazioni sono segnali che richiedono attenzione immediata.[39]
  5. 5
    Informati sulle cause delle mestruazioni anomale. Possono esserci diversi fattori che influiscono sul ciclo. Se vuoi cercare di mantenere le mestruazioni il più possibile normali, dovresti impegnarti per restare normopeso e farti visitare dal ginecologo per accertarti della presenza o meno di qualche possibile patologia.
    • Una disfunzione ovarica può portare a un'alterazione ormonale, che a sua volta causa mestruazioni irregolari. La sindrome dell'ovaio policistico e l'insufficienza ovarica precoce sono due esempi.[40]
    • Le anomalie nelle strutture riproduttive possono causare malattie o infezioni che portano a mestruazioni anormali. Fatti visitare dal ginecologo per verificare se soffri di endometriosi, malattia infiammatoria pelvica o fibromi uterini.[41]
    • Tra i vari fattori che incidono notevolmente sulle funzioni del corpo e che possono alterare il normale ciclo mestruale ci sono gli alti livelli di stress, un basso peso corporeo e i disturbi alimentari.[42]
  6. 6
    Vai dal ginecologo. Dovresti sottoporti ogni anno a un esame pelvico per essere certa che eventuali irregolarità nel ciclo ovarico vengano diagnosticate il prima possibile. Tieni traccia delle mestruazioni e monitora i sintomi per aiutare il ginecologo a formulare diagnosi corrette ed, eventualmente, sottoporti a delle cure adeguate.[43] Lo specialista potrebbe prescriverti dei contraccettivi oppure ormoni progestinici per uso orale per gestire le irregolarità mestruali.[44]

Consigli

  • Se ti limiti a contare dal primo giorno delle mestruazioni fino al primo delle successive, non puoi determinare con esattezza la durata del ciclo ovarico. Devi prendere nota di questo dato per diversi mesi e valutare la durata media; potrai quindi usare questi elementi per fare delle programmazioni.
  • Quando si sta per avvicinare il primo giorno di mestruazioni, dovresti anche iniziare a notare dei cambiamenti d'umore e altri sintomi della sindrome premestruale.

Avvertenze

  • Rivolgiti al ginecologo se noti un cambiamento improvviso nel ciclo mestruale o se inizi a provare dei dolori addominali lancinanti durante le mestruazioni.

Riferimenti

  1. http://www.womenshealth.gov/publications/our-publications/fact-sheet/menstruation.html
  2. http://www.womenshealth.gov/publications/our-publications/fact-sheet/menstruation.html
  3. http://www.womenshealth.gov/publications/our-publications/fact-sheet/menstruation.html
  4. http://www.womenshealth.gov/publications/our-publications/fact-sheet/menstruation.html
  5. http://www.womenshealth.gov/publications/our-publications/fact-sheet/menstruation.html
  6. http://www.womenshealth.gov/publications/our-publications/fact-sheet/menstruation.html
  7. http://www.womenshealth.gov/publications/our-publications/fact-sheet/menstruation.html
  8. http://www.womenshealth.gov/publications/our-publications/fact-sheet/menstruation.html
  9. http://www.womenshealth.gov/publications/our-publications/fact-sheet/menstruation.html
Mostra altro ... (35)

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 13 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Salute Donna

In altre lingue:

English: Determine First Day of Menstrual Cycle, Español: determinar el primer día de tu ciclo menstrual, Português: Determinar o Primeiro Dia do Seu Ciclo Menstrual, Русский: определить первый день менструального цикла, Français: déterminer le premier jour de ses règles, Bahasa Indonesia: Menentukan Hari Pertama Siklus Menstruasi, Deutsch: Den ersten Tag deines Menstruationszyklus feststellen, العربية: تحديد اليوم الأول من أيام دورة الطمث

Questa pagina è stata letta 52 878 volte.
Hai trovato utile questo articolo?