La frattura della nocca è un trauma estremamente doloroso e può complicarti parecchio la vita, se svolgi un lavoro che richiede l'uso delle mani. A volte è difficile distinguere una semplice contusione da una rottura. Sebbene nel secondo caso sia in genere necessario l'intervento di un medico, una contusione o anche una frattura minore possono guarire da sole. Impara a riconoscere una nocca rotta per cercare le cure di cui hai bisogno.

Parte 1 di 3:
Valutare la Situazione

  1. 1
    Presta attenzione a uno scoppiettio. Le persone che hanno subito questo tipo di frattura riferiscono spesso di aver sentito o percepito uno schiocco o uno scoppio nella mano nel momento della lesione. Tale sensazione è trasmessa dall'osso che si spezza o dai frammenti che si staccano; in questo caso, dovresti interrompere l'attività che stai svolgendo e controllare la mano.[1]
    • Lo schiocco non è una costante quando si verifica la frattura della nocca, la sua presenza dipende dalla gravità della lesione.
  2. 2
    Identifica la causa del trauma. Questo infortunio viene anche chiamato "frattura del pugile", perché è più frequente fra le persone che prendono a pugni una superficie dura. Pensa al momento in cui ti sei fatto male: hai colpito un muro o un'altra superficie immobile? Sei stato forse coinvolto in una rissa? Se hai colpito un oggetto duro, è probabile che la nocca si sia rotta.[2]
    • Ci sono altri incidenti che causano questo genere di lesione, ma che non sono altrettanto comuni; ad esempio per una caduta, lavorando con un macchinario oppure svolgendo un'attività che espone la mano a un trauma.
    • Alcuni medici la definiscono ultimamente "frattura dell'attaccabrighe" e non più del "pugile", perché lo sportivo indossa delle protezioni adeguate; è più probabile infatti rompersi la nocca sferrando un pugno a mani nude.
  3. 3
    Valuta il dolore immediato. La frattura è accompagnata da un dolore istantaneo e molto forte; non appena ha luogo, lamenti una fitta lancinante alla mano seguita da un dolore pulsante. In base alla tua personale tolleranza, questa sensazione potrebbe essere debilitante e obbligarti a interrompere quello che stai facendo.[3]
    • Se subisci una frattura minore, il dolore non è molto intenso; tuttavia, dovresti smettere di usare la mano, perché potresti peggiorare la situazione.
  4. 4
    Monitora la temperatura. Nel momento in cui si verifica l'incidente, il sangue inizia a fluire verso l'area facendola diventare calda. Confronta la temperatura della mano interessata con quella illesa; se la prima è parecchio più calda della seconda, potresti esserti rotto una nocca.[4]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Esaminare l'Aspetto della Nocca

  1. 1
    Osserva il gonfiore. In caso di frattura, la zona dovrebbe diventare gonfia nel giro di 10 minuti; solitamente, l'edema è localizzato sul sito della lesione, ma può diffondersi alle aree circostanti. Si tratta di un gonfiore intenso che può arrivare a impedire i movimenti della mano.[5]
    • Quando la nocca inizia a gonfiarsi potresti percepire formicolio o perdita della sensibilità tattile.
    • Prendi un'aspirina, l'ibuprofene o un altro antidolorifico da banco per ridurre il gonfiore e gestire il dolore.
    • Se la mano è troppo gonfia, i medici potrebbero non essere in grado di intervenire. Applica del ghiaccio per ridurre l'edema; avvolgi un impacco con della carta da cucina e appoggialo sulla zona sofferente, in alternativa, utilizza un sacchetto di verdure surgelate. Tieni l'impacco fino a un massimo di 20 minuti alla volta e concedi poi alla pelle di tornare alla temperatura normale prima di ripetere il trattamento.[6]
  2. 2
    Valuta la presenza di un livido. Quando c'è una rottura ossea, l'ematoma compare più in fretta di quanto accada con le contusioni. Il sangue fluisce rapidamente nella zona e inizia a macchiare la pelle nell'arco di pochi minuti. Il livido causa anche un'intensa dolenzia al tatto; probabilmente, fa male anche solo toccare la nocca.
    • In certi casi la frattura non è accompagnata da ematoma, ma si tratta di una rara evenienza.
    • Tieni la mano sollevata per ridurre il livido; fai in modo che resti a un'altezza superiore del cuore, per permettere al sangue di fluire via dalla zona.[7]
  3. 3
    Osserva se la nocca è infossata. Una prova certa di frattura è la deformazione dell'articolazione, che appare più infossata rispetto alle altre. Se sei in grado, chiudi la mano a pugno per confrontare il punto della lesione con le altre parti sane; in genere, le nocche "protrudono": se una non è visibile, è sicuramente fratturata.[8]
    • La lesione potrebbe alterare la posizione o l'inclinazione della nocca facendola apparire rientrante.
  4. 4
    Individua le zone in cui la pelle si è lacerata. Se l'osso spunta dall'epidermide, hai subito una frattura esposta e devi sottoporti a un intervento chirurgico per ricollocarlo. Lava tutta la zona con un sapone antibatterico;[9] qualsiasi ferita circostante la frattura può infettarsi facilmente e complicare la situazione.
    • Potresti provare dolore lavando la nocca, ma è un passaggio molto importante.
    • Assicurati di asciugare accuratamente la ferita, perché l'umidità favorisce la proliferazione batterica; ricorda inoltre di coprirla con una garza pulita per prevenire le infezioni.
    • Togli tutti i frammenti allentati dalla ferita; se un oggetto è penetrato nella nocca, non toccarlo e lascia che se ne occupino i medici del pronto soccorso.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Verificare la Motilità

  1. 1
    Piega il dito. Cerca di muoverlo per osservare se la nocca è lussata o ruota in maniera anomala. In caso di lussazione, non sei in grado di piegare il dito, dato che l'osso si è spostato in maniera tale da impedire il movimento. Se l'osso è ruotato, potresti essere in grado di piegare l'estremità, ma la punta potrebbe dirigersi verso il pollice. Una rotazione anomala indica che l'osso si è ritorto, spostando il dito in direzione innaturale.[10]
    • Se l'articolazione è lussata o ha subito una malrotazione, il medico deve ripristinarne la normale posizione.
    • Questo tipo di infortuni richiede in genere tempi di recupero più lunghi rispetto alla semplice frattura.
  2. 2
    Chiudi il pugno. Se la nocca si è rotta, hai grandi difficoltà a chiudere la mano. Puoi verificare la gravità della situazione cercando di fare il pugno; in caso di rottura dell'osso, la mano potrebbe essere troppo gonfia e grande per poter piegare tutte le articolazioni oppure il dolore potrebbe essere troppo intenso. Potresti riuscire a piegare tutte le dita tranne quello interessato dal trauma; se puoi chiudere un pugno e la nocca è fratturata, il dito corrispondente potrebbe non allinearsi correttamente con le altre.[11]
    • Non esagerare. Se cerchi di ignorare il dolore e di chiudere il pugno nonostante gli evidenti limiti, potresti aggravare il danno o causare una lussazione.
  3. 3
    Afferra qualcosa. La frattura della nocca riduce drasticamente la forza della mano. Il cervello "disattiva" i muscoli che circondano il sito della lesione per evitare altri problemi; se ti rendi conto di non riuscire a mantenere una presa salda sugli oggetti, è probabile che l'encefalo stia cercando di proteggere l'articolazione rotta.[12]
    • Se hai subito una lesione minore, potresti essere in grado di prendere le cose in maniera quasi normale; tuttavia, se temi di avere una frattura, procedi con calma. Stringere la mano con troppa enfasi potrebbe far aggravare la situazione.
  4. 4
    Prova a muovere il polso. La nocca è la parte superiore del metacarpo, l'altra estremità è connessa al carpo, cioè alle ossa del polso.[13] Poiché le due ossa sono collegate, la frattura della nocca può alterare la capacità di movimento del polso. Prova a spostarlo in orizzontale e verticale; se percepisci una fitta alla mano, è probabile che ci sia una grave rottura ossea.
  5. 5
    Cerca un trattamento. Se sospetti questo tipo di frattura, vai dal medico o al pronto soccorso quanto prima per sottoporti alle cure; probabilmente, dovrai indossare una stecca o un tutore per alcune settimane fino alla completa guarigione.[14] Il gesso non serve di solito per le fratture delle dita e delle mani.[15]
    Pubblicità

Consigli

  • Per mantenere la nocca in posizione, dovresti steccarla al dito adiacente.
  • Se temi di avere una frattura a questa articolazione, vai dal medico quanto prima, che ti sottopone a una radiografia per confermare i sospetti.
  • Fascia o benda sempre le ferite aperte, per evitare che i batteri le contaminino.

Pubblicità

Avvertenze

  • Se non vuoi romperti le nocche, evita di prendere a pugni degli oggetti solidi; se pratichi il pugilato o le arti marziali, indossa le protezioni opportune.
  • A volte, è necessario l'intervento chirurgico; in tal caso, la frattura impiega più tempo a guarire.
  • Non sottoporre mai a sforzi la mano che ha subito una frattura di questo tipo, per non trasformare un leggero infortunio in un trauma grave.
  • Se hai una frattura importante che deve essere ingessata, potrebbero essere necessari 4-6 mesi per il completo recupero. Sii pronto a non andare al lavoro, se le tue mansioni richiedono l'uso delle mani.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Stabilire se un Dito è Fratturato

Come

Togliere una Spina

Come

Sapere se ti Sei Rotto un Dito del Piede

Come

Guarire un Labbro Spaccato

Come

Trattare le Costole Incrinate

Come

Trattare i Tagli Profondi

Come

Rimarginare la Lingua Morsicata

Come

Capire se il Polso è Slogato

Come

Trattare una Frattura del Mignolo del Piede

Come

Rimuovere una Scheggia Profonda

Come

Curare una Contusione al Dito del Piede

Come

Prestare il Primo Soccorso

Come

Capire se una Caduta ha Causato una Frattura Ossea senza Fare una Radiografia

Come

Curare Velocemente le Ferite (Usando Metodi Semplici e Naturali)
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Jonas DeMuro, MD
Co-redatto da:
Jonas DeMuro, MD
Specialista in Chirurgia delle Emergenze e dell'Area Critica
Questo articolo è stato co-redatto da Jonas DeMuro, MD. Il Dottor DeMuro lavora come Chirurgo Specializzato in Chirurgia delle Emergenze e dell’Area Critica Iscritto all’Albo degli Specialisti a New York. Si è laureato in Medicina presso la Stony Brook University School of Medicine nel 1996. Questo articolo è stato visualizzato 65 342 volte
Categorie: Incidenti & Ferite
Questa pagina è stata letta 65 342 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità