Come Capire se Soffri di Disordine Bipolare

Scritto in collaborazione con: Trudi Griffin, LPC

In questo Articolo:Individuare i SintomiComprendere le Diverse Forme di Disturbo BipolareSapere Come Riconoscere il Disturbo Bipolare

Il disturbo bipolare è un grave disturbo della psiche che colpisce circa tra l'1 e il 4,3% della popolazione. In genere si manifesta con periodi di eccitazione, conosciuti come fasi maniacali, che si alternano a momenti depressivi. Il disturbo bipolare spesso ha un esordio precoce; infatti la ricerca ha dimostrato che l'1,8% dei bambini e degli adolescenti riscontra una diagnosi di questa malattia; in genere, però, viene diagnosticata intorno al passaggio tra i 20 e i 30 anni. Questo articolo ti aiuterà a capire se tu o qualche persona a te cara soffrite di questo disturbo.

Parte 1
Individuare i Sintomi

  1. 1
    Riconosci i segni della fase maniacale. Durante questa fase sono comuni delle sensazioni di euforia, creatività e maggiore consapevolezza di sé. Si tratta di episodi che possono durare poche ore o persistere per giorni o settimane. La clinica Mayo descrive così i sintomi della fase maniacale:
    • Sensazione di "onnipotenza", in alcuni casi anche al punto da sentirsi invincibile. Questa spesso è accompagnata dalla convinzione di avere poteri speciali o divini.
    • Pensieri a flusso continuo, che passano da un argomento all'altro talmente velocemente che è difficile riuscire a seguirli o a concentrarsi su di essi.
    • Parlare così velocemente che gli altri non riescono a dare un senso al discorso, oltre a sentirsi attivo e inquieto.
    • Stare sveglio tutta la notte o dormire solo poche ore per volta, ma non sentirsi mai stanco il giorno successivo.
    • Manifestare un comportamento irresponsabile. Durante un episodio maniacale, il soggetto potrebbe avere rapporti sessuali con diverse persone senza usare protezioni. Potrebbe scommettere una grande quantità di denaro o fare investimenti in attività a rischio. Qualcuno può anche spendere soldi per grandi oggetti costosi, abbandonare il posto di lavoro e così via.
    • Mostrare estrema irritabilità e impazienza verso gli altri. Questo comportamento può degenerare in discussioni e litigi con persone di opinione diversa.
    • In casi rari possono verificarsi deliri, allucinazioni e visioni (ad esempio, credere di sentire la voce di Dio o di un angelo).
  2. 2
    Conosci i sintomi della fase depressiva. Nei soggetti affetti da disturbo bipolare, i periodi di depressione sono più lunghi e più frequenti rispetto a quelli maniacali. Controlla la presenza dei seguenti sintomi:
    • Incapacità di provare piacere o gioia.
    • Sentimenti di disperazione e inadeguatezza. Spesso sono frequenti anche un senso di inutilità e di colpa.
    • Dormire più del normale e sentirsi stanco e rallentato per tutta la giornata.
    • Aumento di peso e cambiamenti dell'appetito.
    • Avere pensieri di morte e di suicidio.
    • Sappi che la depressione bipolare spesso appare simile al Disturbo Depressivo Maggiore (MDD). Un professionista qualificato, comunque, è in grado di distinguere i due problemi, controllando le pregresse fasi maniacali e la loro gravità.
    • Il farmaco che viene prescritto per trattare il MDD spesso non è efficace nel trattamento della depressione bipolare. Inoltre, questa è spesso accompagnata da irritabilità e sbalzi d'umore che non sono presenti nel MDD.
  3. 3
    Comprendi i segni di un episodio ipomaniacale. Questo consiste in una fase in cui il tono dell’umore è elevato in modo anomalo e persistente, e può durare anche 4 giorni. Il soggetto può anche essere irritabile e manifestare altri sintomi. La fase ipomaniacale è diversa da un episodio maniacale perché di solito è meno grave. Presta attenzione ai seguenti sintomi:
    • Sentimenti di euforia.
    • Irritabilità.
    • Esagerata autostima o senso di grandezza.
    • Ridotto bisogno di sonno.
    • Parlata concitata (discorsi rapidi e accorati).
    • Continui e repentini cambi di idee (quando il cervello sembra passare rapidamente da un'idea all'altra).
    • Facilità di distrazione.
    • Agitazione psicomotoria, come ondeggiare la gamba, picchiettare con le dita o incapacità di restare fermo.
    • Chi soffre di ipomania può anche non avere problemi nella vita sociale o al lavoro. Questo disturbo in genere non richiede la necessità di un ricovero in ospedale. Il paziente può sentirsi euforico, avere un aumento dell'appetito o del desiderio sessuale, ma solitamente è ancora in grado di lavorare e gestire le attività ordinarie senza troppe conseguenze negative.
    • Anche durante un episodio ipomaniacale il soggetto è in grado di svolgere e completare normalmente le proprie mansioni lavorative; inoltre, in genere, riesce a gestire delle accettabili relazioni sociali con i colleghi (anche se forse in maniera un po’ intensa). Nel caso di una vera e propria mania, invece, il paziente spesso non è in grado di portare a termine le normali attività lavorative senza commettere errori di valutazione. Nello stesso modo, si possono creare delle interazioni sociali inappropriate che possono portare a conseguenze negative. Deliri e allucinazioni non si manifestano nel caso dell’ipomania.
  4. 4
    Comprendi le caratteristiche della fase mista. In alcuni casi, le persone possono vivere uno stato maniacale e depressivo nello stesso momento. In queste circostanze il soggetto prova contemporaneamente una sensazione di depressione e irritabilità, pensieri che si rincorrono, ansia e insonnia.
    • Le fasi ipomaniacale e maniacale possono essere classificate come miste, se si presentano contemporaneamente tre o più sintomi di depressione.
    • Per esempio, immagina che qualcuno stia avendo dei comportamenti azzardati, ma nel contempo manifesta insonnia, iperattività e pensieri che si rincorrono. Queste caratteristiche soddisfano pienamente i criteri della fase maniacale. Se però il soggetto vive anche almeno tre sintomi di depressione, si tratta di un episodio maniacale con caratteristiche miste. Esempi di sintomi depressivi potrebbero essere senso di inutilità, perdita di interesse per il proprio hobby o nelle normali attività e pensieri ricorrenti di morte.

Parte 2
Comprendere le Diverse Forme di Disturbo Bipolare

  1. 1
    Conosci le caratteristiche del disturbo bipolare di tipo I. Questa è la più comune e conosciuta forma maniaco-depressiva della malattia. Una persona a cui è stato diagnosticato il disturbo bipolare I deve vivere almeno un episodio maniacale o misto e può anche avere una fase depressiva.
    • Le persone che soffrono di questo tipo di disturbo bipolare sono più propense a vivere episodi di euforia ed eccitazione che portano a comportamenti a rischio.
    • Questa forma della malattia spesso è dannosa per la vita lavorativa e le relazioni sociali.
    • Le persone colpite dal disturbo bipolare di tipo I sono più inclini a tentare il suicidio, con un tasso di successo del 10-15%.
    • Inoltre corrono maggiori rischi di avere o sviluppare un problema di abuso di sostanze stupefacenti.
    • È stato anche rilevato un collegamento tra il disturbo bipolare I e l’ipertiroidismo. Ciò rende ancora più importante la necessità di rivolgersi a un medico.
  2. 2
    Riconosci i sintomi del disturbo bipolare di tipo II. Questa variante della malattia comporta episodi maniacali meno intensi, mentre le fasi depressive sono molto forti ed evidenti. Il soggetto, a volte, vive una versione smorzata dell’ipomania, anche se lo stato sottostante in genere resta la depressione.
    • Alle persone con disturbo bipolare di tipo II spesso viene diagnosticato erroneamente solo il problema della depressione. Per riconoscere la differenza si devono cercare le caratteristiche distintive della depressione bipolare.
    • Questa è diversa dal MDD, perché spesso è accompagnata dai sintomi maniacali. A volte c’è una sovrapposizione tra i due ed è necessario un professionista qualificato per distinguere tra loro i due disturbi.
    • Nelle persone affette da disturbo bipolare II, la fase maniacale può manifestarsi come ansia, irritabilità o pensieri che si rincorrono. Esplosioni di creatività e di iperattività sono meno comuni.
    • Anche nei pazienti affetti da disturbo bipolare di tipo II, come per il tipo I, c'è un alto rischio di suicidio, ipertiroidismo e abuso di sostanze.
    • Questa malattia tende a essere più comune nelle donne che negli uomini.
  3. 3
    Cerca i sintomi della ciclotimia. Si tratta di una forma più lieve del disturbo bipolare che consiste in sbalzi d'umore con episodi meno gravi di mania e depressione. Gli sbalzi d'umore tendono a manifestarsi in fasi cicliche, presentandosi e scomparendo tra un episodio di depressione e uno maniacale. Secondo il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM):
    • La ciclotimia si manifesta presto nella vita e solitamente esordisce durante l’adolescenza e i primi anni dell'età adulta.
    • Colpisce indifferentemente uomini e donne.
    • Come per il disturbo bipolare di tipo I e II, anche le persone affette da ciclotimia corrono un maggior rischio di abusare di sostanze.
    • Spesso si manifestano disturbi del sonno.

Parte 3
Sapere Come Riconoscere il Disturbo Bipolare

  1. 1
    Cerca dei cambiamenti stagionali dell'umore. È piuttosto comune nelle persone affette da questo problema avere cambiamenti dell’umore con il passaggio delle stagioni. In alcuni casi, un episodio maniacale o depressivo può durare anche l’intera stagione. In altri casi, l’inizio del cambio di stagione innesca una fase del ciclo che può essere sia maniacale che depressiva.
    • Gli episodi maniacali sono più frequenti in estate, mentre quelli depressivi si manifestano più spesso in autunno, inverno e primavera, anche se questa non è una regola rigida e fissa; in alcune persone la depressione è più presente in estate, mentre la mania in inverno.
  2. 2
    Sii consapevole del fatto che soffrire di disturbo bipolare non compromette affatto le capacità. Alcune persone malate hanno difficoltà nel lavoro e nella scuola, mentre in altri casi il soggetto può svolgere tranquillamente i propri compiti.
    • I pazienti affetti da disturbo bipolare di tipo II e da ciclotimia spesso non hanno difficoltà al lavoro o a scuola, mentre nei casi di tipo I possono esserci maggiori problemi nello svolgere le proprie mansioni e portare a termine i propri impegni.
  3. 3
    Tieni in considerazione il problema del possibile abuso di sostanze. Fino al 50% delle persone che soffrono di disturbo bipolare deve affrontare un problema di abuso di sostanze. Generalmente fa uso di alcol o tranquillanti per fermare i pensieri accelerati durante gli episodi maniacali. A volte assume anche psicofarmaci per cercare di sollevare l’umore quando sta vivendo un episodio depressivo.
    • Le sostanze come l’alcol producono loro stesse un certo effetto sull'umore e sul comportamento rendendo quindi difficile riuscire a riconoscere i sintomi del disturbo bipolare.
    • Le persone che abusano di droghe e alcol sono a maggior rischio di suicidio, in quanto l’eccessivo consumo può aumentare la gravità di entrambe le fasi, maniacale e depressiva.
    • Inoltre l'abuso di sostanze può anche provocare la nascita di un ciclo di depressione maniacale.
  4. 4
    Fai attenzione al distacco dalla realtà. Le persone che soffrono di disturbo bipolare spesso non riescono a rimanere in contatto con il mondo che le circonda. Ciò si verifica sia durante le fasi maniacali estreme che nei periodi di grave depressione.
    • Questo può manifestarsi sia come un’autostima eccessiva, che come un senso di colpa che non è proporzionato agli eventi reali. In alcuni casi si verificano anche episodi di psicosi e allucinazioni.
    • L’allontanamento dalla realtà si verifica più spesso durante gli episodi maniacali e misti del disturbo bipolare di tipo I, mentre è meno frequente in quello di tipo II e quasi mai in coloro affetti da ciclotimia.
  5. 5
    Fatti visitare da uno specialista. L’autodiagnosi è utile, se porta a fare il passo successivo che consiste nel cercare un aiuto professionale. Molte persone convivono con il disturbo bipolare senza sottoporsi a cure adeguate, ma la malattia viene gestita meglio se si assumono i farmaci giusti. Anche sottoporsi alla psicoterapia con un professionista specializzato può essere un ottimo supporto.
    • Tra i farmaci usati per trattare il disturbo bipolare si trovano gli stabilizzatori dell'umore, gli antidepressivi, gli antipsicotici e gli ansiolitici. Questi farmaci agiscono bloccando e/o regolando alcune sostanze chimiche nel cervello, come la dopamina, la serotonina e l’acetilcolina.
    • Gli stabilizzatori aiutano a regolare l'umore del soggetto. Impediscono che il paziente giunga ai picchi estremi delle fasi depressive e maniacali. Tra questi ci sono il litio, il Depakote, il Neurontin, il Lamictal e il Topamax.
    • Gli antipsicotici aiutano a ridurre i sintomi psicotici come le allucinazioni o i deliri durante un evento maniacale. Tra questi ci sono l’olanzapina, il risperidone, l’Abilify e il Saphris.
    • Gli antidepressivi usati per il trattamento della depressione bipolare sono il Lexapro, lo Zoloft, il Prozac e altri. Infine, per curare i sintomi dell’ansia lo psichiatra può prescrivere lo Xanax, il Clonazepam o il Lorazepam.
    • I farmaci devono sempre essere prescritti da uno psichiatra o da un medico qualificato e devono essere assunti come indicato nel bugiardino o dal medico, per evitare complicazioni di salute.
    • Se temi che tu o una persona a te cara soffriate di questa malattia, mettetevi in contatto con un terapista o uno psichiatra per ottenere una diagnosi certa.
    • Se tu o un tuo caro avete pensieri suicidi, contattate immediatamente un amico o un familiare fidato. Chiamate il numero verde antisuicidio della vostra regione per ricevere aiuto e supporto.

Consigli

  • Se tendi a bere alcol o fai uso di droghe, tieni presente che entrambi possono provocarti sbalzi di umore con la comparsa del disturbo bipolare; pertanto astenerti da queste sostanze può essere di grande aiuto.

Avvertenze

  • Questo articolo ha il solo scopo di aiutare a cercare i possibili sintomi del disturbo bipolare e non vuole in alcun modo tentare di diagnosticare o curare la malattia. Devi sempre consultare un medico, se pensi che tu o una persona cara possiate soffrire di questo problema.


Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Trudi Griffin, LPC. Trudi Griffin lavora come Counselor Professionale Registrata nel Wisconsin. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Counseling Psicologico Clinico alla Marquette University nel 2011.

Categorie: Salute Mentale

In altre lingue:

English: Know if You Have Bipolar Disorder, Español: identificar si tienes un trastorno bipolar, Français: savoir si vous êtes bipolaire, Português: Saber Se Você Tem Transtorno Bipolar, Deutsch: Eine bipolare Störung erkennen, Русский: определить, страдаете ли вы биполярным расстройством, 中文: 判断自己是否有躁郁症, Bahasa Indonesia: Mengetahui jika Anda Memiliki Gangguan Bipolar, Nederlands: Herkennen of je een bipolaire stoornis hebt, Čeština: Jak poznat, zda trpíte bipolární poruchou, العربية: التحقق من الإصابة بالاضطراب الوجداني ثنائي القطب, ไทย: ตรวจดูว่าคุณเป็นโรคไบโพลาร์หรือไม่, Tiếng Việt: Nhận biết rối loạn lưỡng cực

Questa pagina è stata letta 38 264 volte.
Hai trovato utile questo articolo?