Come Capire Perchè le Persone Decidono di Rubare

Scritto in collaborazione con: Paul Chernyak, LPC

In questo Articolo:Aspetti PatologiciAspetti Non PatologiciSuperare l'Esperienza di un Furto15 Riferimenti

La maggior parte della gente sa che è sbagliato rubare, eppure i furti avvengono quotidianamente. Se recentemente ti è stato rubato qualcosa, probabilmente farai fatica a capire perché ti è toccato subire questo genere di prepotenza. La gravità dell'azione può variare dal "semplice" borseggio all'usare una identità falsa allo scopo di truffare innumerevoli clienti ignari. Per avere un'idea più chiara del motivo per cui una persona sceglie di rubare, prova a comprendere le intenzioni che la spingono a questo gesto.

Parte 1
Aspetti Patologici

  1. 1
    Riconosci i segni della cleptomania. La cleptomania è un disturbo del controllo degli impulsi che induce un soggetto a rubare ripetutamente oggetti di cui non ha bisogno o che hanno poco valore. Non è detto che un cleptomane arrivi a rubare per il bisogno di qualcosa o la mancanza di mezzi. Piuttosto, asseconda un comportamento compulsivo che gli procura una scarica di adrenalina.[1][2]
    • Le persone affette da questo disturbo non rubano per interesse personale. Di solito, non progettano il colpo né collaborano con altri per portarlo a termine. In realtà, l'impulso sorge spontaneamente. Possono rubare tanto nei luoghi pubblici, come in negozio, quanto in casa di amici e familiari.
    • Se conosci qualcuno che non riesce a smettere di rubare, suggeriscigli di consultare un medico. La cleptomania può essere curata con la psicoterapia e i farmaci.
    • Potresti dirle: "Ho notato che hai preso qualcosa in quel negozio. So che avevi i soldi, quindi immagino che lo hai fatto per il desiderio di rubare. Temo che tu possa metterti nei guai, quindi ti conviene parlare con un professionista. Sono disposto ad accompagnarti se vuoi".
  2. 2
    Riconosci quando il furto è connesso a una dipendenza. Un cleptomane ruba semplicemente per avere una scarica di adrenalina, senza pensare al valore degli oggetti sottratti. Al contrario, altre forme patologiche di furto sono indotte da dipendenze. Infatti, questo gesto – insieme alle difficoltà economiche – viene spesso considerato uno dei segnali d'allarme di una dipendenza.
    • Chi ha problemi di tossicodipendenza o ludopatia può sottrarre soldi a parenti, amici e colleghi per finanziare la sua dipendenza. Anche la menzogna è un elemento che caratterizza questo tipo di furto. Quindi, una volta messa di fronte al suo gesto, è probabile che neghi di avere un problema.[3]
    • Tra gli altri segnali che indicano dipendenza considera il fatto di entrare in nuovi giri di amicizie, trascurare quelle esistenti, incorrere in problemi legali, avere difficoltà nello studio e sul lavoro e rovinare i rapporti interpersonali.[4]
    • Se sospetti che una persona di tua conoscenza abbia rubato per finanziare la sua dipendenza, spronala immediatamente a cercare l'aiuto di un professionista. Prova ad avvicinarti e chiederle: "Ultimamente hai cambiato atteggiamento. Ti sei allontanato dai tuoi amici e non riesci a gestire i soldi. Temo che tu abbia un problema di tossicodipendenza".
    • Se nega di fare uso di sostanze stupefacenti, potresti organizzare un intervento. In altre parole, dovresti coinvolgere altre persone della sua vita contattandole e spiegando le tue preoccupazioni. Può essere il primo passo per convincerla a curare la sua dipendenza.
  3. 3
    Tieni conto che il furto patologico non è spinto da motivazioni personali. In genere, le persone che assecondano questo comportamento patologico non rubano per procurare di proposito un danno a qualcuno. Il furto risponde a una necessità – emotiva e materiale. Chi ruba per motivi patologici potrebbe sentirsi in colpa per il modo in cui ha agito, ma è incapace di fermarsi senza un valido intervento.[5]

Parte 2
Aspetti Non Patologici

  1. 1
    Tieni presente che alcune persone rubano per soddisfare i bisogni primari. La disperazione è una ragione piuttosto frequente dietro un furto. È probabile che non abbiano un lavoro o una fonte di reddito né i mezzi sufficienti per mantenere la famiglia. Di conseguenza, sono spinte a rubare per dar da mangiare ai figli o offrire loro una sistemazione.[6]
  2. 2
    Considera le pressioni da parte dei coetanei. Anche un gruppo sbagliato può indurre una persona a reiterare questo gesto. In questi casi, il valore dell'oggetto rubato non è tanto importante quanto l'emozione di sottrarre qualcosa e farla franca. Questo tipo di furto è molto comune tra gli adolescenti vulnerabili alle pressioni dei coetanei. Possono farlo per mostrarsi più in gamba o essere accettati all'interno di un gruppo di ragazzi.[7]
  3. 3
    Nota la mancanza di empatia. Un adolescente o una persona che ha difficoltà ad avere una "visione generale" delle cose potrebbe rubare senza riflettere bene sul fatto che un gesto impulsivo comporta delle conseguenze. Non si tratta di un comportamento patologico – è in grado di mettersi nei panni degli altri – ma sul momento potrebbe agire senza pensare che quanto sta facendo arrecherà inevitabilmente un danno alla vittima del furto. Se viene messa di fronte al suo gesto o le si chiede di riflettere sulla sua azione, probabilmente non tornerebbe a rubare.
  4. 4
    Riconosci che alcune persone rubano per colmare un vuoto emotivo. In alcuni casi, chi ha subito un trauma o la perdita precoce di una persona cara può rubare per alleviare il suo dolore.[8] Tuttavia, con questo gesto non soddisfa le sue esigenze emotive primarie e, se si tratta di un bambino che tenta di riempire il vuoto emotivo lasciato da un genitore o una persona importante, potrebbe farlo compulsivamente per compensare il senso di deprivazione affettiva. Purtroppo, in questo modo non risolve il problema, quindi è spinto a reiterare il suo comportamento.[9]
  5. 5
    Considera che alcune persone rubano solo quando hanno l'opportunità. Purtroppo, alcuni furti si verificano solo quando c'è l'occasione. È probabile che chi ruba si senta elettrizzato all'idea di impadronirsi di ciò che non è suo. Forse vede questo gesto come una sfida. Potrebbe rubare per avidità, anche quando non gli manca niente.[10]

Parte 3
Superare l'Esperienza di un Furto

  1. 1
    Rivolgiti alle forze dell'ordine. Se ti è stato rubato qualcosa, il primo passo più logico è quello di denunciare l'accaduto alla polizia. Recati alla stazione della polizia o al commissariato dei carabinieri fornendo tutti i dettagli utili a identificare gli oggetti rubati e i potenziali sospetti. Correndo subito ai ripari, avrai la possibilità di recuperare la refurtiva e catturare il ladro.[11]
    • Se subisci un furto d'identità, esistono alcuni passaggi da seguire per recuperarla e tutelarti in futuro. Visita il sito del Ministero della Difesa e consulta questo documento.
  2. 2
    Ristabilisci quanto prima la tua sicurezza. Se hai subito un furto in casa, devi tornare a sentirti sicuro nei tuoi spazi abitativi. Ripara tutti i danni che sono stati prodotti e contatta una ditta specializzata nella fornitura e nel montaggio di sistemi di sicurezza in modo che venga a individuare i "punti deboli" del tuo appartamento, come finestre e serrature delle porte. Avvisa i vicini e sincerati che prendano precauzioni per proteggersi.[12]
    • Inoltre, potresti escogitare un piano di sicurezza che permetta a te e alla tua famiglia di adottare delle misure preventive in caso di ulteriori furti. Organizzati in modo da proteggere gli oggetti di valore e scegli un posto in cui nascondere i bambini in caso di un'altra rapina da parte dei ladri.
  3. 3
    Prova a riprendere la tua vita quotidiana. Anche se è difficile tornare alla vita di sempre, devi farlo. È comprensibile essere spaventati dopo un'esperienza traumatica come quella di un furto. Tuttavia, non dovresti lasciare che la paura prenda il sopravvento.[13]
  4. 4
    Prenditi cura di te stesso. Non permettere che l'autocommiserazione ti induca a trascurare la tua salute e il tuo benessere. Un furto può generare una grande quantità di stress. Quindi, cerca di dormire bene la notte, segui un'alimentazione bilanciata e allenati per migliorare le energie e l'equilibrio emotivo. Se durante questo periodo nutri correttamente la mente e il corpo, avrai meno difficoltà a buttarti alle spalle questa spiacevole esperienza.[14]
  5. 5
    Fai affidamento sulla tua rete di sostegno. Per superare il furto che hai subito, rivolgiti ai vicini, alla famiglia, agli amici e alla comunità in cui vivi. Sii onesto se c'è qualcosa in cui gli altri potrebbero darti una mano, in modo da sentirti più sicuro in casa e nel luogo in cui vivi. Non esitare a cercare conforto presso amici stretti e parenti disposti a offrirti il loro sostegno.[15]
    • Ad esempio, potresti chiedere a un vicino: "Ti dispiace tenere d'occhio la casa questo fine settimana? Andremo fuori città venerdì e sabato e sono preoccupato da quando sono venuti i ladri".

Consigli

  • Osserva la gente che frequenti. Se dai confidenza a persone di cui non puoi fidarti, c'è il rischio che non si rivelino così oneste come sembrano.
  • Sii indulgente con te stesso. Molte volte un furto non rappresenta un attacco personale, ma è solo dettato da convenienza, a prescindere dalla scelta della vittima.

Avvertenze

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Paul Chernyak, LPC. Paul Chernyak lavora come Counselor Professionista Matricolato a Chicago. Si è laureato all'American School of Professional Psychology nel 2011.

Categorie: Interazioni Sociali

In altre lingue:

English: Understand Why People Choose to Steal, Español: entender por qué la gente elige robar, Русский: понять, почему люди воруют, Português: Compreender Por Que as Pessoas Escolhem Roubar, Français: comprendre pourquoi des gens choisissent de voler, Deutsch: Verstehen lernen, warum Menschen stehlen, Bahasa Indonesia: Memahami Alasan Seseorang untuk Mencuri

Questa pagina è stata letta 10 249 volte.
Hai trovato utile questo articolo?