Come Capire se Hai l'Epididimite

Esplora questo Articolo Riconoscere i Sintomi più Comuni Valutare i Possibili Fattori di Rischio Farsi Visitare Mostra altri 1... Mostra meno... Articoli Correlati Riferimenti

Se avverti dolore e gonfiore ai testicoli, è comprensibile che tu sia preoccupato. Potrebbe trattarsi di epididimite, un'infiammazione del dotto collegato ai testicoli. Anche se spesso questa affezione dipende da un'infezione sessualmente trasmissibile, di solito si può curare con un ciclo di antibiotici. Tuttavia, se hai dolore, sensibilità o gonfiore nell'area dello scroto, dovresti consultare il medico.

Parte 1
Riconoscere i Sintomi più Comuni

  1. 1
    Cerca di capire se il dolore parte da un testicolo. In caso di epididimite, il dolore inizia sempre da un lato dello scroto anziché da entrambi contemporaneamente. Col passare del tempo, potrebbe irradiarsi lentamente al secondo testicolo. In genere, lo si avverte prima sulla parte inferiore, anche se tende a diffondersi su tutto il testicolo.[1]
    • La tipologia del dolore dipende dal grado di infiammazione dell'epididimo. Può essere acuto o bruciante.
    • Se si manifesta rapidamente in entrambi i testicoli, è probabile che non si tratti di epididimite. Tuttavia, dovresti farti visitare da un medico.
  2. 2
    Individua il gonfiore o il rossore nel testicolo infetto. Potrebbe essere localizzato solo su una parte o, nel tempo, diffondersi su entrambi i lati dello scroto. Inoltre, potresti avere l'impressione che il testicolo sia più caldo del solito e sentirti a disagio quando ti siedi a causa del gonfiore.[2]
    • Il testicolo si arrossa a causa dell'aumento della circolazione sanguigna nella zona e si gonfia per l'eccessiva produzione di liquidi nell'area infetta.
    • Potresti anche notare la comparsa di un nodulo pieno di liquido sul testicolo infetto.[3]
  3. 3
    Nota i sintomi connessi all'apparato urinario. Se sei affetto da epididimite, potresti avvertire dolore durante la minzione, ma anche andare al bagno più spesso o con più urgenza.[4]
    • Inoltre, potresti notare tracce di sangue nelle urine.[5]
    • Spesso l'epididimite scaturisce da un'infezione che parte dall'uretra e si irradia nel dotto collegato ai testicoli, infettando l'epididimo. Qualsiasi infezione nel tratto urinario può irritare la vescica, causando dolore.
  4. 4
    Nota se ci sono perdite uretrali. A volte, sulla punta del pene potrebbe comparire una secrezione chiara, bianca o giallastra dovuta all'infiammazione e all'infezione a carico delle vie urinarie. Questo sintomo indica molto spesso che l'infezione è stata causata da una malattia sessualmente trasmissibile.[6]
    • Non preoccuparti. Anche in questo caso, puoi curarti tranquillamente.
  5. 5
    Misura la temperatura corporea per vedere se hai la febbre. Dal momento che l'infiammazione e l'infezione si diffondono in tutto il corpo, come meccanismo di difesa potrebbe alzarsi la temperatura ed essere accompagnata da brividi.[7]
    • La febbre è il modo in cui il corpo combatte le infezioni. Se supera i 38 °C, vuol dire che devi farti visitare.
  6. 6
    Prendi nota da quanto tempo avverti i sintomi. Per un periodo inferiore alle sei settimane, potrebbe trattarsi di un'epididimite acuta. Oltre le sei settimane, i sintomi sono indicativi di un'infezione cronica. Fai sapere al dottore da quanto tempo ne stai soffrendo, poiché questo potrebbe influenzare il trattamento.

Parte 2
Valutare i Possibili Fattori di Rischio

  1. 1
    Pensa se di recente hai avuti rapporti sessuali non protetti. Questa infiammazione potrebbe svilupparsi a seguito di un'infezione sessualmente trasmissibile, quindi praticare sesso non sicuro, soprattutto con più partner, ti mette a rischio di epididimite. Se recentemente hai avuto rapporti sessuali non protetti e manifesti dei sintomi, è plausibile pensare che dipendano da questa condizione patologica.[8]
    • Usa un preservativo in lattice o nitrile ogni volta che hai rapporti sessuali, anche senza penetrazione. Devi proteggerti, che tu faccia sesso orale, anale o vaginale.
    • L'epididimite viene comunemente causata da malattie sessualmente trasmissibili, inclusi clamidia, gonorrea e certi batteri trasmessi durante il sesso anale.
  2. 2
    Esamina i tuoi precedenti clinici, compresi gli interventi chirurgici e l'uso del catetere. L'uso frequente del catetere può favorire l'epididimite e l'insorgere di infezioni a carico delle vie urinarie. Anche un intervento nella zona inguinale può provocare questa infiammazione, quindi consulta il medico se pensi che il tuo problema possa dipendere da una di queste cause.[9]
    • Anche l'ipertrofia prostatica, le infezioni micotiche e l'uso dell'amiodarone possono favorire questa condizione patologica.
    • L'epididimite cronica viene comunemente associata con reazioni granulomatose come la tubercolosi.
  3. 3
    Considera se ultimamente hai subito qualche trauma nell'area dello scorto. Un trauma all'inguine (come un calcio o una ginocchiata) può favorire l'infiammazione dell'epididimo. Se recentemente ti sei infortunato in questa zona e sono comparsi dei sintomi inequivocabili, potresti soffrire di epididimite.[10]
  4. 4
    Tieni a mente che la causa potrebbe anche essere sconosciuta. Anche se esistono fattori eziologici più rari, come la tubercolosi o la parotite, non è detto che il medico riesca a risalire alla causa. A volte, questa infiammazione si sviluppa senza un motivo evidente.[11]
    • Che il problema abbia una causa nota o meno, ricorda che il medico non è lì per giudicarti, ma vuole solo aiutarti a guarire.

Parte 3
Farsi Visitare

  1. 1
    Recati dal medico se presenti dei sintomi. Indipendentemente dal fatto che si tratti di epididimite, devi comunque farti visitare se avverti dolore, gonfiore, arrossamento o sensibilità ai testicoli e se hai problemi durante la minzione.[12]
    • Consultalo non appena cominci a manifestare i sintomi.
    • Preparati a parlare dei precedenti clinici più recenti, ma anche della tua vita sessuale. Sii sincero perché è l'unico modo che hai per mettere il medico nella condizione di curarti adeguatamente. Tieni presente che chiunque può soffrire di questi problemi.
  2. 2
    Preparati all'esame fisico. Il medico vorrà controllare la zona inguinale e tastare i testicoli infiammati. Sebbene possa essere imbarazzante, è necessario per la diagnosi. Se avverti un po' di ansia, sappi che non sei l'unico perché molte persone si sentono a disagio in questo genere di situazioni.[13]
    • Il medico controllerà inoltre se è presente gonfiore nella zona della schiena alla ricerca di possibili segni di infezione ai reni o alla vescica che potrebbe contribuire alla causa del tuo disturbo. Potrebbe raccogliere anche un campione delle urine.
    • È probabile che voglia anche sottoporti a un'esplorazione rettale per controllare la prostata.
  3. 3
    Aspettati che ti prescriva un test per le malattie sessualmente trasmissibili. Dal momento che questo processo infiammatorio può dipendere da una malattia sessualmente trasmissibile, il medico vorrà eseguire un esame più specifico. In genere, basta fornire un campione di urina, ma anche prelevarne uno dal pene con un apposito tampone.[14]
    • Sebbene il possibile disagio, di solito non è un procedimento doloroso.
  4. 4
    Preparati alle analisi del sangue. Probabilmente il medico ti prescriverà anche le analisi del sangue, in modo da individuare eventuali anomalie che possono essere all'origine dell'infezione. Tramite questo esame potrebbe risalire anche ai ceppi batterici.[15]
  5. 5
    Chiedi se devi sottoporti a un'ecografia. Permetterà al medico di determinare se il problema è dovuto a epididimite o una torsione testicolare. Nei soggetti più giovani è più difficile fare questa distinzione senza un'ecografia.[16]
    • Durante l'esame, l'ecografista passa un sensore sulla zona interessata in modo da scattare una serie di fotogrammi. Se la circolazione del sangue è bassa, vuol dire che si tratta di una torsione testicolare. Se è alta, si tratta di epididimite.

Parte 4
Curare l'Infezione

  1. 1
    Aspettati una prescrizione di antibiotici. L'epididimite si cura considerando la causa dell'infiammazione. Nella maggior parte dei casi, si tratta di un'infezione, quindi il medico potrebbe prescriverti un antibiotico. La scelta del farmaco varia a seconda che l'infezione sia determinata da una malattia sessualmente trasmissibile o meno.[17]
    • Per le infezioni da gonorrea e clamidia, in genere si prescrive una dose singola di ceftriaxone (250 mg) tramite iniezione, seguita da 100 mg di doxiciclina in compresse, 2 volte al giorno per 10 giorni.
    • In alcuni casi, la doxiciclina può essere sostituita con 500 mg di levofloxacina, 1 volta al giorno per 10 giorni, o 300 mg di ofloxacina, 2 volte al giorno per 10 giorni.
    • Se l'infezione è causata da una malattia sessualmente trasmissibile, tu e la partner dovrete necessariamente sottoporvi entrambi a un intero ciclo di antibiotici prima di poter ricominciare ad avere rapporti sessuali completi.
    • Se l'infezione non è causata da una malattia sessualmente trasmissibile, potresti semplicemente assumere la levofloxacina o l'ofloxacina senza il ceftriaxone.
  2. 2
    Assumi un antinfiammatorio non steroideo, come l'ibuprofene. Puoi usarlo per ridurre il dolore e l'infiammazione. Probabilmente già hai questo farmaco nell'armadietto dei medicinali. È piuttosto efficace. Tuttavia, l'automedicazione a base di analgesici, tra cui l'ibuprofene, non deve durare più di 10 giorni. Consulta nuovamente il medico se il dolore persiste oltre questo arco di tempo.[18]
    • Per quanto riguarda l'ibuprofene, assumine 200 mg ogni 4-6 ore in modo da ridurre il dolore e l'infiammazione. Se necessario, puoi aumentare la dose a 400 mg.
  3. 3
    Stenditi e riposa tenendo sollevata la zona inguinale. Rimanere a letto per alcuni giorni ti aiuterà a gestire il dolore associato al disturbo. Finché rimani a letto, l'inguine non sarà sottoposto a stress inutile e il dolore pian piano diminuirà. Tieni i testicoli sollevati quanto più spesso possibile in modo da tenere a bada i sintomi.[19]
    • Quando sei sdraiato o seduto, metti un asciugamano o una maglia arrotolata sotto lo scroto per cercare di ridurre il disagio.
  4. 4
    Usa un impacco freddo. Applicando degli impacchi freddi sullo scroto, ridurrai l'infiammazione e anche l'afflusso di sangue. Avvolgi del ghiaccio in un asciugamano e mettilo sullo scroto. Tienilo per circa 30 minuti, ma non oltre per evitare lesioni cutanee.[20]
    • Non poggiare mai il ghiaccio direttamente sull'epidermide. Potrebbe causare problemi, specialmente in una zona così delicata!
  5. 5
    Metti a bagno la zona interessata. Riempi la vasca da bagno con 30-35 cm di acqua calda e resta in ammollo per circa 30 minuti. Il calore aumenta l'afflusso di sangue e aiuta l'organismo a combattere l'infezione. Puoi farlo tutte le volte che lo ritieni necessario.[21]
    • Questo trattamento è efficace soprattutto nei casi di epididimite cronica.

Consigli

  • Indossa un sostegno adeguato. Un sospensorio atletico fornisce un ottimo supporto per lo scroto e riduce il dolore. In genere, i boxer sorreggono meno degli slip.
  • L'epididimite si divise in due forme: acuta e cronica. La prima scatena una sintomatologia che dura meno di 6 settimane, mentre la seconda comporta sintomi che durano più di 6 settimane.[22]

Avvertenze

  • Evita di fare sesso finché i sintomi sono visibili. I rapporti sessuali procurano maggiore stress nella zona interessata, aumentando il disagio. Inoltre, se ti è stata diagnosticata una malattia sessualmente trasmissibile, sarai ancora contagioso almeno per una settimana dall'inizio del trattamento.

Riferimenti

  1. https://www.cdc.gov/std/tg2015/epididymitis.htm
  2. https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/epididymitis/symptoms-causes/syc-20363853
  3. https://www.nhs.uk/conditions/epididymitis/
  4. https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/epididymitis/symptoms-causes/syc-20363853
  5. https://www.betterhealth.vic.gov.au/health/conditionsandtreatments/epididymitis
  6. https://www.betterhealth.vic.gov.au/health/conditionsandtreatments/epididymitis
  7. https://www.betterhealth.vic.gov.au/health/conditionsandtreatments/epididymitis
  8. https://medlineplus.gov/ency/article/001279.htm
  9. https://www.nhs.uk/conditions/epididymitis/
Mostra altro ... (13)

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Salute Uomo

In altre lingue:

English: Know if You Have Epididymitis, Português: Saber se Você Tem Epididimite, Русский: определить, есть ли у вас эпидидимит, Español: saber si tienes epididimitis, Deutsch: Erkennen, ob du an Epididymitis leidest, Français: savoir si vous avez une épididymite, Bahasa Indonesia: Mendeteksi Epididimitis, العربية: تشخيص إصابتك بالتهاب البربخ, Nederlands: Weten of je epididymitis hebt, 中文: 知道自己是否患有附睾炎

Questa pagina è stata letta 72 954 volte.
Hai trovato utile questo articolo?