I piedi contengono 26 ossa e molte di queste sono soggette a lesioni. Potresti rompere un dito urtando qualche oggetto, il tallone saltando da una determinata altezza e atterrando sui piedi oppure potresti rompere anche qualche altro osso durante una slogatura o torsione del piede. Sebbene i bambini siano soggetti alle fratture delle estremità inferiori con maggiore frequenza rispetto agli adulti, nel loro caso i piedi sono però più flessibili e possono guarire più rapidamente.

Parte 1 di 3:
Riconoscere i Sintomi di una Frattura al Piede

  1. 1
    Presta attenzione se provi troppo dolore quando cammini. Il sintomo principale di un piede rotto è un dolore insopportabile quando provi a caricarvi del peso o quando cammini.[1]
    • Se si è rotto un dito, puoi ancora riuscire a camminare e non dovresti provare troppa sofferenza, ma se la lesione riguarda il piede stesso, il dolore è davvero molto forte quando cammini. Gli stivali nascondono spesso il dolore causato da una frattura, dato che offrono un certo grado di sostegno; il modo migliore per diagnosticare una possibile lesione è quindi toglierli.
  2. 2
    Togli scarpe e calze. In questo modo, puoi capire se il piede è fratturato, dato che puoi confrontarlo con l'altro.[2]
    • Se non riesci a togliere le calzature e le calze, neppure con l'aiuto di un assistente, devi recarti al pronto soccorso più vicino o chiamare il 112; in questo caso, è probabile che il piede sia davvero fratturato e siano necessarie cure immediate. Togli le calzature e le calze prima che il gonfiore possa danneggiare ulteriormente il piede.
  3. 3
    Confronta i piedi tra loro e osserva la presenza di lividi, gonfiore e lesioni. Controlla se il piede e/o le dita sofferenti sono gonfi; puoi confrontare quello dolorante con quello sano e vedere se appare molto arrossato e infiammato o se presenta un livido di colore viola scuro o verde. Potresti anche notare una ferita aperta.[3]
  4. 4
    Verifica se è rotto o solo slogato. Puoi cercare di riconoscere la differenza. La slogatura prevede uno strappo o uno stiramento di un legamento, il tessuto fibroso che collega due ossa tra loro; la frattura è invece una vera e propria rottura parziale o completa di un osso.[4]
    • Osserva se qualche osso protrude dalla pelle, se qualche zona del piede appare deformata o ha assunto una forma insolita. Se c'è qualche osso che spunta o il piede ha una forma innaturale, è probabile che sia rotto.[5]
  5. 5
    Recati al pronto soccorso più vicino. Se il piede lesionato sembra rotto, devi rivolgerti al primo ospedale; se sei solo e non può assisterti nessuno, chiama il 112, dato che con un piede rotto non devi guidare per raggiungerlo.[6] Qualsiasi frattura può provocare uno shock e sarebbe troppo pericolo per te guidare.
    • Se c'è qualcuno che può accompagnarti al pronto soccorso, devi cercare di stabilizzare il piede in modo da tenerlo fermo e al sicuro mentre sei in auto, per non rischiare di muoverlo. Usa un cuscino e fallo scivolare sotto il piede; assicuralo con del nastro adesivo o legalo al piede in maniera da mantenerlo ben dritto. Se possibile, tieni il piede sollevato durante il viaggio; siediti preferibilmente sul sedile posteriore per tenerlo elevato mentre vai all'ospedale.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Sottoporre il Piede a un Trattamento Medico

  1. 1
    Lascia che il medico esamini il piede. Durante la visita premerà probabilmente in diverse zone dell'estremità per capire se ci sono fratture; se provi del dolore durante la procedura, è probabile che il piede sia rotto.[7]
    • In questo caso, potresti provare dolore quando il medico preme alla base del mignolo e a livello del mesopiede; potresti anche non essere in grado di fare più di quattro passi senza manifestare una significativa sofferenza.
  2. 2
    Sottoponiti alla radiografia. Se si sospetta una frattura, il medico ti prescrive questo esame diagnostico.[8]
    • Tuttavia, anche attraverso i raggi X è difficile a volte determinare se il piede è davvero rotto, dato che l'edema potrebbe nascondere le ossa più sottili. Con la radiografia è possibile stabilire quale osso è rotto e come procedere con il trattamento.
  3. 3
    Chiedi al medico le diverse opzioni per curare il piede. Queste dipendono da quale osso si è effettivamente rotto.[9]
    • Se si è rotto il tallone, può essere necessario intervenire chirurgicamente, così come se si è rotto l'astralago, l'osso che collega il piede alla gamba. Tuttavia, se si è fratturato solo il mignolo o qualche altro dito, non è richiesta una procedura in sala operatoria.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Prendersi Cura del Piede a Casa

  1. 1
    Evita possibilmente di mettere peso sul piede. Una volta che l'estremità fratturata è stata trattata dal medico, devi fare in modo di non sottoporla a sforzi. Usa le stampelle per muoverti e assicurati di sostenere il peso del corpo con braccia, mani, spalle e stampelle stesse anziché con il piede.
    • Se si è rotto un dito, puoi fasciare quello lesionato con le dita sane adiacenti per evitare che si muova; evita di trasferire il peso del corpo su di esso e aspetta 6-8 settimane affinché guarisca completamente.
  2. 2
    Solleva il piede sofferente e applica del ghiaccio per ridurre il gonfiore. Mettilo su un cuscino quando sei a letto o su una sedia alta quando sei seduto, in modo che resti a un livello maggiore rispetto al resto del corpo; questo accorgimento aiuta a ridurre l'edema.
    • Il ghiaccio contribuisce a ridurre il gonfiore, soprattutto se hai applicato solamente una fasciatura e non è stata usata un'ingessatura. Tieni l'impacco freddo sul sito per 10 minuti alla volta e riapplicalo per 10-12 ore dall'infortunio.
  3. 3
    Assumi degli antidolorifici come ti vengono indicati dal medico. Questi potrebbe prescriverti dei farmaci o consigliartene altri in libera vendita da prendere per tenere sotto controllo la sofferenza. Assicurati di seguire le indicazioni riportate sulla confezione o quelle del medico per quanto riguarda la posologia.
  4. 4
    Fissa un appuntamento dal dottore per una visita di controllo successiva. La maggior parte delle fratture guarisce in circa 6-8 settimane; dovresti farti visitare nuovamente dal medico una volta che sei in grado di camminare e mettere peso sul piede. Questi può consigliarti di usare delle calzature rigide con la suola piatta per aiutare il piede a guarire correttamente.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Sapere se ti Sei Rotto un Dito del Piede

Come

Togliere una Spina

Come

Trattare una Frattura del Mignolo del Piede

Come

Eliminare un Livido

Come

Stabilire se un Dito è Fratturato

Come

Curare una Contusione al Dito del Piede

Come

Trattare le Costole Incrinate

Come

Fasciare il Mignolo del Piede Fratturato con il Nastro Adesivo Medico

Come

Curare Velocemente le Ferite (Usando Metodi Semplici e Naturali)

Come

Trattare una Abrasione da Asfalto

Come

Rimuovere una Scheggia Profonda

Come

Curare un Ginocchio Sbucciato

Come

Capire se il Polso è Slogato

Come

Capire se una Caduta ha Causato una Frattura Ossea senza Fare una Radiografia
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Neal Blitz, DPM, FACFAS
Co-redatto da
Podologo
Questo articolo è stato co-redatto da Neal Blitz, DPM, FACFAS. Il Dottor Neal Blitz è un podologo e chirurgo specializzato in piedi e caviglie che gestisce studi privati a New York e a Beverly Hills. È stato soprannominato "The Bunion King®", ovvero il "re dell'alluce valgo", e ha creato una procedura chiamata "Bunionplasty®" (chirurgia plastica per alluce valgo) che ha rivoluzionato le operazioni chirurgiche di questo tipo. Ha oltre 17 anni di esperienza nella podologia ed è specializzato in chirurgia mini-invasiva del piede e della caviglia. Si è laureato in Podologia al New York College of Podiatric Medicine, poi ha realizzato una specializzazione incentrata sulla chirurgia elettiva e ricostruttiva del piede e della caviglia allo Swedish Medical Center. Ha ottenuto una borsa di studio incentrata su traumi e tecniche ricostruttive presso il centro AO Trauma di Dresda (Germania). Ha conseguito la certificazione in chirurgia del piede e in chirurgia ricostruttiva della parte posteriore del piede e della caviglia. È iscritto all'American Board of Foot & Ankle Surgery ed è membro dell'American College of Foot & Ankle Surgeons (FACFAS). Questo articolo è stato visualizzato 37 596 volte
Categorie: Incidenti & Ferite
Questa pagina è stata letta 37 596 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità