Come Capire se Sei Codipendente

Scritto in collaborazione con: Tasha Rube, LMSW

In questo Articolo:Riconoscere la CodipendenzaRiconoscere i Fattori di RischioTrattare la Codipendenza22 Riferimenti

Un individuo codipendente tende a sviluppare rapporti interpersonali di natura unilaterale. Ignora le proprie esigenze e reprime le proprie emozioni, mettendo al primo posto l'altra persona [1]. Se temi di esserlo, leggi questo articolo per farti un'idea più precisa al riguardo.

1
Riconoscere la Codipendenza

  1. 1
    Osserva se sei codipendente. La codipendenza, chiamata anche dipendenza affettiva, è un disturbo emozionale e comportamentale che può interessare diverse tipologie di persone. Se ne sei affetto, probabilmente eviti le emozioni scomode o forti, mettendo al primo posto le esigenze di qualcun altro.
    • In un rapporto codipendente, ci si concentra esclusivamente sul benessere e sulle esigenze dell'altra persona, ignorando completamente se stessi, spesso arrecando dei danni alla propria persona [2].
  2. 2
    Osserva se tendi a comportarti in maniera codipendente. Se hai questo problema, manifesti determinati comportamenti. Nel corso della tua vita, potrai notarne solo un paio o anche tutti. Eccone alcuni:
    • Tendenza a evitare le emozioni conflittuali o scomode, oppure a mascherare le proprie emozioni con espressioni passivo-aggressive di rabbia o umorismo.
    • Assumersi la responsabilità delle azioni altrui o sovracompensare le azioni del partner.
    • Essere erroneamente convinti che amare significhi salvare un'altra persona. Questo induce a pensare costantemente alle esigenze dell'altro.
    • Dare più di quanto si riceva nella relazione.
    • Tendenza ad aggrapparsi a una relazione a ogni costo perché si ha una grande lealtà nei confronti del partner. Questo succede anche se il rapporto è dannoso, solitamente per evitare di sentirsi abbandonati.
    • Difficoltà a dire di no o sentirsi in colpa per essere assertivi.
    • Preoccuparsi eccessivamente delle opinioni altrui o pensare che abbiano più valore delle proprie [3].
    • Difficoltà a comunicare, a capire le proprie esigenze o a prendere decisioni [4].
    • Provare risentimento perché i propri sforzi e sacrifici non vengono riconosciuti. Questo spesso porta a sentirsi in colpa [5].
  3. 3
    Poniti delle domande mirate sulle tendenze di natura codipendente. Se dopo avere osservato i tuoi comportamenti non sei sicuro di esserlo, prova a farti delle domande per provare a rivelarlo. Eccone alcune:
    • La persona con cui vivi ti ha mai picchiato o abusato di te in altri modi?
    • Hai difficoltà a dire di no agli altri quando ti chiedono aiuto?
    • Sei travolto dagli impegni ma non chiedi mai aiuto?
    • Hai mai dubbi sui tuoi desideri o sulle tue esigenze? Non credi nel tipo di persona che vuoi diventare?
    • Fai di tutto pur di evitare un litigio?
    • Ti preoccupi costantemente di quello che gli altri pensano di te?
    • Pensi che le opinioni altrui siano più importanti delle tue?
    • La persona con cui vivi ha un problema di alcolismo o tossicodipendenza?
    • Hai difficoltà ad abituarti ai cambiamenti?
    • Ti senti geloso o rifiutato quando la tua partner trascorre del tempo con i suoi amici o altre persone?
    • Hai difficoltà ad accettare complimenti o regali dagli altri [6]?
  4. 4
    Determina se la codipendenza provoca certi stati d'animo. In una relazione codipendente (che sia iniziata da poco o da tempo), le emozioni costantemente represse, la fissazione sulle esigenze dell'altra persona e la continua negazione delle proprie necessità possono causare conseguenze persistenti. Questo porta a:
    • Sensazione di vuoto.
    • Bassa autostima.
    • Confusione in merito alle proprie esigenze, obiettivi e sentimenti [7].
  5. 5
    Cerca di capire se stai vivendo una relazione basata sulla codipendenza. Generalmente, la dipendenza affettiva viene limitata alle relazioni sentimentali. Tuttavia, nonostante questa convinzione errata piuttosto comune, è possibile soffrirne in qualsiasi tipo di rapporto.
    • Ciò si estende ai rapporti familiari e di amicizia.
    • Dal momento che interessa anche la famiglia, è possibile che il tuo nucleo familiare abbia vissuto o stia vivendo uno stato di codipendenza. Tutte le esigenze della famiglia vengono messe da parte per il benessere di un solo membro [8].
  6. 6
    Determina se stai vivendo una relazione sentimentale codipendente. Affinché un rapporto possa essere definito tale, questo deve presentare una dinamica ben precisa: uno dei membri della coppia (ovvero il soggetto codipendente) si prende cura dell'altro e gli offre tutte le sue attenzioni.
    • Solitamente, i soggetti che ricevono si caratterizzano per un bisogno eccessivo di controllare le attenzioni, l'amore, i rapporti sessuali, l'approvazione che offrono e ottengono. Spesso si prendono quello che vogliono attraverso manifestazioni di violenza, colpa, rabbia, irritazione, critiche, dipendenza, moralizzazione, discorsi incessanti, contatto fisico invadente o dramma emotivo.
    • I soggetti che ricevono spesso manifestano questi comportamenti al di fuori del rapporto codipendente, quindi ciò può avere un impatto diretto sui propri figli, rapporti lavorativi e familiari [9].
  7. 7
    Cerca di capire se anche tuo figlio è codipendente. Questo problema può manifestarsi durante l'infanzia, quindi dovresti osservare se tuo figlio ne è affetto, specialmente se tu stesso soffri di codipendenza. I bambini spesso si comportano in maniera simile a quella degli adulti, ma spesso lo fanno in un modo un po' mascherato perché ancora stanno imparando. Ecco alcuni sintomi comuni:
    • Incapacità di prendere decisioni.
    • Preoccupazioni eccessive, stress e/o ansia.
    • Bassa autostima.
    • Bisogno estremo di rendere felici gli altri.
    • Paura della solitudine.
    • Manifestazioni frequenti di rabbia.
    • Scarsa assertività nelle comunicazioni interpersonali [10].

2
Riconoscere i Fattori di Rischio

  1. 1
    Cerca di capire se la tua famiglia ha avuto problemi di codipendenza in passato. Spesso questo disturbo si ripete all'interno di una famiglia, e certi comportamenti vengono trasmessi ai figli. È dunque possibile che in passato tu abbia assistito o sia stato coinvolto da un rapporto codipendente. In queste situazioni, ti è stato insegnato che è sbagliato esprimere i propri bisogni, desideri o emozioni.
    • Forse durante la tua infanzia ti è stato chiesto di mettere al primo posto le esigenze di altre persone. Quindi, mentre crescevi, ti è stato insegnato a reprimere le tue esigenze emotive e fisiche a favore di un membro della famiglia.
    • Dopo essertene andato di casa, probabilmente hai perpetuato questo schema nei tuoi rapporti sentimentali e di altro tipo, quindi potresti averlo trasmesso ai tuoi figli [11][12].
  2. 2
    Considera se sei stato vittima di abusi. Anche queste esperienze spesso causano codipendenza. Infatti, la dipendenza affettiva diventa un mezzo per affrontare il trauma arrecato da un abuso. Reprimi le tue emozioni e le tue esigenze per concentrarti sulle necessità di un'altra persona.
    • L'esperienza di abuso potrebbe essersi verificata durante la tua infanzia e forse si è prolungata senza l'intervento della tua famiglia. Ciò può succedere anche nei rapporti familiari codipendenti.
    • Può trattarsi di abuso emotivo, fisico o sessuale [13].
  3. 3
    Riconosci le cause più comuni di una relazione codipendente. I problemi di dipendenza affettiva possono manifestarsi in qualsiasi tipo di relazione o con qualsiasi tipo di persona, ma certi tipi di soggetti sono più predisposti di altri. Spesso nascono fra un individuo codipendente e un individuo che ha bisogno di cure. Ecco qualche esempio:
    • Soggetti affetti da una dipendenza.
    • Soggetti affetti da disturbi mentali.
    • Malati cronici [14].
  4. 4
    Considera se hai vissuto l'esperienza del divorzio. Anche questo può causare codipendenza. Dopo un divorzio, può capitare che il primogenito debba rivestire il ruolo del genitore per rimediare all'assenza del padre o della madre. In questi casi, un cambiamento del genere può provocare dipendenza affettiva [15].
    • Spesso si evita di parlarne con il genitore presente, in modo da non farlo preoccupare. Ciò induce a reprimere le emozioni e può causare lo sviluppo di un rapporto codipendente.

3
Trattare la Codipendenza

  1. 1
    Scopri la causa della dipendenza affettiva. Se pensi di essere codipendente, dovresti rivolgerti a uno specialista per determinare la radice del problema. Dal momento che la codipendenza spesso è collegata a esperienze anomale risalenti alla propria infanzia, bisogna collaborare con uno psicologo, uno psichiatra o un altro professionista per scavare nel passato e capire il motivo. Successivamente, lo specialista ti aiuterà ad affrontare le questioni irrisolte e a guarire [16]. Ecco i trattamenti più comuni:
    • Formazione sul disturbo per capire come influisce sulla tua vita e sui tuoi rapporti [17].
    • Terapia di gruppo pratica, che si basa sull'uso di movimenti, azioni e attività per affrontare il disturbo. Ci si avvale di attività come ippoterapia, musicoterapia e terapie espressive [18].
    • Psicoterapia individuale o di gruppo, che serve a discutere dei propri problemi ed esperienze.
  2. 2
    Impara a metterti al primo posto. Le persone codipendenti spesso dimenticano chi sono e quali sono i propri bisogni e desideri. Se vuoi trattare questo disturbo, collabora con uno psicoterapeuta per scoprire nuovamente chi sei e che cosa vuoi dalla vita.
    • Dal momento che i soggetti codipendenti non fanno che pensare agli altri, può essere difficile capire come determinare i propri bisogni, desideri e obiettivi. Uno specialista può aiutarti a scoprirlo [19].
    • Puoi anche adottare delle tecniche per mettere al primo posto il tuo benessere. Per esempio, impara a combattere lo stress, dormire a sufficienza e mangiare bene [20].
  3. 3
    Determina dei limiti personali. Oltre a trovare la causa della codipendenza e a conoscerti meglio, devi uscire dal circolo vizioso creato dalle relazioni e dalle abitudini distruttive. È possibile farlo stabilendo limiti sani e flessibili all'interno dei tuoi rapporti. All'inizio, questo è molto difficile per una persona codipendente, quindi collabora con uno specialista per sapere come farlo e integrarlo nella tua vita. È possibile riuscirci imparando a:
    • Prendere gradualmente le distanze dagli altri.
    • Smettere di controllare le esigenze e il benessere degli altri.
    • Riconoscere le tue critiche interiori e la tua esigenza di ricercare la perfezione.
    • Accettare te stesso e tutte le emozioni scomode.
    • Definire con assertività le tue esigenze e il tuo valore [21].
  4. 4
    Unisciti a un gruppo di auto-aiuto. Se hai bisogno di un maggiore appoggio o vuoi parlare con persone che stanno affrontando battaglie simili, questa soluzione può fare al caso tuo. Esistono diversi gruppi di auto-aiuto, come i Codipendenti Anonimi [22].
    • Sul sito dei Codipendenti Anonimi puoi trovare riunioni organizzate nella tua zona o gruppi virtuali.
    • Ci sono anche altri gruppi di auto-aiuto, come quelli organizzati dalla ASPIC (Associazione per lo Sviluppo Psicologico dell'Individuo e della Comunità).

Riferimenti

  1. http://www.mentalhealthamerica.net/co-dependency
  2. http://www.mentalhealthamerica.net/co-dependency
  3. http://coda.org/index.cfm/meeting-materials1/patterns-and-characteristics-2011/
  4. http://proactivechange.com/relationships/codependency.htm
  5. http://lifecounsel.org/pub_li_overcomingCodependency.html
  6. http://www.mentalhealthamerica.net/co-dependency
  7. http://www.drew.edu/wp-content/uploads/sites/16/Healthy-Exchange-Spring-2009-pdf2.pdf
  8. http://www.mentalhealthamerica.net/co-dependency
  9. http://www.drew.edu/wp-content/uploads/sites/16/Healthy-Exchange-Spring-2009-pdf2.pdf
Mostra altro ... (13)

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Tasha Rube, LMSW. Tasha Rube è un'Assistente Sociale Registrata nel Missouri. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Assistenza Sociale presso l'Università del Missouri nel 2014.

Categorie: Gestire Rapporti Difficili

In altre lingue:

English: Tell if You Are Codependent, Español: saber si eres codependiente, Português: Identificar se Você é uma Pessoa Codependente, Русский: определить, являетесь ли вы созависимым, Deutsch: Erkennen ob du koabhängig bist, Français: savoir si vous êtes codépendant, Bahasa Indonesia: Menentukan Apakah Anda Kodependen, Nederlands: Weten of je codependent bent, العربية: معرفة ما إذا كانت شخصيتك اعتمادية

Questa pagina è stata letta 19 557 volte.
Hai trovato utile questo articolo?