Come Cambiare un Assorbente

Questo articolo ti insegna a cambiare e a buttare senza problemi un assorbente usato.

Parte 1 di 2:
Togliere un Assorbente Usato

  1. 1
    Portane uno pulito in bagno. Questa stanza offre molta intimità, un lavandino in cui lavarsi le mani e la carta igienica, nel caso ne avessi bisogno. Puoi anche cambiarti in un altro posto privato (come la tua stanza da letto), ma il bagno è più comodo.
    • Lava le mani prima di cambiare l'assorbente; devono essere pulite quando maneggi quello nuovo.
    • Dovresti cambiarti ogni 3-4 ore, a meno che il flusso non sia molto abbondante; in questo caso, devi sostituire l'assorbente con maggiore frequenza.[1]
    • Se non lo cambi tempestivamente, l'assorbente inizia a emettere un cattivo odore; quando è molto inzuppato perché è stato indossato troppo a lungo, può anche causare eruzioni cutanee o screpolature, oltre a un accumulo di batteri che possono potenzialmente innescare un'infezione.[2]
  2. 2
    Abbassa i pantaloni o la gonna, la biancheria intima e siediti o accovacciati sul water. Il sangue mestruale potrebbe continuare a scorrere mentre cambi l'assorbente; lasciandolo cadere nel WC, eviti di sporcare il corpo e i vestiti.
    • Controlla che le mutandine e i pantaloni non siano in contatto con la parte esterna del water quando li abbassi.
  3. 3
    Rimuovi l'assorbente afferrandolo con due dita per un bordo pulito e tirandolo via dagli slip. Se l'assorbente ha le ali, devi staccarle per prime. È più facile prenderlo per il bordo anteriore o posteriore e tirare – dovrebbe separarsi dalla biancheria intima senza difficoltà.
  4. 4
    Arrotola l'assorbente in modo che la parte adesiva resti verso l'esterno e la superficie sporca all'interno. La colla dovrebbe far aderire l'assorbente a se stesso, evitando che si riapra. Avvolgilo come se fosse un sacco a pelo, ma senza stringere troppo, non vuoi certo che fuoriesca del sangue!
  5. 5
    Apri quello pulito e usa il suo involucro per contenere quello usato. Questa procedura permette di ridurre la quantità di rifiuti prodotti ed è un metodo perfetto per contenere l'assorbente vecchio. In alternativa, puoi utilizzare della carta igienica. Questa accortezza impedisce all'assorbente di srotolarsi ed è inoltre un gesto di cortesia nei confronti della persona che userà il bagno dopo di te o che deve svuotare il cestino.
  6. 6
    Getta l'assorbente nella spazzatura – non scaricarlo mai nel WC. Questi prodotti non si dissolvono come la carta igienica, sono troppo spessi e assorbenti per essere smaltiti nel water. Se lo fai, corri il rischio di intasare le tubature, con la conseguenza di un grande, costoso e imbarazzante problema da risolvere.[3]
    • Se non c'è un cestino della spazzatura nello scompartimento del bagno (di solito puoi trovare un contenitore a terra o fissato alla parete), porta semplicemente l'assorbente usato con te e gettalo il prima possibile. È molto probabile che ci sia una pattumiera vicino al lavandino.
    • Se hai degli animali in casa, ricorda di gettare gli assorbenti in un bidone con coperchio, perché potrebbero essere attirati dall'odore e toglierli dalla spazzatura; potrebbero strapparli, causando parecchio disordine oppure ingerire parte dell'assorbente, ponendo a rischio la propria vita.
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Mettere un Assorbente Pulito

  1. 1
    Verifica di usare l'assorbente corretto. Le donne hanno a disposizione molti modelli differenti. La quantità di sangue presente sull'assorbente usato è un buon indicatore del flusso e ti fa capire se è leggero, normale o abbondante. Dovresti anche considerare quali attività stai per svolgere. Dovrai restare seduta in classe o giocare a pallacanestro? Ci sono assorbenti specifici per quasi ogni occasione.
    • Se stai per coricarti, indossa un modello per la notte; offre la massima assorbenza ed è più lungo, per evitare perdite quando sei sdraiata sulla schiena.
    • Gli assorbenti con le ali garantiscono una sicurezza maggiore, perché mantengono fermo l'assorbente e sono molto utili, soprattutto se prevedi di impegnarti in qualche attività fisica.
    • Se sei nell'ultima fase delle mestruazioni e hai un flusso molto leggero, valuta i salvaslip, dei piccoli assorbenti molto sottili che proteggono la biancheria intima dalle macchie.
  2. 2
    Togli la striscia di carta che si trova sul retro dell'assorbente. In questo modo, esponi la parte adesiva che deve attaccarsi agli slip. Se l'assorbente ha le ali, aspetta a rimuovere la pellicola che le protegge finché non hai fatto aderire l'assorbente stesso sulle mutande.
  3. 3
    Premilo in mezzo agli slip, accertandoti che sia ben centrato e che l'adesivo si sia attaccato al tessuto. Devi prestare attenzione che l'assorbente non sia troppo in avanti o troppo indietro rispetto alla biancheria intima; la porzione centrale dovrebbe essere allineata con l'apertura vaginale.[4] La forma stessa dell'assorbente dovrebbe darti un'idea di come adattarlo alle mutandine.
    • Se ci sono le ali, togli la pellicola per esporre la parte adesiva e avvolgile attorno al tessuto della biancheria.
    • Se sei sdraiata supina o seduta, dovresti far scivolare l'assorbente leggermente indietro verso il sedere.
    • All'inizio potresti avere qualche perdita, ma man mano che ti abitui a usare gli assorbenti e a gestire le mestruazioni, hai un'idea più chiara della posizione corretta.
  4. 4
    Alzati, solleva gli slip e controlla che tutto sia in ordine. Accertati che l'assorbente sia comodo, che non sia troppo in avanti o indietro; se non ti senti a tuo agio, devi spostarlo oppure ricominciare da capo con uno nuovo.
    • Prima di sollevare la biancheria intima, dovresti asciugarti con della carta igienica o una salviettina umidificata per sentirti pulita e fresca.
  5. 5
    Lava le mani prima di uscire dal bagno. Potresti essere entrata in contatto con dei batteri durante il cambio o mentre ti asciugavi, per questa ragione lavale con acqua calda e sapone.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 18 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Questa pagina è stata letta 8 061 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità