Scarica PDF Scarica PDF

L'infezione da parvovirus canino (chiamata anche "parvovirosi") è una malattia gastrointestinale altamente contagiosa, che presenta un notevole tasso di mortalità. Il virus si diffonde soprattutto nei cuccioli. I proprietari esperti e gli allevatori di cani spesso si fanno prendere dal panico quando sospettano che uno dei loro esemplari sia malato, poiché sono consapevoli della rapidità con cui questa patologia progredisce e del fatto che possa essere letale. Se il tuo amico peloso ha la parvovirosi, devi rivolgerti tempestivamente a un veterinario per aumentare le sue possibilità di sopravvivenza; sappi comunque che i sintomi di questa infezione possono essere confusi con quelli di altre malattie canine, come l'infezione da coronavirus, enterite batterica emorragica, coccidiosi e infestazione di anchilostomi.

Parte 1 di 2:
Riconoscere i Sintomi

  1. 1
    Tieni in considerazione l'età del cane. Di solito la parvovirosi si manifesta soprattutto nei cuccioli di età compresa tra le 6 e 20 settimane, comunque l'85% di tutte le infezioni colpisce i cani sotto l’anno di età. I cuccioli sono più soggetti a contrarla perché hanno un numero molto elevato di cellule gastrointestinali a mitosi rapida e sono proprio queste cellule il bersaglio primario del parvovirus. Se il tuo cane è anziano, è più difficile che possa contrarre questa infezione (anche se certamente non impossibile).
    • Se la madre del cucciolo non è stata vaccinata contro la parvovirosi, è possibile che il virus si manifesti anche prima, già nelle prime settimane di vita.
  2. 2
    Valuta la razza del tuo amico a quattro zampe. La parvovirosi colpisce più facilmente alcune razze rispetto ad altre, come il Rottweiler, l’American Pit Bull Terrier, il Doberman e il Pastore Tedesco. Se il tuo cane appartiene a uno di questi gruppi, devi essere particolarmente vigile e controllare attentamente la presenza di una sintomatologia riconducibile alla parvovirosi.
  3. 3
    Osserva il comportamento dell’animale. In generale, il primo segnale che può far pensare all’infezione da parvovirus è la letargia. Il cucciolo inizia a essere meno attivo e alla fine si ritira in un angolo dove rimane accovacciato. Questa letargia di solito è seguita da debolezza e inappetenza.
  4. 4
    Misuragli la temperatura. Se il tuo amico fedele ha l’infezione, in genere sviluppa una febbre tra i 40 e 41 °C.
  5. 5
    Verifica se il cane vomita. La parvovirosi danneggia lo stomaco che, come già descritto, contiene cellule che si dividono rapidamente e che vengono attaccate dal virus. In questa maniera le pareti gastriche si irritano e si formano delle ulcere che provocano il vomito.
  6. 6
    Controlla le feci. Se il cane ha la diarrea (feci acquose), produce feci mucose, sanguinolenti o dall’odore particolarmente nauseante, la causa potrebbe proprio essere l’infezione, che provocherà anche una grave disidratazione nell’animale.
  7. 7
    Verifica i segni di anemia. Questa infezione provoca emorragie gastrointestinali che possono portare all’anemia. Per capire se il tuo amico fedele è anemico, premigli le gengive. Quando applichi pressione su queste mucose in un esemplare sano, il loro colore dovrebbe tornare rapidamente normale, in genere dopo due secondi, dopo un iniziale scolorimento; se però ti accorgi che è necessario un tempo maggiore, significa che l’animale potrebbe essere anemico. L'anemia può anche rendere le gengive estremamente pallide.

Parte 2 di 2:
Diagnosticare la Parvovirosi

  1. 1
    Porta immediatamente il cane dal veterinario. Prima riesci a farlo visitare dal medico e maggiori saranno le sue probabilità di sopravvivenza. Purtroppo, molti proprietari di cani non riescono a riconoscere tempestivamente i sintomi o aspettano troppo a lungo prima di recarsi dal veterinario; quando finalmente prendono l’iniziativa, spesso l’animale è già nella fase terminale della malattia, quando la morte per disidratazione è ormai prossima.
  2. 2
    Chiedi al veterinario che l’animale venga sottoposto a un test ELISA dell’antigene. Per diagnosticare correttamente la parvovirosi, è importante che venga eseguito l'esame “Saggio Immuno-Assorbente legato a un Enzima” (ELISA appunto), che permette di analizzare le feci del cane alla ricerca del virus. Alcuni ambulatori veterinari sono attrezzati per eseguire direttamente questo esame.
    • Il test ELISA permette di ottenere risultati rapidi, ma potrebbe non essere del tutto preciso. Tieni presente che, a volte, si verificano dei falsi risultati negativi.
  3. 3
    Sottoponi il tuo amico peloso a ulteriori esami. Il solo test ELISA, a volte, non è in grado di diagnosticare questa infezione. Il veterinario potrebbe anche richiedere altri esami, come il test di inibizione dell’emoagglutinazione, l’esame emocromocitometrico (emocromo) e/o uno striscio fecale diretto. I risultati di questi esami, assieme al test ELISA, riveleranno la presenza del parvovirus nel cane.
  4. 4
    Attieniti alle indicazioni del veterinario per prenderti cura dell'animale. Non esiste una cura per questo virus; tuttavia, il medico può consigliare delle terapie di supporto e delle misure pratiche da mettere in atto per aumentare le probabilità che il tuo amico fedele possa sopravvivere. Tra queste ci possono essere:
    • Ricovero in un ospedale veterinario;
    • Farmaci antiemetici;
    • Idratazione per via endovenosa;
    • Assunzione di probiotici;
    • Terapia vitaminica.

Consigli

  • La vaccinazione è l'unico modo per evitare che il tuo cucciolo possa contrarre la parvovirosi. Il primo vaccino può essere fatto fin dalle 5-6 settimane di vita e deve essere ripetuto ogni due o tre settimane per un totale di almeno tre iniezioni.
  • Questo virus è molto stabile e persistente. È resistente a parecchi disinfettanti e può sopravvivere per lunghi periodi, anche fino a diversi mesi. È importante che gli ambienti frequentati dal cane siano adeguatamente puliti e disinfettati. Cerca dei prodotti che siano etichettati come efficaci nella disinfezione contro il parvovirus oppure, per lavare degli oggetti resistenti alla candeggina, prepara una soluzione con una parte di varechina e trenta di acqua.
  • La parvovirosi è una malattia virale e non può essere curata con gli antibiotici.

Avvertenze

  • Non cercare di trattare l’infezione da solo, in quanto può essere mortale anche quando l’animale riceve le migliori cure veterinarie; un trattamento casalingo è troppo rischioso.

wikiHow Correlati

Riconoscere un Cane che Sta per MorireRiconoscere un Cane che Sta per Morire
Prendersi Cura di un Cane dopo la SterilizzazionePrendersi Cura di un Cane dopo la Sterilizzazione
Insegnare al tuo Cucciolo a Smettere di MordereInsegnare al tuo Cucciolo a Smettere di Mordere
Capire se il Tuo Cane è DepressoCapire se il Tuo Cane è Depresso
Punire il CanePunire il Cane
Riconoscere i Sintomi di Displasia dell'Anca nei CaniRiconoscere i Sintomi di Displasia dell'Anca nei Cani
Insegnare a un Cucciolo a Non MordereInsegnare a un Cucciolo a Non Mordere
Solidificare le Feci del tuo CaneSolidificare le Feci del tuo Cane
Insegnare ai Cuccioli a Fare i Bisogni Fuori CasaInsegnare ai Cuccioli a Fare i Bisogni Fuori Casa
Capire se la tua Cagnolina è IncintaCapire se la tua Cagnolina è Incinta
Riconoscere i Sintomi dell'Avvelenamento nel CaneRiconoscere i Sintomi dell'Avvelenamento nel Cane
Utilizzare l'Aceto di Mele per il tuo CaneUtilizzare l'Aceto di Mele per il tuo Cane
Sapere Se il Tuo Cane sta MaleSapere Se il Tuo Cane sta Male
Salvare un Cane che SoffocaSalvare un Cane che Soffoca

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 24 522 volte
Categorie: Cani
Questa pagina è stata letta 24 522 volte.

Hai trovato utile questo articolo?