Le rane e i rospi possono sembrare simili, ma sono in realtà creature piuttosto diverse. Presentano parecchie differenze fisiche, ad esempio nella pelle, nel colore e nella conformazione del corpo. Manifestano anche comportamenti distinti; una rana tende a vivere in prossimità di uno specchio d'acqua, per esempio, mentre un rospo può anche risiedere lontano. Le rane inoltre saltano più in alto. Prestando attenzione ai dettagli dovresti essere in grado di distinguerli.

Metodo 1 di 3:
Esaminare i Tratti Fisici

  1. 1
    Osserva le zampe posteriori. Puoi distinguere questi due animali dalla lunghezza degli arti. Se riesci ad avvicinarti abbastanza, prova a ispezionare proprio le zampe posteriori.[1]
    • Quelle delle rane sono molto lunghe, dato che questi animali saltano più spesso rispetto ai rospi. Inoltre, le zampe sono più grosse in proporzione alla testa e al corpo.
    • Quelle di un rospo sono più piccole, perché la creatura tende a camminare a terra, e sono anche più corte rispetto alla testa e al corpo.
  2. 2
    Esamina i piedi. Quelli delle rane sono palmati per permettere loro di passare la maggior parte della vita in acqua. In alcune specie solo i piedi posteriori sono palmati, in altre anche quelli anteriori; potresti inoltre notare dei cuscinetti "a ventosa". I rospi non manifestano in genere queste due caratteristiche.[2]
  3. 3
    Valuta la forma. Le rane sono più slanciate e hanno un aspetto più "atletico"; i rospi sono invece più tozzi e corti.[3]
    • Un anfibio snello con arti lunghi è probabilmente una rana.
    • Una creatura tozza, paffuta con zampe corte è di solito un rospo.
  4. 4
    Fai attenzione alla pelle. Quella della rana è molto più liscia, mentre quella del rospo presenta diverse escrescenze superficiali. La rana ha una pelle levigata simile alla gomma, il rospo sembra ricoperto di verruche.[4]
  5. 5
    Osserva il colore. Le rane presentano solitamente una colorazione più chiara; sono in genere verdi brillanti, mentre i rospi hanno la tendenza a essere verdastri e con tonalità più scure.[5]
    • La colorazione dei rospi spazia in un'ampia varietà di sfumature, che vanno dal verde scuro a quello oliva.
    • Le rane sono in genere giallastre e la loro pelle assume le tonalità più chiare delle varie sfumature di verde. Alcune specie possono essere di colore giallo-oliva.
    • Tuttavia, non devi affidarti solo al colore; tieni sempre in considerazione anche altri fattori, dato che alcune rane sono di colore marrone-verdastro.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Considerare il Comportamento

  1. 1
    Osserva lo stile mentre salta. Sia le rane sia i rospi saltano, ma le prime tendono a farlo più spesso e a raggiungere altezze maggiori.[6]
    • Le rane saltano molto in alto e in lungo.
    • I rospi fanno piccoli saltelli e non sono in grado di percorrere grandi distanze in questo modo.
  2. 2
    Fai attenzione se l'animale cammina a terra. I rospi hanno la tendenza a muoversi in questa maniera piuttosto che saltare, mentre raramente vedrai una rana spostarsi sulle quattro zampe. Se l'esemplare che hai individuato cammina a terra, è probabilmente un rospo.[7]
    • Considera sempre anche gli altri fattori, ad esempio un anfibio ferito potrebbe camminare e non saltare.
  3. 3
    Valuta il luogo in cui vedi l'animale. Le rane tendono a stare vicino agli specchi d'acqua per sopravvivere, mentre i rospi passano parecchio tempo fuori dall'acqua. Un esemplare che resta vicino a una fonte d'acqua è probabilmente una rana, un anfibio rinvenuto lontano è in genere un rospo. È raro che una rana vaghi a una distanza considerevole dallo stagno.[8]
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Evitare Problemi con Rane e Rospi

  1. 1
    Attenua le luci per ridurre il rumore provocato dalle rane. Queste creature possono fare parecchio rumore durante la notte, soprattutto durante la stagione degli accoppiamenti. Mangiano gli insetti e questi sono attirati dalle luci dell'abitazione; di conseguenza, le rane tendono ad avvicinarsi al giardino della casa.[9]
    • Durante la notte, tieni spente le luci della veranda.
    • Puoi anche usare delle tende per evitare che la luce interna delle stanze attiri gli insetti.
  2. 2
    Tieni i cani lontani da rospi e rane. Alcune specie possono essere tossiche per i cani; se il tuo amico a quattro zampe prende un esemplare con la bocca, quest'ultimo può rilasciare delle tossine pericolose. Se ti accorgi che il cane ha un rospo in bocca, portalo subito dal veterinario, perché si tratta di un'emergenza medica.[10]
    • I sintomi d'avvelenamento da tossine del rospo sono salivazione eccessiva, convulsioni, toccarsi continuamente la bocca o gli occhi con la zampa, difficoltà di respirazione e mancanza di coordinazione.
    • Se il cane manifesta questi disturbi, ha bisogno di cure immediate.
  3. 3
    Lava le mani dopo aver toccato rospi o rane. In linea generale, dovresti evitare di toccare gli animali selvatici; tuttavia, se ti capita di entrare in contatto con questi anfibi, lavati subito le mani.[11]
    • Se un bambino piccolo prende un rospo o una rana, accertati che si lavi le mani subito dopo.
  4. 4
    Non tenere queste creature selvatiche come animali domestici. Le rane e i rospi selvatici non sono stati allevati in cattività e non condurranno una vita felice dopo la cattura; sono inoltre veicolo di malattie. Se desideri uno di questi anfibi come animaletto domestico, acquista un esemplare al negozio.
  5. 5
    Prenditi correttamente cura della rana o del rospo domestico. I negozi di animali vendono questi esemplari nati in cattività e, se vuoi tenerne uno, devi essere certo di fornirgli tutte le cure necessarie. Predisponi un ambiente adatto all'anfibio e costruiscigli un riparo.[12]
    • Devi pulire il rettilario ogni giorno, perché un ambiente sporco è il rischio maggiore per la salute di rane e rospi.
    • Queste creature hanno bisogno di una dieta varia. Puoi acquistare del cibo nei negozi di animali che sia composto da grilli e larve, ma puoi anche dare loro molti altri insetti. Prova a offrire alla rana o al rospo delle lumache, delle cavallette o anche dei bachi da seta.
    • Limita le occasioni in cui tocchi l'anfibio. Anche quelli acquistati presso il negozio di animali possono trasmettere delle malattie. Lava le mani dopo averlo maneggiato e non pulire il rettilario in bagno o in cucina. Non baciare o coccolare il rospo o la rana domestica.[13]
    Pubblicità

Avvertenze

  • Alcuni rospi e rane possono essere velenosi. Fai una ricerca online o rivolgiti all'ASL veterinaria competente per identificare gli anfibi potenzialmente velenosi che vivono nella tua regione.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Allevare Girini

Come

Occuparsi della Rana Nana Africana

Come

Prendersi Cura delle Raganelle Americane

Come

Prendersi Cura delle Rane

Come

Tenere gli Inseparabili (Pappagallini) come Animali Domestici

Come

Sopravvivere all'Attacco di un Lupo

Come

Convincere i Tuoi Genitori a Prenderti un Cane

Come

Capire il Tuo Coniglietto

Come

Accudire un Coniglio

Come

Prenderti Cura della Tua Coccinella

Come

Capire se il Criceto sta Morendo

Come

Prendersi Cura di un Riccio

Come

Addestrare un Coniglio

Come

Prendersi Cura di un Criceto
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Audra Barrios
Co-redatto da:
Biologa Marina e Specialista Rettili
Questo articolo è stato co-redatto da Audra Barrios. Audra Barrios è una biologa marina e titolare di Lick Your Eyeballs, un’attività specializzata in rettili, forniture e piante. Con oltre 15 anni di esperienza, è un’esperta di rettili e animali esotici, educazione ambientale, biologia marina, tematiche associate alla conservazione e zootecnia. Si è laureata in Biologia Marina alla University of California - Santa Cruz e ha studiato Scienze Naturali al College of Marin. È la fondatrice e direttrice esecutiva di Things That Creep, un'organizzazione no-profit che si dedica alla protezione dei rettili attraverso l'educazione, e ha trascorso gli ultimi sei anni lavorando come biologa alla California Academy of Sciences. Audra ha lavorato a contatto con tutti i tipi di creature, dagli scimpanzé alle meduse, e dedica il suo tempo all’osservazione sul campo degli animali per conoscere i loro habitat e fotografarli. Questo articolo è stato visualizzato 68 348 volte
Categorie: Animali
Questa pagina è stata letta 68 348 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità