Come Cambiare Carriera Dopo i 50 Anni

Cambiare lavoro dopo i 50 anni era una volta impensabile, ma con il grande cambiamento che ha interessato le norme sociali e l'economia, un numero sempre maggiore di cinquantenni ritiene necessario o preferibile rivoluzionare la propria vita lavorativa. Qualunque sia il motivo alla base di questa decisione, è importante prepararsi al nuovo mercato lavorativo, che ha probabilmente subito modifiche radicali dall'ultima volta in cui hai cercato un impiego.

Parte 1 di 3:
Prendere la Decisione

  1. 1
    Prenditi tutto il tempo necessario. La decisione di cambiare lavoro toccherà probabilmente la tua sicurezza finanziaria e la tua qualità di vita fino alla pensione, quindi dovresti prenderti tutto il tempo che ti serve per giungere a una conclusione saggia.
    • Se hai un impiego altrove, non lasciare il lavoro o annunciare i tuoi progetti fino a quando non avrai elaborato con certezza un nuovo piano professionale. Se non dovessi riuscire a trovare un altro impiego, il tuo datore di lavoro potrebbe considerarti inaffidabile, inoltre i dipendenti sotto la tua supervisione potrebbero vedere con occhi diversi i tuoi ordini.
  2. 2
    Valuta la tua situazione. La decisione di cambiare lavoro a questa età potrebbe essere dovuta a diversi motivi: avere un nuovo stile di vita, ottenere una paga più alta, rimandare la pensione o seguire obiettivi professionali a cui ambisci da sempre. Indipendentemente dalla scelta che farai, assicurati che sia economicamente sostenibile.
    • Considera il fattore scatenante di queste riflessioni. Se non ti trovi bene con i tuoi colleghi, il tuo capo o nella tua azienda, cambiare il luogo di lavoro potrebbe bastare a garantirti una maggiore soddisfazione rispetto a un cambiamento radicale di professione. Quest'ultimo può essere preferibile se pensi invece che la situazione attuale non ti permetta di adoperare appieno le tue competenze o sia generalmente insoddisfacente [1].
    • La maggior parte dei lavoratori va in pensione intorno ai 70 anni [2], quindi hai meno di 20 anni per mettere da parte un gruzzoletto. Cambiare lavoro implica la possibilità di sacrificare l'anzianità (e la relativa paga) perché avvierai la nuova professione in posizione junior [3]. Considera se cambiando carriera sacrificherai la tua stabilità finanziaria.
    • Se il tuo lavoro attuale non ti permetterà di avere libertà finanziaria durante la pensione, una nuova professione potrebbe fare al caso tuo [4].
    • Se di recente ti sei ritrovato senza lavoro a causa di tagli o ragioni che sfuggono al tuo controllo, può essere il momento giusto per valutare altre possibilità, a condizione che tu possa vivere senza entrate mentre acquisisci i titoli necessari e cerchi un nuovo impiego. Considera se il tuo precedente datore di lavoro offre servizi di consulenza professionale in caso di licenziamento: può esserti utile mentre esamini le varie possibilità.
  3. 3
    Parlane con i tuoi cari. Discuterne con amici fidati, familiari o mentori ti permette di valutare la situazione sotto diversi punti di vista. Ciò non solo può aiutarti a capire meglio se cambiare carriera fa al caso tuo, ma anche a valutare possibili alternative.
    • Amici e parenti che hanno a cuore il tuo benessere economico (come coniuge, figli a carico o eredi) potrebbero non avere opinioni neutrali, ma potrebbero comunque darti idee che non hai ancora considerato.
    • Un mentore neutrale può valutare la tua situazione con maggiore efficienza e darti delle opinioni lucide. Prova a contattare un consulente professionale. Se sei laureato, chiama l'ufficio di orientamento della tua università e chiedi se è possibile fissare un incontro di persona o su Skype.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Scegliere il Nuovo Percorso

  1. 1
    Considera le tue esperienze, qualifiche e competenze. Il tuo futuro percorso professionale dovrebbe sfruttare al massimo le tue abilità e darti l'opportunità di svolgere un lavoro che ami, offrendoti allo stesso tempo sicurezza finanziaria durante la terza età.
    • La maggior parte delle persone che intraprende una nuova carriera dopo i 50 anni sceglie il settore dell'istruzione, della sanità, del governo o del non profit [5]. Ovviamente non sono le tue uniche opzioni, ma possono esserti utili per avviare la ricerca.
    • Mentre soppesi le varie possibilità, dai un'occhiata a questo articolo per aiutarti a scegliere la professione giusta.
  2. 2
    Stabilisci se ti servono più titoli, formazione o certificati. I cambiamenti professionali più importanti possono richiedere titoli che magari non hai. Se il processo dovesse essere molto costoso o portarsi via troppo tempo, cerca di capire se ne varrà la pena.
    • Per esempio, se non hai già un titolo avanzato, ma desideri diventare un docente universitario, dovrai fare dottorato e tirocinio, quindi saranno necessari diversi anni prima di conseguire una certa sicurezza professionale. Superata una determinata età, potrebbe non essere fattibile o pratico guadagnare poco o indebitarsi per cambiare professione.
    • Altri cambiamenti professionali, dall'insegnamento all'amministrazione scolastica, richiedono in genere meno titoli.
  3. 3
    Pensa ad altri ostacoli che potresti trovare sul cammino. Intraprendere una nuova professione dopo i 50 anni può comportare svantaggi e sfide inaspettate, che possono variare a seconda del settore, quindi rivolgiti a un consulente attendibile per parlare del campo che stai considerando.
    • Preparati a possibili discriminazioni durante il processo di assunzione. Esiste il divieto di discriminare qualcuno per l'età, ma succede. Gli annunci di lavoro spesso dichiarano implicitamente che l'azienda è in cerca di giovani dipendenti usando termini come "energico" o "dinamico". Alcune imprese, come Facebook, tendono ad assumere solo giovani, infatti i dipendenti hanno in media 28 anni [6].
    • Pur avendo ottenuto un lavoro, tenderai a essere considerato meno esperto dal punto di vista tecnologico soltanto a causa della tua età [7]. Puoi risolvere almeno in parte il problema ritoccando la tua presenza virtuale e facendo corsi mirati per certi software o hardware necessari nel campo prescelto.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Promuoversi per un Nuovo Lavoro

  1. 1
    Preparati alla ricerca. Forse sono passati anni dall'ultima volta in cui hai aggiornato il curriculum, quindi avere tutto in ordine è fondamentale prima di candidarsi.
    • In genere la candidatura viene fatta online, quindi ti servono una connessione a internet veloce e la capacità di caricare i documenti necessari.
    • Ti servirà una lettera di presentazione per ogni lavoro al quale ti candiderai. Scrivere può portarsi via molto tempo: per accelerare il processo, usa una lettera generica che possa essere adattata in base alle caratteristiche e alle responsabilità specifiche del lavoro scelto.
    • Ti servirà un curriculum aggiornato con tutte le posizioni che hai rivestito. Se stai per cambiare settore o sei alla ricerca di un lavoro molto diverso da quelli passati, potresti redigere un CV funzionale piuttosto che cronologico. Questo tipo di curriculum sottolinea le tue competenze, spiegando perché sei qualificato per un dato impiego.
  2. 2
    Dai una ritoccata alla tua presenza virtuale. Sempre più datori di lavoro cercano candidati su internet, o almeno esaminano potenziali candidati dando un'occhiata online. La tua presenza virtuale altro non è se l'impressione che gli altri hanno di te quando leggono informazioni sul tuo conto pubblicate online.
    • Per iniziare, vai su www.google.com, il principale motore di ricerca, quindi digita il tuo nome fra virgolette seguito dal posto in cui vivi (esempio: "Gianni Bianchi" Roma). Se hai un nome molto comune, può essere necessario aggiungere ulteriori dettagli, come il tuo precedente datore di lavoro ("Gianni Bianchi università di Roma"). Se non dovesse comparire alcun risultato pertinente sulle prime due pagine, non hai presenza virtuale e devi avviarne una da zero.
    • A seconda del tuo campo professionale, non avere alcuna presenza virtuale può dare l'impressione che tu non sia aggiornato. Se la carriera che stai considerando ha a che vedere con la tecnologia, inizia a elaborare una forte presenza virtuale.
    • Per cominciare, apri un account su Facebook, Twitter, LinkedIn e Google+. Quando configuri la privacy, fai in modo che il tuo profilo appaia nei risultati sui motori di ricerca. Al momento di scegliere le immagini, usa solo quelle di impronta professionale e che ti valorizzino. Tutte le fotografie o i dettagli personali, poco professionali o tutt'altro che lusinghieri vanno mantenuti privati configurando correttamente le impostazioni (o, meglio ancora, non condividendo affatto materiali compromettenti). Crea pubblicazioni visibili a tutti correlate a tematiche attuali nel tuo campo.
    • Prova ad aprire un sito web. Se il tuo nome è disponibile per creare un dominio, puoi registrarlo e svilupparlo in un sito web professionale usando un hosting come www.wordpress.org. Leggi questo articolo per saperne di più su come aprire e progettare una pagina online.
  3. 3
    Cerca posti vacanti. Il processo di selezione professionale è cambiato molto negli ultimi anni, infatti sempre più aziende sono passate al web per pubblicare annunci e ricevere curriculum.
    • Fai networking online e nella vita reale; infatti, per trovare lavoro, chi conosci è tanto importante quanto quello che sai. Facebook e LinkedIn sono ottimi punti di partenza.
    • Prova a usare siti web specifici per trovare lavoro nel campo che ti interessa. Puoi anche utilizzare siti più generici e su larga scala come www.indeed.com o www.monster.com, che di solito pubblicano annunci di tutti i settori.
  4. 4
    Promuovi te stesso. Mentre ti prepari per un lavoro, ricorda che stai vivendo in un mercato molto competitivo. Avendo superata una certa soglia di età, dovrai impegnarti a fondo per dimostrare di essere il candidato migliore per un impiego.
    • Pur avendo superato i 50 anni e trovandoti in un mercato piuttosto competitivo, ricorda che avrai sempre un vantaggio non indifferente rispetto a concorrenti più giovani, ovvero la tua esperienza. Nelle lettere di presentazione e nel curriculum devi sempre elencare le competenze che hai acquisito negli anni e le responsabilità che ti sono state date.
    • Dimostra anche la tua versatilità. Dal momento che stai cambiando carriera, dimostra che il lavoro svolto in passato ti ha preparato per l'impiego che stai cercando, sebbene sia diverso.
    • Prenditi tutto il tempo che ti serve e aspetta che arrivi l'opportunità giusta. Non lasciare un impiego stabile senza una ragione plausibile. Se proprio vuoi cambiare lavoro, aspetta che arrivi l'opportunità che sognavi. La pazienza ti ripagherà alla fine della ricerca.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Il Mondo del Lavoro
Questa pagina è stata letta 16 475 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità