Come Calcolare il Valore Intrinseco

5 Parti:Comprendere i Concetti di Base degli InvestimentiUsare il Dividend Discount ModelConsiderare il Modello di Crescita di GordonApplicare la Formula dei Residui AttiviApplicare il Metodo del Flusso Monetario Scontato

Molti analisti ritengono che il prezzo di mercato di una particolare azione non rappresenti il valore reale di un'azienda. Questi studiosi della finanza usano il concetto di valore intrinseco per stabilire se il prezzo dell'azione è sottostimato rispetto al volume d'affari della società. Ci sono quattro formule che vengono ampiamente usate per calcolare questo parametro; tali formule tengono in considerazione il denaro e le entrate dell'azienda, oltre ai dividendi pagati agli azionisti.

Parte 1
Comprendere i Concetti di Base degli Investimenti

  1. 1
    Osserva un investimento di tua scelta. Il valore intrinseco si usa per misurare il valore reale di un investimento, è quindi importante comprendere i concetti basilari di questo settore. Un'azienda ha due modi per procurarsi il denaro con cui fare affari: può emettere delle azioni oppure delle obbligazioni (bond).
    • Le aziende emettono delle azioni ordinarie vendendo parte della proprietà dell'azienda stessa. Quando compri un'azione, diventi uno dei proprietari (investitori) della società; la tua quota di azioni rappresenta una piccola percentuale della proprietà.[1]
    • Un'obbligazione rappresenta il debito della compagnia. Gli investitori che comprano i bond sono considerati creditori nei confronti dell'azienda e in quanto tali ricevono gli interessi - in genere due volte all'anno - mentre il capitale investito viene restituito alla scadenza del titolo.[2]
  2. 2
    Valuta come diventa redditizia una società. Il valore intrinseco si basa sulla capacità dell'azienda di generare un flusso di cassa in entrata e di realizzare un profitto; quando il fatturato (o le vendite) è maggiore dei costi, l'azienda genera profitto.[3]
    • Nella lettura di questo articolo puoi considerare i profitti e le entrate come la stessa cosa.
    • Le aziende devono usare il denaro per comprare le scorte di magazzino, pagare le retribuzioni e farsi pubblicità; questo tipo di costi è considerato un'uscita di cassa.
    • Quando i clienti pagano per un bene o un servizio, l'azienda ottiene un ingresso di cassa; la capacità di generare entrate superiori alle uscite indica una compagnia sana.[4]
  3. 3
    Scegli un'opzione di investimento. Gli investitori ne hanno a centinaia fra cui scegliere; ad esempio, un obbligazionista si aspetta che gli venga corrisposto un certo interesse (cedola).
    • Un azionista è interessato a veder aumentare il valore delle azioni nel corso del tempo o a ricevere una quota dei guadagni sotto forma di dividendi.
    • Le formule del valore intrinseco fanno delle supposizioni in merito alla percentuale di guadagno richiesta dall'investitore.
    • Puoi considerare questa percentuale come il ritorno minimo che l'investitore si aspetta. Se l'investimento non soddisfa tali requisiti, si dà per scontato che la persona non dovrebbe procedere con l'operazione finanziaria.[5]

Parte 2
Usare il Dividend Discount Model

  1. 1
    Comprendi la definizione. Il dividend discount model (DDM) considera il valore in valuta corrente dei dividendi pagati agli investitori. Questo modello prende in considerazione anche il tasso di crescita previsto del dividendo. I dividendi vengono scontati del loro valore attuale usando il tasso di sconto. Se dal dividend discount model si evince che il valore dell'azione è maggiore rispetto all'attuale prezzo di mercato, quest'ultimo viene considerato sottostimato. La formula DDM è: (Dividendo per quota) / (Tasso di sconto -Tasso di crescita del dividendo).[6]
  2. 2
    Considera il tasso di crescita per i dividendi. Il dividendo è il pagamento dei profitti di un'azienda ai suoi investitori. Se ci si aspetta che i profitti aumentino, gli analisti possono supporre che anche i dividenti saranno maggiori; dovresti considerare un tasso di crescita per la formula DDM.[7]
    • Supponi che la compagnia abbia guadagnato $ 1.000.000 durante l'anno. L'azienda decide di pagare $ 500.000 agli investitori sotto forma di dividendi.
    • Se la società ha emesso 500.000 azioni ordinarie, dovrà pagare 1 dollaro di dividendi per ciascuna azione.
    • Considera che la società guadagni $ 2.000.000 nell'anno successivo. Viene deciso di pagare una quantità maggiore di dividendi, ad esempio $ 1.000.000. Il numero delle azioni ordinarie emesse è sempre 500.000, il che significa che gli investitori ricevono $ 2 per ogni azione in loro possesso.
  3. 3
    Applica il tasso di sconto. Si tratta di un dato percentuale che viene utilizzato per scontare i pagamenti futuri in base al valore attuale della valuta presa in considerazione, tenendo cioè conto dell'inflazione; in questo modo, gli analisti possono confrontare due dati simili del flusso di cassa, che però appartengono a differenti momenti temporali.[8]
    • Ricorda che, per questa formula, il tasso di sconto è la percentuale di guadagno richiesta dall'investitore, che dovrebbe tener conto della stabilità del pagamento del dividendo. Ad esempio, se il pagamento del dividendo è incostante, il tasso di sconto dovrebbe essere più elevato.
    • Supponi di voler ricevere $ 100 di pagamento in cinque anni e che il tasso di sconto per ciascun anno sia del 3%.[9]
    • Puoi usare una tabella del valore attuale per determinare il fattore per i $ 100 ricevuti in cinque anni con un tasso di sconto del 3%. In questo caso, il fattore è 0,86261 (il dato può variare leggermente in base alla tabella o al calcolatore utilizzato, a causa dell'arrotondamento).[10]
    • Il valore attuale del pagamento è: ($ 100 x 0,86261 = $ 86,26).
  4. 4
    Inserisci le supposizioni nella formula DDM. Questa è: (Dividendo per quota) / (Tasso di sconto -Tasso di crescita del dividendo). Il dividendo per quota è la quantità di denaro di un dividendo pagato per ciascuna quota di azioni ordinarie; considera che tale valore sia pari a $ 4 per quota.
    • Il tasso di sconto è il tasso di guadagno richiesto dall'investitore; consideralo pari al 12%.
    • Supponi che la percentuale di crescita annua del dividendo sia del 4%.
    • La formula DDM diventa quindi ($ 4 / (12% - 4%) = $ 50). Se il prezzo attuale di mercato dell'azione è meno di $ 50 per quota, la formula indica che il prezzo è sottostimato; in altri termini, il valore intrinseco dell'azione è maggiore del suo prezzo attuale.

Parte 3
Considerare il Modello di Crescita di Gordon

  1. 1
    Analizza il concetto di rendita crescente a rate perpetue. Molte aziende riescono a vendere e quindi a guadagnare sempre di più con il passare del tempo; se i profitti aumentano, l'azienda può pagare dividendi più alti agli azionisti.
    • Il modello di crescita di Gordon suppone che i dividendi cresceranno per sempre seguendo uno specifico tasso.[11]
    • La formula è: (Dividendo atteso per quota in un anno a partire da oggi) / (Percentuale di guadagno richiesta dall'investitore – Tasso di crescita dei dividendi a rate perpetue).
  2. 2
    Ricorda che una società può decidere di distribuire i profitti pagando i dividendi agli azionisti, oppure può valutare di tenerli e reinvestirli nuovamente nell'azienda. In questo secondo caso, si parla di profitti non distribuiti. Il totale dei profitti non distribuiti di una società corrisponde alla differenza fra tutte le entrate e i dividendi pagati dall'inizio degli affari.[12]
  3. 3
    Fai delle supposizioni per quanto riguarda le variabili della formula. Considera che il dividendo annuale atteso per quota sia di $ 5; la percentuale di guadagno richiesta dall'investitore per un'azione è pari al 10%. Supponi che il tasso di crescita del dividendo in rate perpetue sia del 2%.
  4. 4
    Utilizza la formula per calcolare il valore intrinseco. Secondo il modello di crescita di Gordon dovrebbe essere: ($ 5 / (10% - 2%) = $ 62,50). Il valore intrinseco dell'azione è $ 62,50, secondo questo modello. Se il prezzo di mercato attuale è inferiore a $ 62,50, la formula permette di capire che l'azione è sottostimata.

Parte 4
Applicare la Formula dei Residui Attivi

  1. 1
    Cerca il valore contabile dell'azione ordinaria. Questo viene definito come differenza fra il patrimonio dell'azienda e le passività; può anche essere definito come il capitale proprio dell'azienda. Se una società vende tutto il patrimonio e usa la liquidità disponibile per pagare tutti i debiti, il denaro restante è considerato il capitale proprio (valore contabile).[13]
  2. 2
    Comprendi il concetto di valore residuo. Un'azienda possiede un valore contabile come punto di partenza. La formula aggiunge poi le nuove entrate (quelle attese) generate dal volume d'affari al di sopra della percentuale di guadagno richiesta.
    • In pratica, aggiunge dell'ulteriore valore a quello contabile dell'azione.
    • Se l'azienda è in grado di aumentare i profitti con un tasso maggiore rispetto a quello richiesto, si tratta di una società con maggior valore.
    • Se il calcolo del valore intrinseco porta a un risultato maggiore rispetto al prezzo di mercato, l'azione è sottostimata.
  3. 3
    Aggiungi il valore residuo. Questa formula ha due componenti: il valore contabile attuale del patrimonio sommato al valore attuale del futuro residuo attivo.[14]
    • Per esempio, supponi che un'azienda guadagnerà per sempre $ 1 per quota e che pagherà tutti i profitti sotto forma di dividendi, cioè $ 1 ad azione. Il capitale investito (valore contabile) è di $ 6 a quota. Dato che i guadagni e i dividendi si elidono fra loro, il valore contabile futuro resta sempre di $ 6. La percentuale richiesta di guadagno sul patrimonio (o la percentuale di costo sul patrimonio) è del 10%.
    • Calcola il residuo attivo annuale con la formula , dove = residuo attivo per i periodi futuri, = percentuale di guadagno richiesta sul patrimonio, = profitto netto nel periodo considerato.
    • Se il profitto netto è di $ 1 all'anno, il valore contabile è sempre $ 6 e la percentuale di guadagno è del 10%, il residuo attivo annuale è .
    • Il valore attuale per il residuo attivo futuro è .
    • Il valore intrinseco è quello contabile sommato a quello presente del residuo attivo futuro; di conseguenza, l'equazione è: .
    • Il valore intrinseco è $ 10,00.

Parte 5
Applicare il Metodo del Flusso Monetario Scontato

  1. 1
    Impara la formula. Quella per il metodo del flusso monetario scontato è: .[15]
    • = valore attuale;
    • = flusso monetario per l'anno "i";
    • = tasso di sconto;
    • = flusso monetario dell'anno finale;
    • = tasso di crescita in rate perpetue supposto dopo l'ultimo anno;
    • = numero degli anni considerati, incluso l'ultimo.
    • Per capire la formula, devi avere chiaro il concetto di flusso monetario libero (flusso di cassa da attività operative e da attività di investimento al netto del pagamento di dividendi e degli aumenti di capitale), di spese per capitale e di costo medio ponderato del capitale.
  2. 2
    Considera il flusso monetario libero. Si tratta della differenza fra il flusso di cassa da attività operative e le spese per capitale. Il flusso di cassa da attività operative è rappresentato da entrate e uscite generate dagli affari quotidiani e include l'acquisto delle scorte di magazzino, il pagamento degli stipendi e gli introiti provenienti dai clienti.[16]
    • Una spesa per capitale rappresenta il denaro utilizzato per un bene come un macchinario o un'attrezzatura; pensa ai beni che utilizzerai per portare avanti la tua attività nel corso degli anni.
    • Le aziende di successo sono in grado di generare la maggior parte del denaro attraverso le attività operative; ad esempio, se produci e vendi dei jeans in denim, la vendita dei pantaloni è la tua principale fonte di ingressi.
    • Se hai un flusso monetario libero, hai la flessibilità di spendere del denaro in un settore in cui puoi sviluppare le vendite e quindi i profitti. Se, ad esempio, un'azienda concorrente è in vendita, un'altra può utilizzare il proprio flusso monetario libero per comprarla ed espandersi.
  3. 3
    Ripassa il concetto di costo medio ponderato del capitale. Il capitale rappresenta il denaro che raccogli per avviare l'impresa. Se hai emesso delle azioni per gli investitori, questi si aspettano una certa percentuale di guadagno in base al capitale investito; gli obbligazionisti vogliono invece che venga pagata loro una cedola per aver acquistato il debito.[17]
    • L'emissione di obbligazioni e azioni ha dei costi a cui si fa riferimento come costo del capitale.
    • Se il profitto che ti aspetti di generare per un progetto è maggiore del costo di capitale, ha senso raccogliere dei fondi per finanziarlo.
    • Il metodo del flusso monetario scontato usa la formula del costo medio ponderato del capitale.
  4. 4
    Inserisci i valori supposti nella formula del flusso monetario scontato. Considera ad esempio la valutazione del 2012 dell'azienda Sun Microsystems. Le azioni sono state scambiate a $ 3,25, ma il tasso di crescita nel lungo termine è stato stimato al 13%; questo significa che l'azione è stata valutata a $ 5,50 e, di conseguenza, il prezzo di mercato di $ 3,25 rappresenta un ottimo affare.[18]
    • Le variazioni del tasso di crescita e di quelli d'interesse hanno un grande impatto sulla valutazione.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Matematica | Business

In altre lingue:

English: Calculate Intrinsic Value, Español: calcular el valor intrínseco, Français: calculer la valeur intrinsèque, Português: Calcular o Valor Intrínseco, Bahasa Indonesia: Menghitung Nilai Intrinsik

Questa pagina è stata letta 1 022 volte.

Hai trovato utile questo articolo?