Scarica PDF Scarica PDF

Sicuramente avrai visto almeno una serie televisiva poliziesca in cui il protagonista riesce a capire se qualcuno sta mentendo con un semplice sguardo. La capacità di individuare un bugiardo sembra quasi un superpotere, ma è possibile apprenderla. Anche se non esiste una tecnica infallibile per smascherare le persone false, puoi discernere tra verità e menzogna prestando molta attenzione alla loro versione dei fatti e al modo in cui la raccontano.

Parte 1 di 18:
Osserva se copre gli occhi o la bocca[1]

  1. 1
    Chi mente potrebbe nascondere la faccia per non essere guardato mentre dice una menzogna. Nota se mette una mano sugli occhi per evitare il contatto visivo. Inoltre, vedi se continua a portare la mano alla bocca. Questi gesti potrebbero indicare l'intenzione di mentire.
    • Non è detto che nasconda completamente gli occhi o la bocca. Ad esempio, potrebbe farlo parzialmente su un lato del viso, in modo da coprire solo un occhio, oppure toccarsi le labbra schermando con la mano gran parte della bocca.
    Pubblicità

Parte 2 di 18:
Controlla se sorride in modo ambiguo[2]

  1. 1
    Un bugiardo tende a sorridere a labbra strette con una smorfia da cui è escluso lo sguardo. Potrebbe cercare di nascondere la vera espressione del viso sforzandosi di sorridere. Un sorriso sincero è accompagnato dalla comparsa di increspature ai lati degli occhi.
    • Tuttavia, questo indizio è poco attendibile se la persona si è sottoposta a trattamenti botulinici al viso. Il botox è in grado di immobilizzare la regione perioculare evitando che si formino le cosiddette "zampe di gallina".

Parte 3 di 18:
Nota se sbatte velocemente le palpebre[3]

  1. 1
    Secondo alcuni studi, il contatto visivo non ha nulla a che fare con la sincerità, ma questo non vuol dire che gli occhi di una persona non possano aiutarti a capire se stia dicendo la verità.[4] Quando qualcuno mente, potrebbe iniziare a sbattere le palpebre più velocemente del solito. Pertanto, stabilisci un contatto visivo per vedere se modifica il ritmo con cui batte le ciglia. Se la persona sospettata di mentire inizia improvvisamente a comportarsi in questo modo, è possibile che non sia sincera.
    • Ad esempio, supponiamo che tu le abbia chiesto qualcosa. Se prima di rispondere comincia a sbattere le palpebre molto velocemente, non escludere che stia cercando di mentirti.
    Pubblicità

Parte 4 di 18:
Fai caso se morde le labbra[5]

  1. 1
    Chi dice bugie può avvertire una forte sensazione di disagio che coinvolge la bocca e aumenta il nervosismo. Spesso, queste emozioni lo inducono a mordersi il labbro inferiore. Fai attenzione a questo comportamento se sospetti che qualcuno stia mentendo.
    • Ad esempio, potrebbe mordersi il labbro mentre gli fai una domanda o dopo che ha risposto.

Parte 5 di 18:
Osserva se dilata le narici[6]

  1. 1
    Le narici dilatate sono una microespressione del volto che potrebbe indicare se una persona mente. A volte succede perché si mette sulla difensiva temendo che l'interlocutore possa smascherare la bugia. Guarda il naso mentre parla per vedere se le narici si dilatano.
    • Prova a farle una domanda, come: "Puoi raccontarmi di nuovo che cosa è successo?" oppure "Se non c'entri, chi è stato?". Quindi, osserva il naso mentre risponde.
    • Tieni presente che le narici dilatate possono anche comunicare altre emozioni, come la rabbia o la paura.[7]
    Pubblicità

Parte 6 di 18:
Osserva se suda anche se non fa caldo[8]

  1. 1
    Chi mente può iniziare a sudare per il nervosismo. Osserva le tempie, la zona delle labbra e le ascelle per vede se sta sudando. Quindi, valuta se la temperatura può essere la causa di questa reazione.
    • Potrebbe iniziare a sudare a partire dalle tempie e dall'attaccatura dei capelli: sono i punti più evidenti.
    • Se effettivamente fa caldo, il motivo potrebbe essere questo. In tal caso, ricorri ad altri indizi per capire se sta dicendo una bugia.

Parte 7 di 18:
Nota se gioca con i capelli o la barba[9]

  1. 1
    Potrebbe iniziare ad avvolgere una ciocca attorno a un dito o passarsi le mani tra i capelli. Se ha la barba, potrebbe massaggiarla. Fai attenzione a questi gesti se sospetti che stia mentendo.
    • Ad esempio, potrebbe iniziare ad attorcigliare i capelli attorno a un dito o, se sono lunghi, persino aggrovigliare qualche ciocca.
    • Se ha la barba, potresti notare che l'accarezza o che aggiusta le punte più lunghe.
    • Presta attenzione alla frequenza di questi gesti. È più probabile che stia mentendo se gioca con i capelli o la barba durante tutta la conversazione.
    Pubblicità

Parte 8 di 18:
Guarda le mani per vedere se le nasconde o le muove nervosamente[10]

  1. 1
    Chi mente può avere difficoltà a gesticolare in modo naturale. In alcuni casi, potrebbe sentire il bisogno di nascondere le mani. Quindi, osservane i movimenti controllando se le mette in tasca o dietro la schiena. Potresti anche notare che le usa per stringere o toccare oggetti a caso.
    • Ad esempio, potrebbe iniziare a scrocchiare le dita o giocare con un bottone della camicia.

Parte 9 di 18:
Percepisci eventuali alterazioni nel tono della voce[11]

  1. 1
    L'atto di ingannare raccontando frottole aumenta il nervosismo e questo effetto può comportare un irrigidimento complessivo del corpo, influendo anche sul tono della voce: c'è chi la rende più stridula e chi al contrario parla con un tono più basso. Considera ogni variazione come un possibile indizio di inattendibilità della versione riportata.
    • Supponiamo che qualcuno racconti quello che stava facendo la scorsa notte e improvvisamente alzi eccessivamente la voce. È possibile che in quel passaggio abbia cominciato a mentire.
    Pubblicità

Parte 10 di 18:
Controlla se accelera o rallenta il suo modo di parlare[12]

  1. 1
    I bugiardi tendono a esporre più lentamente i fatti mentre inventano la bugia, ma possono anche parlare più velocemente quando ripetono una menzogna preconfezionata. È normale che in questi casi la velocità dell'eloquio si alteri. Presta attenzione al ritmo con cui una persona parla per capire se sta mentendo.
    • Ad esempio, inizialmente potrebbe snocciolare molto velocemente una serie di fatti e, quando cerca di rispondere a qualche domanda, potrebbe parlare più lentamente per avere il tempo di escogitare una storia plausibile.

Parte 11 di 18:
Fai attenzione ai cambiamenti nella struttura delle frasi[13]

  1. 1
    In genere, i bugiardi modificano il loro modo di raccontare la bugia man mano che si sentono più sicuri della storia. Possono riferire i fatti in maniera disarticolata mentre cercano di inventare qualcosa,[14] ma esprimersi con frasi più complesse o interminabili nel tentativo di convincere l'interlocutore. Quindi, nota se la persona sospetta passa improvvisamente da asserzioni brevi e incomplete a frasi molto lunghe e complesse.
    • Ad esempio, all'inizio potrebbe rispondere in modo laconico, dicendo soltanto "ero solo", "a scuola" e "direttamente a casa" e in seguito esprimersi con frasi più articolate, come: "Ero completamente solo ieri sera, puoi chiamare i miei amici e controllare. C'ero solo io lì, quindi non c'è motivo di insospettirsi".
    Pubblicità

Parte 12 di 18:
Insisti per avere maggiori dettagli e vedere se riesce a rielaborare la sua versione[15]

  1. 1
    Chi mente deve inventare una storia, quindi probabilmente fa fatica a confezionare anche i particolari. Quando gli chiedi maggiori informazioni, si limita a malapena a sviluppare quello che ha già detto. Nota se non riporta molti dettagli, perché in questo caso potrebbe mentire.
    • Supponiamo che tu sospetti che il tuo partner stia mentendo sul fatto che abbia studiato in biblioteca quando, invece, è uscito con gli amici. Potrebbe dirti: "Ieri sera c'era un silenzio di tomba in biblioteca" oppure "Era molto affollata".
    • Prova a chiedergli: "Quante scrivanie erano vuote?", "Quale bibliotecario era di servizio ieri sera?" o "Quali libri hai consultato?" per vedere se aggiunge ulteriori dettagli.

Parte 13 di 18:
Poni domande per vedere se risponde velocemente[16]

  1. 1
    È normale prendersi un momento per pensare alla risposta prima di aprire bocca. Tuttavia, chi mente spesso risponde subito perché si è già preparato. Formula varie domande di seguito per vedere se ha bisogno di tempo per pensarci o se risponde subito. Se sembra avere già tutte le risposte pronte, probabilmente racconta una bugia.
    Pubblicità

Parte 14 di 18:
Usa domande a risposta aperta per farlo inciampare[18]

  1. 1
    Le domande a risposta aperta mettono l'interlocutore nella condizione di aggiungere elementi alla sua versione dei fatti. Non solo costituiscono un lavoro in più per chi deve rispondere, ma permettono di individuare dove si annidano le falle in caso di menzogne. Incalzalo con domande che richiedono una risposta che non si limiti a un semplice sì o no in modo che sia costretto a pensare.
    • Potresti chiedere: "Chi altro c'era?" invece di "Eri solo?" oppure "Quali lezioni hai seguito lo scorso semestre?" anziché "Hai frequentato i corsi lo scorso semestre?".
    • Prova a fare domande impreviste in modo che si stressi ulteriormente. Ad esempio, se gli chiedi: "Quale canzone stavano suonando quando sei arrivato" o "Quale barista era di servizio ieri sera?", potrebbe cadere in trappola mentre inventa qualcosa di plausibile.

Parte 15 di 18:
Invita a raccontare la storia al contrario per verificare eventuali incongruenze[19]

  1. 1
    Chi mente può essere molto bravo a raccontare una bugia già preparata, ma se deve raccontarla al contrario, di solito rischia di commettere errori. Quando una persona dice la verità, in genere è in grado di esaminare i propri ricordi ed esporre facilmente i fatti andando a ritroso. Tuttavia, un bugiardo è costretto a sforzarsi per inquadrare la propria menzogna da un'altra angolazione. Chiedigli di raccontare la sua storia procedendo a ritroso e vedi se è capace.
    • Digli: "Va bene. Spiegami di nuovo che cosa è successo, ma questa volta partendo dalla fine per arrivare all'inizio".
    Pubblicità

Parte 16 di 18:
Nota se ripete le tue domande[20]

  1. 1
    Quando qualcuno nasconde la verità, spesso ha bisogno di più tempo per formulare una risposta alle domande che gli vengono poste. Per questo motivo, cerca di guadagnare tempo ripetendo la domanda prima di rispondere. Fai attenzione se lo fa di continuo perché potrebbe essere un campanello d'allarme.
    • Prova a chiedere: "Dov'eri la scorsa notte?", per vedere se risponde con questo schema: "Dov'ero la scorsa notte? Ero a casa".
    • In alternativa, potrebbe anteporre un apprezzamento o una lusinga per guadagnare tempo, come: "Questa è una bella domanda" oppure "Grazie per avermelo chiesto".

Parte 17 di 18:
Presta attenzione ai dettagli che puoi verificare[21]

  1. 1
    Puoi smascherare un bugiardo controllando i fatti riportati nella sua storia. Prendi nota di tutti i particolari di cui in seguito cercare un riscontro. Dopodiché verifica se quello che ti ha detto è vero.
    • Ad esempio, supponiamo che un collega ti dica di avere pranzato nella tavola calda vicino all'ufficio, ma sospetti che ti abbia rubato il pranzo. Potresti chiedergli quali erano i piatti del giorno in modo da poter verificare in seguito la sua risposta.
    • Allo stesso modo, se sospetti che la persona che stai frequentando ti stia mentendo sul suo grado di istruzione, potresti chiederle in quale materia si è laureata e quali sono stati i suoi professori. Quindi, puoi andare a verificare se presso l'università che dice di aver frequentato esiste il suo corso di laurea e i docenti che ha indicato.
    Pubblicità

Parte 18 di 18:
Poni domande laddove mette in evidenza la sua onestà[22]

  1. 1
    Un bugiardo vuole conquistare la tua fiducia, quindi potrebbe dichiarare apertamente di avere intenzioni sincere. Affermazioni come "È la pura verità" oppure "Non voglio mentirti" indicano che sta mentendo. Ogni volta che senti queste frasi, mettiti in guardia e approfondisci la sua versione dei fatti perché probabilmente non corrisponde alla verità.
    • Potrebbe esordire dicendo: "Ad essere onesto con te" oppure "Voglio dirti la verità". In questi casi, ti conviene porre altre domande e prestare molta attenzione alle sue risposte.

Consigli

  • Non contare troppo sul contatto visivo per capire se qualcuno mente. Secondo alcuni studi, la sua mancanza non indica necessariamente un atteggiamento menzognero.
  • Tieni presente che alcune persone danno l'impressione di mentire anche quando dicono la verità. È più facile individuare una bugia se di fronte hai una persona che conosci bene perché sai come si comporta e parla normalmente.
  • Segui il tuo istinto: sotto sotto sei in grado di capire se qualcuno è sincero.[23]
Pubblicità

Avvertenze

  • Fai attenzione quando accusi qualcuno di mentire. Assicurati di avere prove a sostegno di quanto affermi e preparati a ricevere numerose obiezioni dall'altra parte.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Informazioni su questo wikiHow

Maya Diamond, MA
Co-redatto da:
Life Coach
Questo articolo è stato co-redatto da Maya Diamond, MA. Maya Diamond è una coach specializzata in appuntamenti e rapporti di coppia che vive a Berkeley, in California. È da 7 anni che aiuta le persone single intrappolate in schemi relazionali fallimentari a ritrovare la fiducia interiore, a sanare le ferite del passato e a coltivare relazioni sane e durature fondate sull'amore. Si è laureata in Psicologia Somatica presso il California Institute of Integral Studies nel 2009. Questo articolo è stato visualizzato 343 534 volte
Categorie: Interazioni Sociali
Questa pagina è stata letta 343 534 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità