Come Calcolare il Rischio Relativo

Il rischio relativo è un termine statistico utilizzato per indicare il numero di volte in cui un determinato evento si verifica in un gruppo rispetto a un altro. Viene generalmente impiegato nell'epidemiologia clinica e nella medicina basata sulle prove di efficacia per determinare il rapporto tra l'incidenza negli esposti e nei non esposti al medesimo fattore di rischio (cioè a un farmaco, a una cura o a un fattore ambientale). Questo articolo ti mostrerà come calcolarlo.

Passaggi

  1. 1
    Disegna una tabella 2x2. Questa è la base per molti calcoli epidemiologici.
  2. 2
    Calcola il rischio relativo usando la tabella 2X2.
    • La formula generale per calcolare il rischio relativo usando una tabella 2x2 è:
    • Possiamo calcolare il rischio relativo utilizzando il nostro esempio:
    • Pertanto il rischio relativo di contrarre il cancro ai polmoni a causa del fumo è pari a 3.
  3. 3
    Interpreta i risultati del rischio relativo.
    • Se il rischio relativo = 1, c'è assenza di associazione tra fattore di rischio e malattia.
    • Se il rischio relativo < 1, esiste un'associazione inversa, cioè la probabilità di contrarre la malattia è inferiore per gli esposti al fattore di rischio.
    • Se il rischio relativo > 1, esiste un'associazione, cioè la probabilità di contrarre la malattia è maggiore per gli esposti.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Matematica
Questa pagina è stata letta 9 226 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità