Come Capire Quando una Giovenca è Pronta per la Riproduzione

Scritto in collaborazione con: Karin Lindquist

Sapere quando una giovenca o una vacca è pronta a riprodursi è importante al fine della riproduzione. Ci sono delle regole precise che uno deve seguire per assicurarsi che sia pronta.

Ricordati questi due termini importanti:

Le giovenche sono bovini di sesso femminile che non hanno ancora avuto un vitello. Una giovenca non sarà più tale dopo aver partorito. Allora sarà chiamata vacca, cioè un bovino di sesso femminile adulto che ha avuto un vitello. Le giovenche rimangono tali dalla nascita fino al primo parto.

Metodo 1 di 2:
La riproduzione delle giovenche

  1. 1
    A seconda della razza, la maggior parte delle giovenche cominceranno a mostrare i primi segni di calore tra i 9 e i 22 mesi di età.
    • La velocità nel raggiungere la maturità sessuale è determinata dai geni e dalla razza. Il ritmo di crescita, trattandosi di crescita fisica, non è direttamente collegato né determinato dalla maturità sessuale. La maturità fisica si raggiunge quando le ossa e i muscoli smettono di crescere e comincia ad accumularsi il grasso.
  2. 2
    Di solito è meglio aspettare almeno i 15 mesi di età prima della riproduzione. Anche se le razze precoci raggiungono la pubertà anche a 7-9 mesi, è meglio aspettare i 13-15 mesi prima di farle riprodurre. Questo per lasciarle crescere di più, in modo da aumentare l'area pelvica ed essere più forti per sostenere la gravidanza. Le giovenche che si riproducono troppo presto tendono ad avere un'area pelvica troppo piccola per partorire, quindi per alcune è necessario un taglio cesareo o il vitello deve essere tirato. Può essere costoso, perché il vitello spesso deve essere alimentato artificialmente per avere abbastanza latte.
    • A volte, tuttavia, alcune giovenche che vengono fatte riprodurre troppo presto riescono a fare a meno dell'aiuto dell'uomo, sia durante la gravidanza che durante l'allattamento.
  3. 3
    La giovenca dev'essere almeno al 60-65% del peso medio per la maturità prima di potersi riprodurre. Questo per permetterle di crescere un vitello mentre anche lei continua a crescere.
  4. 4
    Per far riprodurre una giovenca con successo ci sono due modi:
    • Scegliere un toro con un buono (e basso) numero di figli per riprodursi con lei (e altre giovenche come lei), oppure
    • Tenere conto del suo periodo di estro in modo da poterla inseminare artificialmente (o farla inseminare da un tecnico).
    • Una giovenca può essere inseminata con successo solo durante i periodi di calore. È importante calcolare i tempi in maniera corretta per un'inseminazione artificiale ben riuscita. Deve essere inseminata 12 ore dopo i primi segni di calore, e ricorda che l'inseminazione artificiale ha un tasso di riuscita del 60-70%.
    • Usando l'inseminazione naturale, il toro saprà quando la giovenca è pronta e quando non è ricettiva. È meglio lasciare il toro con le giovenche per 60-80 giorni per fare in modo che le insemini tutte. Usa un toro di un anno di età per ridurre le ferite e aumentare le possibilità che la giovenca partorisca un vitello piccolo e mansueto.
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
La vacca

  1. 1
    Una vacca deve essere nuovamente inseminata dopo aver avuto un vitello. Il momento ottimale per farla riprodurre è 45-60 giorni dopo aver partorito. Per farla partorire nello stesso periodo dell'anno precedente, lasciala riposare per 80-90 giorni prima di farla riprodurre di nuovo. Di solito ci vuole di più per tornare al ciclo normale se è indebolita o se la sua fertilità è ridotta per via dell'età, della dieta inadeguata, o dell'ambiente.
    • Il tempo necessario a farla nuovamente riprodurre sarà maggiore quanto peggiori le sue condizioni o quanto più magra o più grassa del normale sarà. L'età e le condizioni di salute determinano il tempo necessario alla nuova inseminazione.
    • Il motivo per cui bisogna far passare del tempo tra il parto e la nuova inseminazione è che ci vuole tempo perché l'utero si ritragga alla dimensione normale. Ci vuole tempo anche perché le ovaie e il sistema ormonale della vacca si normalizzino. Anche se una vacca mostra segni di calore dai 14 ai 18 giorni dopo il parto, questi periodi sono piuttosto corti e imprevedibili. Questo perché le ovaie ci mettono tempo a tornare normali e ricominciare a produrre ovuli.
  2. 2
    Come menzionato prima nel passo n°5 sulle giovenche, una vacca può essere inseminata artificialmente o naturalmente.
    • L'inseminazione artificiale segue gli stessi principi elencati in precedenza per le giovenche per avere un'alta percentuale di successo.
    • Con le vacche non c'è bisogno di un toro che faciliti il parto, almeno non come per le giovenche. Ad ogni modo, fai attenzione al toro che selezioni per le tue vacche. Per alcune razze di tori, l'esemplare deve avere un EPD basso per ridurre la probabilità di problemi durante il parto. Per esempio, i tori Charolais sono noti per dare problemi al parto con le vacche di razza inglese, producendo vitelli più grandi di quanto dovrebbero essere per quelle razze. Se non fai attenzione ai numeri (EPD, cioè “Expected progeny differences”, differenze attese nella progenie) di quella razza, avrai un sacco di problemi, e avrai molto da fare la stagione successiva per aiutare le vacche a partorire.
      • D'altra parte, se non presti attenzione ai numeri puoi avere problemi anche con incroci della stessa razza. Fai attenzione ai tori che hanno un alto numero di EPD, non importa di quale razza siano.
        • Ricorda anche di selezionare il toro in base ai caratteri mancanti nella tua mandria, e non il contrario.
    Pubblicità

Consigli

  • Saprai sempre quando una giovenca o una vacca è pronta ad accoppiarsi guardando quando vanno in calore.
  • Il normale periodo di estro dura 24 ore e capita ogni 17-24 giorni.
  • Controlla la conformazione del quarto posteriore della giovenca prima di decidere per la sua riproduzione. Una coscia larga, lunga, profonda, è un segno che la giovenca è pronta.
  • Le giovenche dovrebbero essere fatte accoppiare quando hanno avuto almeno tre periodi in calore dall'inizio della pubertà, a prescindere dalla razza.
  • Migliore il punteggio di salute della vacca dopo il parto, prima potrà essere nuovamente inseminata.
  • Le giovenche dovrebbero avere la stessa buona condizione delle vacche 30 giorni prima dell'inseminazione. Le femmine dovrebbero avere un punteggio Cdn BCS tra i 2,5 e i 3,5 (da 3 a 5 sulla scala americana) prima della stagione riproduttiva.

Pubblicità

Avvertenze

  • Una vacca o una giovenca solitaria, che non ha accesso ad altri esemplari nella mandria è un pericolo per te, specie quando va in calore. Potresti avere una brutta sorpresa se deciderà di montarti.
  • Stai attento ai tori durante la stagione riproduttiva. Possono essere protettivi rispetto al loro harem se non capiscono che non rappresenti un concorrente.
  • L'inseminazione artificiale ha solo il 60-70% di probabilità di successo se decidi di usarla su tutte le tue vacche o giovenche. Ad ogni modo, meglio viene condotta, più alte sono le probabilità di successo.
Pubblicità

Community Tested By:

Karin Lindquist
Laurea di Primo Livello in Scienze Agrarie e Tecnologie Animali
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Karin Lindquist, un membro fidato della comunità wikiHow. Karin Lindquist ha conseguito una Laurea di Primo Livello in Scienze Agrarie e Tecnologie Animali alla University of Alberta, in Canada. Ha oltre 20 anni di esperienza lavorativa con bestiame e coltivazione. Ha lavorato per un veterinario di medicina mista, ma anche come rappresentante commerciale in un negozio di prodotti agricoli e assistente di ricerca specializzata in pascolo, suolo e coltivazione. Attualmente lavora come specialista in consulenze agricole in merito a foraggio e carne bovina, offrendo assistenza agli agricoltori su varie questioni riguardanti l'allevamento del bestiame e la coltura foraggera.
Categorie: Animali
Questa pagina è stata letta 16 306 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità